Le parole di ilaria   glossario di scienze
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Le parole di ilaria glossario di scienze

on

  • 12,207 visualizações

 

Estatísticas

Visualizações

Visualizações totais
12,207
Visualizações no SlideShare
3,219
Visualizações incorporadas
8,988

Actions

Curtidas
1
Downloads
17
Comentários
1

19 Incorporações 8,988

http://farescienzealliceo.blogspot.it 7844
http://farescienzealliceo.blogspot.com 905
http://illiceosiapre.blogspot.com 133
http://farescienzealliceo.blogspot.ch 25
http://farescienzealliceo.blogspot.ru 24
http://farescienzealliceo.blogspot.de 14
http://farescienzealliceo.blogspot.com.es 7
http://farescienzealliceo.blogspot.ro 6
http://farescienzealliceo.blogspot.se 6
http://farescienzealliceo.blogspot.fr 6
http://farescienzealliceo.blogspot.com.ar 5
http://farescienzealliceo.blogspot.com.br 4
http://www.farescienzealliceo.blogspot.it 2
http://webcache.googleusercontent.com 2
http://farescienzealliceo.blogspot.co.uk 1
http://www.illiceosiapre.blogspot.com 1
http://farescienzealliceo.blogspot.mx 1
http://translate.googleusercontent.com 1
http://farescienzealliceo.blogspot.nl 1
Mais...

Categorias

Carregar detalhes

Uploaded via as Microsoft Word

Direitos de uso

© Todos os direitos reservados

Report content

Sinalizado como impróprio Sinalizar como impróprio
Sinalizar como impróprio

Selecione a razão para sinalizar essa apresentação como imprópria.

Cancelar
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Sua mensagem vai aqui
    Processing...
  • Thanks for Le parole di ilaria glossario di scienze
    Are you sure you want to
    Sua mensagem vai aqui
    Processing...
Publicar comentário
Editar seu comentário

Le parole di ilaria   glossario di scienze Le parole di ilaria glossario di scienze Document Transcript

  • “GLOSSARIO di SCIENZE”Accoppiamento non casuale: Avviene quando le frequenze genotipiche subiscono cambiamentinel caso in cui gli individui di una popolazione scelgano di accoppiarsi con partner dotati digenotipi particolari. Un esempio è la primula, dove le singole piante producono un solo tipo difiore tra i due possibili: a spillo (con stilo lungo e stami corti) o a tamburello (con stami lunghi estilo corto). Il polline proveniente da un altro tipo di fiore può fecondare solo fiori dell’altrotipo.Accrescimento primario: Crescita della pianta in altezza.Accrescimento secondario: Crescita della pianta in larghezza.Acido abscissico(ABA): Ormoni che stimolano la chiusura degli stomi, inibiscono la crescita efavoriscono lo stato di quiescenza.Acido alginico: Sostanza zuccherina gommosa che permette di incollare l’alga alla roccia.Acidofili: Archei che amano gli ambienti umidi.Acondroplasia: Malattia per la quale gli affetti presentano una figura piuttosto tozza con gliarti, braccia e gambe, cresciuti notevolmente meno rispetto al resto del corpo.Adattamenti dei primati: Presenti anche nell’uomo, sono riconducibili alla vita arboricola.L’uomo acquista mani prensili, una visione stereoscopica, una posizione eretta (bipede) e unaumento della massa cerebrale.Adattamento: Dal latino “adaptare”, rendere atto a qualcosa, sta ad indicare il risultato e nonun processo. Si verifica quando gli individui che si differiscono per caratteristiche ereditariesopravvivono e si riproducono con grado diverso di successo. L’adattamento è quindi unacaratteristica di una specie che ne migliora le capacità di sopravvivenza in un preciso ambiente:può riguardare una caratteristica morfologica, fisiologica, etologica, ecc…Agar: Sostanza mucillaginosa utilizzata in laboratorio simile ad un gel solido.Agrobacterium tumefaciens: Agente patogeno proteobatterio che provoca dei particolaritumori.Albinismo: Malattia recessiva dovuta ad una mutazione che determina l’incapacità di produrreil pigmento scuro (la melanina). Gli individui hanno dunque la pelle ed i capelli molto chiari egli occhi rosa, perché mostrano l’elevato numero di capillari sanguigni solitamente nascosti dalcolore dell’iride.
  • Alburno: Parte del tronco dove si accumula lo xilema funzionante.Alghe: Protisti fotosintetici pluricellulari, suddivisi in gruppi ben individuati.Alghe brune: Organismi fotosintetici pluricellulari, possono avere strutture filamentoseramificate oppure laminari simili a foglie. Sono tipicamente ancorate alla rocce costieretramite l’acido alginico. Alcune hanno strutture simili a fusti e sono dette fronde, altre speciesviluppano delle vescicole di galleggiamento piene di gas.Alghe rosse: Alghe il cui colore è dovuto ad un pigmento foto sintetico detto ficoeritrina,contengono anche carotenoidi e clorofilla. Hanno la capacità di cambiare la quantità dipigmenti in base alla luminosità dell’ambiente ed in base alla profondità. Alcune specie diqueste alghe favoriscono la formazione delle barriere coralline, producono numerose sostanzemucillaginose tra cui l’agar.Alghe verdi: Alghe il cui colore caratteristico deriva dalla grande quantità di clorofilla che essecontengono. Accumulano l’amido nei cloroplasti come prodotto di riserva. Fanno parte diquesto gruppo le clorofite che presentano una grande varietà di forme e le carofite da cui siritiene che abbiano avuto origine tutte le piante terrestri.Allele: Ciascuna delle possibili forme alternative di un gene.Alofili estremi: Archei che amano gli ambienti molto ricchi di sale.Amniocentesi: Tipo di indagine prenatale. Viene effettuata tramite un ago che attraversa laparete addominale, quella dell’utero e quella del sacco amniotico, per prelevarne un po’ diliquido. Viene solitamente eseguita intorno alla 15a e la 18a settimana. Questa indaginecomporta un rischio di circa l’1% per la gravidanza.Amoeba proteus: Eterotrofo unicellulare caratterizzato da pseudopodi lobati. Sono circondatida una membrana plasmatica e si nutrono di piccoli organismi inglobati dagli pseudopodi.Alcune specie provocano dissenteria.Anaerobi aerotolleranti: Organismi che non attuano la respirazione cellulare ma non sonodanneggiati dalla presenza dell’ossigeno.Anaerobi facoltativi: Organismi che, in base alle condizioni ambientali, sono in grado dicambiare il loro metabolismo energetico.Anaerobi obbligati: Organismi che non tollerano la presenza di ossigeno; esso rappresenta perloro un vero e proprio veleno.Analoghe: Strutture che si somigliano perché svolgono la stessa funzione anche se hannoorigine diversa. Un esempio sono le ali di un uccello e quelle di una farfalla la cui funzione èquella di volare.
  • Anatomia comparata: Scienza che studia la comparazione tra le strutture di specie diverse.Anemia falciforme: Malattia recessiva in cui i globuli rossi presentano una forma a falce cheostacola la circolazione nei vasi sanguigni. Questa malattia è dovuta ad una mutazione nelgene per una subunità dell’emoglobina. È maggiore nelle zone dove è più diffusa la malaria.Anemia mediterranea (o morbo di Cooley): Malattia recessiva nella quale si ha una sintesiinsufficiente della subunità beta dell’emoglobina. È una forma di talassemia più sviluppata inSardegna e nel delta del Po.Animali: Pluricellulari, eterotrofi che si nutrono ingerendo e digerendo il cibo.Androceo: Apparato riproduttore maschile è formato da un numero variabile di stami. Ognistame presenta un filamento e un’antera (parte fertile dello stame).Antimicotici: Farmaci utilizzati per curare le infezioni fungine.Archei: Batteri che riescono a sopravvivere in ambienti estremi. Si differiscono dai comunibatteri perché la loro parete è priva di peptidoglicano e la loro membrana presenta unacomposizione chimica diversa.Ascomiceti: Microrganismi che si trovano in ambienti marini d’acqua dolce e terrestre. Le loroife sono segmentate e definite dicarion perché formate da due nuclei. Dopo la meiosi i prodottivengono incorporati in ascospore. Hanno dimensioni microscopiche e le forme più note sono ilieviti, ma comprendono anche muffe e funghi a coppa. Si riproducono sessualmente per mezzodi conidi che si formano all’apice di ife specializzate.Attinobatteri: Gram-positivi che si riproducono per scissione binaria.Autotrofi: Organismi che sono in grado di produrre da sé le proprie biomolecole.Auxine: Ormoni vegetali più studiati: promuovono l’allungamento delle cellule, sonocoinvolte nella dominanza apicale e prevengono la caduta di foglie e frutti.Banda del Caspary: Sostanza idrorepellente e cerosa che lega le cellule dell’endoderma.Barriere riproduttive postzigotiche: Meccanismi che possono ridurre la sopravvivenza e ilpotenziale riproduttivo degli ibridi per le differenze genetiche accumulate durantel’isolamento. Possono manifestarsi in vari modi: • Riduzione della vitalità dello zigote: gli zigoti ibridi spesso non riescono a raggiungere lo stato adulto e muoiono durante lo sviluppo; • Riduzione della vitalità dell’adulto: gli ibridi possono sopravvivere meno a lungo della prole derivante dall’accoppiamento tra individui della stessa popolazione;
  • • Sterilità dello zigote: gli ibridi possono raggiungere lo stato adulto ma risultano sterili. Un esempio è costituito dai muli derivanti dall’accoppiamento fra asini e cavalle.Barriere riproduttive prezigotiche: Meccanismi che impediscono l’incrocio tra individui dispecie o popolazioni differenti agendo prima della fecondazione. Possono essere di variotipo: • Isolamento ambientale: gli individui, pur vivendo nella stessa area, possono scegliere habitat differenti dove vivere ed accoppiarsi; • Isolamento temporale: gli individui presentano periodi riproduttivi diversi; • Isolamento meccanico: gli individui presentano differenze di dimensioni o forma degli organi riproduttivi; • Isolamento gametico: gli spermatozoi di una specie non aderiscono alle cellule uovo dell’altra; • Isolamento comportamentale: gli individui non si riconoscono e non si accettano come partner (rituali di corteggiamento elaborati).Basidiomiceti: Costituiscono i noti funghi con cappello. Producono strutture fruttifereconosciute come basidiocarpi. Alcuni sono molto dannosi. Le ife dei basidiomiceti possiedonodei pori; il basidio corrisponde alla struttura sessuale del basidiomiceto dove ha luogo la fusionenucleare e la meiosi. Il nucleo diploide subisce la meiosi e dà origine a quattro nuclei aploidi. Ilmicelio dicariotico così si accresce, favorito dalla pioggia o da altri fattori ambientali,producendo un corpo fruttifero.Batteriofagi: Detti anche fagi, sono i virus che infettano i batteri.Biogeografia: Scienza che studia la distribuzione geografica dei viventi, inizialmente vista comedisegno divino.Bioluminescenza: Processo che consuma energia provocando l’emissione di luce senzaproduzione di calore.Biotecnologie: Insieme di tecniche antiche, finalizzate alla produzione di nuove molecole apartire da sistemi biologici esistenti in natura ed opportunamente selezionati o appositamentecreati in laboratorio.In campo agroalimentare la produzione di OGM (organismi geneticamente modificati)rappresenta un ambito di ricerca, produzione e discussione attiva. Lo scopo è quello diottenere nuove specie più resistenti alle condizioni climatiche o più produttivi per accelerarecosì i processi di produzione.In campo ambientale viene utilizzata per degradare le sostanze inquinanti.In campo industriale viene utilizzata nei detergenti per rimuovere qualsiasi tipo di macchia eper produrre sostanze organiche. È anche possibile ottenere biodisel dal mais.
  • In campo medico vengono utilizzate per la produzione di insulina, vaccini, interferone(utilizzato nel trattamento dell’epatite virale di tipo B, ed in alcune forme di tumore), ormonedella crescita (somministrato a bambini affetti da un difetto nella crescita ed eritropoietina(utilizzata per stimolare la produzione di globuli rossi in pazienti dializzati).Brevidiurne: Piante che fioriscono non appena le ore di luce scendono sotto un determinatolivello critico come il crisantemo.Calice: Parte più esterna del fiore formata da sepali.Cambio vascolare: Strato di cellule indifferenziate localizzato tra il floema e lo xilema. Il primo èlocalizzato più esternamente, viceversa il secondo è situato nella zona interna.Capside: Rivestimento costituito da una o più proteine.Carattere multifattoriale: Carattere che dipende da più fattori. Ad esempio l’altezza, il coloredegli occhi, il colore della pelle, la pressione arteriosa e il peso non dipendono soltanto dalrisultato dell’espressione dei geni, ma possono essere influenzati da fattori esterni qualil’ambiente, l’attività fisica, lo stile di vita, l’alimentazione, ecc…Cariotipo: Insieme di tutti i cromosomi di ogni individuo.Carpello: Foglia modificata presente nel gineceo ripiegata su se stessa per accogliere gli ovuli.Catastrofismo: Teoria secondo la quale i fenomeni biologici e geologici sarebbero laconseguenza di eventi catastrofici accaduti nel passato.Cellula eucaristica: Cellula formata da un grande sistema di membrane interne e numerosiorganuli; il DNA è contenuto all’interno di un vero e proprio nucleo, circondato da unamembrana.Cellula procariotica: Cellula formata da DNA che costituisce un unico cromosoma circolare,presenta numerosi plasmidi (molecole circolari di DNA), non vi sono organi citoplasmaticiricoperti da membrana e nel citoplasma vi possono essere ripiegamenti della membranaplasmatica. Si riproducono per scissione binaria dopo aver duplicato il proprio DNA.Cellule meristematiche: Corrispondono alle cellule staminali dell’uomo. Da esse derivano tretipi diversi di tessuti. • Sistema tegumentale: forma l’epidermide ed il sughero. L’epidermide è impregnata di sostanze grasse (cutina), che formano la cuticola. Il sughero riveste le parti legnose ed è formato da file di cellule impregnate di suberina. • Sistema fondamentale che è presente in tutte le parti della pianta e comprende: - parenchima, formato da cellule poco specializzate che possono trasformarsi in altre cellule nel caso in cui la pianta sia ferita o danneggiata;
  • - collenchima, rigido e formato da cellule allungate che compattano le parti tenere della pianta; - sclerenchima, tessuto che rinforza ed irrigidisce il sistema dei vasi conduttori della pianta grazie alle fibre e alla sclereidi. • Sistema vascolare, formato da due tipi di tessuti: - il legno o xilema, ha un geotropismo negativo perché trasporta acqua e sali minerali dalle radici alle parti aeree della pianta; - il libro o floema, ha un geotropismo positivo perché trasporta le sostanze organiche elaborate nelle foglie al resto della pianta.Cerchi annuali: Costituiscono i cosiddetti “anelli” che permettono di stimare l’età di una pianta.Chemioautotrofi: Organismi che ricavano l’energia da reazioni chimiche che coinvolgonocomposti inorganici come il solfuro di idrogeno e l’ammoniaca.Chemioeterotrofi: Organismi che ottengono energia e carbonio consumando parti di altri esseriviventi. Un esempio sono la salmonella ed i funghi, che demoliscono le pareti ricche di nutrientiper poi assimilarle nelle proprie cellule.Chitina: Zucchero ricco di azoto che rafforza la parete cellulare delle ife.Chitridiomiceti: Microrganismi acquatici che in passato venivano classificati insieme ai protisti.Si riproducono per via asessuata e sessuata; in quest’ultimo caso producono gameti flagellati.Cianobatteri: Batteri Gram-negativi fotoautotrofi che, per vivere, hanno bisogno di acqua,azoto gassoso, ossigeno, pochi elementi minerali, diossido di carbonio e luce. Per la fotosintesi,utilizzano la clorofilla e rilasciano ossigeno gassoso. Possono vivere come singoli individui ocome colonie.Ciclo lisogeno: Avviene quando il virus, nonostante entri nella cellula ospite, posticipa lariproduzione, inserendo il proprio acido all’interno della stessa. I batteri che ospitano questivirus sono detti lisogeni ed i batteri vengono detti temperati. Il virus così integrato è un’entitànon infettiva e viene denominato profago.Ciclo litico: Avviene quando il virus, penetrando nella cellula ospite si riproduceimmediatamente distruggendola. Il virus, in questo caso, viene definito virulento.Ciglia: Organuli sottili e piliformi distribuiti sulla superficie cellulare che si muovono in manieracoordinata per far spostare la cellula.
  • Ciliati: Protisti la cui membrana è circondata da ciglia. I ciliati presentano due nuclei: unmacronucleo che controlla le normali attività cellulari ed un micronucleo funzione allaconiugazione.Cilindro centrale: Costituisce il “cuore” della radice e contiene xilema e floema.Citochinine: Ormoni che promuovono la crescita cellulare e ritardano l’ingiallimento dellefoglie.Citoscheletro: Sta per “scheletro cellulare” anche se non assomiglia allo scheletro umano.Clamidie: Batteri di dimensioni molto piccole, sono parassiti obbligati, perché vivono soltantoall’interno di cellule di altri organismi. Sono Gram-negativi con un ciclo vitale complesso epossono provocare infezioni oculari, malattie a trasmissione sessuale e alcune forme dipolmoniti.Clone: Termine per indicare un insieme di cellule, tutte derivanti dalla ripetuta duplicazione diun’unica cellula originaria, quindi geneticamente identiche tra loro.Cloroplasto: Organulo cellulare circondato da due membrane, una plasmatica della cellulaospite interna, e quella del batterio esterna.Codominanza: L’eterozigote presenta il fenotipo di entrambi gli omozigoti (determinazionedei gruppi sanguigni).Coleottile: Sorta di cappuccio che protegge l’apice del germoglio.Collo di bottiglia: Esempio di deriva genetica che può portare ad una riduzione della variabilitàgenetica. Avviene quando popolazioni numerose attraversano periodi difficili, durante i qualisopravvivono pochi individui: si tratta quindi di una fase di contrazione numerica. Un esempio èofferto dai ghepardi durante l’ultima era glaciale, dove la specie fu molto vicina all’estinzione.Colorazione di Gram: Elemento di distinzione tra le pareti dei batteri. I Gram-positivi assorbonoil colorante violetto e si presentano con una tinta dal blu al porpora. I Gram-negativi, sipresentano in tinta dal rosa al rosso vivo perché l’alcool ripulisce il colorante viola e le celluleassorbono quello rosso.Comunicazione dei procarioti: Può avvenire in due modi: • segnali chimici: più aumentano questi segnali, più aumenta la densità di popolazione dei batteri; • segnali fisici: riguardano la luce (bioluminescenza).Comunità microbiche: Comunità procariote comprendente molte specie di organismi spessoanche piccolissimi eucarioti.
  • Concezione Darwiniana: Corrisponde all’”albero della vita” costituito da una base, formatadalle specie più antiche e da un tronco, in cui ogni ramificazione corrisponde ad un singoloevento di speciazione. Ogni specie ha una sua speciazione che termina con l’estinzione oppurecon una seconda speciazione che porterà alla creazione di due specie figlie.Condizione eucaristica: Gli eucarioti possiedono un citoscheletro ed un involucro nucleare,alcuni organuli ed uno o due flagelli.Coniugazione: Tipo di comportamento sessuale.Corolla: Parte interna del fiore formata da petali.Corteccia: Strato sottostante all’epidermide, formato da cellule parenchimatiche cheaccumulano amido di riserva.Cotiledone: Foglia embrionale che funge da riserva alimentare per il seme.Creazionismo: Teoria secondo la quale la molteplicità delle specie viventi erano state create daDio.Cuffia: Cappuccio che protegge l’apice radicale. Produce un liquido che favorisce l’ancoraggio alterreno.Cuvier: Naturalista che si oppose alle teorie lamarkiane con le sue ipotesi fissiste e catastrofiste.Dimostrò che gli animali potevano essere divisi in gruppi fondamentali ma che non potevanodiscendere gli uni dagli altri perché i loro piani corporei erano totalmente diversi.Daltonismo: Parziale incapacità nel distinguere i colori. Colpisce prevalentemente gli individuidi sesso maschile, le femmine eterozigoti sono portatrici sane nonostante portino nel corredogenetico l’allele d: vedono i colori normalmente perché hanno anche l’allele D, dominante.Darwin: Padre della moderna visione dell’evoluzione biologica. Nel 1831 partì a bordo delBeagle. Durante i cinque anni di viaggio, studiò sul campo la geologia e la biologia; di particolareimportanza fu l’esperienza in Sudamerica e nelle isole Galàpagos. In quest’ultima notò una seriedi uccelli (oggi chiamati fringuelli di Darwin) che differivano per la forma del becco.Delezione: Perdita di un intero tratto di cromosoma.Determinismo genetico: Sostiene che l’intelligenza non è soltanto misurabile ma è anche unaproprietà innata ad ereditaria.Diatomee: Alghe unicellulari prive di flagelli. Hanno gusci silicei elaborati simili al vetro e laparete è costituita da due teche. Si riproducono per scissione binaria e per via sessuata:quando le cellule diventano troppo piccole per dividersi ulteriormente, interviene lariproduzione sessuata.
  • Dicotiledone: Seme caratterizzato da un involucro doppio.Dimorfismo sessuale: Differenza morfologica fra individui appartenenti alla stessa specie macon sesso differente.Dinoflagellati: Alghe unicellulari marine dotate di due flagelli. Hanno un aspetto caratteristicodovuto ai due solchi, uno equatoriale ed uno longitudinale che circondano la cellula. Alcunespecie hanno la capacità di cambiare forma a seconda delle condizioni ambientali.Dominante: Termine che indica la variante di un carattere che si manifesta negli ibridi dellaF1.Dominanza apicale: Fenomeno che avviene quando tagliando la gemma apicale, si sviluppanole laterali.Dominanza incompleta: L’eterozigote non ha il fenotipo dominante ma un fenotipointermedio tra quello dei due omozigoti (bocca di leone e belle di notte).Drosophila melanogaster: Comune moscerino della frutta.Duplicazione: Ripetizione di un segmento.Durame: Parte del tronco dove si accumulano sostanze non più attive.Effetto del fondatore: Avviene quando alcuni individui colonizzano un nuovo ambiente e nonportano con sé tutti gli alleli presenti nella popolazione d’origine. Porta ad una variabilitàgenetica nota come deriva genetica.Emofilia A: Malattia dovuta ad un allele recessivo localizzato sul cromosoma X e quindi legatoal sesso. Il gene coinvolto non contiene le istruzioni per costruire il fattore VIII dellacoagulazione del sangue.Endocitosi: Avviene quando il virus viene inglobato nella cellula e si libera e si attiva.Endoderma: Cilindro monostratificato formato da cellule strettamente cementate tra loro dauna sostanza idrorepellente.Endosimbiosi: Teoria secondo la quale i mitocondri hanno avuto origine da proteobattericapaci di utilizzare l’ossigeno.Endosperma: Tessuto di riserva che occupa interamente il seme.Epidermide: Strato di cellule che favoriscono il passaggio dell’acqua grazie ai peli radicali.Eredità legata al sesso: Coinvolge la coppia di cromosomi sessuali.Eredità per mescolanza: Opinione più diffusa prima delle scoperte di Mendel che affermavache i due genitori contribuissero a formare la progenie mescolando le proprie caratteristiche.
  • Eredità poligenica: Alcuni caratteri sono determinati dall’effetto combinato di più di unacoppia di geni.Eterotrofi: Organismi che si nutrono di altri esseri viventi.Eterozigote: Individuo che presenta un genotipo formato da alleli diversi (Gg).Etilene: Ormone che favorisce la maturazione dei frutti e la cadute di foglie, fiori e frutti.Eucariota: Dal greco “cellula dal nucleo ben definito”.Eucarioti: Dominio formato da cellule eucaristiche.Evoluzione: Definita da Darwin come discendenza con modificazioni, un suo sinonimo èsviluppo.Falso frutto: Struttura che si forma quando il ricettacolo del fiore si trasforma in parte di ciòche comunemente chiamiamo frutto. Un esempio sono la mela e la pera.Fattore Rh: Può essere negativo e positivo. Se una donna è Rh negativa durante la secondagravidanza produce degli anticorpi anti Rh+ che andranno ad attaccare il bambino. Perbloccare la produzione di questi anticorpi è necessario assumere un farmaco.Favismo: Forma di anemia acuta temporanea ed è particolarmente diffusa in Sardegna. Simanifesta quando l’individuo consuma i semi o inala il polline delle piante di fava. Èdeterminato da un allele recessivo di un gene che si trova sul cromosoma X e che serve per laproduzione dell’enzima glucosio-6-fosfato deidrogenasi.Fellogeno: Tessuto meristematico localizzato nella corteccia, forma il sughero.Fenilchetonuria: Malattia recessiva che è determinata dal difetto di un enzima che trasformaun componente delle proteine (fenilalanina) in un altro. Se l’enzima non funziona, lafenilalanina si accumula nel sangue producendo sostanze tossiche per lo sviluppo del sistemanervoso (fenilchetone) che vengono espulse tramite l’urina. Da qui il nome della malattia(fenilchetone nelle urine).Fenotipo: Osservando un individuo per studiare un determinato carattere genetico, se neesamina l’aspetto visibile.Fibrosi cistica: Malattia recessiva che si manifesta sin dalla nascita dove il movimento delleciglia che tappezzano le vie respiratorie è reso difficile dalla presenza di grandi quantità dimuco insolitamente denso che si accumula nei polmoni.Fiore: Svolge la funzione analoga agli organi genitali animali perché contiene gli apparati dellariproduzione sessuata.
  • Fiore ermafrodita: Fiore completo che presenta quattro strutture: calice, corolla, gineceo edandroceo.Fiore unisessuale: Fiore esclusivamente femminile o maschile.Firmicuti: Batteri Gram-positivi che producono endospore (strutture resistenti). Il batterioduplica il proprio DNA e ne incapsula una copia, insieme al citoplasma. La cellula si rompe erilascia l’endospora che può riprendere l’attività metabolica e dividersi, dando origine a nuovecellule identiche alla cellula genitrice.Fissismo: Teoria secondo la quale le specie viventi erano statiche ed immutabili e si potevanoclassificare in una scala gerarchica (scale naturale) dalla più semplice alla più complessa.Fitness: Contributo riproduttivo di un fenotipo alla generazione successiva, rapportato alcontributo degli altri fenotipi.Fitocromo: Recettore, proteina colorata che modifica la sua struttura in base alla luce presente.Foglia: Organo che assorbe l’anidride carbonica, cattura la luce ed attua la fotosintesiclorofilliana. Possono essere attaccate al fusto tramite un picciolo e avere nervature ramificate,tipico delle dicotiledoni, oppure circondare il fusto con una guaina ed avere nervature parallele,tipico delle monocotiledoni. È suddivisa in: • epidermide, formata da cellule la cui parete è rivolta verso l’esterno e dunque resa impermeabile dalla cuticola; • tessuto parenchimatico a palizzata, formato da cellule allungate, è la sede della fotosintesi; • tessuto parenchimatico lacunoso, formato da cellule dalla forma irregolare distanziate tra loro permettendo così il passaggio di acqua ed anidride carbonica; • tessuto vascolare, formato da floema e xilema: costituisce le nervature.Esistono foglie bifacciali che presentano gli stomi sulla pagina inferiore con tessuti asimmetrici;le foglie equifacciali, al contrario, rivolgono al Sole entrambi i lati ed hanno stomi dispostisimmetricamente.Foraminiferi: Eucarioti unicellulari fotosintetici acquatici. Sono caratterizzati da gusci esterni dicarbonato di calcio ed hanno pseudopodi lunghi e sottili che, in alcune specie, servono per lalocomozione.Forme dei procarioti: Sono tre: • sferica (cocchi); • bastoncello (bacilli); • elicoidale o a virgola (spirilli e vibrioni).Si possono presentare come cellule singole oppure come ammassi cellulari, quando unacellula aderisce ad un’altra.
  • Fossili: Ricchissime fonti di prove a sostegno dell’evoluzione biologica. Si trovano sulle roccesedimentarie che hanno una struttura stratificata. Salvo modificazioni, le porzioni più bassocorrispondono agli strati più antichi e quelle in alto alle più recenti : ciò fece notare che lespecie si evolvono.Fossili di transizione: Resti di organismi che presentano caratteristiche intermedie tra duegrandi gruppi. Si pensa anche che la mancanza di questi fossili sia dovuta al fatto che ilpassaggio tra un forma vivente all’altra sia avvenuto così rapidamente da non lasciare tracce.Fotoautotrofi: Organismi che usano la luce come fonte di energia e ricavano il carbonio daldiossido di carbonio atmosferico. Un esempio sono i cianobatteri o alghe azzurre che formanotappeti sulle superfici degli stagni.Fotoeterotrofi: Organismi che utilizzano la luce come fonte di energia ma assumono il carbonioda composti organici prodotti da altri esseri viventi.Fotoperiodo: Numero delle ore di luce.Funghi: Organismi eterotrofi e decompositori che si sono evoluti da un protista unicellulare eflagellato. La loro eterotrofia gli consente di sopravvivere in qualunque habitat. Esistono funghi: • saprofiti che assorbono i nutrienti dalla materia organica morta fungendo da decompositori; • parassiti che assorbono i nutrienti da organismi vivi, formando un micelio nella struttura vegetale dove sono penetrati, causando la morte della pianta; • mutualisti che stabiliscono strette associazioni con altri organismi, vantaggiose per i partner; • parassiti patogeni che provocano malattie o la morte dell’ospite. In questo caso i funghi vengono detti patogeni; • predatori che intrappolano protisti o animali microscopici assorbendone le sostanze nutritive fino a provocarne la morte; • saprofagi che insieme ai batteri, sono i principali decompositori della Terra.Funghi mucillaginosi: Funghi che si nutrono inglobando particelle alimentari. Sono organismidiffusi negli ambienti forestali ed umidi; prediligono infatti habitat freschi. Possono essere prividi colore specifico o colorati fino all’arancio e al giallo vivido. Si distinguono due categorie. • Funghi mucillaginosi plasmodiali: hanno la forma di una massa di citoplasma priva di pareti divisorie e con numerosi nuclei. In seguito a condizioni ambientali sfavorevoli il fungo forma una struttura di resistenza pronta a ridiventare un plasmodio al ritorno di condizioni migliori, oppure il plasmodio si trasforma in corpo fruttifero che germinerà e darà origine ad un nuovo plasmodio. • Funghi mucillaginosi cellulari: hanno la cellule di forma ameboidale e si alimentano inglobando batteri. Quando le condizioni ambientali sono sfavorevoli si aggregano a formare i corpi fruttiferi.
  • Frutto: Detto anche pericarpo, è una struttura che si origina quando contemporaneamente allaformazione del seme, le pareti dell’ovaio si modificano. È suddiviso in epicarpo, mesocarpo edendocarpo. Esistono frutti: • carnosi, come il pomodoro e le pesche; • secchi, come i legumi; • deiscenti, quando i frutti si aprono spontaneamente liberando i semi al loro interno; • indeiscenti, quando il frutto si mantiene integro fino alla germinazione, aprendosi solo per marcescenza.Fusione: Avviene quando si ha l’unione tra la cellula ed il rivestimento virale, solo se il virus lopossiede.Fusto: Organo che funge da sostegno e via di trasporto dalle foglie alla radice e viceversa.Gattina CC (Copia Carbone): Partorita dalla gatta Allie, la madre surrogata. La gattina aveva unaspetto totalmente diverso dalla madre genetica Rainbow:la prima aveva un mantello a striscenere e grigie sul dorso e la seconda era a chiazze rossicce e nere. Crescendo si rivelò una gattagiocherellona e curiosa al contrario di Rainbow che era schiva e riservata.Gemelli dizigoti: Gemelli che derivano da fecondazioni separate: sono fratelli che si sonosviluppati nell’utero contemporaneamente ( solitamente non accade poiché ogni mese èpronta una sola cellula uovo ). In questo caso non c’è identità genetica, tant’è che i duegemelli possono anche essere di sesso diverso.Gemelli monozigoti: Realtà che si avvicina di più ai “cloni” umani. Questo tipo di gemellideriva da un unico zigote e quindi da uno stesso embrione che durante lo sviluppo, si divide indue producendo così individui separati.Gemelli siamesi: Individui che non si separano completamente e restano attaccati per unaparte più o meno estesa del corpo.Gene mutante: Gene la cui frequenza all’interno di una popolazione è molto bassa, non vienequindi considerato una forma polimorfa.Gene: Ciò che Mendel considerava un fattore ereditario. Ed è presente due volte nel corredodi ogni individuo.Genetica: Scienza che studia le differenze e le somiglianze.Genetisti: Scienziati che si occupano dello studio dei fattori ereditari, di come essideterminano le caratteristiche di un individuo e di come siano trasmessi da una generazionealla successiva.
  • Geni associati: Geni i cui loci sono localizzati sullo stesso cromosoma e non seguonol’assortimento indipendente di Mendel.Geni autosomici: Geni che non si trovano sui cromosomi sessuali.Geni polimorfici: Geni la cui frequenza dei singoli alleli all’interno della popolazione èrilevante, in genere maggiore all’1%.Geni regolatori: Geni che non hanno un effetto fenotipico ben preciso, in quanto agisconostimolando o bloccando l’espressione di altri geni ( colore del piumaggio).Genoma: Intero corredo cromosomico di un individuo.Genotipo: Particolare combinazione di alleli che comporta un determinato fenotipo.Germinazione: Processo di adattamento delle piante alla vita terrestre. Inizia conl’assorbimento di molta acqua, per far riprendere le reazioni metaboliche. Il primo organo cheemerge è la radichetta, poi l’apice del germoglio che si fa strada nel terreno. Nel fagiolo,l’ipocotile stimolato dalla luce si raddrizza e fa fuoriuscire l’epicotile. Nel pisello l’apice delgermoglio si solleva grazie all’allungamento dell’epicotile, i cotiledoni rimangono nel terreno.Nella cariosside del mais, il coleottile perfora il terreno ed il nutrimento della piantina è fornitodal’endosperma. Dopo la germinazione, in tutti i casi, la pianticella continuerà a crescere esvilupperà foglie, radici e fusto.Giardia lamblia: Parassita tropicale che contamina le acque potabili provocando la giardiasiintestinale. È dotato di flagelli multipli ed è privo di mitocondri.Gibberelline: Ormoni che promuovono l’allungamento dei fusti e la germinazione di alcuni semie stimolano la fioritura e lo sviluppo di frutti.Gineceo: Apparato riproduttore femminile è posizionato più internamente rispetto a quellomaschile ed è costituito da foglie modificate dette carpelli. Esse formano ovario e stilo.Glaucofite: Alghe unicellulari di acqua dolce. I loro cloroplasti ricordano la struttura deicianobatteri e per questo motivo sono molto studiate per l’evoluzione: potrebbero essereinfatti le antenate comuni di tutte le piante.Glomeromiceti: Microrganismi terrestri che vivono in associazione con le radici delle pianteformando micorrize.Gradualismo: Teoria secondo la quale gli eventi di cui troviamo traccia in natura, sono fruttodel sommarsi nel tempo di piccoli cambiamenti e non di eventi improvvisi e catastrofici.Gregor Mendel: Fondatore della genetica. Egli dimostrò che il patrimonio ereditario è formatoda unità discrete che si trasmettono, mantenendo la loro identità da una generazione allasuccessiva.
  • Hutton: Scozzese che compì un passo importante per la biologia e per la geologia enunciando ilprincipio dell’uniformismo.Indagine citogenetica: Analisi genetica a livello cellulare. Si parte da una fotografia di tutti icromosomi. Le immagini dei cromosomi vengono ritagliate ed ordinate dal più grande al piùpiccolo; ciò permette di identificare a vista eventuali anomalie di grande entità.Intelligenza multipla: Ciascuna facoltà che un individuo possiede.Intolleranza al lattosio: Intolleranza dovuta ad un difetto nella produzione dell’enzima lattasi.Molte persone in età adulta non possono bere il latte perché non digeriscono il lattosio: lozucchero rimane nell’intestino e crea disturbi quali gonfiore, crampi e diarrea.Inversione: Cambio di orientamento di una parte.Ipercolesterolemia: Esempio di dominanza incompleta nell’uomo, che consiste in un aumentopatologico dei livelli di colesterolo nel sangue. L’allele dominante, codifica per una proteinacellulare di membrana chiamata recettore per le LDL. Le LDL sono molecole il cui compito èquello di trasportare il colesterolo nel sangue. I recettori per le LDL legano tali molecole efavoriscono il loro ingresso nelle cellule che demoliscono il colesterolo. Questo processopreviene l’accumulo di colesterolo nelle arterie. Gli individui sani presentano il genotipo II, glieterozigoti (Ii) e hanno livelli di colesterolo circa il doppio della norma, gli omozigoti (ii)presentano livelli di colesterolo nel sangue circa cinque volte più elevati del normale.Isolamento riproduttivo: Possibilità che due specie imparentate convivano senza che si verifichiun flusso genico. Avviene quando all’interno di una popolazione gli individui si accoppiano tra diloro e non con individui di altre popolazioni. In tal modo, si viene a costituire un gruppo bendefinito che corrisponde ad un ramo distinto dell’albero della vita, all’interno del quale i geni siricombinano. L’isolamento riproduttivo è quindi il criterio più importante per il riconoscimentodelle specie.L.U.C.A: Last Universal Common Ancestor è una forma di vita unicellulare procariotica dotata ditutte le caratteristiche riscontrabili in ogni forma vivente (glicolisi, sintesi proteica, duplicazionedel DNA, ecc.).Lamark: Primo evoluzionista che elaborò la teoria dell’evoluzione. Secondo Lamark, la natura èsoggetta a leggi proprie ed autonome, sosteneva anche l’eredità dei caratteri acquisiti cheporta a generare forme sempre più complesse. L’adattamento, per Lamark, riguarda il singoloindividuo ed è il risultato dell’uso e del disuso di un determinato organo.Lattasi: Enzima digestivo prodotto da cellule dell’intestino tenue. Serve a scindere il lattosionei suoi costituenti glucosio e galattoso.Lenticelle: Piccole aperture specializzate nello scambio gassoso.
  • Licheni: Simbiosi mutualistiche tra un fungo ed un organismo fotosintetico. Sono moltosensibili all’inquinamento dell’aria per la loro incapacità ad eliminare le sostanze tossicheassorbite. Vengono definiti organismi pionieri perché colonizzano nuove aree di roccianuda. La loro crescita provoca una leggera acidificazione che comporta la formazione dinuovo terreno. Si trovano in una molteplicità di forme e colori. • Crostosi : hanno l’aspetto di una polvere colorata sparsa sul substrato (simili ad una crosta). • Frondosi : sono a forma di foglia. • Fruticosi : possono assumere forme molto complesse (simili a cespugli).Lieviti: Membri unicellulari che vivono in ambienti umidi ed assorbono i nutrienti direttamentedalla superficie cellulare.Linea pura: Gruppi di individui tutti identici tra di loro per un determinato carattere.Linfa elaborata: Soluzione costituita dalle sostanze organiche prodotte dalla fotosintesi,trasportata al floema. Viaggia dalle foglie (dove sono prodotte le sostanze di cui è costituita)alle radici (dove queste sostanze vengono immagazzinate), come un rapporto tra “sorgente-pozzo”.Linfa grezza: Soluzione costituita da acqua e ioni, trasportata dallo xilema, che viaggia dalleradici al resto della pianta grazie alla capacità di: • coesione, trascina le molecole d’acqua legate tra di loro; • adesione, aderisce le molecole d’acqua alla cellulosa delle pareti delle cellule dello xilema.Linneo: Biologo svedese che più di duecento anni fa, propose il sistema binomiale dinomenclatura.Locus: Posizione ben precisa di un gene in uno specifico tratto di cromosoma.Longidiurne: Piante che fioriscono quando il dì è molto lungo come lo spinacio.Lyell: Geologo e maestro di Darwin che riprese il pensiero di Hutton. Secondo Lyell, laconoscenza dei processi attuali derivano tutti da fenomeni verificatisi nel passato della Terra edi cui oggi ne troviamo tracce.Macroevoluzione: Processi evolutivi che avvengono a livello superiore rispetto alla singolaspecie.Macronutrienti: Elementi chimici necessari in quantità elevate ( azoto, fosforo, zolfo,magnesio, calcio, potassio).Malaria: Malattia provocata dal parassita che entra nell’apparato circolatorio; si stabiliscenelle cellule del fegato e del sistema linfatico, attaccando i globuli rossi. Dopo un ciclo didivisioni queste cellule si spostano nelle ghiandole salivari della zanzara.
  • Malattia di Huntington (o còrea): Malattia dominante che si manifesta solitamente oltre i 40anni. È una forma degenerativa del sistema nervoso che si manifesta con la contrazioneinvolontaria degli arti (da cui il nome còrea, dal greco chòros, che significa danza).Malthus: Economista che sosteneva una tesi secondo la quale per quanto rapidamentecrescono i mezzi di sostentamento e produzione (progressione aritmetica 1,2,3,4) , lepopolazioni crescono più in fretta (progressione geometrica 1,2,4,8).Meristema apicale: Forma nuove cellule che continuamente vengono sostituite alle celluledella cuffia danneggiate.Metabolismo energetico: Insieme delle vie utilizzate da tutti gli organismi per produrre esfruttare le molecole che vengono usate come fonte di energia.Metanogeni: Archei che hanno la capacità di produrre metano, sono quindi organismi anaerobiobbligati.Micelio: Corpo di un fungo pluricellulare.Micoplasmi: Gruppo rilevante dei firmicuti; sono privi di parete cellulare.Micorrize: Associazioni simbiotiche tra i funghi e le radici di alcune piante. È un’associazioneimportante per entrambi perché il fungo ottiene dalla pianta zuccheri, acqua, sali minerali e lacapacità di penetrare nel terreno; la pianta acquista invece ormoni di crescita per proteggersidagli attacchi di microrganismi dannosi.Micosi: Infezioni nell’uomo o negli animali provocate da funghi patogeni. Queste ultimevengono classificate in base alla quantità di tessuti colpiti. • Micosi superficiali : limitate allo strato superficiale della pelle. • Micosi cutanee : estese all’interno dell’epidermide. • Micosi sottocutanee : colpiscono gli strati profondi al di sotto della pelle, compresi i muscoli. • Micosi sistemiche : possono diffondersi a molti organi.Un esempio di infezione fungina è il cosiddetto “piede dell’atleta”.Microcitemia: Forma di anemia dovuta ad un’alterazione genetica, l’individuo presenta iglobuli rossi di dimensioni ridotte.Microevoluzione: Cambiamenti a livello del singolo pool genico entro ciascuna specie.Micronutrienti: Elementi chimici presenti in quantità infinitesimali (ferro, boro, cloro, rame,manganese, zinco, molibdeno).Monocotiledone: Seme caratterizzato da un involucro unico.
  • Monosomia: Alterazione nel numero di copie di un cromosoma. Si ha la produzione di un solocromosoma anziché due.Mitocondrio: Organulo cellulare circondato da due membrane, una plasmatica della cellulaospite interna e quella del batterio esterna.Mutazione cromosomica: Variazione che riguarda la struttura o il numero dei cromosomi.Mutazione genomica: Variazione del genoma.Mutazione puntiforme: Cambiamento che coinvolge un solo gene.Mutazione: Variazione del materiale genetico.Mycobacterium tubercolosis: Agente patogeno attinobatterio che causa la tubercolosi.Neutrodiurne: Piante che fioriscono indipendentemente dalle ore di luce come il mais e lapatata.Nomenclatura binomia: Sistema utilizzato da Linneo per descrivere centinaia di specieutilizzando il concetto di specie morfologica, secondo cui appartengono ad una data specie,tutti gli organismi di aspetto uguale tra loro e diverso rispetto a quello di altre specie.Ominoidei: Gruppo di primati privi di coda di cui fanno parte l’uomo e le scimmieantropomorfe.Omologhe: Strutture che pur avendo una struttura di base comune, svolgono funzioni moltodifferenti. Un esempio sono gli arti anteriori dei vertebrati.Omozigote: Individuo il cui genotipo è formato da alleli identici tra loro (GG e gg).Oomiceti: Patogeni che colpiscono molte colture agrarie, comprendono le muffe. Sonopresenti dei flagelli nelle cellule riproduttive e le pareti cellulari contengono cellulosa.Paramecium: Genere di protozoo caratterizzato da una cellula dalla forma allungata, rivestitada un’elaborata pellicola. Possiedono vacuoli contrattili per raccogliere l’acqua in eccesso eriversarla continuamente all’esterno.Pecora Dolly: Primo clone di mammifero avvenuto nel 1996 con la tecnica del trasferimentodel nucleo. Da una cellula di ghiandola mammaria di una pecora (la madre genetica)estrassero il nucleo per introdurlo in una cellula uovo enucleata (già priva del nucleo). Lacellula così formata fu messa in un terreno di coltura per favorire la divisione cellulare, fino adottenere un embrione di poche cellule. Terminata la gravidanza nacque Dolly:una pecora congli stessi identici geni di quella donatrice del nucleo trasferito.Peptidoglicano: Sostanza costituita da zuccheri e proteine che rende spessa e rigida le pareticellulari dei procarioti, mentre quelle degli archi ne sono prive.
  • Perianzio: Unione di calice e corolla.Periciclo: Insieme di cellule parenchimatiche situate tra l’endoderma ed i vasi.Perigonio: Unione di calice e corolla dove non si riescono distinguere i sepali ed i petali, chediventano tepali.Pianta: Organismo autotrofo e fotosintetico. Si costruisce da sé le sostanze organiche di cuinecessita e ricava dal Sole l’energia necessaria per svolgere le sintesi organiche. Può essere: • annuale, come cereali, pomodoro e spinaci che fiorisce alla fine della stagione della sua breve vita; • biennale, come carote, sedano, prezzemolo e barbabietole, che vive due anni e fiorisce nel secondo anno di vita; • perenne, come l’agave, che vive per più di due anni; • decidue o caducifoglie, si privano di tutte le foglie prima della stagione invernale come il ciliegio, il platano ed il tiglio; • sempreverdi, non perdono mai le foglie tutte insieme come i pini, olivi, lecci e rosmarini.Esistono rari casi di piante che si riproducono per via vegetativa, non producendo così fiorifertili. Un esempio è il banano.Piante: Organismi autotrofi fotosintetici.Piante carnivore: Piante che vivono in territori poveri di sali azotati e ricorrono a fontiorganiche presenti nel terreno.Piante dioiche: Piante che presentano fiori maschili e fiori femminili su individui diversi. Unesempio è il kiwi.Piante monoiche: Piante che ospitano sullo stesso individuo i due tipi di fiore. Un esempio è lazucchina.Plancton: Dal greco “errante, vagabondo”.Pleiotropia: Effetto per la quale geni singoli sono responsabili di un insieme di caratterinell’individuo.Polidattilia: Malattia dominante caratterizzata dalla presenza di dita in più nelle mani o neipiedi. È possibile anche che le mani e i piedi dello stesso individuo abbiano numero di ditadiverse.Prelievo dei villi coriali: Indagine prenatale e consiste nell’introduzione di un tubicino diplastica all’interno della vagina. L’esame viene effettuato intorno alla 10a settimana ecomporta il rischio del 2% sulla gravidanza.
  • Prima legge di Mendel (o della dominanza): Gli ibridi che si ottengono dall’incrocio tra duediverse linee pure, con alternative distinte di uno stesso carattere, sono tutti identici tra loro ead uno dei due tipi parentali.Primati: Termine coniato da Linneo che indica l’ordine di mammiferi da lui considerato come ilprimo, ovvero il più importante.Procarioti: Definiti anche batteri, sono state per moltissimo tempo le uniche forme di vitasulla Terra ed ancora oggi sono dovunque intorno a noi.Proteobatteri: Detti anche batteri purpurei, costituiscono un gruppo di batteri Gram-negativi.Protisti: Organismi che hanno strette relazioni evolutive con animali e piante e formano unregno distinto. Sono le forme più semplici del dominio Eukarya.Protozoi: Protisti eterotrofi che assumono il cibo per ingestione.Protozoo: Dal greco “antenato degli animali”.Provirus: DNA virale integrato in un cromosoma di una cellula eucariotica.Pseudopodio: Dal greco “falso piede” è un’estensione della superficie cellulare che cambiacontinuamente forma.QI (quoziente intellettivo): Numero corrispondente al punteggio realizzato da un individuosottoposto ad un test di valutazione dell’intelligenza.Radice: Organo specializzato nell’ancoraggio al terreno e al prelievo da esso di acqua e saliminerali. Può essere: • a fittone : è costituita da un’unica radice principale che si allunga in profondità con piccole diramazioni laterali, come nel caso della carota; • fascicolata : è costituita da numerose radici avventizie che crescono insieme, come nel caso delle graminacee.Radiolari: Eucarioti unicellulari fotosintetici acquatici. Sono formati da pseudopodi sottili erigidi rafforzati da microtubuli che contribuiscono al galleggiamento. Producono endoscheletridi forma variabile con motivo geometrico.Recessivo: Termine che indica la variante di un carattere che non si presenta nella F1.Regione corticale: Strato inferiore all’epidermide del fusto costituito da celluleparenchimatiche.Reincrocio: Incrocio con individui recessivi: un terzo degli individui dominanti della F2 produceuna progenie dominante, gli altri due terzi danno una progenie per metà con caratteredominante e per la restante metà con carattere recessivo.
  • Retrovirus: Virus che possiedono un cromosoma di RNA che, quando infettano la cellulaospite, operano una retrotrascrizione passando da RNA a DNA.Ricombinazione genetica: Meccanismo che permette lo scambio di DNA tra le cellule creandopiccole differenze tra una cellula ed un’altra.Riproduzione: I funghi si riproducono per via asessuata e sessuata. La riproduzione asessuatapuò seguire diverse modalità: • produzione di strutture aploidi all’interno di strutture definite sporangi; • produzione di spore nude chiamate conidi; • divisione cellulare nei funghi unicellulari (divisione simmetrica o asimmetrica); • semplice frammentazione del micelio.Gli individui che appartengono allo stesso sesso non possono riprodursi tra di loro ma unirsiall’interno della specie con organismi dal sesso differente.La riproduzione sessuata avviene invece quando le ife appartenenti a due tipi sessuali diversi siincontrano e si uniscono.Rizoidi: Ife modificate che permettono l’ancoraggio al substrato.Ruoli dei procarioti: Giocano ruoli benefici nella nostra vita: sono utili nell’industria casearia,nella produzione industriale di farmaci, antibiotici e vitamine, ecc… Inoltre, sono molto utiliper l’uomo in quanto producono le vitamine B12 e K; proliferano nel nostro intestinoformando uno spesso biofilm che favorisce il trasferimento di nutrienti dall’intestinoall’organismo e rinforza le difese immunitarie a livello intestinale. Tantissimi procarioti sonodecompositori, cioè metabolizzano composti presenti in organismi decomposti e, dopo averliriutilizzati per le proprie reazioni metaboliche, rilasciano nell’ambiente sostanze inorganicheriutilizzabili da altri esseri viventi.Salmonella: Proteobatterio che provoca una grave malattia gastrointestinale negli esseriumani.Scienze antiche: La produzione del vino si basa sulla fermentazione di zuccheri (glucosio efruttosio) presenti nel succo d’uva. Dopo la raccolta, i grappoli vengono schiacciati per fornireil mosto: i lieviti Saccaromyces cerevisiae favoriscono poi il processo di fermentazione. Laproduzione della birra avviene a partire dall’orzo, che contiene amido che, grazie all’enzimaamilasi, viene scisso in maltosio e glucosio che verranno poi fermentati. L’orzo geminato seccoprende il nome di malto che forma un impasto chiamato mosto di malto al quale vienesuccessivamente aggiunto del luppolo che conferisce alla birra il tipico sapore amarognolo. Laproduzione del pane avviene attraverso la fermentazione dei lieviti che appartengono allaspecie Saccaromyces cerevisiae. Nella produzione di formaggi, burro e yogurt intervengonodue passaggi fondamentali: la coagulazione delle proteine del latte grazie ad un enzimachiamato rennina, che caglia il latte. Successivamente la cagliata è sottoposta poi amaturazione in centinaia di modi differenti. Ad esempio per preparare il burro occorreseparare il grasso dalla panna ad opera dei batteri lattici (gli streptococchi).Scissione binaria: Allo stesso modo della riproduzione asessuata, porta alla nascita di duecellule figlie che hanno lo stesso corredo genetico della cellula madre.
  • Seconda legge di Mendel (o della segregazione): Gli elementi che costituiscono una coppia difattori ereditari segregano (si separano) casualmente al momento della formazione deigameti, perciò ciascun membro della coppia è presente nella metà nei gameti prodotti.Selezione artificiale: Tecnica di cui di avvalse Darwin per chiarirsi i meccanismi della selezionenaturale.Selezione direzionale: Selezione che favorisce gli individui che si discostano in una direzione onell’altra dalla media e come risultato: cambia la media della popolazione.Selezione divergente: Selezione che favorisce gli individui che si discostano in entrambe ledirezioni dalla media della popolazione e come risultato: cambiano le caratteristiche dellapopolazione.Selezione intersessuale: Selezione che avviene per risultare più attraenti agli occhi dei membridell’altro sesso.Selezione intrasessuale: Selezione che avviene tra membri dello stesso sesso per la conquistadel partner.Selezione naturale: È riassunta nei seguenti punti: • Le popolazioni si riproducono con grande rapidità; • In natura, le popolazioni si mantengono sostanzialmente stabili; • La stabilità numerica delle popolazioni è dovuta alla scarsità di risorse che porta gli individui a competere tra loro; • Alcuni individui risulteranno più adatti perché possiedono caratteristiche che gli consentono di sopravvivere meglio; • I più adatti sopravvivono più a lungo e si riproducono con maggior successo, trasmettendo alla progenie le proprie caratteristiche.Selezione sessuale: Forma particolarmente importante di accoppiamento non casuale, capacedi cambiare le frequenze alleliche. È una forma di selezione naturale che agisce sullecaratteristiche che determinano il successo riproduttivo. Un esempio di carattere che Darwincollegò alla selezione sessuale è l’uccello vedova gigante. Nel 1982 Andersson ne alterò lalunghezza della coda: ad alcuni la accorciò, ad altri la allungò, ad altri la tagliò e la rincollò senzaalterarla. I maschi con la coda alterata attraevano circa il quadruplo rispetto a quelli con lacoda accorciata. Un altro esempio è offerto dai pesci ciclidi dove la separazione tra le specie èdovuta alle preferenze sessuali delle femmine, che selezionano i maschi in base allacolorazione.Selezione stabilizzante: Selezione che favorisce gli individui con valori intermedi e comerisultato: la media della popolazione non cambia, ma la sua varietà diminuisce.
  • Seme: Contiene l’embrione del “figlio” della pianta che rimane in uno stato di quiescenza perun periodo più o meno lungo. È formato da circa il 5-15% di acqua ed è molto piccolo e leggeroper essere facilmente disperso nell’ambiente. Contiene amido, grassi e proteine.Setti: Pareti cellulari incomplete grazie al quale le ife possono essere suddivise in strutturesimili a cellule.Sindattilia: Malattia dominante, è una fusione congenita di dita della mano, o più raramente,del piede.Sindrome di Down: Malattia determinata dalla presenza nelle cellule dell’individuo di trecopie del cromosoma 21. Questa anomalia cromosomica viene chiamata “trisomia del 21”.Esiste anche un’altra forma della sindrome, che avviene quando si ha una traslocazione di unaporzione del cromosoma 21 su un altro cromosoma; solitamente il 14. Le persone affette daquesta malattia soffrono di disturbi fisici e mentali più o meno accentuati, molto influenzatidall’ambiente: infatti molte persone Down hanno successo in vari campi nonostante lamutazione.Sindrome di Klinefelter: L’individuo ha un cariotipo 47, XXY. Questa sindrome comporta losviluppo ridotto degli organi sessuali maschili accompagnato spesso dalla presenza di alcunicaratteri secondari femminili.Sindrome di Turner: L’individuo ha un cariotipo 45,X (45,X0). Questa sindrome comporta lasterilità per il non completo sviluppo delle ovaie alla pubertà ed in genere ha una caratteristicacorporatura tarchiata.Sistemi di locomozione dei procarioti: Esistono procarioti mobili ed immobili. Glistrumenti e i modi di locomozione più utilizzati sono: • flagelli; • movimento “a cavatappi” (come le spirochete); • scivolando; • rotolando; • regolando la quantità di gas contenuta in vescicole gassose (procarioti acquatici).Sottoteorie Darwiniane: Vennero usate da Darwin per spiegare l’evoluzione: • L’evoluzione in quanto dato di fatto; • La discendenza da un antenato comune; • La proliferazione della specie; • La gradualità dell’evoluzione; • La selezione naturale.Speciazione: Processo con cui una specie si suddivide in due o più specie figlie che, da quelmomento in poi, si evolvono secondo linee distinte.
  • Speciazione allopatica: Speciazione derivante da una suddivisione della popolazione dovuta aduna barriera fisica, più diffusa tra gli organismi. Le barriere possono essere una catenamontuosa o un fiume per gli organismi terrestri oppure un tratto di terra emersa per gli animaliacquatici, anche se i cambiamenti climatici possono avere un effetto analogo (fringuelli delleGalapàgos).Speciazione simpatrica: Speciazione che avviene anche in assenza di barriere fisiche. Neglianimali il metodo più comune è la poliploidia e può prodursi per duplicazione dei cromosomiall’interno di una singola specie (auto poliploidia) o per fusione di corredi cromosomiciappartenenti a due diverse specie (allopoliploidia). Si genera un individuo auto poliploidequando cellule diploidi (2n) duplicano il loro corredo cromosomico accidentalmenteproducendo un individuo tetraploide (4n). Le piante tetraploidi possono produrre progenie perautofecondazione o incrociandosi con un altro tetraploide, altrimenti gli ibridi risulterannosterili. Un esempio è offerto dal frumento.Specie: Risultato di processi evolutivi che si dispiegano nel tempo. Le specie si somiglianoperché condividono molti degli alleli responsabili della loro struttura corporea e questesomiglianze favoriscono la nascita di una prole feconda all’accoppiamento. Le specie vengonoraggruppate in categorie: generi, famiglie, ordini, classi, phyla, regni e domini. Gli organismiappartenenti ad uno stesso gruppo hanno un antenato comune: le specie che hanno unantenato comune costituiscono un genere, i generi che hanno un antenato comune formano unordine e così via.Spirochete: Insieme di batteri Gram-negativi mobili e chemioeterotrofi che hanno una cellula aspirale avvolta su un flagello. Per muoversi utilizzano il cosiddetto movimento “a cavatappi”.Sporozoi: Organismi parassiti specializzati nel penetrare nelle cellule e nei tessuti ospiti.Staphylococcus: Genere che comprende batteri responsabili di diversi disturbi: respiratori,intestinali ed epidermici.Sterilità dello zigote: gli ibridi possono raggiungere lo stato adulto ma risultano sterili. Unesempio è costituito dai muli derivanti dall’accoppiamento fra asini e cavalle.Stomi: Aperture presenti nell’epidermide delimitate da due cellule di guardia; evitano il totaleisolamento dall’ambiente esterno.Teoria cromosomica dell’eredità: I geni sono localizzati sui cromosomi.Teoria sintetica: Teoria che comprende tutte le idee di Darwin, riprese e chiarite, riunite soloverso gli anni Trenta del secolo scorso.Termofili: Archei che amano gli ambienti caldi.
  • Terza legge di Mendel (o dell’assortimento indipendente): Al momento della formazione deigameti, la segregazione di ogni coppia di alleli segue autonomamente le leggi del caso, per cuisi può produrre un assortimento indipendente dei caratteri.Thomas Hunt Morgan: Biologo che studiò il moscerino della frutta.Topo Knock-out: Particolare tipo di topo transgenico che è privo di una certa funzione genica.Transgene: Gene esterno inserito nella linea germinale di una cavia, in modo che la progenierisulti portatrice del carattere transgenico.Traslocazione: Cambiamento di posto di un tratto di cromosoma.Tripanosomiasi: Gruppo di patologie provocate da tripanosomi. Un esempio è la malattia delsonno causata dalla mosca tse-tse.Trisomia: Alterazione nel numero di copie di un cromosoma. SI ha la produzione di trecromosomi anziché due.Tropismi: Movimenti che compie una pianta crescendo ed orientandosi nella stessa direzione diuno stimolo o nella direzione opposta.Uniformismo: Teoria secondo la quale i processi naturali che hanno operato in passato sono glistessi che operano anche oggi.Vaccini polivalenti: Miscele di proteine prodotte con le biotecnologie che conferisconoimmunità nei confronti di diversi patogeni con un’unica somministrazione.Varianti ricombinanti: Varianti recessive che si presentano in varie combinazioni, non presentinei parentali.Variazione continua: Gradualità di cambiamento in un intervallo di valori.Virione: Particella singola mediante la quale i virus si mostrano all’esterno della cellula ospite.Può avere filamento circolare o lineare, singolo o doppio, semplice o complesso e talvolta puòessere avvolto da una membrana.Virus: Definiti parassiti intracellulari obbligati; per vivere e riprodursi necessitano di una cellulaospite. Il virus è formato da un acido nucleico e da alcune proteine. L’acido nucleico costituisceil genoma del virione e può essere DNA o RNA. Non risentono dall’attacco degli antibioticiperché non hanno né una propria parete cellulare, né un proprio metabolismo.Zigomiceti: Microrganismi terrestri che si riproducono per via sessuata ed asessuata. Lariproduzione sessuata avviene quando le ife rilasciano feromoni attirandosi a vicenda. Ilrisultato del processo è una zigospora.