O slideshow foi denunciado.
Seu SlideShare está sendo baixado. ×

Dentro ai dsa n

Anúncio
Anúncio
Anúncio
Anúncio
Anúncio
Anúncio
Anúncio
Anúncio
Anúncio
Anúncio
Anúncio
Anúncio
Carregando em…3
×

Confira estes a seguir

1 de 63 Anúncio
Anúncio

Mais Conteúdo rRelacionado

Diapositivos para si (19)

Semelhante a Dentro ai dsa n (20)

Anúncio

Mais recentes (20)

Anúncio

Dentro ai dsa n

  1. 1. Tamara Zappaterra Dentro ai DSA.
  2. 2. 2 SCUOLA E DSA Allargamento dell’orizzonte di indagine dell’educazione speciale Giovane collocazione dello studio rivolto a patologie quali le difficoltà specifiche di lettura e scrittura I DSA richiedono una didattica speciale di tipo personalizzato Utilizzo in sede scolastica di metodologie didattiche ad hoc e di tecnologie educative
  3. 3. 3 La tutela della legge e le Linee guida nella didattica Tali elementi costituiscono un approdo della riflessione pedagogica e didattica di settore e sono tutelati dalla recente Legge 170/2010 “Nuove norme in materia di Disturbi Specifici di Apprendimento in ambito scolastico”, dal Decreto attuativo del 12 luglio 2011 e dalle “Linee Guida per il diritto allo studio degli alunni e degli studenti con DSA”, che costituiscono parte integrante del decreto.
  4. 4. 4 La complessità di leggere e scrivere Leggere e scrivere consentono di avere una chiave di interpretazione del mondo che inizia nella prima infanzia dall’osservazione di «quei neri segni misteriosi a più riprese sbirciati sulle pagine dei libri dei genitori o dei quaderni dei fratelli maggiori; segni indecifrabili, strani, non riconducibili di per sé a immagini di cose o persone; segni piccoli, esteticamente poco attraenti, eppure accattivanti per l’immaginario, perché capaci di assorbire l’attenzione di un adulto per ore intere, o addirittura di governare lo svolgersi degli eventi e determinarli, fungendo sempre da mediatori in qualsiasi transizione sociale» (Trisciuzzi, 20022).
  5. 5. 5 Un disturbo di forte attualità Chi si trovi impossibilitato ad accedere al codice scritto a causa di un disturbo specifico, può trovarsi fortemente svantaggiato Un disturbo, quindi, che in società non alfabetizzate non crea alcun disagio, può diventare oggi, nell’attuale società alfabetizzata, un vero e proprio handicap
  6. 6. 6 Quali rischi Il senso di disagio e di ‘impotenza appresa’, in seguito ai reiterati insuccessi, lasciano una traccia indelebile nella strutturazione della personalità Scarso profitto Scelte scolastiche e personali di gioco al ribasso Dispersione scolastica Disagio, scarsa autostima
  7. 7. 7 Leggere e scrivere dipendono anche dalla lingua materna Gli alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento, a fronte di buone, spesso ottime, capacità intellettive, hanno una difficoltà specifica nella decodifica del codice scritto. Siamo abituati ad osservare che la maggior parte degli alunni apprende a leggere e a scrivere in pochi mesi, a volte in poche settimane, ma ignoriamo al contempo sia che ciò può avvenire solo in lingue con sistemi fonologici trasparenti, come l’italiano, il greco o lo spagnolo.
  8. 8. Il riconoscimento della limitazione prodotta dai DSA La legge riconosce laLa legge riconosce la dislessiadislessia, la, la disgrafiadisgrafia, la, la disortografiadisortografia e lae la discalculiadiscalculia quali DSA, che siquali DSA, che si presentano in presenza di capacità cognitivepresentano in presenza di capacità cognitive adeguate, in assenza di patologieadeguate, in assenza di patologie neurologiche e di deficit sensoriali e che possononeurologiche e di deficit sensoriali e che possono costituire una LIMITAZIONEcostituire una LIMITAZIONE IMPORTANTE per alcune attività della vitaIMPORTANTE per alcune attività della vita quotidiana (art. 1, comma 1)quotidiana (art. 1, comma 1)
  9. 9. Le finalità (art. 2) La legge persegue per le persone con DSA le finalità di: garantire il DIRITTO ALL'ISTRUZIONE, favorire il SUCCESSO SCOLASTICO, garantire una formazione adeguata e promuovere lo sviluppo delle potenzialità, anche attraverso MISURE DIDATTICHE di supporto, ridurre i DISAGI relazionali ed emozionali, adottare forme di VERIFICA E DI VALUTAZIONE ADEGUATE alle necessità formative degli studenti, PREPARARE GLI INSEGNANTI e SENSIBILIZZARE I GENITORI in materia di DSA, favorire la DIAGNOSI PRECOCE
  10. 10. Misure educative e didattiche di supporto (art. 5) Gli studenti con diagnosi di DSA hanno diritto di fruire di appositi PROVVEDIMENTI DISPENSATIVI E COMPENSATIVI DI FLESSIBILITÀ DIDATTICA nel corso dei cicli di istruzione e formazione e negli studi universitari (art. 5, comma 1).
  11. 11. La formazione nella scuola (art. 4) Viene assicurata una adeguata PREPARAZIONE AGLI INSEGNANTI di ogni ordine e grado, comprese le scuole dell'infanzia, sulle problematiche relative ai DSA, finalizzata ad acquisire la competenza per INDIVIDUARNE precocemente i segnali e la conseguente capacità di applicare STRATEGIE DIDATTICHE, METODOLOGICHE e VALUTATIVE adeguate
  12. 12. Individuazione di alunni e studenti con DSA Le scuole SEGNALANO alle famiglie le evidenze riscontrate nel lavoro quotidiano in classe e nonostante l’applicazione di adeguate attività di RECUPERO DIDATTICO MIRATO, al fine di avviare il percorso per la diagnosi. La diagnosi di DSA viene CONSEGNATA DALLA FAMIGLIA OVVERO DALLO STUDENTE DI MAGGIORE ETÀ ALLA SCUOLA O ALL’UNIVERSITÀ, che intraprendono le iniziative ad essa conseguenti.
  13. 13. Diagnosi La diagnosi medico-specialistica è effettuata dal SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE e/o da strutture e specialisti ACCREDITATI: il MIUR di concerto con il Ministero della Salute attiva protocolli Stato-Regioni a questo scopo La diagnosi deve essere aggiornata almeno ad ogni cambio di ciclo di scuola
  14. 14. La didattica individualizzata e personalizzata (e il PDP) Le scuole devono attuare percorsi di didattica individualizzata e personalizzata (anche attraverso la redazione di un Piano Didattico Personalizzato), assicurare STRUMENTI COMPENSATIVI e MISURE DISPENSATIVE adottando proposte di insegnamento che tengano conto delle abilità possedute e potenzino le funzioni non coinvolte nel disturbo, SENZA RIDURRE IL LIVELLO DEGLI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO che sono quelli delle indicazioni CURRICOLARI NAZIONALI
  15. 15. Le LINEE GUIDA Gli Uffici Scolastici Regionali, le istituzioni scolastiche e gli Atenei terranno conto delle indicazioni contenute nelle Linee guida per la tutela del diritto allo studio degli alunni e degli studenti con disturbi specifici di apprendimento, che sono parte integrante del decreto
  16. 16. Forme di verifica e di valutazione La valutazione scolastica, periodica e finale, deve essere coerente con il piano degli interventi didattici. Le istituzioni scolastiche consentono l’impiego di TEMPI AGGIUNTIVI, o in alternativa, una RIDUZIONE del materiale didattico o una sua PRESENTAZIONE FACILITATA, riservando particolare attenzione alla padronanza dei contenuti disciplinari, a prescindere dagli aspetti legati all’abilità deficitaria
  17. 17. ESAMI DI STATO - tempi più lunghi di quelli ordinari - idonei strumenti compensativi - - criteri valutativi attenti al contenuto piuttosto che alla forma, sia nelle prove scritte (anche con riferimento alla prova nazionale INVALSI prevista per l’esame del primo ciclo) sia in fase di colloquio
  18. 18. Esonero dalle prestazioni e/o dalla valutazione nella lingua straniera Si dovrà considerare L’ESPRESSIONE ORALE in lingua straniera come il NUCLEO SIGNIFICATIVO E FONDANTE DELLA VALUTAZIONE e utilizzare i risultati delle prove scritte come integrazione e completamento delle prove orali. Inoltre in casi di particolare gravità si può ESONERARE l’allievo dalle prestazioni scritte in lingua straniera. Il Ministero disciplina le modalità dell’esonero dalle prove scritte della lingua straniera in sede di Esame di Stato, nell’ambito delle norme specifiche sulla valutazione degli studenti. Ciò va ad influire sul valore legale del titolo di studio.
  19. 19. Studenti universitari con DSA Gli Atenei garantiscono agli studenti con DSA l’accoglienza, il tutorato, la mediazione con l’organizzazione didattica e il monitoraggio dell’efficacia delle prassi adottate. Per le prove di ammissione ai corsi di laurea: TEMPI AGGIUNTIVI comunque non superiori al 30% in più e STRUMENTI COMPENSATIVI .Per gli esami di profitto: PROVE ORALI, oppure PROVE SCRITTE con riduzione QUANTITATIVA e NON QUALITATIVA, valutazione attenta ai CONTENUTI più che alla forma
  20. 20. Misure per i familiari (Art. 6) I familiari fino al primo grado di studenti del primo ciclo dell'istruzione con DSA impegnati nell'assistenza alle attività scolastiche a casa hanno diritto di usufruire di orari di lavoro flessibili.
  21. 21. 21 Il mancato decollo dell'automatizzazione Lettura e scrittura sono abilità complesse che presuppongono la maturazione di determinati prerequisiti a livello neuropsicologico e motorio e che coinvolgono una pluralità di funzioni corporee. L’apprendimento della lingua scritta è un compito ben codificato che prevede dei passaggi relativamente stabili. Lo studio delle diverse fasi di apprendimento della lettura è stato oggetto di numerose ricerche, che spiegano come i bambini passino da una totale ignoranza dei rapporti tra linguaggio orale e linguaggio scritto all'automatizzazione dei processi di lettura.
  22. 22. 22 La lettoscrittura non è naturale, non fa parte dello sviluppo Apprendere la lingua materna è naturale VS Apprendere a leggere e scrivere no. La lettoscrittura è un’attività cognitiva piuttosto recente nella storia dell’uomo e secondo molti studiosi il nostro genoma e le nostre strutture cerebrali non hanno avuto il tempo necessario per modificarsi e sviluppare circuiti cerebrali adatti a ricevere le informazioni linguistiche attraverso la vista.
  23. 23. 23 Il 'riciclaggio neuronale' di Dehaene Dehaene. Lo studioso è del parere che si sia verificato nel nostro cervello una sorta di “riciclaggio neuronale”, cioè una conversione di una funzione del passato in un nuovo tipo di funzione, più utile al contesto culturale che ha visto il declino dell’oralità. I neuroni che un tempo servivano al riconoscimento dei volti o di altri oggetti si sono modificati per poter riconoscere e decodificare le lettere dell’alfabeto.
  24. 24. 24 Il cervello si è convertito alla lettura Non sarebbe la nostra corteccia ad essersi evoluta, ma alcuni neuroni semplicemente si sono ‘riciclati’ allo scopo di leggere, mentre al contempo i sistemi di scrittura si sono perfezionati, fino a dare luogo al sistema alfabetico, per essere appresi con il minimo sforzo dal nostro cervello. Sarebbero molte le rappresentazioni culturali che sollecitano l’uomo, ma il nostro cervello selezionerebbe solo quelle che trovano nella sua architettura interna la possibilità di un efficace ‘riciclaggio neuronale’.
  25. 25. 25 La liberazione della memoria Con tale teoria concordano gli esperti dei meccanismi che spiegano i processi della lettoscrittura. Anzi, questa liberazione della memoria, dell’energia che la mente del lettore può impiegare per dirigerla verso i contenuti di un testo, anziché alla sua decodifica, è proprio uno spazio mentale di cui il bambino con DSA è defraudato.
  26. 26. 26 Il senso degli strumenti compensativi E' su questo aspetto, per esempio, che i cosiddetti strumenti compensativi vanno a portare il loro contributo. Viene ribadito nel dettato della Legge 170/2010 che tali strumenti non facilitano il compito dal punto di vista cognitivo, in quanto gli obiettivi cognitivi per l’alunno con DSA devono essere i medesimi della classe, bensì sollevano tali alunni dalle prestazioni che il disturbo rende eccessivamente faticose.
  27. 27. 27 Le cause dei DSA Secondo le più recenti teorie, la persona con DSA, nonostante buone capacità intellettive, soffrirebbe di un ritardo maturazionale, per cui la corteccia frontale inferiore di sinistra elaborerebbe le informazioni con notevole lentezza. Nel passato tuttavia si sono succedute le ipotesi più diverse riguardo alle cause, da quelle sensoriali a quelle cognitive a quelle emotivo-affettive.
  28. 28. 28 La scelta del metodo Il primo aspetto da affrontare in ambito didattico è senza dubbio la scelta del metodo di insegnamento della lettoscrittura. Metodo globale Metodo sillabico Metodo fonologico Vista la particolarità del disturbo, il metodo didattico impiegato non costituisce affatto una variabile neutra.
  29. 29. 29 La scrittura: la grande dimenticata La riflessione attuale lamenta una concentrazione eccessiva sugli aspetti legati all’insegnamento della lettura, a detrimento di quelli che riguardano le capacità prattognosiche investite nell’attività della scrittura. Una riflessione più puntuale anche sugli aspetti della didattica della scrittura apporterebbe notevoli benefici agli alunni con DSA, oltre che naturalmente a tutti gli alunni in generale.
  30. 30. 30 L'imprescindibilità delle scelte didattiche e metodologiche Riconosciuta importanza dell’utilizzo di metodologie ad hoc e di strumenti che assumono una sicura imprescindibilità in situazioni particolari quali quelle concernenti l’apprendimento di alunni con DSA. L’impiego di questi strumenti in tali casi fa capo ad una riflessione pedagogica che tiene conto sia del bisogno educativo individualizzato/specifico, sia della necessità di attuare una didattica aperta alle variabili contestuali e inclusiva per tutti gli alunni.
  31. 31. 31 Il cervello del dislessico Nel caso dei bambini dislessici la lettura si svolge in maniera diversa. Le tecniche di neuroimmagine hanno infatti evidenziato che distinguere fonemi all’interno della parole, eseguire compiti linguistici, richiamare alla memoria il nome di un oggetto sono attività che impegnano i neuroni del cervello ed evidenziano un quadro diverso del cervello della persona con dislessia. Il funzionamento del tutto originale dei processi di lettura di un dislessico è in grado di spiegare le difficoltà specifiche che tali alunni presentano nella scuola e, per alcuni studiosi, anche quei particolari talenti di cui alcuni di loro sono dotati (Davis, 2004).
  32. 32. 32 Cervello, percezione spaziale e creatività Il legame che intercorre tra una eccezionale rappresentazione dello spazio, il disegno e un’attività artistica e professionale ingegnosa sarebbe legata ad un diverso modo di operare del cervello di questi personaggi, un cervello organizzato diversamente, forse in linea con le richieste del nostro passato prealfabetico, in cui il ricorso alla creatività, all’intuizione e all’ingegno erano motivo di sopravvivenza. Queste ipotesi, suffragate da studi attuali, sono in grado di suggerire alle persone con dislessia buone riuscite professionali in ambiti tecnologici.
  33. 33. 33 Cervello, sistema di scrittura, lingua materna L’attività cerebrale messa in opera durante il processo di apprendimento della lettura dipende tuttavia anche da altri fattori, oltre al sistema di scrittura: dipende dalla lingua di cui tale sistema di scrittura è la rappresentazione grafica. L’organizzazione sonora di una lingua, la sua regolarità, il suo livello di astrazione, i movimenti fonoarticolatori coinvolti nei processi di lettura e scrittura sono tutti fattori che influenzano sia l’attività neuronale, sia l’efficacia dell’apprendimento della lettura.
  34. 34. 34 Scritture alfabetiche più regolari come l’italiano o il greco vengono apprese in un tempo minore e con maggiore fluidità rispetto a scritture alfabetiche meno regolari come l’inglese o il francese. La nostra lingua ad ortografia trasparente rende meno significative le difficoltà dei nostri alunni con DSA.
  35. 35. 35 Le funzioni del corpo nella lettura e nella scrittura L’apprendimento della lingua scritta presuppone dei prerequisiti specifici che concernono lo sviluppo anatomo-fisiologico del bambino dell’età della scolarizzazione. Essi sono l’acquisizione dello schema corporeo, la lateralità, l’orientamento e l’organizzazione spazio-temporale, il livello prassico, il livello mentale, la vista e l’udito, l’attenzione, la memoria e la motivazione ad apprendere. Tutto il corpo, pertanto, è coinvolto nei processi che sottostanno alla lettoscrittura.
  36. 36. IL DISTURBO DELLA LETTURA Un disturbo che in società non alfabetizzate può essere del tutto ignorato, diventa, nella moderna società occidentale, un handicap che può portare il soggetto a sentirsi gravemente svantaggiato nei confronti delle richieste della società
  37. 37. La dislessia è un tipo di deficit sempre esistito, ma che ha cominciato a manifestarsi soprattutto a partire dal XX° secolo, con l’avvento della scolarizzazione di massa. La disabilità, infatti, non si manifesta quando non viene richiesta la capacità di lettura, quindi, nonostante la dislessia esista ovunque ed in ogni periodo storico, essa non si rende evidente in società analfabete
  38. 38. I primi studi sulla difficoltà di lettura Le prime osservazioni riguardanti la dislessia si hanno a partire dal 1895, quando per la prima volta, esce un articolo su una rivista medica inglese, “The Lancet”, che parla di “cecità congenita per le parole”, descrivendo il caso di un paziente del dottor James Hinshelwood. Ciò che più attirò l’interesse degli studiosi fu il manifestarsi di una compromissione quasi totale della capacità di leggere, nonostante un livello intellettivo generalmente nella norma e un sistema sensoriale intatto
  39. 39. Il danno cerebrale minimo All’inizio del XX° secolo, nella letteratura anglosassone, i deficit di apprendimento erano indicati con il termine minimal brain damage, trauma cerebrale minimo, pensando che alla base del disturbo ci fosse un’anomalia cerebrale dovuta a malattia o ad una lesione alla nascita o a “sviluppo difettivo nei primi stadi di crescita embrionale”. Ma la scienza non riusciva a capire a che tipo di trauma riferirsi, perciò, gia allora Hinshelwood si rese conto dell’importanza di stabilire una corretta terminologia, affinché gli educatori non confondessero la cecità congenita per le parole con un deficit intellettivo.
  40. 40. La nascita del termine DISLESSIA Il filone iniziato da Hinshelwood fu proseguito dal neuropatologo americano Samuel Orton, che fu il primo ad introdurre il termine “dislessia evolutiva” usato ancora oggi. Egli avviò una serie di studi per ricercare la correlazione tra fenomeni come il mancinismo o la lateralizzazione incerta e la dislessia, o fra i disturbi di linguaggio e la dislessia. Suggerì che la dislessia fosse legata ad un ritardo evolutivo nello sviluppo della dominanza emisferica cerebrale per il linguaggio.
  41. 41. Secondo questa ipotesi le lettere sarebbero rappresentate specularmente nei due emisferi, per cui, il mancato sviluppo della dominanza di un emisfero cerebrale (in genere il sinistro) causerebbe un’errata percezione visiva dei simboli, con conseguenti confusioni nell’orientamento spaziale e i tipici errori di inversione di lettere speculari (che descrisse coniando il termine strefosimbolia). Anche se molte delle sue teorie, come quella della correlazione fra dislessia e mancinismo, si sono poi rivelate infondate, Orton ha avuto il merito di aver condotto la riflessione sui disturbi di lettura fuori dalla ristretta classe di scienziati e di aver sensibilizzato l’opinione pubblica, coinvolgendo anche gli insegnanti.
  42. 42. La base fonologica La concezione della dislessia evolutiva come deficit di natura preminentemente visuo-spaziale rimase incontrastata fino agli anni Sessanta; in seguito l’attenzione si spostò principalmente sul versante linguistico. Nel 1971 la psicologa dell’educazione Isabelle Liberman, americana evidenziò che gli errori di inversione di lettere e parole costituiscono solo una minima parte degli errori commessi dai dislessici, che questo tipo di errori tende a concentrarsi nei primi momenti dell’apprendimento della lingua scritta
  43. 43. La maggior parte degli errori commessi aveva una base linguistica. Fu lei la prima ad osservare che il bambino dislessico ha problemi specifici con i suoni del linguaggio e in particolare con i fonemi, le strutture sonore della lingua materna. Questa re-interpretazione in chiave linguistica dei disturbi di lettura e il rovesciamento delle teorie fino ad allora dominanti ha ricevuto un importante sostegno sul piano clinico sperimentale e su quello degli studi genetici, che confermerebbero il ruolo critico della codifica fonologica nella genesi della dislessia. L’aspetto centrale del disturbo della lettura avrebbe un’origine linguistico- fonologica, anche se il ruolo dei fattori visuo-spaziali non è mai stato completamente escluso in modo convincente.
  44. 44. Trovare, dunque, un modo per superare gli ostacoli, per recuperare il più possibile tale disturbo, è compito indispensabile per un educatore, la cui funzione è quella di portare ciascun allievo a raggiungere il massimo delle proprie potenzialità. Secondo le più recenti teorie, il dislessico, nonostante buone capacità intellettive, soffrirebbe di un ritardo maturazionale, per cui la corteccia frontale inferiore di sinistra elaborerebbe le informazioni con notevole lentezza (Cfr. Oliverio)
  45. 45.   Attività grafica spontanea   Grafismo VS Scrittura   Disegno  La scrittura non è un’attività grafica di più complessa esecuzione rispetto al disegno, ma è una capacità mentale che richede prerequisiti specifici
  46. 46. Prerequisiti dell’apprendimento della scrittura 1.    Egocentrismo: a) psichico = “Io sono al centro del mondo” b) culturale = “Ciò che piace a me piace a tutti” c) sociale = rifiuto delle regole sociali e del gioco di gruppo d) percettivo = la percezione del mondo dipende dal luogo e dalla posizione in cui il bambino si trova Ci sono leggi che regolano l’organizzazione percettiva: è l’attività fisiologica che percepisce, ma è il cervello che decodifica i segnali
  47. 47.   2 . La percezione dello spazio   Spazio topologico = secondo le leggi di inclusione, chiusura, vicinanza, lontananza, separazione, somiglianza, direzione, regolarità   Spazio euclideo = secondo le leggi della geometria euclidea che concernono rette, angoli, superfici, volumi e consentono una conoscenza “misurata” dello spazio  Spazio topologico = percezione soggettiva dello spazio  Spazio euclideo = percezione oggettiva dello spazio
  48. 48.  LE FIGURE DI BENDER  Sono state prodotte dal “padre” della teoria della Gestalt, Max Wertheimer, e riprese dalla psichiatra Lauretta Bender negli anni ’30 per prove di carattere medico  Furono sottoposte ad adulti e bambini sia normali, sia insufficienti mentali o con turbe della personalità per evidenziare i caratteri di alcune malattie mentali  Le 9 figure di Bender possono rilevare una immaturità percettivo- motoria che può essere naturale o patologica
  49. 49.  Le riproduzioni grafiche dei bambini possono costituire:    una non-struttura = la riproduzione è a livello del grafismo spontaneo, dello sgorbio, dello scarabocchio, attribuibile a bambini al di sotto dei quattro anni   una struttura disarticolata = la riproduzione è solo simile al modello, nel senso che si riconosce il modello, ma non l’articolazione della struttura   una struttura aggregata = la riproduzione è composta da elementi strutturati, ma disgiunti l’uno dall’altro, accostati l’uno all’altro, a volte capovolti   una struttura articolata = la copia è simile al modello e ne rappresenta gli elementi euclidei nelle angolature, nelle proporzioni delle parti, nella dimensione e nell’orientamento
  50. 50. 3. Il livello mentale  a ) Capacità intellettiva  b) Immagine mentale  Capire la correlazione tra segno grafico, suono linguistico e significato  Significante = parola come suono o segno grafico  Significato = oggetto o idea a cui la parola rimanda
  51. 51. 4. Il livello prassico Prassia = è la capacità del movimento grafico del bambino  Prattognosia = è la capacità di motricità fine che descrive la conoscenza dei movimenti coordinati e finalizzati al uno scopo preciso
  52. 52. 5. La vista e l’udito  La capacità di esecuzione è data da : • A.) Il coordinamento oculo-motorio • B) La lateralità o dominanza laterale • C) Lo schema corporeo, per cui il corpo del bambino diviene un’unità percettiva e motoria in totale simbiosi con l’ambiente
  53. 53. I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO  Disgrafia = disturbo caratterizzato da difficoltà nella scrittura  Dislessia = disturbo caratterizzato da difficoltà nella lettura  Discalculia = disturbo caratterizzato da difficoltà nelle operazioni aritmetiche
  54. 54.  DISGRAFIA = è un disturbo della scrittura che si caratterizza come una difficoltà specifica nella riproduzione dei segni alfabetici il cui tracciato appare incerto, irregolare nella forma e nella dimensione e comunque inadeguato. Vengono mantenute le caratteristiche topologiche della scrittura, ma non i rapporti e l’equilibrio di tali rapporti tra le parti delle lettere
  55. 55.  DISORTOGRAFIA = è l’alterazione del contenuto della parola, non solo della forma. Il bambino confonde le lettere o per somiglianza fonetica (d per t, v per f, c per g, m per n) oppure per somiglianza morfologica (d per q, n per u, l per b).  Inoltre vi possono essere inversioni di fonemi o di sillabe, omissioni nei gruppi vocalici o nei dittonghi, in posizione preconsonantica di l, m, n, r, s, aggiunte o sostituzioni
  56. 56. I LOW LEARNERS  Ø Bambini con deficit mentali (difficoltà percettive o dell’organizzazione spaziale);  Ø Bambini a cui mancano funzioni di base (traducono i segni in suoni, ma non accedono ai significati e non vanno oltre la fase strumentale (afasia di Wernicke);  Ø Bambini con un generale ritardo nell’apprendimento ascrivibile a problemi che originano fuori dalla scuola;  Ø Bambini dislessici propriamente detti che accedono tranquillamente ai significati, ma hanno difficoltà specifiche a livello di decodifica 
  57. 57. L’APPROCCIO DIDATTICO E RIABILITATIVO  1. Metodi riabilitativi centrati sul sintomo attuati all’interno dei servizi  2. Metodi di insegnamento alternativi al testo scritto attuati nella scuola (DIDATTICA PERSONALIZZATA):  - TESTI SEMPLIFICATI E RIDOTTI  - MATERIALE ICONOGRAFICO  - LIBRI “PARLATI”, SINTESI VOCALE  - PC, CORRETTORE ORTIGRAFICO, SOFTWARE DIDATTICI SPECIFICI PER IL RECUPERO

×