O slideshow foi denunciado.
Utilizamos seu perfil e dados de atividades no LinkedIn para personalizar e exibir anúncios mais relevantes. Altere suas preferências de anúncios quando desejar.

Rapporto sulla competitività dei settori produttivi 2021

A. Lanza, 7 aprile 2021 -
Rapporto sulla competitività dei settori produttivi strategie oltre la crisi

  • Seja o primeiro a comentar

  • Seja a primeira pessoa a gostar disto

Rapporto sulla competitività dei settori produttivi 2021

  1. 1. Rapporto sulla competitività dei settori produttivi Strategie oltre la crisi ALESSANDRA LANZA 7 APRILE 2021
  2. 2. all rights reserved Rapporto Istat sulla competitività dei settori produttivi | Strategie oltre la crisi 2 Competitività delle imprese italiane nella crisi Covid… Il «Rapporto sulla competitività dei settori produttivi» è uno strumento prezioso perché fornisce per la prima volta nell’ambito della statistica ufficiale un bilancio articolato sugli impatti in Italia della crisi dell’ultimo anno, dettagliandoli tra settori, territori e tipologie d’impresa (ad esempio grandi piccole, internazionalizzate e non, per grado di produttività e solidità finanziaria).
  3. 3. all rights reserved Rapporto Istat sulla competitività dei settori produttivi | Strategie oltre la crisi 3 …e strategie efficaci di reazione e ripartenza Il contributo del Rapporto va però oltre la pura «accountability» della crisi sanitaria, illustrando anche i canali di reazione e il ruolo delle strategie nel condizionare direzioni e intensità della ripresa tra i diversi settori. In particolare, emerge come internazionalizzazione, competitività, organizzazione, digitalizzazione saranno certamente fattori chiave per disegnare la competitività delle imprese italiane nei prossimi anni.
  4. 4. all rights reserved Rapporto Istat sulla competitività dei settori produttivi | Strategie oltre la crisi 4 Un ulteriore fattore chiave per la competitività delle imprese italiane nei prossimi anni: la sostenibilità  Un tema altrettanto strategico e per certi versi trasversale agli elementi individuati nel Rapporto è quello ambientale  La questione della sostenibilità è infatti destinata a condizionare lo scenario competitivo: dalla sua presa di coscienza e valorizzazione passa il salto di qualità necessario all’industria italiana per recuperare quanto perso durante COVID e più in generale il divario accumulato rispetto alle altre economie avanzate già prima della crisi GREEN NEW DEAL CONSUMATORI ISTITUZIONI FINANZIARIE FILIERE
  5. 5. all rights reserved Rapporto Istat sulla competitività dei settori produttivi | Strategie oltre la crisi 5 Le sfide legate alla transizione «green» La sostenibilità ambientale è oggi al centro del disegno di rilancio europeo. Per l’Italia, la transizione «green» porta tre grandi sfide che coinvolgono le imprese e l’intero sistema paese: COMPRENDERE LE IMPLICAZIONI A LIVELLO INTERNAZIONALE GESTIRE LA TRANSIZIONE SFRUTTARE L’EFFICIENZA AMBIENTALE COME VANTAGGIO COMPETITIVO
  6. 6. all rights reserved Rapporto Istat sulla competitività dei settori produttivi | Strategie oltre la crisi 6 Il punto di partenza: emissioni di gas serra per settore Fonte Eurostat Regole più stringenti chiameranno le imprese a una trasformazione (organizzativa, produttiva, nella struttura dei costi), con un’intensità settoriale differenziata in termini di costi, investimenti e opportunità. 0 0.2 0.4 0.6 0.8 1 1.2 0 30 60 90 ITALIA A - AGRICOLTURA B - ESTRAZIONE DI MINERALI C10-C12 - INDUSTRIE ALIMENTARI C13-C15 - TESSILE E ABBIGLIAMENTO C17 - CARTA E PRODOTTI DI CARTA C19 - COKE E PRODOTTI PETROLIFERI C20 - PRODOTTI CHIMICI C22 - GOMMA E PLASTICA C23 - MINERALI NON METALLIFERI C24 - METALLURGIA C27 - APPARECCHIATURE ELETTRICHE C29 - AUTOVEICOLI D - ENERGIA ELETTRICA E GAS E - ACQUA E RIFIUTI F - COSTRUZIONI G - COMMERCIO H - TRASPORTI E MAGAZZINAGGIO I - ALBERGHI E RISTORAZIONE J - ICT L - IMMOBILIARE M - ATTIVITA' PROFESSIONALI N - SERVIZI DI SUPPORTO Emissioni di gas serra e intensità di emissione per NACE (Italia, 2018) Emissioni di gas serra (in mln. di tonnellate, scala sx) Intensità di emissione di gas serra (in kg per € di produzione, scala dx) 329
  7. 7. all rights reserved Rapporto Istat sulla competitività dei settori produttivi | Strategie oltre la crisi 7 L’impatto atteso del Paris Agreement sui costi operativi per settore 0 2 4 6 8 10 12 ITALIA A - AGRICOLTURA B - ESTRAZIONE DI MINERALI C10-C12 - INDUSTRIE ALIMENTARI C13-C15 - TESSILE E ABBIGLIAMENTO C17 - CARTA E PRODOTTI DI CARTA C19 - COKE E PRODOTTI PETROLIFERI C20 - PRODOTTI CHIMICI C22 - GOMMA E PLASTICA C23 - MINERALI NON METALLIFERI C24 - METALLURGIA C27 - APPARECCHIATURE ELETTRICHE C29 - AUTOVEICOLI D - ENERGIA ELETTRICA E GAS E - ACQUA E RIFIUTI F - COSTRUZIONI G - COMMERCIO H - TRASPORTI E MAGAZZINAGGIO I - ALBERGHI E RISTORAZIONE J - ICT L - IMMOBILIARE M - ATTIVITA' PROFESSIONALI N - SERVIZI DI SUPPORTO Variazione % media annua dei costi operativi, delta scenario Paris Agreement vs AS IS al 2030 Fonte: elaborazioni Prometeia basate sull’aumento dei prezzi dell’energia nel caso di scenario Paris Agreement
  8. 8. all rights reserved Rapporto Istat sulla competitività dei settori produttivi | Strategie oltre la crisi 8 Il confronto internazionale | Emissione di gas serra L’efficienza ambientale rappresenterà sempre più un vantaggio competitivo, a causa della sensibilità del consumatore, del minore costo di transizione, delle maggiori possibilità di essere fornitori di fiducia dei capi-filiera più avanzati. 0.00 0.02 0.04 0.06 0.08 0.10 0.12 0.14 0.16 0.18 0.20 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019 Intensità di emissione di gas serra (kg per € di produzione) Germania Francia Italia Regno Unito 60 65 70 75 80 85 90 95 100 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019 Intensità di emissione di gas serra (2013=100) Germania Francia Italia Regno Unito Fonte: Eurostat
  9. 9. all rights reserved Rapporto Istat sulla competitività dei settori produttivi | Strategie oltre la crisi 9 Il confronto internazionale | Emissione di gas serra a livello settoriale Oggi l’Italia rispetto ai competitor mostra un quadro di luci e ombre, con vantaggi comparati in alcuni settori e punti di debolezza in altri. Se messe a sistema le eccellenze di oggi possono contribuire al recupero di competitività necessario per colmare i gap rispetto ai partner europei. 0.0 0.4 0.8 1.2 1.6 2.0 PAESE A - AGRICOLTURA B - ESTRAZIONE DI MINERALI C10-C12 - INDUSTRIE ALIMENTARI C13-C15 - TESSILE E ABBIGLIAMENTO C17 - CARTA E PRODOTTI DI CARTA C19 - COKE E PRODOTTI PETROLIFERI C20 - PRODOTTI CHIMICI C22 - GOMMA E PLASTICA C23 - MINERALI NON METALLIFERI C24 - METALLURGIA C27 - APPARECCHIATURE ELETTRICHE C29 - AUTOVEICOLI D - ENERGIA ELETTRICA E GAS E - ACQUA E RIFIUTI F - COSTRUZIONI G - COMMERCIO H - TRASPORTI E MAGAZZINAGGIO I - ALBERGHI E RISTORAZIONE J - ICT L - IMMOBILIARE M - ATTIVITA' PROFESSIONALI N - SERVIZI DI SUPPORTO Intensità di emissione per NACE (kg per € di produzione, 2018) Italia Germania Francia Regno Unito Fonte: Eurostat Vantaggio competitivo Italia su almeno due competitor
  10. 10. all rights reserved Rapporto Istat sulla competitività dei settori produttivi | Strategie oltre la crisi 10 Il confronto internazionale | Produzione di energia elettrica 0.00 0.05 0.10 0.15 0.20 0.25 0.30 0.35 0.40 0.45 0.50 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019 Quota energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili* Germania Francia Italia Regno Unito 75 100 125 150 175 200 225 250 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019 Quota energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili (2013=100) Germania Francia Italia Regno Unito *Da notare che in Francia il 70% dell’energia elettrica è prodotta tramite nucleare, che non rientra nella definizione di fonte rinnovabile ma che non causa emissioni di gas serra Fonte: Eurostat
  11. 11. all rights reserved Rapporto Istat sulla competitività dei settori produttivi | Strategie oltre la crisi 11 Le emissioni di gas serra incorporate negli scambi internazionali di beni intermedi Oggi la mappa degli approvvigionamenti, cosi come il contributo negativo al saldo commerciale, è fortemente condizionata dalla questione energetica. Affrontare il tema ambientale implica anche un riequilibrio delle filiere produttive, ma in fondo anche delle alleanze geopolitiche a cui Italia ed Europa prendono parte. Nel grafico a destra vengono tracciate le relazioni tra i Paesi e il loro primo «fornitore di gas serra» nella produzione domestica. In altre parole, considerando tutti gli acquisti di beni intermedi che l’Italia effettua per realizzare la propria produzione industriale, la Russia risulta essere il Paese che produce più gas serra nel produrre tali beni intermedi. Principali fornitori di gas serra nelle catene del valore (2015) La freccia termina nel Paese che importa beni intermedi, e parte dal Paese che ha emesso più CO2 nella produzione di tali beni intermedi ITALIA Fonte: elaborazioni Prometeia su dati OCSE
  12. 12. all rights reserved Rapporto Istat sulla competitività dei settori produttivi | Strategie oltre la crisi 12 Score ESG (punteggio da 0-100) imprese quotate Imprese «maschili» vs «femminili»* Sostenibilità: un vantaggio competitivo con spillover positivi 0 10 20 30 40 50 60 70 80 Governance Pillar Social Pillar Environment Pillar ESG Overall Score femminili maschili *Imprese femminili: società con almeno il 40% di donne nel board (29 imprese) Fonte: Elaborazioni Prometeia su dati Refinitiv Environmental Pillar Differenza di punteggio tra imprese «femminili» e «maschili» nelle componenti del pillar 4.4 4.8 5.0 11.2 Environmental Innovation Environment Pillar Emissions Resource Use  L’impiego di fonti rinnovabili e l’efficienza energetica di edifici e processi produttivi sono i tratti distintivi delle imprese a maggior presenza femminile  Occorre, inoltre, considerare che le imprese femminili si concentrano in settori con emissioni più contenute
  13. 13. all rights reserved Rapporto Istat sulla competitività dei settori produttivi | Strategie oltre la crisi 13 Questo documento è la base per una presentazione orale, senza la quale ha quindi limitata significatività e può dar luogo a fraintendimenti. Sono proibite riproduzioni, anche parziali, del contenuto di questo documento senza la previa autorizzazione scritta di Prometeia. Copyright © 2021 Prometeia Confidentiality
  14. 14. all rights reserved Rapporto Istat sulla competitività dei settori produttivi | Strategie oltre la crisi 14 Contatti Bologna Piazza Trento e Trieste, 3 +39 051 6480911 info@prometeia.com Milano Via Brera, 18 +39 02 80505845 info@prometeia.com Istanbul River Plaza, Kat 19 Büyükdere Caddesi Bahar Sokak No. 13, 34394 | Levent | Istanbul | Turkey + 90 212 709 02 80 – 81 – 82 turkey@prometeia.com Londra Dashwood House 69 Old Broad Street EC2M 1QS +44 (0) 207 786 3525 uk@prometeia.com Mosca ul. Ilyinka, 4 Capital Business Center Office 308 +7 (916) 215 0692 russia@prometeia.com Roma Viale Regina Margherita, 279 info@prometeia.com www.prometeia.it Prometeiagroup Prometeia @PrometeiaGroup Prometeia Il Cairo Smart Village - Concordia Building, B2111 Km 28 Cairo Alex Desert Road 6 of October City, Giza info@prometeia.com Zurigo Technoparkstrasse 1 – 8005 switzerland@prometeia.com

×