O slideshow foi denunciado.
Seu SlideShare está sendo baixado. ×

Linkedin for-branding-business

Anúncio
Anúncio
Anúncio
Anúncio
Anúncio
Anúncio
Anúncio
Anúncio
Anúncio
Anúncio
Anúncio
Anúncio
Próximos SlideShares
DML LinkedIn for business 2012
DML LinkedIn for business 2012
Carregando em…3
×

Confira estes a seguir

1 de 47 Anúncio

Linkedin for-branding-business

Quali strategie, obiettivi, opportunità per:
- Creare un Profilo (personal e corporate) per personal e corporate branding
- per fare lead generation
é meglio usare LinkedIn Answers, o creare un Gruppo su LinkedIn?
In che misura utilizzare gli strumenti e le apps di LinkedIn?
Ha senso utilizzare i Servizi Premium o creare una campagna di adv.?

Quali strategie, obiettivi, opportunità per:
- Creare un Profilo (personal e corporate) per personal e corporate branding
- per fare lead generation
é meglio usare LinkedIn Answers, o creare un Gruppo su LinkedIn?
In che misura utilizzare gli strumenti e le apps di LinkedIn?
Ha senso utilizzare i Servizi Premium o creare una campagna di adv.?

Anúncio
Anúncio

Mais Conteúdo rRelacionado

Diapositivos para si (20)

Quem viu também gostou (20)

Anúncio

Semelhante a Linkedin for-branding-business (20)

Mais de DML Srl (20)

Anúncio

Mais recentes (20)

Linkedin for-branding-business

  1. 1. Perché le relazioni contano…
  2. 2. PERSONAL & CORPORATE BRANDING E LEAD GENERATION CON
  3. 3. INTRO: LINKEDIN E’ PARTE DELLA TUA BRAND STRATEGY <ul><li>Quando influisce sul brand, LinkedIn è un pezzo del puzzle… </li></ul><ul><li>Dovete associarlo ai profili su FB, Twitter, blog. </li></ul><ul><li>Il LinkedIn profile deve essere coerente con tutta la vostra presenza online (stesso avatar, nome completo) </li></ul><ul><li>Definite una proposition per il vostro personal branding </li></ul>
  4. 4. GENERATORE DI CONTATTI LinkedIn può diventare un generatore di contatti se si investe un po’ di tempo per condividere la propria esperienza e costruire la propria leadership
  5. 5. Company Profile
  6. 6. 10 MODI PER OTTENERE LEAD QUALIFICATI <ul><li>Un profilo su LinkedIn non basta per promuovere e incrementare la corporate brand awareness e fare networking </li></ul><ul><li>Come fare advanced corporate branding e networking ? </li></ul><ul><li>2 possibilità: </li></ul><ul><li>far leva su LinkedIn Answers per diffondere e promuovere indirettamente prodotti e servizi della tua azienda </li></ul><ul><li>Partecipa o crea un Branded LinkedIn Group </li></ul>
  7. 7. 10 MODI PER OTTENERE LEAD QUALIFICATI <ul><li>2 possibilità: </li></ul><ul><li>far leva su LinkedIn Answers per diffondere e promuovere indirettamente prodotti e servizi della tua azienda </li></ul><ul><li>Partecipa o crea un Branded LinkedIn Group </li></ul>
  8. 8. 10 MODI PER OTTENERE LEAD QUALIFICATI <ul><li>Per prima cosa per capire se LINKEDIN si sposa con la vostra strategia di marketing cercate di capire se la user base di LINKEDIN è la target audience che vi interessa </li></ul>
  9. 9. 10 MODI PER OTTENERE LEAD QUALIFICATI <ul><li>Inoltre cercate di capire quali sono gli obiettivi della vostra presenza su LINKEDIN: </li></ul><ul><ul><li>Sviluppare relazioni con potenziali clienti </li></ul></ul><ul><ul><li>Monitorare la conversazione sul vostro brand </li></ul></ul><ul><ul><li>Presentare e rappresentare la vostra azienda </li></ul></ul>
  10. 10. CERCO LE CASE EDITRICI A MILANO
  11. 12. 1. CREATE E OTTIMIZZATE IL PROFILO <ul><li>1.Create un profilo su LinkedIn brandizzato, personalizzato e unico </li></ul><ul><ul><li>Rendete il vostro profilo convincente . Perfezionatelo chiarendo di cosa vi occupate e quali sono i vostri punti di forza. </li></ul></ul><ul><ul><li>LinkedIn non è Facebook. Perciò il vostro profilo deve essere focalizzato sulla vita professionale , carriera e obiettivi raggiunti </li></ul></ul><ul><ul><li>Impostate il titolo per visualizzare in automatico l’ultimo incarico professionale </li></ul></ul>
  12. 13. 1. CREATE E OTTIMIZZATE IL PROFILO <ul><li>1.Create un profilo su LinkedIn brandizzato, personalizzato e unico </li></ul><ul><ul><li>“ you brand yourself for the job you want , not the job you have“ </li></ul></ul><ul><ul><li>Includete le keyword che i potenziali clienti, business partner o recruiter potrebbero usare nel motore di ricerca di LinkedIn. </li></ul></ul>Dan Schawbel
  13. 14. 1.CREATE E OTTIMIZZATE IL PROFILO <ul><li>Richiedete ai clienti, business partner e colleghi di scrivere una Raccomandazione </li></ul><ul><li>Evitate le raccomandazioni reciproche ma se sono necessarie devono essere specifiche, credibili, dettagliate </li></ul><ul><li>Scrivete raccomandazioni oneste e solo per profili realmente meritevoli </li></ul>
  14. 15. 2.INCREMENTATE LA RETE DEI CONTATTI <ul><li>2.Connettetevi e riconnettetevi </li></ul><ul><li>CONNETTETEVI non solo con i contatti recenti ma anche con quelli passati, focalizzandovi sulla fiducia . </li></ul><ul><li>Quando ottenete un nuovo bigliettino da visita, controllate se la persona ha un profilo su LinkedIn e poi inviate la richiesta di contatto </li></ul><ul><li>Importate i vostri contatti dalle vostre caselle di posta elettronica Window Live, Hotmail, Gmail, Yahoo. </li></ul>
  15. 16. PUBBLICARE L’URL DEL VOSTRO PROFILO <ul><li>Includete l’url del vostro LinkedIn profile nella firma dell’email, CV, blog, sito, business card, per farvi trovare più facilmente </li></ul><ul><li>Allo stesso modo promuovetelo nella newsletter </li></ul>
  16. 17. 2.INCREMENTATE LA RETE DEI CONTATTI <ul><li>2 TIPI DI APPROCCIO ALLE RICHIESTE DI CONTATTO </li></ul><ul><li>CONSERVATIVO: ACCETTA SOLO GLI INVITI DA CHI CONOSCI O DA CHI STIMI </li></ul><ul><li>APERTO: ACCETTA TUTTI GLI INVITI </li></ul><ul><li>Per alcune professioni come sales, business developer, recruiters, business owners, etc. quest’ultimo è più consigliato </li></ul><ul><li>Se la persona che vi contatta NON si rivela nel tempo poco in linea con le vostre aspettative / interesse potete sempre disconnettervi </li></ul>
  17. 18. 3. RAGGIUNGETE I VECCHI CLIENTI Nella richiesta di contatto invece di un messaggio a risposta aperta inviate un commento positivo sui traguardi raggiunt i dal vostro cliente e chiedete quali nuovi progetti sta sviluppando..
  18. 19. 4. PARTECIPATE AGLI STESSI GRUPPI DEI VOSTRI CLIENTI <ul><li>I gruppi possono essere potenti per il vostro brand </li></ul><ul><li>Usate l’Advanced Search per trovare professionisti del vostro stesso settore, imparare e restare aggiornati seguendo le conversazioni </li></ul><ul><li>Potete scoprire punti di debolezza / problemi del vostro settore e come risolverli </li></ul>
  19. 20. 5. CONTROLLATE I PROFILI INDIVIDUALI <ul><li>Controllate se i vostri contatti contribuiscono a blog, partecipano a eventi o leggono libri </li></ul><ul><li>Non esistono altre fonti di informazioni così ricche come LinkedIn per seguire la vita dei vostri potenziali clienti </li></ul>SEGUITE LE ATTIVITA’ DEI VOSTRI PROSPECT
  20. 21. 7. POSTATE CONTENUTI RILEVANTI SUI GRUPPI <ul><li>Create la vostra credibilità nel gruppo condividendo contenuti rilevanti, blog post, link ad articoli che avete scritto, articoli dove siete citati, avvisi di webinar </li></ul><ul><li>Rispettate le dinamiche del gruppo e non cercate di dominare la conversazione </li></ul><ul><li>Il vostro materiale deve essere una risorsa e non un’occasione per vendere </li></ul><ul><li>Aggiungete le slide rilevanti tramite le apps di SlideShare e i libri che avete letto da Amazon . </li></ul><ul><li>Linkate il vostro profilo al vostro blog per arricchire il primo con nuovi contenuti </li></ul>
  21. 22. LANCIATE E PARTECIPATE ALLE DISCUSSIONI
  22. 23. 8. RISPONDETE ALLE DOMANDE Usate LinkedIn come un luogo di discussione e postate ogni giorno una risposta o una domanda in linea con il vostro background professionale Se rispondete ad una domanda di un responsabile all’interno di un’azienda con cui volete far business scrivete una risposta dettagliata, di alto valore. Non sapete mai chi può leggerla.
  23. 24. 8. RISPONDETE ALLE DOMANDE USATE LINKEDIN ANSWERS
  24. 25. 9.CREATE IL VOSTRO GRUPPO SU LINKEDIN <ul><li>Potete aprirlo invitanto solo le persone che conoscete oppure su un’audience più grande </li></ul><ul><li>L’obiettivo è intrattenere i membri e fare leva sulla vostra leadership per fare la differenza con i membri del gruppo. </li></ul><ul><li>LinkedIn offre consigli per usare il canale per costruire il vostro busines s, dimostrare la propria esperienza e influenzare la rete di contatti </li></ul>
  25. 26. GRUPPO SU LINKEDIN CREATO DA FORRESTER
  26. 27. 10. PROMUOVETE AGGIORNANDO IL PROFILO Informate i vostri contatti del lancio di nuovi prodotti o di una joint venture Le conversazioni rappresentano un’opportunità per voi ma anche per prospect, partnership, e altri progetti revenue-generating
  27. 28. COME MASSIMIZZARE IL VALORE? <ul><li>Dipende anche dal tempo che si può investire. Comunque è importante: </li></ul><ul><ul><li>Rispondere a ciò che arriva nell’inbox (introductions, invitations, inMails, etc.) </li></ul></ul><ul><ul><li>Controllare la sezione Answers per vedere se qualcuno risponde </li></ul></ul><ul><ul><li>Postare sulla sezione Answers (almeno una volta a settimana) </li></ul></ul><ul><ul><li>Create eventi Business per la vostra azienda </li></ul></ul>
  28. 29. CREA UN EVENTO SU LINKEDIN
  29. 30. CORPORATE PROFILE E GRUPPI <ul><li>Perché creare un Corporate profile o un gruppo su LinkedIn? </li></ul>Per aumentare la visibilità Per aumentare la credibilità e autorevolezza nel proprio settore Per costruire relazioni
  30. 31. CORPORATE PROFILE SU LINKEDIN <ul><li>Il vostro Corporate profile deve essere marketing - oriented </li></ul><ul><li>Consideratelo una web page su un mezzo evoluto come LINKEDIN </li></ul><ul><li>Valorizzatelo con le referenze (non solo clienti in portafoglio ma anche fornitori, partner, etc.) </li></ul><ul><li>Progettatelo come uno strumento promozionale della vostra azienda </li></ul><ul><li>Presentatelo in maniera coerente con il company profile ufficiale </li></ul>
  31. 32. PROFILO PROFESSIONALE INDIVIDUALE <ul><li>La testata del profilo è strategica </li></ul><ul><li>Viene visualizzata </li></ul><ul><li>nell’anteprima del risultato delle ricerche </li></ul><ul><li>Deve contenere almeno il Job title, credenziali e una foto </li></ul><ul><li>E’ costituita da max 110 caratteri </li></ul>“ Brand yourself” !!
  32. 33. PROFILO PROFESSIONALE INDIVIDUALE <ul><li>Il profilo si può customizzare </li></ul><ul><li>Includere il sito aziendale </li></ul><ul><li>Customizzare l’url http://linkedin.com/in/nomecognome </li></ul><ul><li>per essere ben posizionati su google </li></ul><ul><li>Curare summary, esperienza, keyword </li></ul><ul><li>Fate postare raccomandazioni </li></ul>
  33. 34. PROFILO DI UN’AZIENDA
  34. 35. GESTIRE IL PROFILO AZIENDALE SU LINKEDIN <ul><li>Presentare la UVP (Unique value proposition) </li></ul><ul><li>Elencare i vostri 3 siti più importanti (istituzionale, blog, twitter profile) </li></ul><ul><li>Valutare quali info dare per farsi contattare da potenziali partner (struttura organizzativa, skill delle risorse, etc.) </li></ul><ul><li>Localizzare la vostra azienda fornendo l ’indirizzo dei vostri uffici </li></ul><ul><li>Fornire news aggiornate sulla vostra azienda (integrando il blog, slideshare profile, etc.) </li></ul><ul><li>Caricare white paper utili per i vostri potenziali clienti o partner </li></ul><ul><li>Organizzare eventi su LINKEDIN per specifici interessi professionali o conferenze e promuovere il profilo su contatti acquisiti, prospect e per diventare leader nel vostro settore </li></ul>
  35. 36. COME GESTIRE IL BRAND SU LINKEDIN <ul><li>Come comunica l’azienda e i dipendenti su LINKEDIN? </li></ul><ul><li>Cercate i riferimenti all’azienda per nome dell’azienda e keyword associate </li></ul><ul><li>Controllare se l’elenco dei dipendenti registrati corrisponde a quello corrente e se le posizioni sono coerenti </li></ul><ul><li>Valutate se i loro profili danneggiano o favoriscono l’immagine aziendale </li></ul><ul><li>Qual è la cultura aziendale su LINKEDIN? </li></ul><ul><li>La vostra azienda è proattiva? È prevista una formazione per l’uso del mezzo da parte dello staff? </li></ul><ul><li>Avete delle linee guida / policy aziendale per l’uso del mezzo? </li></ul><ul><li>Quali parametri usate per misurare l’efficacia di LINKEDIN? </li></ul>
  36. 37. CREARE UN GRUPPO SU LINKEDIN <ul><li>Una volta creato il gruppo come dovete gestirlo? </li></ul><ul><li>I Gruppi su LINKEDIN sono asset potenti per il brand </li></ul><ul><li>Create un gruppo attorno ad un argomento che dovrete padroneggiare, non attorno all’azienda </li></ul><ul><li>Decidete se localizzare il gruppo o renderlo internazionale e aperto ad un maggior numero di membri </li></ul><ul><li>Invitate i vostri contatti a partecipare al gruppo, ma solo dopo un’analisi dei loro profili </li></ul><ul><li>Promuovete il gruppo su FB, Twitter e il blog </li></ul><ul><li>Inviate news, contenuti, articoli, discussioni per creare una community </li></ul>
  37. 38. NETWORK: QUANTITA’ O QUALITA’? Dipende dagli obiettivi della vostra presenza sui Social Media
  38. 39. COSTRUIRE IL NETWORK Creato il profilo è necessario creare il network LinkedIn aiuta in questo processo visualizzando il primo, secondo e terzo grado di contatti. Pertanto maggiore è il numero di contatti di primo livello maggiori possibilità di arrivare ai contatti successivi.
  39. 40. COSTRUIRE IL NETWORK <ul><li>Creato il profilo è necessario creare il network </li></ul><ul><li>Quando dovete decidere se accettare degli inviti pensate sempre che: </li></ul><ul><li>i contatti di primo livello potrebbero aiutarvi nel networking </li></ul><ul><li>superati i 500 contatti avrete molta più visibilità </li></ul><ul><li>maggiori contatti, maggiori opportunità di business e di carriera </li></ul><ul><li>in molti casi la quantità fa anche la qualità. </li></ul>
  40. 41. SVILUPPARE UN BUSINESS SOCIAL NETWORK <ul><li>Spedite inviti singoli ma anche di gruppo con lo stesso messaggio </li></ul><ul><li>Importate i contatti da outlook / file excel </li></ul><ul><li>Cercate i contatti su LINKEDIN da Database aziendale e bigliettini da visita raccolti </li></ul><ul><li>Usate le ricerche per keyword / cognome / Job title / aziende / settore merceologico </li></ul><ul><li>Sfruttate le potenzialità della ricerca avanzata </li></ul><ul><li>Localizzate la ricerca con il CAP </li></ul><ul><li>Controllate sempre se il profilo che volete contattare ha pubblicato email / telefono e contattatelo direttamente </li></ul><ul><li>Usate l’applicazione “Invia una InMAil” </li></ul><ul><li>Richiedete una presentazione da terze parti </li></ul><ul><li>Controllate , dopo aver accettato un’invitation, il profilo della persona che vi contatta per scoprire che tipo di business potreste fare insieme </li></ul>
  41. 42. COME FAVORIRE IL NETWORKING Non basta spedire inviti, ma è necessario essere pronti a riceverli <ul><li>Essere aperti e disponibili </li></ul><ul><li>Ricevete un invito alla connessione, accettate. Continuare la conversazione cui siete invitati aiuta a costruire relazioni </li></ul><ul><li>Pubblicare l’indirizzo email </li></ul><ul><li>Rendetelo visibile alle fine del sommario e nel campo contatti </li></ul><ul><li>Promuovete il vostro URL : </li></ul><ul><li>Nella firma dell’email, nel CV tradizionale, nel blog, nel vostro sito, nelle presentation, nel bigliettino da visita (ove possibile) </li></ul><ul><li>Aggiornate il vostro status </li></ul>
  42. 43. MISURARE IL ROI PER LINKEDIN <ul><li>Come misurare l’efficacia in termini di business della presenza su LI </li></ul><ul><li>Campagne di recruitment : </li></ul><ul><li>Risparmio in termini di fee alle agenzie di selezione/head hunters </li></ul><ul><li>Risparmio di tempo fino al 50% </li></ul><ul><li>Maggiori probabilità di trovare candidati particolarmente specializzati </li></ul><ul><li>Ricerca partnership / fornitori specializzati </li></ul><ul><li>Risparmio di tempo e danaro </li></ul><ul><li>Servizi più qualificati e referenziati </li></ul><ul><li>Incremento reach, traffico, acquisition, vendite e retention </li></ul><ul><li>Attraverso strumenti come gruppi, profili aziendali e apps (google doc, social causes apps, slideshare app, wordpress app) </li></ul><ul><li>Incremento brand awareness e reputation </li></ul><ul><li>  </li></ul>
  43. 44. RIFERIMENTI <ul><li>10 Tips for Using LinkedIn to Generate Leads di Brian Carrol – MarketingProfs, Dic. 2009 (http://www.marketingprofs.com/articles/2009/3281/10-tips-for-using-linkedin-to-generate-leads) </li></ul><ul><li>HOW to build your Personal Brand con LinkedIn di Dan Schawbel - Mashable (http://mashable.com/2009/07/27/linkedin-personal-brand/) </li></ul>
  44. 45. Iscriviti al mio gruppo su LinkedIn: DigitalMarketingLab Più di 700 membri
  45. 46. Contatti <ul><li>Tutte le informazioni relative ai corsi, programmi e metodologia applicata da Digital Marketing Lab sono disponibili online sul sito web </li></ul><ul><li>www.dml.it </li></ul><ul><li>Per informazioni: info@dml.it, leonardobellini@dml.it </li></ul>
  46. 47. GRAZIE PER L’ATTENZIONE <ul><li>Leonardo Bellini – Consulenza e servizi di marketing digitale </li></ul><ul><li>Autore di Fare business con il Web –Lupetti Editore </li></ul><ul><li>Ho curato l’edizione italiana di: </li></ul><ul><li>Web In azienda – ETAS </li></ul><ul><li>Noi è meglio - ETAS </li></ul><ul><li>Riferimenti online: </li></ul><ul><li>Booksite: www.farebusinessconilweb.com </li></ul><ul><li>Brandsite: www.dml.it </li></ul><ul><li>Blogsite: www.digitalmarketinglab.it </li></ul><ul><li>Scrivetemi a: [email_address] </li></ul>

Notas do Editor

  • Q: What is the value of a LinkedIn profile to a larger corporation? Are companies using linked in to raise awareness of their most skilled people? . In the profile there&apos;s nothing wrong talking about, in your summary, what you do, what your company offers, etc. This contributes to the corporate brand and might show up in search results... good for the company, isn&apos;t it? Q: How else can LinkedIn can be used to advance corporate branding? A: Develop an Answers strategy based around the offering or messaging of the company. Just beware that the answers to your questions will likely bring out competition, and lots of opinions... so you don&apos;t have much control over where the conversation can go. Q: Should every company have a LinkedIn &amp;quot;group&amp;quot;? A: I don&apos;t think so. Groups are not very functional, and there is overhead to maintaining the group. I have a group so I can market my Web site (http://www.JibberJobber.com) and offering, but I&apos;m doing it to market and brand my stuff—not develop a cohesive networking environment with my employees or key customers. Q: How might LinkedIn fit into a marketing strategy? A: Think about how social networking would fit into your marketing strategy... and if it does fit, then consider whether LinkedIn&apos;s user base is the audience you want to touch. If so, it would fit into your marketing strategy. It fits into my strategy because there are people there who would buy my books, webinars or speaking, or would sign up for JibberJobber.com... etc. If I were a coach or consultant I would participate there to develop relationships with potential clients or sneezers. As a big company you could participate to monitor conversations around your brand, represent your company, etc. It will depend on your company, and your marketing strategy, and your audience... does it seem to make sense for you?
  • Q: What is the value of a LinkedIn profile to a larger corporation? Are companies using linked in to raise awareness of their most skilled people? . In the profile there&apos;s nothing wrong talking about, in your summary, what you do, what your company offers, etc. This contributes to the corporate brand and might show up in search results... good for the company, isn&apos;t it? Q: How else can LinkedIn can be used to advance corporate branding? A: Develop an Answers strategy based around the offering or messaging of the company. Just beware that the answers to your questions will likely bring out competition, and lots of opinions... so you don&apos;t have much control over where the conversation can go. Q: Should every company have a LinkedIn &amp;quot;group&amp;quot;? A: I don&apos;t think so. Groups are not very functional, and there is overhead to maintaining the group. I have a group so I can market my Web site (http://www.JibberJobber.com) and offering, but I&apos;m doing it to market and brand my stuff—not develop a cohesive networking environment with my employees or key customers. Q: How might LinkedIn fit into a marketing strategy? A: Think about how social networking would fit into your marketing strategy... and if it does fit, then consider whether LinkedIn&apos;s user base is the audience you want to touch. If so, it would fit into your marketing strategy. It fits into my strategy because there are people there who would buy my books, webinars or speaking, or would sign up for JibberJobber.com... etc. If I were a coach or consultant I would participate there to develop relationships with potential clients or sneezers. As a big company you could participate to monitor conversations around your brand, represent your company, etc. It will depend on your company, and your marketing strategy, and your audience... does it seem to make sense for you?
  • Q: What is the value of a LinkedIn profile to a larger corporation? Are companies using linked in to raise awareness of their most skilled people? . In the profile there&apos;s nothing wrong talking about, in your summary, what you do, what your company offers, etc. This contributes to the corporate brand and might show up in search results... good for the company, isn&apos;t it? Q: How else can LinkedIn can be used to advance corporate branding? A: Develop an Answers strategy based around the offering or messaging of the company. Just beware that the answers to your questions will likely bring out competition, and lots of opinions... so you don&apos;t have much control over where the conversation can go. Q: Should every company have a LinkedIn &amp;quot;group&amp;quot;? A: I don&apos;t think so. Groups are not very functional, and there is overhead to maintaining the group. I have a group so I can market my Web site (http://www.JibberJobber.com) and offering, but I&apos;m doing it to market and brand my stuff—not develop a cohesive networking environment with my employees or key customers. Q: How might LinkedIn fit into a marketing strategy? A: Think about how social networking would fit into your marketing strategy... and if it does fit, then consider whether LinkedIn&apos;s user base is the audience you want to touch. If so, it would fit into your marketing strategy. It fits into my strategy because there are people there who would buy my books, webinars or speaking, or would sign up for JibberJobber.com... etc. If I were a coach or consultant I would participate there to develop relationships with potential clients or sneezers. As a big company you could participate to monitor conversations around your brand, represent your company, etc. It will depend on your company, and your marketing strategy, and your audience... does it seem to make sense for you?
  • Q: What is the value of a LinkedIn profile to a larger corporation? Are companies using linked in to raise awareness of their most skilled people? . In the profile there&apos;s nothing wrong talking about, in your summary, what you do, what your company offers, etc. This contributes to the corporate brand and might show up in search results... good for the company, isn&apos;t it? Q: How else can LinkedIn can be used to advance corporate branding? A: Develop an Answers strategy based around the offering or messaging of the company. Just beware that the answers to your questions will likely bring out competition, and lots of opinions... so you don&apos;t have much control over where the conversation can go. Q: Should every company have a LinkedIn &amp;quot;group&amp;quot;? A: I don&apos;t think so. Groups are not very functional, and there is overhead to maintaining the group. I have a group so I can market my Web site (http://www.JibberJobber.com) and offering, but I&apos;m doing it to market and brand my stuff—not develop a cohesive networking environment with my employees or key customers. Q: How might LinkedIn fit into a marketing strategy? A: Think about how social networking would fit into your marketing strategy... and if it does fit, then consider whether LinkedIn&apos;s user base is the audience you want to touch. If so, it would fit into your marketing strategy. It fits into my strategy because there are people there who would buy my books, webinars or speaking, or would sign up for JibberJobber.com... etc. If I were a coach or consultant I would participate there to develop relationships with potential clients or sneezers. As a big company you could participate to monitor conversations around your brand, represent your company, etc. It will depend on your company, and your marketing strategy, and your audience... does it seem to make sense for you?
  • Personal branding expert Dan Schawbel suggests that you brand yourself for the job you want, not the job you have. 1.Create un profilo su LinkedIn brandizzato, personalizzato e unico. Rendete il vostro profilo convincente . Perfezionatelo chiarendo di cosa vi occupate e quali sono i vostri punti di forza. LinkedIn non è Facebook. Perciò il vostro profilo deve essere focalizzato sulla vita professionale, carriera e obiettivi raggiunti Impostate il titolo per visualizzare in automatico l’ultimo incarico professionale. Seguite il suggerimento degli esperti (Dan Schawbel): “you brand yourself for the job you want, not the job you have“ Includete le keywords che i potenziali clienti, business partner o recruiter potrebbero usare nel motore di ricerca di LinkedIn. Richiedete ai clienti, business partner e colleghi di scrivere una raccomandazione ( recommendations, [providing] they are sincere and add value. I&apos;ve heard from many people that recommendations are just a reciprocal thing and it really isn&apos;t valuable. I don&apos;t necessarily agree with this. I read recommendations and see if there is depth, specifics, and real credibility. If it&apos;s general or vague, I disregard it, but if it&apos;s specific, and the person giving it seems to be in some position of authority, it adds value (at least to me). so, when I get a request for a recommendation I assume it&apos;s from a bulk-request. I simply ignore the request if I don&apos;t know the person, or I reply and say, &amp;quot;We haven&apos;t worked together in a capacity to let me know how you work, or what you do. I&apos;m not comfortable recommending you yet, but as I get to know you better I&apos;ll keep this in mind.“ Scrivete raccomandazioni oneste e solo per profili realmente meritevoli Aggiungete e pubbblicate la vostra email in coda al sommario o nella sezione contatti. Aggiornate il vostro profilo ogni volta che si rende necessario. Le persone del vostro network sono interessate a conoscere I vostri nuovi progetti e obiettivi
  • Personal branding expert Dan Schawbel suggests that you brand yourself for the job you want, not the job you have. 1.Create un profilo su LinkedIn brandizzato, personalizzato e unico. Rendete il vostro profilo convincente . Perfezionatelo chiarendo di cosa vi occupate e quali sono i vostri punti di forza. LinkedIn non è Facebook. Perciò il vostro profilo deve essere focalizzato sulla vita professionale, carriera e obiettivi raggiunti Impostate il titolo per visualizzare in automatico l’ultimo incarico professionale. Seguite il suggerimento degli esperti (Dan Schawbel): “you brand yourself for the job you want, not the job you have“ Includete le keywords che i potenziali clienti, business partner o recruiter potrebbero usare nel motore di ricerca di LinkedIn. Richiedete ai clienti, business partner e colleghi di scrivere una raccomandazione ( recommendations, [providing] they are sincere and add value. I&apos;ve heard from many people that recommendations are just a reciprocal thing and it really isn&apos;t valuable. I don&apos;t necessarily agree with this. I read recommendations and see if there is depth, specifics, and real credibility. If it&apos;s general or vague, I disregard it, but if it&apos;s specific, and the person giving it seems to be in some position of authority, it adds value (at least to me). so, when I get a request for a recommendation I assume it&apos;s from a bulk-request. I simply ignore the request if I don&apos;t know the person, or I reply and say, &amp;quot;We haven&apos;t worked together in a capacity to let me know how you work, or what you do. I&apos;m not comfortable recommending you yet, but as I get to know you better I&apos;ll keep this in mind.“ Scrivete raccomandazioni oneste e solo per profili realmente meritevoli Aggiungete e pubbblicate la vostra email in coda al sommario o nella sezione contatti. Aggiornate il vostro profilo ogni volta che si rende necessario. Le persone del vostro network sono interessate a conoscere I vostri nuovi progetti e obiettivi
  • Personal branding expert Dan Schawbel suggests that you brand yourself for the job you want, not the job you have. 1.Create un profilo su LinkedIn brandizzato, personalizzato e unico. Rendete il vostro profilo convincente . Perfezionatelo chiarendo di cosa vi occupate e quali sono i vostri punti di forza. LinkedIn non è Facebook. Perciò il vostro profilo deve essere focalizzato sulla vita professionale, carriera e obiettivi raggiunti Impostate il titolo per visualizzare in automatico l’ultimo incarico professionale. Seguite il suggerimento degli esperti (Dan Schawbel): “you brand yourself for the job you want, not the job you have“ Includete le keywords che i potenziali clienti, business partner o recruiter potrebbero usare nel motore di ricerca di LinkedIn. Richiedete ai clienti, business partner e colleghi di scrivere una raccomandazione ( recommendations, [providing] they are sincere and add value. I&apos;ve heard from many people that recommendations are just a reciprocal thing and it really isn&apos;t valuable. I don&apos;t necessarily agree with this. I read recommendations and see if there is depth, specifics, and real credibility. If it&apos;s general or vague, I disregard it, but if it&apos;s specific, and the person giving it seems to be in some position of authority, it adds value (at least to me). so, when I get a request for a recommendation I assume it&apos;s from a bulk-request. I simply ignore the request if I don&apos;t know the person, or I reply and say, &amp;quot;We haven&apos;t worked together in a capacity to let me know how you work, or what you do. I&apos;m not comfortable recommending you yet, but as I get to know you better I&apos;ll keep this in mind.“ Scrivete raccomandazioni oneste e solo per profili realmente meritevoli Aggiungete e pubbblicate la vostra email in coda al sommario o nella sezione contatti. Aggiornate il vostro profilo ogni volta che si rende necessario. Le persone del vostro network sono interessate a conoscere I vostri nuovi progetti e obiettivi
  • Personal branding expert Dan Schawbel suggests that you brand yourself for the job you want, not the job you have.
  • Cosa scrivere nel messaggio di richiesta contatto? Ragionate come se mandaste un’email ad una lista fredda , non vostra proprietaria. Indicate che avete trovato il profilo su LinkedIn, fornite brevi info sul vostro background e le ragioni del contatto.
  • Personal branding expert Dan Schawbel suggests that you brand yourself for the job you want, not the job you have.
  • Personal branding expert Dan Schawbel suggests that you brand yourself for the job you want, not the job you have.
  • Personal branding expert Dan Schawbel suggests that you brand yourself for the job you want, not the job you have.
  • Personal branding expert Dan Schawbel suggests that you brand yourself for the job you want, not the job you have.
  • 05/09/10 1

×