O slideshow foi denunciado.
Utilizamos seu perfil e dados de atividades no LinkedIn para personalizar e exibir anúncios mais relevantes. Altere suas preferências de anúncios quando desejar.

L'emergenza dell'emergenza

521 visualizações

Publicada em

Gestione dell'emergenza: obblighi normativi e modalità di individuazione e gestione degli scenari di emergenza

Publicada em: Engenharia
  • Entre para ver os comentários

  • Seja a primeira pessoa a gostar disto

L'emergenza dell'emergenza

  1. 1. L'emergenza in caso di emergenza m a ke thing s ha p p e n
  2. 2. 2 Le “misure di emergenza da attuare in caso di primo soccorso, di lotta antincendio, di evacuazione dei lavoratori e di pericolo grave e immediato” rientrano tra le misure generali di tutela della salute e sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro. L'emergenza in caso di emergenza m a ke thing s ha p p e n
  3. 3. 3 Al Datore di Lavoro o ai Dirigenti spetta l'obbligo di:  designare preventivamente i lavoratori incaricati dell’attuazione delle misure di […] gestione dell'emergenza;  adottare le misure per il controllo delle situazioni di rischio in caso di emergenza e dare istruzioni […]; art. 18 “Obblighi” in caso di emergenza m a ke thing s ha p p e n
  4. 4. 4 Al Preposto spetta l'obbligo di:  richiedere l'osservanza delle misure per il controllo delle situazioni di rischio in caso di emergenza e dare istruzioni […]; art. 19 Al Lavoratore spetta l'obbligo di:  osservare le disposizioni e le istruzioni impartite dal datore di lavoro, dai dirigenti e dai preposti, ai fini della protezione collettiva ed individuale; art. 20 “Obblighi” in caso di emergenza m a ke thing s ha p p e n
  5. 5. 5 Omessa predisposizione del piano di emergenza ed evacuazione; omessa adozione di misure per il controllo delle situazioni d’emergenza ed istruzioni ai lavoratori per l’abbandono del luogo di lavoro art. 43, co. 4: arresto da due a quattro mesi o ammenda da 822 a 4.384 € “Sanzioni” in caso di emergenza m a ke thing s ha p p e n
  6. 6. 6 Omessa adozione delle misure di Prevenzione Incendi per la tutela dell’incolumità dei lavoratori, della mancata effettuazione annuale della prova nelle attività soggette a certificato di prevenzione incendi con più di 10 addetti art. 46, co. 2: arresto da due a quattro mesi o ammenda 1.315,20 - 5.699,20 € “Sanzioni” in caso di emergenza m a ke thing s ha p p e n
  7. 7. 7 La mancata elaborazione del Piano di Emergenza ed Evacuazione costituisce GRAVE VIOLAZIONE ai fini dell'adozione del provvedimento di sospensione dell'attività imprenditoriale. art. 14 comma 1: violazioni gravi e reiterate Si ha reiterazione quando, nei cinque anni successivi alla commissione di una violazione oggetto di prescrizione dell’organo di vigilanza ottemperata dal contravventore o di una violazione accertata con sentenza definitiva, lo stesso soggetto commette più violazioni della stessa indole “Sanzioni” in caso di emergenza m a ke thing s ha p p e n
  8. 8. 8 Il Datore di Lavoro: a) organizza i necessari rapporti con i servizi pubblici competenti in materia di [...] gestione dell’emergenza; b) designa preventivamente i lavoratori “addetti all'emergenza”; c)informa tutti i lavoratori che possono essere esposti a un pericolo grave e immediato circa le misure predisposte e i comportamenti da adottare; Gestione dell'emergenza m a ke thing s ha p p e n
  9. 9. 9 Il Datore di Lavoro: d) programma gli interventi, prende i provvedimenti e dà istruzioni affinché i lavoratori, in caso di pericolo grave e immediato che non può essere evitato, possano cessare la loro attività, o mettersi al sicuro, abbandonando immediatamente il luogo di lavoro; Gestione dell'emergenza m a ke thing s ha p p e n
  10. 10. 10 Il Datore di Lavoro: e) adotta i provvedimenti necessari affinché qualsiasi lavoratore, in caso di pericolo grave ed immediato per la propria sicurezza o per quella di altre persone e nell’impossibilità di contattare il competente superiore gerarchico, possa prendere le misure adeguate per evitare le conseguenze di tale pericolo, tenendo conto delle sue conoscenze e dei mezzi tecnici disponibili. Gestione dell'emergenza m a ke thing s ha p p e n
  11. 11. 11 Il Datore di Lavoro: e-bis) garantisce la presenza di mezzi di estinzione idonei alla classe di incendio ed al livello di rischio presenti sul luogo di lavoro, tenendo anche conto delle particolari condizioni in cui possono essere usati. L’obbligo si applica anche agli impianti di estinzione fissi, manuali o automatici, individuati in relazione alla valutazione dei rischi. art. 43 Gestione dell'emergenza m a ke thing s ha p p e n
  12. 12. 12 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro 1. All’esito della valutazione dei rischi d’incendio, il datore di lavoro adotta le necessarie misure organizzative e gestionali da attuare in caso di incendio riportandole in un piano di emergenza elaborato in conformità ai criteri di cui all’allegato VIII. 2. Ad eccezione delle aziende di cui all’articolo 3, comma 2 (aziende soggette a controllo VVF), per i luoghi di lavoro ove sono occupati meno di 10 dipendenti, il datore di lavoro non è tenuto alla redazione del piano di emergenza, ferma restando l’adozione delle necessarie misure organizzative e gestionali da attuare in caso di incendio. art. 5 DM 10/03/1998m a ke thing s ha p p e n
  13. 13. 13 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro Il DM 10 marzo 1998 indica che debba essere predisposto e tenuto aggiornato un piano di emergenza, che deve contenere nei dettagli: a) le azioni che i lavoratori devono mettere in atto in caso di incendio; b) le procedure per l’evacuazione del luogo di lavoro che devono essere attuate dai lavoratori e dalle altre persone presenti; c) le disposizioni per chiedere l’intervento dei vigili del fuoco e per fornire le necessariem a ke thing s ha p p e n
  14. 14. 14 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro Nei luoghi di lavoro obbligati ad avere un Piano di Emergenza, i lavoratori devono partecipare ad esercitazioni antincendio, effettuate almeno una volta l’anno, per mettere in pratica le procedure di esodo e di primo intervento. Il DM 10/03/1998 dà inoltre indicazioni sulle modalità di pianificazione delle misure d'emergenza nei luoghi di lavoro di piccole dimensioni o di grandi dimensioni. m a ke thing s ha p p e n
  15. 15. 15 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro Specifiche misure per assistere le persone disabili L’obbligo di valutazione dei rischi previsto all’art. 17 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. è ulteriormente rafforzato dall’art. 28 – oggetto della valutazione dei rischi – laddove si prevede che essa deve riguardare “tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari…” A tal proposito il Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile del Ministero dell’Interno ha emanato la Circolare n. 4 del 01/03/2002 che contiene indicazioni risolutive a garanzia della migliore gestione delle emergenze in presenza di lavoratori con disabilità e la lettera Circolare prot. P880/4122 sott. 54/3C del 18/08/2006 riguardante la sicurezza antincendio neim a ke thing s ha p p e n
  16. 16. 16 Scenari di Emergenza Spesso siamo abituati a parlare principalmente di “emergenza incendio”, ma per la tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavori non basta prendere in considerazione solo tale scenario. m a ke thing s ha p p e n
  17. 17. 17 Scenari di Emergenza L'emergenza è legata alla combinazione di un “pericolo” e di una “vulnerabilità”  PERICOLO: un evento di causa naturale o umana che rischia di incidere negativamente sulla vita umana o sull'attività al punto di provocare un disastro  VULNERABILITA': predisposizione a subire danni a causa di eventi esterni m a ke thing s ha p p e n
  18. 18. 18 Scenari di Emergenza  Eventi interni:  Incendi  Esplosioni  Crolli, cedimenti di impianti e strutture  Infortuni  Malori  Fuga di sostanze pericolose  ... m a ke thing s ha p p e n
  19. 19. 19 Casi “particolari” di emergenze interne  Emergenze legate all'uso di attrezzature per lavori in quota (art. 111)  Emergenze legate ad agenti chimici, cancerogeni e mutageni, amianto (Titolo IX, artt. 226, 237, 258)  Emergenza legata al rischio biologico (Titolo X, art. 271, 272, 277)  Ambienti sospetti di inquinamento o confinati (DPR 177/2011)  Cantieri “stradali” (DM 4 marzo 2013) m a ke thing s ha p p e n
  20. 20. 20 Scenari di Emergenza  Eventi esterni:  Attività confinanti: aziende RIR, aereoporti, ferrovie...  Rischi “territoriali”: incendi boschivi, valanghe, collasso grandi dighe...  Rischi dovuti a dolo o eventi criminosi: atti vandalici, rapine...  Rischi tecnologici: mancanza collegamento telefonico, mancanza energia elettrica...  Eventi sismici  Eventi meteorologici estremi:  Allagamenti, esondazionim a ke thing s ha p p e n
  21. 21. 21 Scenari di Emergenza Per una corretta individuazione degli scenari di emergenza e delle migliori modalità di gestione va fatto quindi un “risk assessment”: 1)Considerare i pericoli  Cause naturali  Cause umane m a ke thing s ha p p e n
  22. 22. 22 Scenari di Emergenza 2) Valutare gli elementi a rischio  Persone  Strutture, etc 3) Valutare la loro vulnerabilità  Età, sesso, etc  Tipologia di costruzione, etc m a ke thing s ha p p e n
  23. 23. 23 Scenari di Emergenza Può essere utile utilizzare una “griglia” di valutazione, mutuata ad esempio dalla matrice S.M.U.G. - Seriousness: impatto relativo di un pericolo, in termini di costi finanziari o di numero di persone colpite o entrambi, valutato anche con riferimento agli impatti su salute e sicurezza - Manageability: possibilità di gestire l'impatto: se il pericolo può essere ridotto prima del suo manifestarsi, la gestibilità è classificabile come “alta”, divesamente se può essere gestito solo dopo che il pericolo si è manifestato, la gestibilità è classificata come “bassa” m a ke thing s ha p p e n
  24. 24. 24 Scenari di Emergenza Valutazione del rischio Caratteristiche ALTO MEDIO BASSO SERIOUSNESS Quanto è seria l'emergenza? Può uccidere persone? MANAGEABILITY Quanto è gestibile? Esistono misure di prevenzione attuabili? URGENCY Quanto è urgente l'intervento? Un'azione tempestiva può limitare i danni? GROWTH Che andamento può avere l'emergenza? Può peggiorare nel tempo? m a ke thing s ha p p e n
  25. 25. 25 Conclusioni E' necessario un nuovo approccio ai Piani di Emergenza, andando ad indagare e delineare in modo migliore gli scenari, senza limitarsi al classico "rischio incendio", e poi mettere a sistema la gestione di questi scenari ed il controllo periodico sia del funzionamento di attrezzature e infrastrutture, sia del personale, attraverso prove di emergenza ed evacuazione serie e realistiche. Perchè il rischio è una funzione dei pericoli a cui una "comunità" è esposta e delle vulnerabilità di quella comunità. Il rischio è modificato dal livello di preparazione della comunità e quindi diventano letteralmente di vitale importanza la preparazione alle emergenze, attraverso la formazione del personale e le esercitazioni periodiche. m a ke thing s ha p p e n
  26. 26. 26 Conclusioni Tutto questo senza dimenticare che, ad oggi, il DM 10/03/1998 prescrive comunque, per le aziende con più di 10 dipendenti, una prova annuale specificatamente dedicata all'emergenza incendio. Nella bozza del nuovo Testo Unico di Prevenzione Incendi, la periodicità di tale prova potrà essere stabilita dal Datore di Lavoro: ad oggi la soluzione ottimale è di condurre una prova annuale “antincendio” alla quale affiancare almeno una prova per uno degli ulteriori scenari di emergenza individuati. Solo in tale modo, a nostro avviso, si può gestire in maniera seria ed efficace l'emergenza in caso di emergenza: attraverso una costante e precisa preparazione! m a ke thing s ha p p e n
  27. 27. 27 Contatti m a ke thing s ha p p e n Ing. Marco Cigolotti via Custodi 5, Novara via Ronchetti 11/a, Oleggio Castello mc@studiocigolotti.it tel. 0321.1696458

×