SlideShare uma empresa Scribd logo
1 de 56
Baixar para ler offline
DISLESSIA E DISTURBI SPECIFICI DI
APPRENDIMENTO
GIORNATA DI FORMAZIONE PER DOCENTI REFERENTI
MPI - USRL – USP Pesaro - AID
PROPOSTE DIDATTICHE PER GLI ALUNNI
DISLESSICI
SCUOLA DELL’INFANZIA
SCUOLA PRIMARIA
PESARO 12 MARZO 2007
MARIAGRAZIA GOZIO
(Insegnante – Comitato Nazionale Scuola AID)
IMPORTANZA DELL’IDENTIFICAZIONE PRECOCE
COSA OSSERVARE – QUALI GLI INDICI DI
RISCHIO
STRUMENTI
PROCESSI DI LETTURA
APPRENDIMENTO
COSA FARE
DI COSA PARLIAMO?
 FAVORIRE L’INSTAURARSI DI ADEGUATE STRATEGIE
 EVITARE CHE AUMENTI IL DIVARIO TRA LE
PRESTAZIONI DEL BAMBINO IN DIFFICOLTÀ E QUELLE
DEL GRUPPO CLASSE
 EVITARE LA PERDITA DI MOTIVAZIONE
 ACQUISIRE UNA ADEGUATA AUTOSTIMA PERSONALE,
EVITANDO CHE SI INSTAURINO SENSI DI
INADEGUATEZZA ED INFERIORITÀ
Scuola dell’infanzia e primi anni scuola primaria
IDENTIFICAZIONE PRECOCE
Segnali di rischio e
difficoltà
Intervenire: “risolvere” o “ridurre”
SCUOLA DELL’INFANZIA:
Perché?
CONCETTUALIZZAZIONE DELLA
LINGUA SCRITTA
CONTINUITÀ NEGLI INTERVENTI
METALINGUISTICA
PERCORSO DI COSTRUZIONE
DELLA LINGUA SCRITTA
• DIFFERENZIAZIONE DISEGNO
SCRITTURA
• LIVELLO PRESILLABICO
• LIVELLO SILLABICO
- non convenzionale
- convenzionale
• LIVELLO SILLABICO-ALFABETICO
• LIVELLO ALFABETICO
ESEMPI DI SCRITTURE SPONTANEE
(da Coruzzi-Ramazzotti)
PRESILLABICO
SILLABICO CONVENZIONALE
SILLABICO NON CONVENZIONALE
SILLABICO-ALFABETICO
DIFFICOLTÀ CHE SI POSSONO
RISCONTRARE ALLA SCUOLA
DELL’INFANZIA
 A QUATTRO ANNI DIFFICOLTÀ DI
LINGUAGGIO
 INADEGUATEZZA NEI GIOCHI FONOLOGICI
 DIFFICOLTÀ NELLA COPIA DA MODELLO E
DISORDINE NELLO SPAZIO DEL FOGLIO
 DIFFICOLTÀ NELL’UTILIZZO DELLA MEMORIA
A BREVE TERMINE
 DIFFICOLTÀ AD IMPARARE FILASTROCCHE
 DIFFICOLTÀ A MEMORIZZARE NOMI DI OGGETTI
CONOSCIUTI ED UTILIZZATI SPESSO
 DIFFICOLTÀ DI ATTENZIONE
 INADEGUATA MANUALITÀ FINE
 GOFFAGGINE ACCENTUATA NEL VESTIRSI,
ALLACCIARSI LE SCARPE, RIORDINARE
 INADEGUATO RICONOSCIMENTO DELLA DESTRA
E DELLA SINISTRA
 DIFFICOLTÀ A RIPRODURRE RITMI E A
MANTENERE IL RITMO PER UN TEMPO
PROLUNGATO
DIFFICOLTÀ
RILEVABILI ALLA SCUOLA PRIMARIA
 INADEGUATA PADRONANZA FONOLOGICA
 DIFFICOLTÀ A MEMORIZZARE LE LETTERE
 DIFFICOLTÀ A RICONOSCERE I DIVERSI
CARATTERI TIPOGRAFICI
 LETTERE E NUMERI SCAMBIATI: 42/24 -
SC/CS
 SOSTITUZIONE DI SUONI SIMILI: P/B -
D/T - M/N - R/L - S/Z
 DISGRAFIA
 ERRORI DI SCRITTURA VARI
 PERDITA DELLA RIGA E SALTO DELLA
PAROLA DURANTE LA LETTURA
 LENTEZZA E SCORRETTEZZA NELLA
LETTURA
DIFFICOLTÀ:
 A COPIARE DALLA LAVAGNA
 AD UTILIZZARE LO SPAZIO DEL FOGLIO
 AD IMPARARE LE TABELLINE
 NEL CALCOLO MENTALE E A CONTARE IN
SENSO REGRESSIVO
 A MEMORIZZARE I GIORNI DELLA
SETTIMANA, I MESI,
DIFFICOLTÀ:
 AD IMPARARE L’ORDINE ALFABETICO E AD
USARE IL VOCABOLARIO
 CON DESTRA E SINISTRA,
 NELLA MEMORIZZAZIONE DI SEQUENZE,
NELL’ORIENTAMENTO SPAZIALE
 A MEMORIZZARE LE PROCEDURE DELLE
OPERAZIONI ARITMETICHE ED I SEGNI
ARITMETICI
 AD IMPARARE I TERMINI SPECIFICI DELLE
DISCIPLINE
 DI ESPOSIZIONE ORALE (esposizione vincolata)
 A RICONOSCERE LE CARATTERISTICHE
MORFOLOGICHE DELLA LINGUA ITALIANA
 A RICORDARE GLI ELEMENTI GEOGRAFICI, LE
EPOCHE STORICHE, LE DATE DEGLI EVENTI
(Natale, proprio compleanno, …)
 AD UTILIZZARE IL DIARIO
 A MEMORIZZARE LO SPAZIO GEOGRAFICO ED I
NOMI NELLE CARTE
 AD APPRENDERE LE LINGUE STRANIERE
 DI ATTENZIONE E CONCENTRAZIONE.
 AD ORGANIZZARE IL TEMPO IN ANTICIPO ED
A LEGGERE L’OROLOGIO
 A MEMORIZZARE I GIORNI DELLA SETTIMANA,
I MESI, L’ORDINE ALFABETICO
COSA POSSIAMO FARE COME
SCUOLA?
 CONOSCERE
 INDIVIDUARE
 INTERVENIRE CON UNA DIDATTICA
ADEGUATA (costruttivismo, metacognizione,
app. cooperativo,…) ED UNA GIUSTA
VALUTAZIONE
PER LA RILEVAZIONE DI DIFFICOLTÀ
NELLA COMPETENZA
METAFONOLOGICA:
CMF
(Marotta-Trasciani-Vicari CMF-Valutazione delle
competenze metafonologiche” Erickson)
ALCUNI STRUMENTI
ALCUNI STRUMENTI
PRCR-2 – PROVE DI PREREQUISITO PER LA DIAGNOSI
DELLE DIFFICOLTÀ DI LETTURA E SCRITTURA
Cornoldi – Miato – Molin – Poli O. S. Firenze
•Per bambini della scuola dell’infanzia e dei primi due anni
della scuola primaria e per casi di difficoltà di
apprendimento fino alla classe quinta
•Indaga “il livello di possesso dei prerequisiti specifici e di
esecuzione dei processi parziali implicati nell’attività di
decodifica di lettura e scrittura”.
•Sono raggruppate in sei aree: Analisi visiva, Lavoro
seriale da sinistra a destra, Discriminazione uditiva e
ritmo, Memoria uditiva sequenziale e fusione uditiva,
Integrazione visivo-uditiva, Globalità visiva
ALCUNI STRUMENTI
• Brani differenziati per fasce d’età
• Monitoraggio dell’abilità di decifrazione di un
testo
• Punteggio di correttezza e punteggio di
rapidità (tempo di lettura di una sillaba)
PROVE MT CORRETTEZZA E RAPIDITÀ
(valutano l’efficienza nella lettura strumentale)
BATTERIA PER LA VALUTAZIONE DELLA
SCRITTURA E DELLA COMPETENZA ORTOGRAFICA
nella scuola dell’obbligo
(Tressoldi – Cornoldi)
PERMETTE:
• di analizzare egli errori ortografici possibili
• di comprendere quali sono le abilità necessarie
per superare gli errori
• di predisporre interventi adeguati
ALCUNI STRUMENTI
MECCANISMI DEL PROCESSO DI
LETTURA
 MECCANISMO DI ANTICIPAZIONE:
il lettore immagina ciò che è scritto prima di decifrarlo
interamente.
Si basa su indici linguistici ed extralinguistici.
Meccanismo cognitivo.
 MECCANISMO DI DECIFRAZIONE:
lo scritto viene analizzato nelle unità che lo
compongono.
Meccanismo percettivo
Meccanismi presenti già nella lettura spontanea
del bambino prescolare.
FASI DI APPRENDIMENTO DELLA
LETTURA E DELLA SCRITTURA
(Modello di Uta Frith)
1. STADIO LOGOGRAFICO: le parole scritte
rappresentano gli oggetti.
2. STADIO ALFABETICO: le parole scritte
rappresentano il linguaggio verbale.
3. STADIO ORTOGRAFICO: analisi della parola in
unità ortografiche.
4. STADIO LESSICALE:formazione magazzino
lessicale.
DECODIFICA
COMPRENSIONE
Rapporto di dipendenza e di
indipendenza
COMPONENTI LETTURA
COMPRENSIONE:
IMPORTANTE PER LO
STUDIO
SOGGETTI A RISCHIO DI INSUCCESSO
SCOLASTICO (R. Medeghini – Corso “Perché è così
difficile apprendere? I disturbi specifici di lettura”)
VARIABILI PREDITTIVE (IN ORDINE
D’IMPORTANZA)
• LINGUISTICHE
• COMPORTAMENTO, ATTENZIONE
• ABILITÀ VISUOMOTORIE
• DISCRIMINAZIONE UDITIVA E VISIVA
• MOTRICITÀ GENERALE E FINE, DOMINANZA
APPRENDIMENTO
L’APPRENDIMENTO È UN PROCESSO
NATURALE ATTIVO CHE IMPEGNA LA
VOLONTÀ ED È MEDIATO INTERNAMENTE.
È UN PROCESSO DI COSTRUZIONE DI
SIGNIFICATI IN BASE ALLE INFORMAZIONI
E ALLE ESPERIENZE, DIRETTO A UN
OBIETTIVO E FILTRATO ATTRAVERSO LE
PERCEZIONI, I PENSIERI E I SENTIMENTI
DI CIASCUN ALLIEVO.
(PIETRO BOSCOLO)
APPLICARE UNA DIDATTICA PER LA
CLASSE
 DIDATTICA COSTRUTTIVISTA
•APPRENDIMENTO COOPERATIVO/TUTORING
•APPROCCIO METACOGNITIVO (per l’insegnante e per
l’alunno)
•COSTRUZIONE DI ABILITÀ DI STUDIO
MANTENIMENTO E SVILUPPO DELLA MOTIVAZIONE
SVILUPPO DELL’AUTONOMIA
DIDATTICA COSTRUTTIVISTA
 BASATA SU PROCESSI DI COSTRUZIONE
ATTIVA DI SIGNIFICATI
 LA CONOSCENZA NASCE DAL CONFLITTO TRA
LE INFORMAZIONI IN ARRIVO E LE
CONOSCENZE DEPOSITATE IN MEMORIA
 UTILIZZO DI SCHEMI PER DARE
ORGANIZZAZIONE E SENSO ALLE
INFORMAZIONI
DIDATTICA COSTRUTTIVISTA
 CARATTERISTICHE INDIVIDUALI DEL
SOGGETTO
 ATTIVITÀ DI APPRENDIMENTO
 CARATTERISTICHE DEL MATERIALE DA
APPRENDERE
 CARATTERISTICHE DELLA QUALITÀ
DELL’ISTRUZIONE
 COMPITO CRITERIALE
APPRENDIMENTO RISULTATO
DELL’INTERAZIONE TRA PIÙ ELEMENTI:
 LAVORO FONOLOGICO
 LEGGERE E RIPRODURRE RITMI
 AFFINARE LA CONSAPEVOLOZZA DEI SUONI
CHE SI POSSONO PRODURRE ATTRAVERSO
LA VOCE
 ATTIVITÀ DI SIMBOLIZZAZIONE
 LEGGERE MOLTO AI BAMBINI
 DARE LIBRI
 COSTRUIRE LIBRI
COSA FARE
SCUOLA
DELL’INFANZIA
STIMOLARE LA PERCEZIONE E LA DISC
GIOCHI DI MEMORIA VISIVA,
UDITIVA E VERBALE
ORGANIZZARE
UN AMBIENTE MOTIVANTE E STIMOLANTE V
SEGNALARE ALLA SCUOLA PRIMARIA
ATTIVITÀ DI SCREENING
ESEMPI DI ATTIVITÀ FONOLOGICHE
 “DIMMI UNA PAROLA CHE INIZIA COME …”
“DIMMI UNA PAROLA CHE INIZIA CON …”
- IL TRENINO DELLE PAROLE
- IL CAPPELLO DEL MAGO
- GIOCO DELL’ECO
 IDENTIFICARE LA PAROLA SCANDITA
DALL’INSEGNANTE NELLE SILLABE E NEI
FONEMI COSTITUENTI
 SEGMENTARE PAROLE IN SILLABE E FONEMI
 RICONOSCERE E PRODURRE RIME
 ELIDERE O AGGIUNGERE SUONI A PAROLE
DATE (DITALE → DITA)
 RICONOSCERE PAROLE LUNGHE E PAROLE CORTE
 TROVARE DIFFERENZE E UGUAGLIANZE TRA
PAROLE (ES. CANE – TANE; SOLE-SALE)
 “QUALE PAROLA NON INIZIA CON LO
STESSO SUONO TRA ...” (ES. PANE, PERA,
TINO, POCO)?
 GIOCHIAMO CON LE PAROLE
 
QUANDO?
 È CONSIGLIABILE OPERARE PER SVILUPPARE LA
CONSAPEVOLEZZA FONOLOGICA GIÀ IN ETÀ
PRESCOLARE.
 IL RICONOSCIMENTO DI SILLABE E LA
DISCRIMINAZIONE DI PATTERN SONORI
RICORRENTI FRA LE PAROLE (RIME,
ALLITTERAZIONI, ASSONANZE) È POSSIBILE DAI 3-
4 ANNI.
 A 5 ANNI IL BAMBINO SEGMENTA LA PAROLA IN
SILLABE.
CON L’ALLENAMENTO ARRIVA POI AD ANALIZZARE
TUTTI I SUONI DELLA PAROLA.
 LA MANIPOLAZIONE È POCO PRESENTE PRIMA DEI 6-
7 ANNI
INDICAZIONI GENERALI
ORDINE PRESENTAZIONE:
• Sillaba iniziale-sillaba finale-sillaba
intermedia
• Fonema iniziale-fonema finale-fonema
intermedio
PRIMA ATTIVITÀ DI FUSIONE E POI DI
SEGMENTAZIONE
SCUOLA PRIMARIA: COSA FARE
 NEL PRIMO PERIODO FARE MOLTO LAVORO
FONOLOGICO
 LETTURA AD ALTA VOCE DA PARTE
DELL’INSEGNANTE
 UTILIZZARE LO STAMPATO MAIUSCOLO
 EVITARE DI PRESENTARE PIÙ CARATTERI
CONTEMPORANEAMENTE
 PROCEDERE GRADUALMENTE CON LA SCRITTURA
 FAR MANIPOLARE LE LETTERE IN MODO
MULTIMODALE
 PASSARE ALLO STAMPATO MINUSCOLO SOLO
DOPO CHE SONO STATI APPRESI TUTTI I SUONI
 SOFFERMARSI MAGGIORMENTE SUI SUONI
PIÙ DIFFICILI
 PASSARE AL CORSIVO SENZA FRETTA
(quaderno allenamento)
 FORNIRE INDICAZIONI PRECISE PER LA
SCRITTURA DELLE LETTERE
 PERMETTERE AI RAGAZZI DI UTILIZZARE IL
CARATTERE CON CUI SI SENTONO PIÙ A
LORO AGIO
 SCRIVERE IN STAMPATO ALLA LAVAGNA
FINO A QUANDO C’È IL BISOGNO
 INSEGNANTE SCRIVANO
 DARE TEMPO
 LAVORARE SULLE ABILITÀ DI STUDIO
 NELLA VALUTAZIONE:
– SEPARARE GLI ERRORI DAL CONTENUTO
– TENERE CONTO DEI PUNTI DI PARTENZA
– FARE IN MODO CHE IL RAGAZZO IN DIFFICOLTÀ
SENTA DI ESSERE APPREZZATO
– EVITARE DI RIEMPIRE I QUADERNI DI SEGNI DEGLI
ERRORI
– VALUTARE UNA VOLTA LO STESSO ERRORE RIPETUTO
 FAVORIRE L’USO DEGLI STRUMENTI DI
COMPENSAZIONE
 ATTUARE MISURE DISPENSATIVE
 PASSARE LE INFORMAZIONI ALL’ORDINE DI SCUOLA
SUCCESSIVO
 COLLABORARE CON GLI OPERATORI DEI SERVIZI
 COLLABORARE CON I GENITORI E COINVOLGERE IL
RAGAZZO
FORNIRE STRUMENTI PER SOPPERIRE
A CARENZE ESECUTIVE, FAVORISCE
UN APPRENDIMENTO ATTIVO,
COSTRUTTIVO ED AUTONOMO.
STRUMENTI COMPENSATIVI E
MISURE DISPENSATIVE:
MEDIATORI DIDATTICI.
NON DIMENTICHIAMO:
IL PRIMO MEDIATORE
DIDATTICO È L’INSEGNANTE
PERCORSO PER :
- ABILITARE ALLO STRUMENTO
- ACCETTARE LO STRUMENTO
CHE COINVOLGA ALUNNO CON DSA,
CLASSE, INSEGNANTI, GENITORI
PER CONCLUDERE
 LA NON AUTOMATIZZAZIONE PORTA AD UN DISPENDIO
DI COMPETENZE ATTENTIVE
 GRADUARE LE DIFFICOLTÀ DELLE PROPOSTE A SCUOLA E
A CASA
 DURANTE LE INTERROGAZIONI: PORRE DOMANDE
PRECISE E DARE TEMPO PER LA RISPOSTA (IL RAGAZZO
CON DSA DEVE ELABORARE LA DOMANDA PRIMA DI
DARE LA RISPOSTA). DOMANDE CON LINGUAGGIO
CHIARO E SENZA DOPPIE NEGAZIONI.
 DURANTE LE CONVERSAZIONI, I MOMENTI DI
DISCUSSIONE, I BRAINSTORMING, … NON RIVOLGERSI
AL RAGAZZO CON DSA PER PRIMO, MA NEMMENO PER
ULTIMO
 SCRIVERE IN MODO CHIARO ALLA LAVAGNA
(possibilmente in stampato) E PARLARE
RIVOLTI VERSO I RAGAZZI
 DURANTE LE VERIFICHE, FORMULARE LE
CONSEGNE ANCHE ORALMENTE
 “LIBRETTO” DEGLI AIUTI: possono anche
essere uno per casa e uno per scuola (per la
scrittura, l’ortografia, la grammatica, i
problemi, il lessico, lo studio)
• ALCUNI FATTORI LINGUISTICI
INFLUENZANO LA POSSIBILITÀ DI LEGGERE:
- FREQUENZA D’USO E VALORE
D’IMMAGINE (CASA / PENA)
- LUNGHEZZA
- COMPLESSITÀ ORTOGRAFICA (MATITA /
STRADA)
L’ALUNNO SI ESERCITERÀ PIÙ FACILMENTE
SE DEVE LEGGERE PAROLE SEMPLICI, BREVI,
FREQUENTI E IMMAGINABILI. PUÒ
APPOGGIARSI SULLE CONOSCENZE
LESSICALI PER COMPENSARE LE
DIFFICOLTÀ DI LETTURA
• IN PRESENZA DI UNA SPECIFICA DISABILITÀ, LA
RIPETIZIONE COME FATTORE DI APPRENDIMENTO È
INEFFICACE.
• LA LETTURA NON È L’UNICO CANALE DI
APPRENDIMENTO
• PER UN ALUNNO CON DSA ANCHE LA COPIA È PIÙ
DIFFICILE
• PERCORSI DI CONOSCENZA E VALORIZZAZIONE
DELLE DIVERSITÀ
• IL METODO D’INSEGNAMENTO NON
ORIGINA LA DISLESSIA, MA LE
PROPOSTE CHE FACCIAMO POSSONO
RIDURNE GLI EFFETTI
GRAZIE PER L’ATTENZIONE
E
BUON LAVORO!
BIBLIOGRAFIA
Cornoldi – Miato – Molin – Poli, PRCR2, Prove di prerequisito per la
diagnosi delle difficoltà di lettura e scrittura, Organizzazioni Speciali,
Firenze, 1992
Coruzzi – Ramazzotti, Corso per Formatori Scuoa AID, Montecatini 2005
Medeghini (a cura di), Perché è così difficile? Come la scuola può aiutare
gli alunni con disturbi specifici di apprendimento, Vannini, 2005
Meloni-Sponza- Kvilekval- Valente-Bellantone, la dislessia raccontata agli
insegnanti 1 , Libri Liberi, 2002
Meloni-Sponza-Kvilekval-Valente, La dislessia raccontata agli insegnanti
2 , Libri Liberi Firenze, 2003
G. Pinto, Dal linguaggio orale alla lingua scritta: continuità e cambiamento,
La Nuova Italia, 1993
G. Stella, Apprendere a leggere e a scrivere – Guida la lettura, Signum
Scuola 1992
Terreni – Tretti – Corcella – Cornoldi – Tressoldi, IPDA Questionario
osservativo per l’identificazione precoce delle difficoltà di apprendimento,
Erickson, 2002
• DECODIFICA STRUMENTALE ALLA
COMPRENSIONE
• LA COMPRENSIONE FACILITA LA
DECODIFICA
• DIVERSI PREREQUISITI
• RICHIEDONO IL FUNZIONAMENTO DI
DIFFERENTI PROCESSI COGNITIVI
• ABILITÀ MODESTAMENTE CORRELATE
segmentazione
fusione
Roberto Medeghini (a cura di) “Perché è così difficile imparare? Come la
scuola può aiutare i bambini con disturbi sepcifici di apprendimento”
Vannini
Roberto Medeghini (a cura di) “Perché è così difficile imparare? Come la
scuola può aiutare i bambini con disturbi sepcifici di apprendimento”
Vannini
Roberto Medeghini (a cura di) “Perché è così difficile imparare? Come la scuola può
aiutare i bambini con disturbi sepcifici di apprendimento” Vannini
Roberto Medeghini (a cura di) “Perché è così difficile imparare? Come la scuola può
aiutare i bambini con disturbi sepcifici di apprendimento” Vannini
Roberto Medeghini (a cura di) “Perché è così difficile imparare? Come la scuola può
aiutare i bambini con disturbi sepcifici di apprendimento” Vannini
Roberto Medeghini (a cura di) “Perché è così difficile imparare? Come la scuola
può aiutare i bambini con disturbi sepcifici di apprendimento” Vannini
DISCRIMINAZIONE
UDITIVA
•Discriminazione suono/silenzio
•Durata dei suoni
•Intensità dei suoni
•Suoni simili
•Giochi: tombola sonora, indovina cosa,
indovina chi
Roberto Medeghini (a cura di) “Perché è così difficile imparare? Come la scuola può
aiutare i bambini con disturbi sepcifici di apprendimento” Vannini
Roberto Medeghini (a cura di) “Perché è così difficile imparare? Come la
scuola può aiutare i bambini con disturbi sepcifici di apprendimento”
Vannini

Mais conteúdo relacionado

Mais procurados

Unita' didattica v
Unita' didattica vUnita' didattica v
Unita' didattica vimartini
 
matematica
matematicamatematica
matematicaimartini
 
Esempi di pdp
Esempi di pdpEsempi di pdp
Esempi di pdpimartini
 
DSA: Disturbi Specifici dell'Apprendimento
DSA: Disturbi Specifici dell'ApprendimentoDSA: Disturbi Specifici dell'Apprendimento
DSA: Disturbi Specifici dell'ApprendimentoGiovanni Mercogliano
 
Sviluppo fonetico fonologico ...
Sviluppo fonetico fonologico ...Sviluppo fonetico fonologico ...
Sviluppo fonetico fonologico ...Liviana Da Re
 
Booklet dislessia 1
Booklet dislessia 1Booklet dislessia 1
Booklet dislessia 1imartini
 
Competenze metafonologiche
Competenze metafonologicheCompetenze metafonologiche
Competenze metafonologicheiva martini
 
Disgrafia disortografia n
Disgrafia disortografia nDisgrafia disortografia n
Disgrafia disortografia nimartini
 
Modello unità di apprendimento
Modello unità di apprendimentoModello unità di apprendimento
Modello unità di apprendimentolimparando
 
Dsa legge-170-spiegazioni m
Dsa legge-170-spiegazioni mDsa legge-170-spiegazioni m
Dsa legge-170-spiegazioni mimartini
 
Didattica collaborativa
Didattica collaborativaDidattica collaborativa
Didattica collaborativaimartini
 
Griglia sul gruppo comportamento n
Griglia sul gruppo comportamento nGriglia sul gruppo comportamento n
Griglia sul gruppo comportamento nimartini
 
Unità di apprendimento e valutazione
Unità di apprendimento  e valutazioneUnità di apprendimento  e valutazione
Unità di apprendimento e valutazioneMaruzells zells
 
Metodologie didattiche attive: sinestesie metodologiche tra EAS e Cooperative...
Metodologie didattiche attive: sinestesie metodologiche tra EAS e Cooperative...Metodologie didattiche attive: sinestesie metodologiche tra EAS e Cooperative...
Metodologie didattiche attive: sinestesie metodologiche tra EAS e Cooperative...Concetta Carrano
 

Mais procurados (20)

Unita' didattica v
Unita' didattica vUnita' didattica v
Unita' didattica v
 
Prima presentazione
Prima presentazionePrima presentazione
Prima presentazione
 
matematica
matematicamatematica
matematica
 
Esempi di pdp
Esempi di pdpEsempi di pdp
Esempi di pdp
 
DSA: Disturbi Specifici dell'Apprendimento
DSA: Disturbi Specifici dell'ApprendimentoDSA: Disturbi Specifici dell'Apprendimento
DSA: Disturbi Specifici dell'Apprendimento
 
Sviluppo fonetico fonologico ...
Sviluppo fonetico fonologico ...Sviluppo fonetico fonologico ...
Sviluppo fonetico fonologico ...
 
Pedagogia speciale
Pedagogia specialePedagogia speciale
Pedagogia speciale
 
Autonomia
AutonomiaAutonomia
Autonomia
 
Booklet dislessia 1
Booklet dislessia 1Booklet dislessia 1
Booklet dislessia 1
 
Competenze metafonologiche
Competenze metafonologicheCompetenze metafonologiche
Competenze metafonologiche
 
Disgrafia disortografia n
Disgrafia disortografia nDisgrafia disortografia n
Disgrafia disortografia n
 
Modello unità di apprendimento
Modello unità di apprendimentoModello unità di apprendimento
Modello unità di apprendimento
 
Dsa legge-170-spiegazioni m
Dsa legge-170-spiegazioni mDsa legge-170-spiegazioni m
Dsa legge-170-spiegazioni m
 
Didattica collaborativa
Didattica collaborativaDidattica collaborativa
Didattica collaborativa
 
Letto scrittura
Letto scritturaLetto scrittura
Letto scrittura
 
Presentazione bes
Presentazione besPresentazione bes
Presentazione bes
 
Griglia sul gruppo comportamento n
Griglia sul gruppo comportamento nGriglia sul gruppo comportamento n
Griglia sul gruppo comportamento n
 
Compendio di DSA.pdf
Compendio di DSA.pdfCompendio di DSA.pdf
Compendio di DSA.pdf
 
Unità di apprendimento e valutazione
Unità di apprendimento  e valutazioneUnità di apprendimento  e valutazione
Unità di apprendimento e valutazione
 
Metodologie didattiche attive: sinestesie metodologiche tra EAS e Cooperative...
Metodologie didattiche attive: sinestesie metodologiche tra EAS e Cooperative...Metodologie didattiche attive: sinestesie metodologiche tra EAS e Cooperative...
Metodologie didattiche attive: sinestesie metodologiche tra EAS e Cooperative...
 

Semelhante a dislessia

Castegnato infanzia primaria c
Castegnato infanzia  primaria cCastegnato infanzia  primaria c
Castegnato infanzia primaria cimartini
 
infanzia primaria
 infanzia  primaria infanzia  primaria
infanzia primariaimartini
 
Vcorsi 13 5_09
Vcorsi 13 5_09Vcorsi 13 5_09
Vcorsi 13 5_09imartini
 
Lapprendimento
LapprendimentoLapprendimento
Lapprendimentoimartini
 
Corso dsa petrella
Corso dsa petrellaCorso dsa petrella
Corso dsa petrellaimartini
 
Progettoartena
ProgettoartenaProgettoartena
Progettoartenaimartini
 
Incontro DSA del 20/10/2010
Incontro DSA  del 20/10/2010Incontro DSA  del 20/10/2010
Incontro DSA del 20/10/2010Anna Mancuso
 
Primo incontro ponte di legno
Primo incontro ponte di legnoPrimo incontro ponte di legno
Primo incontro ponte di legnoimartini
 
Primo incontro ponte di legno
Primo incontro ponte di legnoPrimo incontro ponte di legno
Primo incontro ponte di legnoimartini
 
Apprendimento letto scrittura _Fusi
Apprendimento letto scrittura _FusiApprendimento letto scrittura _Fusi
Apprendimento letto scrittura _Fusiprogettiinrete
 
disturbi di_apprendimento
disturbi di_apprendimentodisturbi di_apprendimento
disturbi di_apprendimentoimartini
 
Generale disturbi di_apprendimento
Generale disturbi di_apprendimentoGenerale disturbi di_apprendimento
Generale disturbi di_apprendimentoimartini
 

Semelhante a dislessia (20)

Castegnato infanzia primaria c
Castegnato infanzia  primaria cCastegnato infanzia  primaria c
Castegnato infanzia primaria c
 
infanzia primaria
 infanzia  primaria infanzia  primaria
infanzia primaria
 
Lettura
LetturaLettura
Lettura
 
Vcorsi 13 5_09
Vcorsi 13 5_09Vcorsi 13 5_09
Vcorsi 13 5_09
 
Vcorsi 13 5_09
Vcorsi 13 5_09Vcorsi 13 5_09
Vcorsi 13 5_09
 
Vcorsi 13 5_09
Vcorsi 13 5_09Vcorsi 13 5_09
Vcorsi 13 5_09
 
Vcorsi 13 5_09
Vcorsi 13 5_09Vcorsi 13 5_09
Vcorsi 13 5_09
 
Vcorsi 13 5_09
Vcorsi 13 5_09Vcorsi 13 5_09
Vcorsi 13 5_09
 
Codroipo 1
Codroipo 1Codroipo 1
Codroipo 1
 
Lapprendimento
LapprendimentoLapprendimento
Lapprendimento
 
Corso dsa petrella
Corso dsa petrellaCorso dsa petrella
Corso dsa petrella
 
Progettoartena
ProgettoartenaProgettoartena
Progettoartena
 
SARDEGNA - Proposte didattiche - Ventriglia
SARDEGNA - Proposte didattiche - VentrigliaSARDEGNA - Proposte didattiche - Ventriglia
SARDEGNA - Proposte didattiche - Ventriglia
 
Incontro DSA del 20/10/2010
Incontro DSA  del 20/10/2010Incontro DSA  del 20/10/2010
Incontro DSA del 20/10/2010
 
Primo incontro ponte di legno
Primo incontro ponte di legnoPrimo incontro ponte di legno
Primo incontro ponte di legno
 
Primo incontro ponte di legno
Primo incontro ponte di legnoPrimo incontro ponte di legno
Primo incontro ponte di legno
 
Apprendimento letto scrittura _Fusi
Apprendimento letto scrittura _FusiApprendimento letto scrittura _Fusi
Apprendimento letto scrittura _Fusi
 
disturbi di_apprendimento
disturbi di_apprendimentodisturbi di_apprendimento
disturbi di_apprendimento
 
Generale disturbi di_apprendimento
Generale disturbi di_apprendimentoGenerale disturbi di_apprendimento
Generale disturbi di_apprendimento
 
Novara fantoni lingue straniere
Novara  fantoni lingue straniereNovara  fantoni lingue straniere
Novara fantoni lingue straniere
 

Mais de imartini

2 parliamo e discutiamo del bullismo
2 parliamo e discutiamo del bullismo2 parliamo e discutiamo del bullismo
2 parliamo e discutiamo del bullismoimartini
 
Scheda bambino
Scheda bambinoScheda bambino
Scheda bambinoimartini
 
Subitizing
SubitizingSubitizing
Subitizingimartini
 
intelligenza emotiva
intelligenza emotivaintelligenza emotiva
intelligenza emotivaimartini
 
Il quaderno delle_regole_di_matematica
Il quaderno delle_regole_di_matematicaIl quaderno delle_regole_di_matematica
Il quaderno delle_regole_di_matematicaimartini
 
comunicazione_non_verbale
 comunicazione_non_verbale comunicazione_non_verbale
comunicazione_non_verbaleimartini
 
osservazione fattoei di rischio dsa
osservazione fattoei  di rischio dsaosservazione fattoei  di rischio dsa
osservazione fattoei di rischio dsaimartini
 
Prerequisiti
Prerequisiti Prerequisiti
Prerequisiti imartini
 
Per sito-prerequisiti-letto-scrittura
Per sito-prerequisiti-letto-scrittura Per sito-prerequisiti-letto-scrittura
Per sito-prerequisiti-letto-scrittura imartini
 
Dispensa dsa
Dispensa  dsaDispensa  dsa
Dispensa dsaimartini
 
Dentro ai dsa n
Dentro ai dsa nDentro ai dsa n
Dentro ai dsa nimartini
 
stili di apprendimento
stili di apprendimentostili di apprendimento
stili di apprendimentoimartini
 
Dsa fasce eta
Dsa  fasce etaDsa  fasce eta
Dsa fasce etaimartini
 
Sviluppo percettivomotorio
Sviluppo percettivomotorio Sviluppo percettivomotorio
Sviluppo percettivomotorio imartini
 
prerequisiti della scrittura
prerequisiti della scritturaprerequisiti della scrittura
prerequisiti della scritturaimartini
 
Slide musica-cervello
Slide musica-cervelloSlide musica-cervello
Slide musica-cervelloimartini
 
Presentazione dal gesto alla scrit
Presentazione dal gesto alla scritPresentazione dal gesto alla scrit
Presentazione dal gesto alla scritimartini
 

Mais de imartini (20)

2 parliamo e discutiamo del bullismo
2 parliamo e discutiamo del bullismo2 parliamo e discutiamo del bullismo
2 parliamo e discutiamo del bullismo
 
Scheda bambino
Scheda bambinoScheda bambino
Scheda bambino
 
Subitizing
SubitizingSubitizing
Subitizing
 
intelligenza emotiva
intelligenza emotivaintelligenza emotiva
intelligenza emotiva
 
Il quaderno delle_regole_di_matematica
Il quaderno delle_regole_di_matematicaIl quaderno delle_regole_di_matematica
Il quaderno delle_regole_di_matematica
 
comunicazione_non_verbale
 comunicazione_non_verbale comunicazione_non_verbale
comunicazione_non_verbale
 
Adhd u
Adhd uAdhd u
Adhd u
 
osservazione fattoei di rischio dsa
osservazione fattoei  di rischio dsaosservazione fattoei  di rischio dsa
osservazione fattoei di rischio dsa
 
Prerequisiti
Prerequisiti Prerequisiti
Prerequisiti
 
Per sito-prerequisiti-letto-scrittura
Per sito-prerequisiti-letto-scrittura Per sito-prerequisiti-letto-scrittura
Per sito-prerequisiti-letto-scrittura
 
scrittura
scritturascrittura
scrittura
 
Dispensa dsa
Dispensa  dsaDispensa  dsa
Dispensa dsa
 
Dentro ai dsa n
Dentro ai dsa nDentro ai dsa n
Dentro ai dsa n
 
stili di apprendimento
stili di apprendimentostili di apprendimento
stili di apprendimento
 
DSA
DSADSA
DSA
 
Dsa fasce eta
Dsa  fasce etaDsa  fasce eta
Dsa fasce eta
 
Sviluppo percettivomotorio
Sviluppo percettivomotorio Sviluppo percettivomotorio
Sviluppo percettivomotorio
 
prerequisiti della scrittura
prerequisiti della scritturaprerequisiti della scrittura
prerequisiti della scrittura
 
Slide musica-cervello
Slide musica-cervelloSlide musica-cervello
Slide musica-cervello
 
Presentazione dal gesto alla scrit
Presentazione dal gesto alla scritPresentazione dal gesto alla scrit
Presentazione dal gesto alla scrit
 

dislessia

  • 1. DISLESSIA E DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO GIORNATA DI FORMAZIONE PER DOCENTI REFERENTI MPI - USRL – USP Pesaro - AID PROPOSTE DIDATTICHE PER GLI ALUNNI DISLESSICI SCUOLA DELL’INFANZIA SCUOLA PRIMARIA PESARO 12 MARZO 2007 MARIAGRAZIA GOZIO (Insegnante – Comitato Nazionale Scuola AID)
  • 2. IMPORTANZA DELL’IDENTIFICAZIONE PRECOCE COSA OSSERVARE – QUALI GLI INDICI DI RISCHIO STRUMENTI PROCESSI DI LETTURA APPRENDIMENTO COSA FARE DI COSA PARLIAMO?
  • 3.  FAVORIRE L’INSTAURARSI DI ADEGUATE STRATEGIE  EVITARE CHE AUMENTI IL DIVARIO TRA LE PRESTAZIONI DEL BAMBINO IN DIFFICOLTÀ E QUELLE DEL GRUPPO CLASSE  EVITARE LA PERDITA DI MOTIVAZIONE  ACQUISIRE UNA ADEGUATA AUTOSTIMA PERSONALE, EVITANDO CHE SI INSTAURINO SENSI DI INADEGUATEZZA ED INFERIORITÀ Scuola dell’infanzia e primi anni scuola primaria IDENTIFICAZIONE PRECOCE Segnali di rischio e difficoltà Intervenire: “risolvere” o “ridurre”
  • 4. SCUOLA DELL’INFANZIA: Perché? CONCETTUALIZZAZIONE DELLA LINGUA SCRITTA CONTINUITÀ NEGLI INTERVENTI METALINGUISTICA
  • 5. PERCORSO DI COSTRUZIONE DELLA LINGUA SCRITTA • DIFFERENZIAZIONE DISEGNO SCRITTURA • LIVELLO PRESILLABICO • LIVELLO SILLABICO - non convenzionale - convenzionale • LIVELLO SILLABICO-ALFABETICO • LIVELLO ALFABETICO
  • 6. ESEMPI DI SCRITTURE SPONTANEE (da Coruzzi-Ramazzotti) PRESILLABICO SILLABICO CONVENZIONALE
  • 8. DIFFICOLTÀ CHE SI POSSONO RISCONTRARE ALLA SCUOLA DELL’INFANZIA  A QUATTRO ANNI DIFFICOLTÀ DI LINGUAGGIO  INADEGUATEZZA NEI GIOCHI FONOLOGICI  DIFFICOLTÀ NELLA COPIA DA MODELLO E DISORDINE NELLO SPAZIO DEL FOGLIO  DIFFICOLTÀ NELL’UTILIZZO DELLA MEMORIA A BREVE TERMINE  DIFFICOLTÀ AD IMPARARE FILASTROCCHE
  • 9.  DIFFICOLTÀ A MEMORIZZARE NOMI DI OGGETTI CONOSCIUTI ED UTILIZZATI SPESSO  DIFFICOLTÀ DI ATTENZIONE  INADEGUATA MANUALITÀ FINE  GOFFAGGINE ACCENTUATA NEL VESTIRSI, ALLACCIARSI LE SCARPE, RIORDINARE  INADEGUATO RICONOSCIMENTO DELLA DESTRA E DELLA SINISTRA  DIFFICOLTÀ A RIPRODURRE RITMI E A MANTENERE IL RITMO PER UN TEMPO PROLUNGATO
  • 10. DIFFICOLTÀ RILEVABILI ALLA SCUOLA PRIMARIA  INADEGUATA PADRONANZA FONOLOGICA  DIFFICOLTÀ A MEMORIZZARE LE LETTERE  DIFFICOLTÀ A RICONOSCERE I DIVERSI CARATTERI TIPOGRAFICI  LETTERE E NUMERI SCAMBIATI: 42/24 - SC/CS  SOSTITUZIONE DI SUONI SIMILI: P/B - D/T - M/N - R/L - S/Z  DISGRAFIA  ERRORI DI SCRITTURA VARI
  • 11.  PERDITA DELLA RIGA E SALTO DELLA PAROLA DURANTE LA LETTURA  LENTEZZA E SCORRETTEZZA NELLA LETTURA DIFFICOLTÀ:  A COPIARE DALLA LAVAGNA  AD UTILIZZARE LO SPAZIO DEL FOGLIO  AD IMPARARE LE TABELLINE  NEL CALCOLO MENTALE E A CONTARE IN SENSO REGRESSIVO  A MEMORIZZARE I GIORNI DELLA SETTIMANA, I MESI,
  • 12. DIFFICOLTÀ:  AD IMPARARE L’ORDINE ALFABETICO E AD USARE IL VOCABOLARIO  CON DESTRA E SINISTRA,  NELLA MEMORIZZAZIONE DI SEQUENZE, NELL’ORIENTAMENTO SPAZIALE  A MEMORIZZARE LE PROCEDURE DELLE OPERAZIONI ARITMETICHE ED I SEGNI ARITMETICI  AD IMPARARE I TERMINI SPECIFICI DELLE DISCIPLINE  DI ESPOSIZIONE ORALE (esposizione vincolata)  A RICONOSCERE LE CARATTERISTICHE MORFOLOGICHE DELLA LINGUA ITALIANA
  • 13.  A RICORDARE GLI ELEMENTI GEOGRAFICI, LE EPOCHE STORICHE, LE DATE DEGLI EVENTI (Natale, proprio compleanno, …)  AD UTILIZZARE IL DIARIO  A MEMORIZZARE LO SPAZIO GEOGRAFICO ED I NOMI NELLE CARTE  AD APPRENDERE LE LINGUE STRANIERE  DI ATTENZIONE E CONCENTRAZIONE.  AD ORGANIZZARE IL TEMPO IN ANTICIPO ED A LEGGERE L’OROLOGIO  A MEMORIZZARE I GIORNI DELLA SETTIMANA, I MESI, L’ORDINE ALFABETICO
  • 14. COSA POSSIAMO FARE COME SCUOLA?  CONOSCERE  INDIVIDUARE  INTERVENIRE CON UNA DIDATTICA ADEGUATA (costruttivismo, metacognizione, app. cooperativo,…) ED UNA GIUSTA VALUTAZIONE
  • 15. PER LA RILEVAZIONE DI DIFFICOLTÀ NELLA COMPETENZA METAFONOLOGICA: CMF (Marotta-Trasciani-Vicari CMF-Valutazione delle competenze metafonologiche” Erickson) ALCUNI STRUMENTI
  • 16. ALCUNI STRUMENTI PRCR-2 – PROVE DI PREREQUISITO PER LA DIAGNOSI DELLE DIFFICOLTÀ DI LETTURA E SCRITTURA Cornoldi – Miato – Molin – Poli O. S. Firenze •Per bambini della scuola dell’infanzia e dei primi due anni della scuola primaria e per casi di difficoltà di apprendimento fino alla classe quinta •Indaga “il livello di possesso dei prerequisiti specifici e di esecuzione dei processi parziali implicati nell’attività di decodifica di lettura e scrittura”. •Sono raggruppate in sei aree: Analisi visiva, Lavoro seriale da sinistra a destra, Discriminazione uditiva e ritmo, Memoria uditiva sequenziale e fusione uditiva, Integrazione visivo-uditiva, Globalità visiva
  • 17. ALCUNI STRUMENTI • Brani differenziati per fasce d’età • Monitoraggio dell’abilità di decifrazione di un testo • Punteggio di correttezza e punteggio di rapidità (tempo di lettura di una sillaba) PROVE MT CORRETTEZZA E RAPIDITÀ (valutano l’efficienza nella lettura strumentale)
  • 18. BATTERIA PER LA VALUTAZIONE DELLA SCRITTURA E DELLA COMPETENZA ORTOGRAFICA nella scuola dell’obbligo (Tressoldi – Cornoldi) PERMETTE: • di analizzare egli errori ortografici possibili • di comprendere quali sono le abilità necessarie per superare gli errori • di predisporre interventi adeguati ALCUNI STRUMENTI
  • 19. MECCANISMI DEL PROCESSO DI LETTURA  MECCANISMO DI ANTICIPAZIONE: il lettore immagina ciò che è scritto prima di decifrarlo interamente. Si basa su indici linguistici ed extralinguistici. Meccanismo cognitivo.  MECCANISMO DI DECIFRAZIONE: lo scritto viene analizzato nelle unità che lo compongono. Meccanismo percettivo Meccanismi presenti già nella lettura spontanea del bambino prescolare.
  • 20. FASI DI APPRENDIMENTO DELLA LETTURA E DELLA SCRITTURA (Modello di Uta Frith) 1. STADIO LOGOGRAFICO: le parole scritte rappresentano gli oggetti. 2. STADIO ALFABETICO: le parole scritte rappresentano il linguaggio verbale. 3. STADIO ORTOGRAFICO: analisi della parola in unità ortografiche. 4. STADIO LESSICALE:formazione magazzino lessicale.
  • 21. DECODIFICA COMPRENSIONE Rapporto di dipendenza e di indipendenza COMPONENTI LETTURA
  • 23. SOGGETTI A RISCHIO DI INSUCCESSO SCOLASTICO (R. Medeghini – Corso “Perché è così difficile apprendere? I disturbi specifici di lettura”) VARIABILI PREDITTIVE (IN ORDINE D’IMPORTANZA) • LINGUISTICHE • COMPORTAMENTO, ATTENZIONE • ABILITÀ VISUOMOTORIE • DISCRIMINAZIONE UDITIVA E VISIVA • MOTRICITÀ GENERALE E FINE, DOMINANZA
  • 24. APPRENDIMENTO L’APPRENDIMENTO È UN PROCESSO NATURALE ATTIVO CHE IMPEGNA LA VOLONTÀ ED È MEDIATO INTERNAMENTE. È UN PROCESSO DI COSTRUZIONE DI SIGNIFICATI IN BASE ALLE INFORMAZIONI E ALLE ESPERIENZE, DIRETTO A UN OBIETTIVO E FILTRATO ATTRAVERSO LE PERCEZIONI, I PENSIERI E I SENTIMENTI DI CIASCUN ALLIEVO. (PIETRO BOSCOLO)
  • 25. APPLICARE UNA DIDATTICA PER LA CLASSE  DIDATTICA COSTRUTTIVISTA •APPRENDIMENTO COOPERATIVO/TUTORING •APPROCCIO METACOGNITIVO (per l’insegnante e per l’alunno) •COSTRUZIONE DI ABILITÀ DI STUDIO MANTENIMENTO E SVILUPPO DELLA MOTIVAZIONE SVILUPPO DELL’AUTONOMIA
  • 26. DIDATTICA COSTRUTTIVISTA  BASATA SU PROCESSI DI COSTRUZIONE ATTIVA DI SIGNIFICATI  LA CONOSCENZA NASCE DAL CONFLITTO TRA LE INFORMAZIONI IN ARRIVO E LE CONOSCENZE DEPOSITATE IN MEMORIA  UTILIZZO DI SCHEMI PER DARE ORGANIZZAZIONE E SENSO ALLE INFORMAZIONI
  • 27. DIDATTICA COSTRUTTIVISTA  CARATTERISTICHE INDIVIDUALI DEL SOGGETTO  ATTIVITÀ DI APPRENDIMENTO  CARATTERISTICHE DEL MATERIALE DA APPRENDERE  CARATTERISTICHE DELLA QUALITÀ DELL’ISTRUZIONE  COMPITO CRITERIALE APPRENDIMENTO RISULTATO DELL’INTERAZIONE TRA PIÙ ELEMENTI:
  • 28.  LAVORO FONOLOGICO  LEGGERE E RIPRODURRE RITMI  AFFINARE LA CONSAPEVOLOZZA DEI SUONI CHE SI POSSONO PRODURRE ATTRAVERSO LA VOCE  ATTIVITÀ DI SIMBOLIZZAZIONE  LEGGERE MOLTO AI BAMBINI  DARE LIBRI  COSTRUIRE LIBRI COSA FARE SCUOLA DELL’INFANZIA
  • 29. STIMOLARE LA PERCEZIONE E LA DISC GIOCHI DI MEMORIA VISIVA, UDITIVA E VERBALE ORGANIZZARE UN AMBIENTE MOTIVANTE E STIMOLANTE V SEGNALARE ALLA SCUOLA PRIMARIA ATTIVITÀ DI SCREENING
  • 30. ESEMPI DI ATTIVITÀ FONOLOGICHE  “DIMMI UNA PAROLA CHE INIZIA COME …” “DIMMI UNA PAROLA CHE INIZIA CON …” - IL TRENINO DELLE PAROLE - IL CAPPELLO DEL MAGO - GIOCO DELL’ECO  IDENTIFICARE LA PAROLA SCANDITA DALL’INSEGNANTE NELLE SILLABE E NEI FONEMI COSTITUENTI  SEGMENTARE PAROLE IN SILLABE E FONEMI  RICONOSCERE E PRODURRE RIME  ELIDERE O AGGIUNGERE SUONI A PAROLE DATE (DITALE → DITA)  RICONOSCERE PAROLE LUNGHE E PAROLE CORTE
  • 31.  TROVARE DIFFERENZE E UGUAGLIANZE TRA PAROLE (ES. CANE – TANE; SOLE-SALE)  “QUALE PAROLA NON INIZIA CON LO STESSO SUONO TRA ...” (ES. PANE, PERA, TINO, POCO)?  GIOCHIAMO CON LE PAROLE  
  • 32. QUANDO?  È CONSIGLIABILE OPERARE PER SVILUPPARE LA CONSAPEVOLEZZA FONOLOGICA GIÀ IN ETÀ PRESCOLARE.  IL RICONOSCIMENTO DI SILLABE E LA DISCRIMINAZIONE DI PATTERN SONORI RICORRENTI FRA LE PAROLE (RIME, ALLITTERAZIONI, ASSONANZE) È POSSIBILE DAI 3- 4 ANNI.  A 5 ANNI IL BAMBINO SEGMENTA LA PAROLA IN SILLABE. CON L’ALLENAMENTO ARRIVA POI AD ANALIZZARE TUTTI I SUONI DELLA PAROLA.  LA MANIPOLAZIONE È POCO PRESENTE PRIMA DEI 6- 7 ANNI
  • 33. INDICAZIONI GENERALI ORDINE PRESENTAZIONE: • Sillaba iniziale-sillaba finale-sillaba intermedia • Fonema iniziale-fonema finale-fonema intermedio PRIMA ATTIVITÀ DI FUSIONE E POI DI SEGMENTAZIONE
  • 34. SCUOLA PRIMARIA: COSA FARE  NEL PRIMO PERIODO FARE MOLTO LAVORO FONOLOGICO  LETTURA AD ALTA VOCE DA PARTE DELL’INSEGNANTE  UTILIZZARE LO STAMPATO MAIUSCOLO  EVITARE DI PRESENTARE PIÙ CARATTERI CONTEMPORANEAMENTE  PROCEDERE GRADUALMENTE CON LA SCRITTURA  FAR MANIPOLARE LE LETTERE IN MODO MULTIMODALE  PASSARE ALLO STAMPATO MINUSCOLO SOLO DOPO CHE SONO STATI APPRESI TUTTI I SUONI
  • 35.  SOFFERMARSI MAGGIORMENTE SUI SUONI PIÙ DIFFICILI  PASSARE AL CORSIVO SENZA FRETTA (quaderno allenamento)  FORNIRE INDICAZIONI PRECISE PER LA SCRITTURA DELLE LETTERE  PERMETTERE AI RAGAZZI DI UTILIZZARE IL CARATTERE CON CUI SI SENTONO PIÙ A LORO AGIO  SCRIVERE IN STAMPATO ALLA LAVAGNA FINO A QUANDO C’È IL BISOGNO  INSEGNANTE SCRIVANO  DARE TEMPO  LAVORARE SULLE ABILITÀ DI STUDIO
  • 36.  NELLA VALUTAZIONE: – SEPARARE GLI ERRORI DAL CONTENUTO – TENERE CONTO DEI PUNTI DI PARTENZA – FARE IN MODO CHE IL RAGAZZO IN DIFFICOLTÀ SENTA DI ESSERE APPREZZATO – EVITARE DI RIEMPIRE I QUADERNI DI SEGNI DEGLI ERRORI – VALUTARE UNA VOLTA LO STESSO ERRORE RIPETUTO  FAVORIRE L’USO DEGLI STRUMENTI DI COMPENSAZIONE  ATTUARE MISURE DISPENSATIVE  PASSARE LE INFORMAZIONI ALL’ORDINE DI SCUOLA SUCCESSIVO  COLLABORARE CON GLI OPERATORI DEI SERVIZI  COLLABORARE CON I GENITORI E COINVOLGERE IL RAGAZZO
  • 37. FORNIRE STRUMENTI PER SOPPERIRE A CARENZE ESECUTIVE, FAVORISCE UN APPRENDIMENTO ATTIVO, COSTRUTTIVO ED AUTONOMO.
  • 38. STRUMENTI COMPENSATIVI E MISURE DISPENSATIVE: MEDIATORI DIDATTICI. NON DIMENTICHIAMO: IL PRIMO MEDIATORE DIDATTICO È L’INSEGNANTE
  • 39. PERCORSO PER : - ABILITARE ALLO STRUMENTO - ACCETTARE LO STRUMENTO CHE COINVOLGA ALUNNO CON DSA, CLASSE, INSEGNANTI, GENITORI
  • 40. PER CONCLUDERE  LA NON AUTOMATIZZAZIONE PORTA AD UN DISPENDIO DI COMPETENZE ATTENTIVE  GRADUARE LE DIFFICOLTÀ DELLE PROPOSTE A SCUOLA E A CASA  DURANTE LE INTERROGAZIONI: PORRE DOMANDE PRECISE E DARE TEMPO PER LA RISPOSTA (IL RAGAZZO CON DSA DEVE ELABORARE LA DOMANDA PRIMA DI DARE LA RISPOSTA). DOMANDE CON LINGUAGGIO CHIARO E SENZA DOPPIE NEGAZIONI.  DURANTE LE CONVERSAZIONI, I MOMENTI DI DISCUSSIONE, I BRAINSTORMING, … NON RIVOLGERSI AL RAGAZZO CON DSA PER PRIMO, MA NEMMENO PER ULTIMO
  • 41.  SCRIVERE IN MODO CHIARO ALLA LAVAGNA (possibilmente in stampato) E PARLARE RIVOLTI VERSO I RAGAZZI  DURANTE LE VERIFICHE, FORMULARE LE CONSEGNE ANCHE ORALMENTE  “LIBRETTO” DEGLI AIUTI: possono anche essere uno per casa e uno per scuola (per la scrittura, l’ortografia, la grammatica, i problemi, il lessico, lo studio)
  • 42. • ALCUNI FATTORI LINGUISTICI INFLUENZANO LA POSSIBILITÀ DI LEGGERE: - FREQUENZA D’USO E VALORE D’IMMAGINE (CASA / PENA) - LUNGHEZZA - COMPLESSITÀ ORTOGRAFICA (MATITA / STRADA) L’ALUNNO SI ESERCITERÀ PIÙ FACILMENTE SE DEVE LEGGERE PAROLE SEMPLICI, BREVI, FREQUENTI E IMMAGINABILI. PUÒ APPOGGIARSI SULLE CONOSCENZE LESSICALI PER COMPENSARE LE DIFFICOLTÀ DI LETTURA
  • 43. • IN PRESENZA DI UNA SPECIFICA DISABILITÀ, LA RIPETIZIONE COME FATTORE DI APPRENDIMENTO È INEFFICACE. • LA LETTURA NON È L’UNICO CANALE DI APPRENDIMENTO • PER UN ALUNNO CON DSA ANCHE LA COPIA È PIÙ DIFFICILE • PERCORSI DI CONOSCENZA E VALORIZZAZIONE DELLE DIVERSITÀ • IL METODO D’INSEGNAMENTO NON ORIGINA LA DISLESSIA, MA LE PROPOSTE CHE FACCIAMO POSSONO RIDURNE GLI EFFETTI
  • 45. BIBLIOGRAFIA Cornoldi – Miato – Molin – Poli, PRCR2, Prove di prerequisito per la diagnosi delle difficoltà di lettura e scrittura, Organizzazioni Speciali, Firenze, 1992 Coruzzi – Ramazzotti, Corso per Formatori Scuoa AID, Montecatini 2005 Medeghini (a cura di), Perché è così difficile? Come la scuola può aiutare gli alunni con disturbi specifici di apprendimento, Vannini, 2005 Meloni-Sponza- Kvilekval- Valente-Bellantone, la dislessia raccontata agli insegnanti 1 , Libri Liberi, 2002 Meloni-Sponza-Kvilekval-Valente, La dislessia raccontata agli insegnanti 2 , Libri Liberi Firenze, 2003 G. Pinto, Dal linguaggio orale alla lingua scritta: continuità e cambiamento, La Nuova Italia, 1993 G. Stella, Apprendere a leggere e a scrivere – Guida la lettura, Signum Scuola 1992 Terreni – Tretti – Corcella – Cornoldi – Tressoldi, IPDA Questionario osservativo per l’identificazione precoce delle difficoltà di apprendimento, Erickson, 2002
  • 46. • DECODIFICA STRUMENTALE ALLA COMPRENSIONE • LA COMPRENSIONE FACILITA LA DECODIFICA
  • 47. • DIVERSI PREREQUISITI • RICHIEDONO IL FUNZIONAMENTO DI DIFFERENTI PROCESSI COGNITIVI • ABILITÀ MODESTAMENTE CORRELATE
  • 48. segmentazione fusione Roberto Medeghini (a cura di) “Perché è così difficile imparare? Come la scuola può aiutare i bambini con disturbi sepcifici di apprendimento” Vannini
  • 49. Roberto Medeghini (a cura di) “Perché è così difficile imparare? Come la scuola può aiutare i bambini con disturbi sepcifici di apprendimento” Vannini
  • 50. Roberto Medeghini (a cura di) “Perché è così difficile imparare? Come la scuola può aiutare i bambini con disturbi sepcifici di apprendimento” Vannini
  • 51. Roberto Medeghini (a cura di) “Perché è così difficile imparare? Come la scuola può aiutare i bambini con disturbi sepcifici di apprendimento” Vannini
  • 52. Roberto Medeghini (a cura di) “Perché è così difficile imparare? Come la scuola può aiutare i bambini con disturbi sepcifici di apprendimento” Vannini
  • 53. Roberto Medeghini (a cura di) “Perché è così difficile imparare? Come la scuola può aiutare i bambini con disturbi sepcifici di apprendimento” Vannini
  • 54. DISCRIMINAZIONE UDITIVA •Discriminazione suono/silenzio •Durata dei suoni •Intensità dei suoni •Suoni simili •Giochi: tombola sonora, indovina cosa, indovina chi
  • 55. Roberto Medeghini (a cura di) “Perché è così difficile imparare? Come la scuola può aiutare i bambini con disturbi sepcifici di apprendimento” Vannini
  • 56. Roberto Medeghini (a cura di) “Perché è così difficile imparare? Come la scuola può aiutare i bambini con disturbi sepcifici di apprendimento” Vannini