O slideshow foi denunciado.
Utilizamos seu perfil e dados de atividades no LinkedIn para personalizar e exibir anúncios mais relevantes. Altere suas preferências de anúncios quando desejar.

Rubriche valutative lantichi

115 visualizações

Publicada em

Le rubriche valutative nella didattica per competenze

Publicada em: Educação
  • Seja o primeiro a comentar

  • Seja a primeira pessoa a gostar disto

Rubriche valutative lantichi

  1. 1. LE RUBRICHE VALUTATIVE nella didattica per Competenze FOCUS Microlearning
  2. 2. # INCIPIT Ma è questa la Valutazione per competenze?! PORRE RIMEDIO A DEVASTANTI ESPERIENZE NELLA VALUTAZIONE
  3. 3. Importanza della valutazione PER Sapere quello che gli studenti conoscono Vedere quello che sanno fare e il loro livello di prestazione Osservare il loro processo di sviluppo nelle competenze Capire le loro motivazioni e l’impegno
  4. 4. # COSTRUIRE RUBRICHE VALUTATIVE Per cominciare, rapportiamoci subito con lo schema del prodotto finale di questa presentazione.
  5. 5. # Goal di questa presentazione Sarà un prodotto pratico: COSTRUIRE UNA RUBRICA VALUTATIVA A LIVELLI DA USARE IN CLASSE, IN UNA DIDATTICA EAS E NON SOLO. SVILUPPARE UNA RUBRICA A LIVELLI DALLA VALUTAZIONE AUTENTICA PER COMPETENZE.
  6. 6. COMPETENZE DIMENSIONI CRITERIINDICATORI RUBRICS LE AREE MATRICI PER UNA RUBRICA
  7. 7. LA RUBRICA DA COMPILARE ALLA FINE DELLA PRESENTAZIONE
  8. 8. LA RUBRICA PER LIVELLI DA COMPILARE ALLA FINE DELLA PRESENTAZIONE. serve per assegnare il punteggio
  9. 9. # Il Percorso PROGETTARE MICROATTIVITÀ OBIETTIVI LE COMPETENZESono Evidenze Sono Evidenze ASSEGNARE BADGES (Evidenze) LE RUBRICHE usare per VALIDAZIONE
  10. 10. CICLO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RESO ATTUALE E VISIBILE ATTRAVERSO LE RUBRICHE # Parliamo di … INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO VALUTAZIONE PROGETTO
  11. 11. # RUBRICHE VALUTATIVE panoramica
  12. 12. # Che cos’è una Rubrica valutativa? La rubrica valutativa per competenze è l’ex ante all’assegnazione del voto come feedback formativo per lo studente. È una matrice o tabella di variabili. La rubrica descrive il livello raggiunto da uno studente in una competenza.
  13. 13. # Che cos’è una Rubrica valutativa? Una scala di punteggio utilizzata per valutare le competenze e il grado di prestazione degli studenti in rapporto ad un insieme specifico di criteri. È uno strumento di valutazione = http://jfmueller.faculty.noctrl.edu/toolbox/rubrics.htm
  14. 14. # Cosa può valutare una rubrica? LIVELLI PER PRESTAZIONE SU UN PRODOTTO LIVELLI PER MATURAZIONE, RELAZIONE, COINVOLGIMENTO DELLO STUDENTE QUELLO CHE LO STUDENTE SA FARE
  15. 15. # Perché usare le Rubriche? • Le Rubriche forniscono agli studenti indicazioni trasparenti su quello che ci aspetta da loro. • Le Rubriche indicano agli studenti cosa devono fare (strategie) per produrre. • Le Rubriche sono stimolo all’autovalutazione dello studente. • Le Rubriche indicano allo studente i punti di forza e di debolezza del suo lavoro.
  16. 16. Perché usare le Rubriche? •Una Rubrica crea un linguaggio comune e condivisibile per la valutazione. •Le rubriche riescono a valutare compiti complessi. •Costruiscono dei punti di riferimento.
  17. 17. # Tipologie di Rubriche valutative
  18. 18. # La scelta delle Rubriche analitiche per gli EAS
  19. 19. # La scelta delle Rubriche analitiche per gli EAS Contengono i CRITERI per valutare un prodotto (… un EAS ha come hardcore la produzione da parte dello studente) I CRITERI determinano i livelli di prestazione
  20. 20. # Cosa valuta una rubrica valutativa negli EAS? •SU UN’ATTIVITA’ PER CONTENUTO E PER PROCESSO. •SU UN PRODOTTO GENERATO IN COMPITI AUTENTICI LE COMPETENZE
  21. 21. # COMPITI AUTENTICI PER COMPETENZE 1) Gli studenti, in base ad uno stimolo, costruiscono le loro risposte. 2) Le loro risposte si concretizzano in evidenze: un prodotto o una applicazione ( una relazione, una presentazione, un video, una mappa, uno storytelling, una ricerca ragionata …). 3) Le risposte producono un cambiamento reale nel contesto perché sono gestite e prodotte in una relazione – mirroring e relazione - boomerang (la classe e gli esperti). 4) Le risposte vengono costruite in una mediazione e interazione continua con il gruppo.
  22. 22. # COMPITI AUTENTICI PER COMPETENZE IL DOCENTE PRESENTA UNA RICHIESTA (ASSEGNAZIONE) GLI STUDENTI COSTRUISCONO LE LORO RISPOSTE LE RISPOSTE RIVELANO LE COMPETENZE di : ANALISI SINTESI APPLICAZIONE VALUTAZIONE PRESENTAZIONE RELAZIONE …
  23. 23. # Gli EAS(Episodi di Apprendimento Situati) sono una progettazione per competenze Gli EAS sono microattività, che convergono e trovano unità riferendosi alle competenze. Ciascun EAS segue un’identica matrice di processo.
  24. 24. # Momenti di un EAS per lo sviluppo e la verifica delle competenze Momenti EAS Design Azioni didattiche Apprendimento Preparatorio Trasposizione e mediazione Fare esperienza, concettualizzare, analizzare Per acquisizione, per ricerca Operatorio Regolazione Analizzare, applicare Attraverso la pratica, per collaborazione Ristrutturativo Documentazione Discutere, pubblicare Attraverso discussione, per collaborazione
  25. 25. AZIONI DELLA DIDATTICA PER COMPETENZE NEL CICLO MACRO DEL PROGETTO DIDATTICO
  26. 26. DALLE AZIONI DELLA DIDATTICA PER COMPETENZE NEL CICLO MACRO DEL PROGETTO ALL’ APPRENDIMENTO ALLA VALUTAZIONE COME FEEDBACK E VALIDAZIONE DELLE EVIDENZE NELLE COMPETENZE
  27. 27. # Le rubriche valutative e EAS SONO COMMENTI VALUTAZIONI CONSIGLI
  28. 28. # Le rubriche valutative CENTRATE SULLA VALUTAZIONE PER DARE FEEDBACK IMPARARE APPLICARE CONOSCENZE PERFEZIONARE ESSERE GUIDA SUPERARE GAPS ATTIVARE SCHEMI MENTALI
  29. 29. # Le rubriche valutative CON IL FEEDBACK FORMATIVO •Forniscono informazioni sugli elementi positivi e su quelli che possono essere perfezionati in una prestazione Mettono in luce i NUCLEI FONDANTI di un Apprendimento
  30. 30. # Le rubriche valutative sono in relazione alla Valutazione Autentica in una Didattica per Competenze “quando siamo in grado di esaminare direttamente le prestazioni dello studente nell’atto di svolgere significativi compiti intellettuali” (Wiggings, 1990) Valutazione autentica si rivolge alle prestazioni degli studenti nello svolgimento di compiti reali che potranno incontrare nel loro futuro. VALUTAZIONE AUTENTICA
  31. 31. # Valutazione autentica differente dalla tradizionale VALUTAZIONE AUTENTICA VALUTAZIONE TRADIZIONALE Valuta quello che l’alunno sa fare (applicazioni delle conoscenze). Valuta quello che l'alunno conosce e sa. Pensa che l’apprendimento sia la capacità di generalizzare, di trasferire e di utilizzare la conoscenza acquisita in contesti reali. Richiede agli studenti compiti complessi (eseguire un task) per usare, con innovazione ,abilità e conoscenze. Si basa sulla riproduzione, non guarda al processo di apprendimento dello studente, che deve selezionare una risposta “giusta”. Non guarda a come si costruisce e si sviluppa la conoscenza. Si basa sulla padronanza e l’elaborazione critica. Si basa sul ricordo e il riconoscimento. Invita gli studenti a dare le proprie risposte. Preordina le risposte (prove oggettive, compiti strutturati, esercizi …). Guarda alla qualità dei prodotti e delle prestazioni. Guarda alla coerenza delle risposte con i risultati definiti ed attesi. Dà un feedback che permette l’autovalutazione e il miglioramento. Dà un feedback che è una sanzione o liberatoria.
  32. 32. #Quadro Competenze – i Riferimenti per le Rubriche valutative Raccomandazione del Consiglio Europeo 22 maggio 2018 https://tinyurl.com/y6cr39l3 a.1) 8 COMPETENZE CHIAVE EUROPEE a.2) 8 COMPETENZE DI CITTADINANZA La Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio dell’Unione Europea del 23 aprile 2008 http://eur- lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:C:2008:111:0001:0007:it:PDF Quadro europeo delle qualificazioni (EQF) http://hubmiur.pubblica.istruzione.it/web/istruzione/dettaglio-news/- /dettaglioNews/viewDettaglio/24914/11210 c) EUROPEAN QUALIFICATION FRAMEWORK (EQF) b) 4 ASSI CULTURALI MIUR DM 139 22.08.207 http://archivio.pubblica.istruzione.it/normativa/2007/allegati/all1_dm139new.pdf http://archivio.pubblica.istruzione.it/normativa/2007/dm139_07.shtml http://attiministeriali.miur.it/anno-2011/aprile/dm-04042011.aspx d) INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL’INFANZIA E DEL PRIMO CICLO D’ISTRUZIONE http://www.indicazioninazionali.it/J/
  33. 33. a.1) Otto Competenze Chiave Europee negli aggiornamenti
  34. 34. a.1) Tra le Otto Competenze Chiave Le trasversali la competenza digitale; imparare ad imparare; le competenze sociali e civiche; senso di iniziativa e di imprenditorialità; consapevolezza ed espressione culturali. Tra le 8 competenze chiave hanno valore trasversale:
  35. 35. a.2) Competenze di cittadinanza 1. Imparare ad imparare: acquisire un proprio metodo di studio e di lavoro. 2. Progettare: essere capace di utilizzare le conoscenze apprese per darsi obiettivi significativi e realistici. 3. Comunicare: comprendere messaggi di genere e complessità diversi. 4. Collaborare e partecipare: interagire con gli altri comprendendone i diversi punti di vista. 5. Agire in modo autonomo e responsabile: riconoscere il valore delle regole e delle responsabilità personali. 6. Risolvere problemi: affrontare situazioni problematiche e saper contribuire a risolverle. 7. Individuare collegamenti e relazioni: possedere strumenti per affrontare la complessità del vivere nella società globale del nostro tempo. 8. Acquisire ed interpretare l’informazione: acquisire ed interpretare criticamente l'informazione ricevuta valutandone l’attendibilità e l’utilità, distinguendo fatti e opinioni. 8 competenze chiave di cittadinanza da acquisire al termine dell’istruzione obbligatoria (D.M. 22/08/07 – All. 2) http://archivio.pubblica.is truzione.it/normativa/200 7/allegati/all2_dm139ne w.pdf-
  36. 36. SCUOLA PRIMO CICLO SECONDARIA DI SECONDO GRADO+TECNICI E PROFESSIONALI LICEI AREA ASSE AREA LINGUISTICO ARTISTICO ESPRESSIVA LINGUAGGI LINGUISTICA COMUNICATIVA STORICO GEOGRAFICA STORICO SOCIALE STORICO UMANISTICA MATEMATICO SCIENTIFICO TECNOLOGICA MATEMATICO SCIENTIFICO MATEMATICA E TECNOLOGICA SCIENTIFICO TECNOLOGICO LOGICO ARGOMENTATIVA METODOLOGICA COMPETENZE – ASSI CULTURALI ED AREE b) 4 ASSI CULTURALI
  37. 37. Asse dei linguaggi •Padronanza della lingua italiana •Utilizzare una lingua straniera per i principali scopi comunicativi e operativi •Utilizzare gli strumenti fondamentali per una fruizione consapevole del patrimonio artistico e letterario •Utilizzare e produrre testi multimediali Asse matematico •Utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico, rappresentandole anche sotto forma grafica •Confrontare ed analizzare figure geometriche, individuando invarianti e relazioni •Individuare le strategie appropriate per la soluzione di problemi •Analizzare dati e interpretarli Asse scientifico-tecnologico • Osservare, descrivere ed analizzare fenomeni, appartenenti alla realtà naturale e artificiale e riconoscere nelle sue varie forme i concetti di sistema e di complessità •Analizzare qualitativamente e quantitativamente fenomeni legati alle trasformazioni di energia a partire dall’esperienza •Essere consapevole delle potenzialità delle tecnologie rispetto al contesto culturale e sociale in cui vengono applicate Asse storico-sociale •Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica attraverso il confronto fra aree geografiche e culturali. •Collocare l’esperienza personale in un sistema di regole fondato sul reciproco riconoscimento dei diritti della Costituzione, della persona, della collettività, dell’ambiente •Riconoscere le caratteristiche essenziali del sistema socio economico per orientarsi nel tessuto produttivo del proprio territorio
  38. 38. Individua otto livelli formativi che descrivono le conoscenze, le abilità, e le competenze, indipendentemente dal sistema in cui verranno acquisite. http://formazione.lnf.infn.it/public/docs/Alta%20Fromazione/Tirocini%20Regionali/I_Livelli_Formativi.pdf http://www.flcgil.it/attualita/quadro-europeo-delle-qualificazioni-eqf-accordo-in-conferenza-stato-regioni.flc A partire dal 14 febbraio 2008 per ogni qualifica rilasciata in Europa può essere identificato il corrispondente livello di EQF e questo permette di confrontare qualifiche acquisite in differenti paesi c) EQF (European Qualifications Framework) – 8 LIVELLI - Quadro Europeo delle qualificazioni per l’apprendimento permanente
  39. 39. EQF – Conoscenze, Abilità, Competenze - http://www.statoregioni.it/Documenti/DOC_038876_252%20csr%20-%201%20bis.pdf DL 24 Agosto 1997 n. 281 Atti 20 dic 2012
  40. 40. d) Indicazioni nazionali per il curricolo la scuola dell’infanzia e del primo ciclo d’istruzione Il testo ufficiale delle Indicazioni (D.M. 254 del 16 novembre 2012 in G.U. n. 30 del 5 febbraio 2013) http://www.indicazioninazionali.it/documenti_Indicazioni_nazionali/DM_254_201_GU.pdf Sito di Riferimento http://www.indicazioninazionali.it/J/ Con le Indicazioni nazionali vengono fissati, al termine della scuola dell’infanzia, della primaria e della secondaria di primo grado, gli obiettivi generali, gli obiettivi di apprendimento e i relativi traguardi per lo sviluppo delle competenze dei bambini e ragazzi per ciascuna disciplina o campo di esperienza. Il testo adotta l’orizzonte delle 8 competenze Europee. ITRAGUARDI rappresentano i CRITERI obbligatori per la valutazione delle competenze e la loro certificazione
  41. 41. A QUESTO QUADRO DELLE COMPETENZE DEVONO ESSERE AGGIUNTE INDICAZIONI NAZIONALI PER LA SECONDARIA DI SECONDO GRADO https://goo.gl/4AKbUf • NUOVI LICEI • NUOVI TECNICI • NUOVI PROFESSIONALI
  42. 42. # COSTRUZIONE DI UNA RUBRICA VALUTATIVA Attività
  43. 43. # Componenti di una Rubrica per competenze Una Rubrica è costituita da: INDIVIDUAZIONE DELLA COMPETENZA da prendere in considerazione. DIMENSIONI ( spiegazione della competenza e del suo contenuto – quello che considero). CRITERI ( cosa deve saper fare lo studente per soddisfare quella dimensione). INDICATORI (cosa prevedo debba fare in particolare e in pratica). LIVELLI (Decido il numero delle gradazioni di qualità da considerare)
  44. 44. # Costruire una rubrica di variabili COMPETENZE (riferimento alle 8 Competenze Chiave Europee, 8 Competenze di Cittadinanza, alle Indicazioni Nazionali per il Curricolo e ai 4 Assi Culturali) DIMENSIONI (Task – Contenuto della competenza) CRITERI (Sono i traguardi formativi, che indicano quello che lo studente deve saper fare) INDICATORI (sono le evidenze che osservo nello studente, i descrittori) LIVELLI (Sono le gradazioni di qualità rispetto alle dimensioni) (Decidere quanti livelli utilizzare) (Dare una descrizione dei livelli e attribuire un valore o voto) EAS (la microattività didattica da svolgere) Obiettivo di apprendimento: ______________________________________ (quello che lo studente saprà fare alla fine dell’attività)
  45. 45. # Scegliere la competenza Posso riferirmi alle Competenze Europee, a quelle degli Assi Disciplinari o alle specifiche disciplinari, che sono state concordate nei Dipartimenti d’Istituto (soprattutto per le discipline che non sono direttamente richiamate dagli Assi disciplinari). Esempio: Scelgo dall’Asse dei Linguaggi “LEGGERE, COMPRENDERE ED INTERPRETARE TESTI SCRITTI DI VARIO TIPO”
  46. 46. # Dimensioni di una competenza Le Dimensioni si riferiscono a compiti specifici o ampi che lo studente affrontare al fine di raggiungere una data competenza e di dimostrare di possederla. Sono i contenuti della competenza. Sono gli aspetti , che articolano una competenza e che prendo in considerazione quando progetto un’attività.
  47. 47. # Dimensioni di una competenza Esempio dall’Asse dei Linguaggi per la competenza scelta “LEGGERE, COMPRENDERE ED INTERPRETARE TESTI SCRITTI DI VARIO TIPO”, la declino nelle Dimensioni: •Padroneggiare le strutture della lingua presenti nei testi. •Applicare strategie diverse di lettura. •Individuare natura, funzione e principali scopi comunicativi ed espressivi di un testo. •Cogliere i caratteri specifici di un testo letterario.
  48. 48. # Dimensioni di una competenza SONO IL CUORE SU CUI LAVORA LA DIDATTICA PER MOBILITARE UNA COMPETENZA BISOGNA CHE IL SOGGETTO SI RAPPORTI CON LE RISORSE (INTERNE ED ESTERNE) COMPITI
  49. 49. # Dimensioni di una competenza La Progettazione didattica lavora sulle dimensioni di una competenza. Chiede allo studente di: ANALIZZARE APPLICARE SINTETIZZARE PORRE RAPPORTI OUTPUT RISOLVERE PROBLEMI E CREARE UN PRODOTTO DI CONOSCENZA
  50. 50. # Criteri I Criteriindicano quello che lo studente deve dimostrare di saper fare per possedere quella competenza. Esempio Per la dimensione “Cogliere i caratteri specifici di un testo Letterario” i criterisaranno: • Riconosce i principali generi letterari, con particolare riferimento alla tradizione italiana. • Riconosce il contesto storico di riferimento di alcuni autori e opere.
  51. 51. # Indicatori Sono le evidenze, descrivono quello che lo studente dimostra di saper fare per attestare il possesso della competenza. Gli indicatori sgranano i criteri (questi ultimi li riassumono). Mi permettono l’attribuzione del voto secondo livelli.
  52. 52. # Indicatori Esempio dall’Asse dei Linguaggi per la COMPETENZA scelta “LEGGERE, COMPRENDERE ED INTERPRETARE TESTI SCRITTI DI VARIO TIPO”, declino * DIMENSIONE: “Padroneggiare le strutture della lingua presenti nei testi”. * CRITERIO: “Comprende le strutture essenziali dei testi narrativi, espositivi, argomentativi.” * INDICATORI:
  53. 53. # LIVELLI Sono gradazione di qualità intensiva. Mi permettono di attribuire un voto Il numero dei livelli può variare. Saremo noi docenti a decidere. La nomenclatura può variare. Si possono usare: 3 LIVELLI (Es. Parziale, Essenziale, Eccellente); 4 Livelli (Es. Parziale, Essenziale, Medio, Eccellente); 5 livelli (Es. Parziale, Essenziale, Medio, Molto Buono, Eccellente)
  54. 54. # LIVELLI Una volta scelti i livelli si assegna ad essi un valore, un punteggio per ogni gradazione di qualità.
  55. 55. # Livelli La maggior parte degli esempi di Rubriche internazionali assegna gradi o i punti per livello e consiglia di partire dal livello più alto, anche se forse è più comodo partire dal più basso. Il punteggio totale della valutazione viene calcolato moltiplicando il valore massimo che si vuol assegnare per il numero totale delle dimensioni. Esempio: ho 4 livelli e il valore più alto è 10; le dimensioni sono 5 il punteggio totale assegnabile sarà 50 punti.
  56. 56. # ESEMPIO DI RUBRICA VALUTATIVA Per prelevare l’esempio: http://www.slideshare.net/lantichi/lantichi-schema- rubricavalutativa2
  57. 57. SCARICA l’ESEMPIO http://www.slideshare.net/lantichi/lantichi-schema-rubricavalutativa2
  58. 58. # USARE LE RUBRICHE Considerazioni
  59. 59. # Alcune idee su come usare le rubriche Mostrare la Rubrica con l'assegnazione agli studenti, così saranno al corrente di quello che ci si aspetta da loro e di come saranno valutati. Restituire agli studenti la scheda con la valutazione dopo l’attività. Far usare una Rubrica agli studenti nel Peer Review. Riutilizzare una Rubrica esistente per una nuova attività, ma valutare se si può fare. Revisionare se la Rubrica funziona o se è necessario correggerla. Condividere le buone Rubriche.
  60. 60. # Alcune idee su come dovrebbero essere le buone Rubriche DOVREBBERO ESSERE SEMPLICI DA INTERPRETARE DOVREBBERO PROPORRE DIFFERENZE QUALITATIVE nei Livelli di Performance DOVREBBERO DESCRIVERE LE QUALITÀ DI PERFORMANCE da migliorare
  61. 61. # COINVOLGERE GLI STUDENTI Costruzione condivisa delle Rubriche
  62. 62. # E se gli alunni fossero coinvolti nella creazione di una rubrica? Potrebbero collaborare come intera classe o in gruppi alla creazione dei CRITERI di una Rubrica. Il docente potrebbe fornire degli esempi-guida
  63. 63. # E se gli alunni fossero coinvolti nella creazione di una rubrica? RISULTATO MAGGIORE COINVOLGIMENTO DEGLI STUDENTI NEL PROCESSO DI VALUTAZIONE MAGGIORE APPRENDIMENTO NELL’ATTIVITÀ DIDATTICA SVILUPPO DELLA COLLABORAZIONE E DELLA CONDIVISIONE DELLE IDEE
  64. 64. # RUBISTAR UN ESEMPIO DI SOFTWARE FREE ON-LINE PER COSTRUIRE RUBRICHE DI LIVELLO
  65. 65. # PEER REVIEW Valutazione tra pari
  66. 66. # Peer Review SONO GLI STUDENTI CHIAMATI A VALUTARE I PRODOTTI DEI LORO PARI NUOVO APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE Nato dapprima in ambito accademico e nei MOOCS, si sta estendendo come metodologia nella secondaria. PER VEDERE COSA POSSA ESSERE PERFEZIONATO
  67. 67. # Peer Review nello sviluppo di un EAS PRIMA DELLA PUBBLICAZIONE DEL PRODOTTO FINALE CHIARIRE I PUNTI OSCURI E METARIFLETTERE SUGGERIRE NUOVE IDEE E ATTIVITÀ EDUCARE AD EVIDENZIARE CONCETTI E ASPETTI FONDANTI PER UN APPRENDIMENTO SVILUPPARE COMUNICAZIONE INTERPERSONALE E NEGOZIAZIONI SOCIALI
  68. 68. # Peer Review … come procedere ASSEGNARE AGLI STUDENTI (INDIVIDUALMENTE O MEGLIO IN PICCOLI GRUPPI) UN COMPITO PER LA REVISIONE DEI PRODOTTI DEI COMPAGNI
  69. 69. # Peer Review … come procedere PREDISPORRE RUBRICHE PER GLI STUDENTI COME LINEE GUIDA da compilare OBIETTIVI 1 2 3 IDENTIFICARE I PUNTI DI FORZA E DI DEBOLEZZA DI UN PRODOTTO. DARE SUGGERIMENTI. PORRE DOMANDE PER FAR NASCERE QUALCHE DUBBIO E IPOTESI PER IL MIGLIORAMENTO.
  70. 70. Le rubriche guida o Checklist di Criteri per Peer Review SONO CHECKLISTS per gli studenti Limitare il numero dei criteri o voci di checklist a 5 o 6
  71. 71. # Rubrica Guida per Peer Review come Checklist di Criteri RUBRICA PEER REVIEW - CHECKLIST 1 Evidenziare ed elencare gli aspetti positivi del lavoro dei compagni, riassumendo il loro prodotto. 2 Richiamare l’obiettivo dell’attività. 2 Dare suggerimenti e commenti specifici. 3 Portare esempi di come si possano apportare miglioramenti. 4 Riformulare gli obiettivi di competenza da raggiungere. Portare riferimenti specifici. 5 Complimentarsi con i compagni e dire che eventuali riaggiornamenti renderanno ottimo il loro prodotto. È importante utilizzare un linguaggio per la Peer Review, che non offenda, ma che sia di stimolo. Formulare le proprie critiche attraverso domande.
  72. 72. # Rubrica Guida per Peer Review come Checklist sviluppa Competenze COMPETENZE Di PROBLEM SOLVING Di PENSIERO CRITICO COLLABORATIVE Di PENSIERO INDIPENDENTE Di CREATIVITÀ
  73. 73. # Avvertenza per Peer Review LA VALUTAZIONE TRA PARI PUÒ ESSERE UN OTTIMO STRUMENTO PER IL SUCCESSO FORMATIVO SE HA SCOPI PEDAGOGICI IN CHIARO ESEMPIO: •COINVOLGERE MAGGIORMENTE GLI STUDENTI NELL’ APPRENDIMENTO; •FAVORIRE L’INCLUSIONE; •SVILUPPARE IL PENSIERO RIFLESSIVO ; •PRODURRE AUTOVALUTAZIONE …
  74. 74. # 3 RUBRICHE VALUTATIVE PER MOBILE Applicazioni Mobile
  75. 75. # Rubrics - Grading App for Teachers iPad https://itunes.ap ple.com/us/app/ rubrics-grading- app-for- teachers/id6606 36785?mt=8 Rubrics - Grading App for Teachers$2.99 Aiuta a tenere traccia delle prestazioni degli studenti e consente di produrre facilmente relazioni per gli studenti e le classi. È facile scorrere tutti gli studenti e identificare dove esistono difficoltà di apprendimento.
  76. 76. # My Rubrics iPad https://itunes.apple.c om/us/app/my- rubrics/id682332482 ?mt=8 My Rubrics $2.99 Valutare i progressi degli studenti. Ciascuna rubrica permette di personalizzare le intestazioni in modo che è possibile creare un numero illimitato di rubriche per ogni valutazione. Si possono aggiungere foto degli studenti scattandole direttamente da iPad! È possibile copiare una Rubrica esistente e modificarla.
  77. 77. # Easy Assessment - Rubric Creation & Assessment Tool for Teachers iPad https://itunes.apple.c om/it/app/easy- assessment-rubric- creation/id48927981 7?mt=8 Easy Assessment - Rubric Creation & Assessment Tool for Teachers$0.89 Una maniera semplice di catturare e valutare performance in qualsiasi contesto o situazione, aggiungere note, video/immagini, commenti, inviare i risultati https://play.google.com/st ore/apps/details?id=com.t hepegeekapps.easyassess ment&hl=it Android $0.79 Easy Assessment - Rubric Tool
  78. 78. Sitografia e Risorse http://www.livebinders.com/ play/play?id=1414392 LIVEBINDERS
  79. 79. Riferimenti COMPETENZE CHIAVE EUROPEE http://www.competenzechiave.eu/competenze.html http://www.indire.it/db/docsrv/PDF/raccomandazione_europea.pdf http://europa.eu/legislation_summaries/education_training_youth/lifelong_l earning/c11090_it.htm http://eur- lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:L:2006:394:0010:0018:it:PDF http://www.isfol.it/sistema-documentale/banche- dati/normative/archivio/19991/RaccomandazioneEQF_GUE6.5.2008.pdf http://hubmiur.pubblica.istruzione.it/web/istruzione/dettaglio-news/- /dettaglioNews/viewDettaglio/24914/11210 http://www.competenzechiave.eu/documenti.html
  80. 80. Riferimenti ASSI CULTURALI http://archivio.pubblica.istruzione.it/normativa/2007/dm139_07.shtml http://archivio.pubblica.istruzione.it/normativa/2007/allegati/all1_dm139new. pdf INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICULUM http://www.indicazioninazionali.it/J/
  81. 81. Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate CC BY-NC-ND http://creativecommons.org/licenses/by- nc-nd/2.5/it/

×