1° ATTOLa scena è completamente vuota; nessuno scenario; sul palco un tavolo spoglio, qualche sedia, unarmadio chiuso; SAV...
Sav. AH, NO CREDO, MA TANTO L’HA DITO CHEL NE PAGA EN ANTICIPO E QUANDO LA SCO-     MISIARÀ, NOIALTRI DU SAREN ZA BEI DIST...
Sav. E VA BEN, SA UTO FAR! GHE L’EN E SEL TEGNEN ... SPERANDO CHEL TO ULTIMO      ACQUISTO EL SIA EN PEL MEIO.Val. SI; QUE...
Sav. (preoccupato a VAL) MA ETO ISTO COME L’È GNUO TACA’ SOTO CHEL LÀ? ADESSO,     AND’OL CATO EN COSTUME DA DARGHE?Val. N...
Ali. (da dentro) SONO QUA ... PADRONEVal. (rientrando) E TACA CHELA LUCE CHE NO TE EDO!!Sav. (rientrando dalla parte oppos...
Lor. “COM’È BUIO QUESTO BOSCO. MA ... ARRIVA QUALCUNO .... SENTO DEI PASSI ... SI,      VEDO UNA GRAN LUCE ... È LEI: FULV...
Fra. (illuminato) LASA CHE ME SPOSA: NEN PAR DE ANI TE NE FAO NA QUINDESINA!Don. AH..TASI ALÀ! NO STA ZONTARME PROBLEMI CH...
Lor. “OH FULVIA ... FINALMENTE SEI ARRIVATA... NON RESISTEVO SENZA TE” “OH, FOSCO ...      NON POSSIAMO PIÙ VEDERCI COSÌ D...
Sav. SU SU, SIGNORI..POCA CONFUSION. COMENSIEN DA CAPO ENVESSE ... TI , PAPÀ,      METETE LI, DA NA’ PARTE ... RIFEN... RI...
Mar. MA COSA DICE? LA REGOLA NUMERO TRE ... QUELLA RELATIVA AGLI ESTINTORI ...     (si guarda in giro) MA DOVE SONO GLI ES...
Sav.  MA ...Mar.  E NIENTE MA! SILENZIO CHE DEVO SCRIVERE!Sav.  E ADESO SA FEMOVal.  MI NA MEZA IDEA GHE L’AREA PAR TENERS...
Pie. (deluso a Sav che si avvicina),CHE... CHE ABIA SBAIÀ QUALCOSSA?Sav. (fintamente tenero) MA NÒ, PIERPAOLO! CARO PIERPA...
Cor. GUARDA, NON ME NE PARLARE. QUANDO USCIAMO LA SERA È UN VERO PROBLEMA!Lor. A TE CREDO! BOIA , EL GA DE CHEI BESTIONI A...
Sav. STOOOOP!!!Pie. (sull’arrabbiato da terra), MMM... COME M’ENCASSO QUANDO SBAGLIO      (momento di stupore tra gli altr...
Fra. NO ... NO...! SIGNORINA ... NO L’È NEBIA ... SON MI!Ros. (rimproverando), MA SA FALO, BENEDETO FIOL? NON SA CHE NON S...
Ros. COME SA OLEA? TO PORTÀ LA MERENDA, PIERPAOLO! VARDA, L’È LÌ, NELA SPORTAPie. GRASSIE ... (prende la sporta e questa è...
Abd.(cerca di porre fine al “corteggiamento") TU NON HAI CAPITO. IO NON CERCO UN UOMO.     IO CERCO MIO MARITO: NON LO TRO...
Val. (indicando) EL .. EL BLOCHETO DEI ASSEGNI! STAOLTA O FATO USO DELA DOLCESSA ...      DU OCI LANGUIDI ... DO PAROLINE ...
Ali. A IÈ DISTESI ENSIEME SULA ME BRANDINA ... PADRON SAVERIO, SE GHE CIAMA “RIPA-     SAR LA PARTE”, ADESO?Mau.(da in esc...
Lor. (gli batte sulla spalla) ALÀ, SEMO ... CHE SCHERSO!Sav. MA, BRUTO DEFICENTE ... (Lor fugge fuori) DAI, NEN ZO A SISTE...
Sav. (per tagliare l’aria) ODDIO, EH .... L’INTELIGENSA L’È QUELADon.SILENSIO HO DITO! MI NO OLEA CREDERGHE E ENVESSE,ARDA...
Pie. (urlando) UTO TASER BRUTA STREGA! (Ros rimane senza parole, Pie stupitissimo),, EEHH     INCREDIBILE! LA TAZE! NO GHE...
Val. PANDORO! (e si allontanano verso l’uscita)Lor. (avvicinandosi a Sav) CERTO, EH ... CHE UNA CHE ME DIZE MUSS ... MI EN...
Mau.NO, NO! ME SON ZA STUFÀ MI! LA SALUDO, SIOR REGISTA! NEN A CASA CORNELIA, VÀ     (la prende in braccio, Cor porta le m...
Sav. (stupito) ALÀ! E .. GHE TANTI ISCRITI?Fra. EEEH, MI ... E LA PERPETUA! MA L’È SOLO QUESTION DE TEMPO. ADESO O TACÀ, A...
Próximos SlideShares
Carregando em…5
×

ASiparioSerà- copione

623 visualizações

Publicada em

Publicada em: Negócios
0 comentários
0 gostaram
Estatísticas
Notas
  • Seja o primeiro a comentar

  • Seja a primeira pessoa a gostar disto

Sem downloads
Visualizações
Visualizações totais
623
No SlideShare
0
A partir de incorporações
0
Número de incorporações
3
Ações
Compartilhamentos
0
Downloads
1
Comentários
0
Gostaram
0
Incorporações 0
Nenhuma incorporação

Nenhuma nota no slide

ASiparioSerà- copione

  1. 1. 1° ATTOLa scena è completamente vuota; nessuno scenario; sul palco un tavolo spoglio, qualche sedia, unarmadio chiuso; SAV cammina nervosamente, si volge come se dovesse dire qualcosa, ritorna suisuoi passi ripensandoci, poi riparte.Sav. (al pubblico) OH, MI NO 0 MAI FUMA NA SIGARETA EN VITA MIA .. (si accende la cicca, nercoso) ... EHM ... SIGNORE E SIGNORI ... BUONASERA .... LÈ CON IMMENSO DISPIA CERE CHE GO’ DA COMUNICARVE CHE .... PER UNA SERIE DE PROBLEMI ... NON IMPUTABILI A QUESTA REGIA ... PER UN INSIEME DE DISGUIDI, DE CONTRATTEMPI ... DE CASINI, INSOMMA ... LA COMMEDIA DE STA’ SERA ... LA COMMEDIA ... NO LA SE FA MIA! LO SO, ME DISPIASE, MI O FATO TUTO EL POSIBILE, MA ...Val. (alzandosi dalla poltrona tra il pubblico dove è seduto, applaudendo) BRAVO! BRAVISSIMO! BIS!!Sav. MA CI GHE’? AH, TE SI TI PAPÀ! VIEN SU, DAI!Vfc. (mentre il vecchio, gobbo, si avvicina al palco e sale) MA CHI SONO QUESTI DUE STRANI PERSONAGGI COMPARSI IMPROVVISAMENTE DAVANTI A VOI? SICURAMENTE VI SERVE UNA PICCOLA SPIEGAZIONE. CI TROVIAMO IN UN PICCOLO TEATRO DI PROVINCIA E I DUE SIGNORI CHE AVETE APPENA CONOSCIUTO SONO SAVERIO BARBERINI E SUO PADRE VALERIANO, TEATRANTI DI BASSO RANGO, CHE VISTISI ORMAI IN BOLLETTA, HANNO ACCETTATO LINCARICO DI DON GIOVANNI, PARROCO DEL PAESE, AD ORGANIZ ZARE UNA COMMEDIA DRAMMATICA IN OCCASIONE DELLA VISITA IN PARROCCHIA NIENTEPOPODIMENO CHE DEL VESCOVO! ... SEMBRA PERÒ CHE LE COSE NON STIA NO ANDANDO TUTTE PER IL VERSO GIUSTO ....Val. (si siede) MA COM’ELA STA STORIA? IE’ ORE CHE VAO EN GIRO PAR EL PAESE COME EN MUSSO PAR BINARTE SU QUALCHE ATOR ... ORMAI GO LE SOLE CHE FUMA! E QUANDO TORNO CHI, SA TE EDO? EL "REGISTA" CHEL FA LE PROE NO DE LA COMEDIA, MA DEI DISCORSI PAR PARAR IA LA GENTE ...Sav. SI, TE FE’ PRESTO A PARLAR TI! BELA IDEA GHEN AUO DE ACETAR LE OFERTE DEL PRETE ...Val. ORPO! ALMANCO CHI MAGNEMO! ORMAI IERA SETIMANE CHE ROSEGAIMO LA STESA GROSTA DE FORMAIO! CON TUTE LE OLTE CHE TE LHO DITO: LASSA STAR, CAMBIA MESTIER, NO SE CAMPA CO LARTE. E PO, DISEMOLA TUTA: GHE CI GA’ TALENTO E CI NO GHE N’HA. MI GHE LAVEA, TI , AL MASIMO... SA UTO FAR? ... AL MASIMO ... TE POL MONTAR LE SCENE, ECO...Sav. EEEH, HA PARLÀ FELLINI! ARDA CHE STO SPETACOLO QUA DON GIOVANNI EL PODEA DARGHELO A SENTO ALTRI REGISTI ...E ENVESE L’È GNUO LU, EN PERSONA, A SER- CARME ...Val. (un po’ titubante) EHM, SAVERIO ... NO AREA VOLUO MAI DIRTELO ... MA L’E, CHEL SIA GNUO PARCHÈ TE SI BRAO ... LÈ STA PARCHÈ ... HO COROTO LA PERPETUA!Sav. EH? COROTO? E CON CHE SCHEI?Val. SCHEI? MA QUAI SCHEI? HO DOVESTO SACRIFICARME: HO PAGÀ... (vanesio) EN NATURA!Sav. BOIA ... LA SA CONTENTA’ DE POCO!Val. OH, BUTIN, PIAN COI DISCORSI, ERA! ARDA CHE SON SEMPRE STA EN DRAGO CON LE DONE! E PO’, PROPRIO TI TE PARLE, ARDELO LÌ: QUARANTANI E L’ETO MAI ISTO CON NA BUTELA? ARDA: LE, PARCHÈ TE SI ME FIOL ... SE NO ME VEGNAREA ANCA QUAL- CHE SOSPETO ...Sav. (seccato) PAPÀ ...Val. SI, CHE PO’, IN FIN DEI CONTI, L’È QUESTION DE TALENTO ANCA LÌ: GHE CI GHE L’HA e GHE CI NO GHE L’HA ... GHE CI È BON E GHE CI NO È BON. MI EL SO’, SA BISON FAR CON NA DONA ... TI ... SA UTO MAI FAR? LE SCENE ... AL MASIMO.. TE POL MONTAR ... LE SCENE! ENVESE, TORNANDO A CAO, L’ETO FINIA STA COMEDIA?Sav. (prendendo un copione) ECOLA QUA, BELA CHE PRONTA: “NOTTI DAMORE NEI PRIMA- VERILI BOSCHETTI MEDIOEVALI” ... DI SAVERIO BARBERINI!Val. A, CHEL GA’ DA VEDERLA EL VESCOVO ... LÌ COME MINIMO LOLTA IA SOLO A SENTIR EL TITOLO! MA.... SETO SICURO CHE A DON GIOVANNI LA GHE VAGA BEN? 1
  2. 2. Sav. AH, NO CREDO, MA TANTO L’HA DITO CHEL NE PAGA EN ANTICIPO E QUANDO LA SCO- MISIARÀ, NOIALTRI DU SAREN ZA BEI DISTANTI. PENSA TI: EL VOLEA EN DRAMON CON TUTI VESTII DE NERO, TUTI CHE PIANZE ... NO IÈ MIA ROBE PAR MI, CHELE LÌ! MI, NELE ME COMEDIE, BISOGNA CHE GHE META DELA PASSION, (infervorandosi) DELLE SCENE EN PO’ OSÈ, EN PO SPINTE, EN PO ....Val. (prendendogli il copione) ... SCENE SPINTE? E SA NE SETO TI? FAME LEZER, ALÀ,, CHE NO TE ABIE SCRITO DE CAOLI O CICOGNE! (legge avidamente, in crescendo) EH... ORPO!Sav. SA GHE?Val. NO L’È CHE LA SCENA 21 POSO FARLA MI? ORPO, SE EL VESCOVO L’È SOPRAVISUO AL TITOLO, CHI COME MINIMO I LO PORTA IA EN BARELA!Sav. AH, I È TUTI PARTICOLARI ... PENSA AL RESTO, ENVESE: GHEN TUTE LE SCENE DA FAR ... E PAR DE PIÙ ME MANCA ANCORA N’ATOR.Val. EH, MA TE L’HO DITO CHE PAR I ATORI GHE PENSO MI !Sav. AH SI, BEI FENOMENI TE ME PORTA FIN ADESO: UNA CHE LA PERDE LA OSE NA COM- EDIA SU DO E N’ALTRO CHE L’È CUSITA TIMIDO CHEL GA’ PAURA ANCA DE GNER FORA DALA PORTA ...Val. EH, - EL PAESE L’È PICOLO E MEZO ANALFABETA: EN DU GIORNI SA PRETENDEITO? ... PAR LA PARTE DELA DONA S’EA PROPOSTA SUOR ADALGISA, MA ME LA VEDO MALO TO A FAR LE SCENE SPINTE NEI BOSCHETI MEDIOEVALI! E, COMUNQUE, HO CATÀ ANCA EL TERSO: L’È ZO CHEL SE METE EL COSTUME ...Sav. NO OSO PENSAR A COME EL SARÀ QUESTO ... BEH, SPETA CHE CIAMO I ALTRI DU ENTANTO ... (si sporge fuori dalla scena) SIGNORI ... SIO PRONTI? SU, IN SCENA!Cor. (entrando) BUONGIORNO SIGNOR SAVERIO.Sav. (galante, baciando la mano) BUONGIORNO SIGNORA. E ALLORA? ... STIAMO BENE OGGI?Cor. NON C’È MALE, GRAZIE. SOLO ... UN PO’ DI MAL DI GOLASav. (visibilmente preoccupato) EN PO’ DE MAL DE GOLA... (falso alla signora) BEH, COSA VOLE- LA CHE SIA PAR EN STUPIDISSIMO , BANALE MAL DE GOLA? (ripreoccupato sottovoce a Val.) AAAH ... PASA EN FARMACIA E COMPRA PASTIGLIE, SUPOSTE, ANALGESICI, ANSIOLITICI ... DE TUTO!Val. BENE ... AH, LE SUPOSTE ... POSO METERGHELE MI?Sav. (fulmina il padre con uno sguardo, poi di nuovo gentile) ... MA IL NOSTRO SIGNOR PIERPAO- LO DOV’ELO?Cor. MAH, NON LO SO .... ERA GIUSTO DIETRO DI MESav. (chiamandolo) SIG. PIERPAOLO! SIG. PIERPAOLO! GHELO ANCORA?Pie. (entrando molto timidamente) .... PERMESSO?Sav. SIGNOR PIERPAOLO ... SU , CARO .... EN PO DE ANIMA ... CHE NO GHE’ NISUNO CHE LE MAGNA!Pie. (timidamente) SI MA QUANDO GUARDO ZO E VEDO TUTE CHELE CAREGHE UDE..., E PENSO CHE DOPO LE SARA’ PIENE ... AH, ”ME TREMA ANCA LE ONGE DEI PIÈ”Sav. SI, MA ... VOI DIR... LU NELA COMEDIA EL GA DA INTERPRETAR EL FEROCE DON ORA- ZIO. PENSELO DE FARGHELA? ECO ... EL PROA A IMPEGNARSE... (crea l’atmosfera) LU L’È, EL FEROCE DON ORAZIO (Pie. a suo modo interpreta) EL VIEN DRENTO DALA PORTA E EL CATA SO MOIER LÌ COL SO AMANTE ... (alzando la voce) E ALORA EL SE RABIA DE PIÙ ... PIERPAOLO ... COME FALO DON ORAZIO QUAN CHE L’È COSI CATIO?Pie. (con lespressione più innocente possibile) GRRRRRVal. (fingendo) CHE PAURA! ARDA: ME SA FIN SBIANCAI I CAVEI!Sav. (affranto) PAPÀ, FALA FINIA! O CAPIO CHE NO TE GHE MIA OIA DE NAR A SERCARDE N’ALTRO! EH, SE TE OL SE POL SEMPRE TRUCAR SUOR ADALGISA! NO GHE OLAREA GNANCA TANTOSav. NO, SERA CHI CHE PENSAA SE EN FARMACIA ...Val. (ironico) SE! GHE OL ALTRO CHE MEDISSINE PAR CHEL LI! GHE OLAREA ... N’ELETTRO- SHOCK! ... (precisando) E COMUNQUE MI A CHEL LÌ NO GHE NE METO SU SUPOSTE, EH!?! 2
  3. 3. Sav. E VA BEN, SA UTO FAR! GHE L’EN E SEL TEGNEN ... SPERANDO CHEL TO ULTIMO ACQUISTO EL SIA EN PEL MEIO.Val. SI; QUESTO NO DOAREA ESERGHE PROBLEMI. EL DOAREA ESER UN VERO PROFE- SIONISTA. OH, PENSA CHEL MA DITO CHEL VEN ZA COL COSTUME PRONTO. TEL CIAMO: SIG. DE SANCTIS! SIG. DE SANCTIS... ELO PRONTO?Lor. (dall’interno) CHE DISCORSI! CERTO CHE SON PRONTO!Val. SI, MA SALO ZA CAMBIÀ?Lor. (entrando in boxer possibilmente comici, magari col salvagente) EH BOIA, SA GHE OL? ECOME QUA! QUANDO I ME DIZE “VENGA IN COSTUME” , BOIA, MI VEGNO EN COSTUME ...Sav. (a VAL ironico) MA GHETO DITO CHEL GA’ DA FAR NA COMEDIA O NA PUNTATA DE “BAYWATCH”?Lor. (avvicinandosi a Sav.) LU EL DOREA ESER EL REGISTA. E ALORA? SA DIZELO DEL COSTUMIN NOO EH, PENA TOLTO ... VALO BEN?Sav. (ironico) EL SECETO E LA PALETINA L’ALO LASSEI DE LÀ?Lor. (serio) SICURO .. GHENTI DA NAR A TORLI? (si avvia)Sav. (lo trattiene) NO, NO, EL LASSA PERDER. ENVESE, EL ME DIGA: LU... GALO QUALCHE ESPERIENZA DE TEATRO?Lor. (sicuro) COME NO! HO RECITÀ CON TUTI I PIÙ GRANDI REGISTI DEL MONDO! SON MONTÀ, SUI PALCHI PIÙ PRESTIGIOSI ... (incuriosito chinandosi sulla buca del suggeritore) BOIA.. MA VARDA CHE BUSO CHE GHE QUA! BISOGNA STUPARLO: CHI PODAREA FINIRGHE DRENTO QUALCHEDUNO!Sav. (allibito) EH? MA L’È LA BUSA DEL SUGERITOR! MA COME? UNO CON LA SO ESPERIEN SA CHE NO SA ....Lor. (interrompendolo) E COSSA ELO CHE IÈ STI DU TENDONI PARTE PAR PARTE?Sav. (sconvolto) COSA? MA ... MA ANCA UNO CON NA MINIMA ESPERIENSA DE TEATRO ...Lor. (interrompendolo) E TUTE CHELE CAREGHE UDE ... A SA SERVELE?Sav. (sull’adirato) NO .... CIOÈ LU EL VOL DIRME CHE LA RECITÀ, COI PII GROSI REGISTI DEL MONDO ... E NO LA MAI CATÀ EN TEATRO CON LE CAREGHE?Lor. (imbarazzato, ma si salva) EH SI, EL PENSA CHE STRANESSA. MA COM’ELO CHE SE DISE? TEATRO CHE VAI ... USANSE CHE TROVI. BOIA, EN QUESTO GHE ANCA LE CAREGHE! (avvicinandosi- a Cor. sottovoce) AMORE, DITO CHE I SE SIA ACORTI CHE VEGNO A RECITAR SOLO PAR STARTE VISIN SENSA CHE TO MARÌ EL NE SCOPRA?Cor. (sottovoce, rassicurante) NO, CARO ... SEI STATO BRAVISSIMOSav. (a Val.) SE STO QUA LA ISTO ANCORA EN PALCOSCENICO ... MI SON NA’ SUORA DE CLAUSURAVal. SI... E MI SON LA MADRE SUPERIORA! EH, SA UTO FAR? GHE MANCA SOLO DO SETI- MANE ALA PRIMA NE TOCA TEGNERSELO ...Sav. E VA BEN... CARO SIGNOR DE SANCTIS ... LEI È ASSUNTO. MA, CONOSELO ZÀ LA SIGNORA CORNELIA? MAGARI DE FAMA ... L’È NA GRANDE ATRICE ANCA ELA!Lor. (stacandosi velocemente colto sul fatto) EH? COSSA? NO EH, MAI VISTA, MAI CONOSSUDA! E GNANCA DE FAMA! 0 RECITA EN TUTO EL MONDO MA NO LHO MAI ISTA GIURO! ARDA, PODESSE CROLAR EL ... (indica il palcoscenico) EL.. “COSO” QUA... LE ASE .... OH, MAI VISTA.Sav. VA BEN, SIGNORI, COMISSIEMO A LAORAR. ADESO NEMO DE LA CHE GO DA SPIEGAR VE COME L’È, STA’ COMEDIA ... E ANCHE QUALCHE PICOLO ACORGIMENTO CHE GAREN DA RISPETAR. ENTANTO, SE VOLI’ CAMBIARVE, BASTA CHE NASI’ DRIO A CHE LA QUINTA LA’ ...Lor. (non, capisce) QUINTA? SA ELA STA QUINTA?Sav. MA COME NOL SA... ( si interrompe) SII ALÀ, STO QUA NOL SA GNANCA QUANDO L’HA MAGNÀ EN BISOGNO ... (a LOR) LA QUINTA ... QUELA LÀ ... ECO: EL GHE VAGA DRIO ALA SIGNORALor. (seguendo COR in uscita) EH, NENGHE DRIO ALA SIGNORA. MA SA GHE CENTRELA ELA.. CO’, LA QUINTA ... ? (guardandola) ELA AL MASIMO LA GARÀ NA TERSA! (escono) 3
  4. 4. Sav. (preoccupato a VAL) MA ETO ISTO COME L’È GNUO TACA’ SOTO CHEL LÀ? ADESSO, AND’OL CATO EN COSTUME DA DARGHE?Val. NO’ STA A AGITARTE. I COSTUMI I È ZA TUTI ZO ... BEI, PRONTI E CONFESSIONÈ....Sav. MA COME? MA SE SON NA’ MI DAL SARTO E EL MA DITO CHE NOL ME FA GNENTE PARCHÈ GAVEA MASSA POCHI SCHEI!Val. ... MA MI SON NA’ DA SO MOIER! ... (vanesio con SAV allibito) EH, SOLITO “PAGAMENTO”... LA MA ANCA TIRA’ ZO L’IVA!Sav. E I SCENARI COME SITO MESSO?Val. QUEL L’È EN PO’ EN CASIN: EL FALEGNAME L’È VEDOVO! COMUNQUE VA, VA CHE GHE PENSO MI! A STE ROBE (SAV. esce) EH, CHE VITA ... VA DE QUA ... VA DE LÀ ... CATEME QUESTO .... CATEME STALTRO .... E MAI CHE GHE SIA NA OLTA CHEL TE DISE GRASSIE ... BEL FIOL HO FATO!Ali. (entrando dal fondo, parlando un italiano africanizzato) PERMESSO?Val. (guardando nel buio) AH..OSPION ... TACO A GNER VECIO DALBON QUA: SENTO LE OSE E NO VEDO NISUNO...Ali. (avanzando di più) PERMESSO ... POSSO ENTRARE?Val. (si sporge , ma non vede) EH, ORPO, MA POSIBILE CHE NO VEDA CI GHE? (sull’orlo del palco, impaurito) ODÌO... GHE .... GHE SARÀ MIA I FANTASMI, ERA?Ali. (da sotto il palco, tirando i pantaloni di VAL) ... SIGNORE!Val. (con un salto all’indietro) AH ... EL FANTASMA! EL M’HA CIAPA’!!Ali. (finalmente visibile) SIGNORE! NON SONO UN FANTASMA: SONO SOLO UN PPOVERO NEGRO!Val. (rianimandoli) AH ORPO ... ARDELO LI ANDO L’È! COSÌ SCURO PAR FORSA NOL VEDEA! EH, BOCJA, METETE EN CATARIFRANGENTE COME LE BICICLETE SE NO CHI QUAL- CHEDUNO EL FA N’INFARTO! MA .... SA OLEITO?Ali. (cantilenando) SONO UN POVERO MAROCCHINO ... SONO SENZA SOLDI ... FAI PIACERI- NO A POVERO MAROCCHINO: REGALA MILIONCINO A POVERO MAROCCHINO ...Val. EN MILIONSIN? BRAO, CARO, MA PAR CI METO CIAPA? A CHE STO QUA L’È EN TEA- TRO, MIGA LA CASA DE BERLUSCONI?Ali. IO SO TU BUONO. DARE SOLDI A POVERO MAROCCHINO ... IO DOVERE MANTENERE 56 PICCOLI POVERI MAROCCHINIVal. (colpito) ORPO, 56? TE SI PEZO DE MI! A LÈ N’ATIVITÀ A TEMPO PIENO! MA SA UTO CHE TE DAGA CHE? TO, TUTO CHEL CHE GO’: DOSENTO FRANCHI ... E TO’, CIAPA N’ACEN- DIN .... CHE ALMANCO I TE VEDA QUAN CHE GHE SCURO!Ali. (arraffando e andandosene) GRAZIE GRAZIE SIGNORE, TU BUONO. ANCHE STASERA GRAZIE A TE POVERO MAROCCHINO MANGIARE ... GRAZIEVal. (tra sè) CON DOSENTO FRANCHI? E SA MAGNELO, L’ACENDIN? BAH ... (poi, voltandosi come folgorato da unidea) EHI EHI, MAROCCHINO... GHELO ANCORA?Ali. (accendendo l’accendino nel buio) SI ... CI ESSERE ANCORA ... AVERE BISOGNO?Val. SI SI, EL VEGNA... EL VEGNA MAROCCHINO! (ALI arriva) ECO, MI GAREA DA FARGHE NA PICOLA PROPOSTA ... (girandogli attorno e tastando i muscoli) SII, NO LÈ CHE TE SIE TANTO GRASO ... ANSI, A DIR LA VERITÀTE SI BEN PATIO ... (al pubblico) DIO, CON TUTA L’ATIVITÀ FISICA CHEL FAI ... (ad ALI) E COME TE CIAMITO, NEGRETO?Ali. MIO NOME ESSERE ALÌ BENALAH!Val. SENTI, ALÌ, SA DIRESITO SE MI TE DESSE EN BEL LAORO?Ali. (ci pensa) LAORO? AH, SI, LAVORO ESSERE QUELLA COSA CHE SI FA FINTA DI FARE, DI FARE E INVECE NON SI FA NIENTE ... E POI TI DANNO LO STESSO TANTI SOLDI ...Val. (con compassione) NO, ALI ... TE GHE EN PO DE CONFUSION. CHELA ROBA LÌ NO LA SE CIAMA MIA LAORO ... LA SE CIAMA ..POLITICA! BEH, ENVIATE, ALÀ ... CHE ME SA CHE GO’ DA SPIEGARTENE DE ROBA ... (si avviano verso l’esterno)Ali. EH SÌ... DOBBIAMO DISCUTERE LO STIPENDIO, LE FERIE, TUTTI I CONTRIBUTI ...Val. (uscendo) AH ORPO ... HO BINÀ SU EN MAROCHIN SINDACALISTA! (esce, poi rientra guardandosi in giro) MA... ALI ... ANDO SITO? 4
  5. 5. Ali. (da dentro) SONO QUA ... PADRONEVal. (rientrando) E TACA CHELA LUCE CHE NO TE EDO!!Sav. (rientrando dalla parte opposta) SU..SU ... SBRIGARSE (entrano anche i tre attori, coi costumi di scena) SU.. TUTI AI SO POSTI .... DAI, CHE PROEMO LA SCENA 37Tor. (lamentoso, alle prese con una camicia decisamente sproporzionata) SI, TACHEMO... PERÒ MI GAREA EN PICOLO PROBLEMA COL COSTUME!Sav. ODIO... SA GALO?Pie. (timidamente) NO ELO MIO BON DE STAR A GALA SENZA SALVAGENTE?Lor. MA TAZI TI ... NO, L’È LA CAMIZA : LÈ MASA LONGAISav. (seccato) EH, CHE PROBLEMI: EL LE FASA SU NE LE BRAGHELor. AH,, PAR QUELA.... L’HO ZA FATA SU NEI CALSETI !!Cor. ANCH’IO VORREI UNA SPIEGAZIONE. MA PERCHÈ MAI, IN PIENA PRIMAVERA, IL MIO PERSONAGGIO DEVE INDOSSARE ... UNA SCIARPA DI LANA?SAV. (al pubblico) PORCO CAN.. LA SE NA ACORTA! (a Cor) NO... EHM... LÈ CHE ... PENSAA CHE MAGARI ... L’È INISSIO PRIMAVERA ... MAGARI NEL BOSCHETO TIRA EN PO’ DE ARIA... MA LA SE LE CAVA PUR SE LA GHE DA FASTIDIO...Cor. (pompata) QUESTA SCENA 37 MI RICORDA QUELLA VOLTA CHE DOVEVO RECITARE CON FELLINI AL TEATRO SISTINA ...Pie. E COME MAI NO ALA ME RECITA 1 ?Cor. UN BANALE CONTRATTEMPO: LA SERA PRIMA DELLA RECITA ... NON CI CREDERETE ... PERSI LA VOCE!Sav. (disperato, mente rientra Val) AAAAH ... LA SE RIMETA SUBITO CHELA SCIARPA!Cor. (titubante) MA ...Sav. L’È NA PRIMAVERA FREDA, FREDISIMA ... NEL BOSCHETO GHE APENA STA .... NA TROMBA D’ARIA SIGNORA: BISOGNA CHE LA SE VESTA! (a Val) SA DITO TI , PAPA : GHE METEMO ANCA EN BEL PALETÒ NA BARETINA DE LANA ...Val. PARCHE? PAR I ME GUSTI L’È ZA MASA VESTIA COSITA!Sav. (dando una gomitata a VAL) PAPA ! ... ANCA TI! SA OLEITO?Val. VOLEA SOLO DOMANDARTE NA ROBA: SA PENSITO DE FAR SE DAL CASO AL DON GIOVANNI GHE VEN IN MENTE DE GNER A SPIOCIAR LE PROE?Sav. NO STA PREOCUPARTE: O SA PREPARÀ EN PIANOVal. AH, VA BEN ... (sta per andarsene, si ferma) AH, ENVESE, OLEA DIRTE CHE HO ASUNTO EN STRACOMUNITARIO A FAR EL MANOVAL ...Sav. MA ELO BON DE LAORAR?Val. SCHERSITO? GO ENSEGNAI TUTO MI!Ali. (dallinterno, con urlo lancinante) AHIAAAAA!Sav. OSTI... CI ETO ASUNTO,TARZAN?Ali. (entra stringendo il pollice ferito) AHIAIAI ... SPIRITI MALIGNI SI ESSERE IMPOSSESSATI DI MIA DIELETA ... AIAIA, CHE MALE!Lor. (intervenendo pronto) EL ME FASSA VEDER A MI CHE SON MEZO INFERMIER. UUH, LA PROPRIO CIAPÀ NA GRAN PAPINA, EH! BOIA ... EL GA TUTO EL DIEL NERO!Ali. SIGNORE, TU NO ESSERE MEZO INFERMIERE: TU ESSERE TUTO SCEMO!Val. AH, LASELO PERDERE, ALI: SA T’È SUCESO?Ali. (stringendo un martello) NIENTE NIENTE PADRON CAPOMASTRO VALERIANO .... SUCCESSO NIENTE: TUTTA COLPA DI QUESTO MOLTO CATTIVO CACCIAVITE! (esce)Val. (a SAV che guarda perplesso) EH, L’È INUTILE CHE TE ME ARDE COSI! OLÈITO CHE ASUMESE EN MANOVAL ... O EN PROFESOR DE ITALIANO?Sav. VA BEN ... DAI BUTEI ... NEN AVANTI. ALORA: PROEMO STA BENEDETA SCENA 37... AVANTI ... TUTTI AL SO POSTO ... LESEMO ANCORA SUI COPIONI MA, ME RACOMANDO, CON SENTIMENTO OK? , CON SENTIMENTO ... LUCI! (si abbassano le luci; PIE e COR escono, poi COR scenicamente rientra mentre LOR legge la sua battuta nella maniera più bestiale possibile) 5
  6. 6. Lor. “COM’È BUIO QUESTO BOSCO. MA ... ARRIVA QUALCUNO .... SENTO DEI PASSI ... SI, VEDO UNA GRAN LUCE ... È LEI: FULVIA” (poi, girandosi fiero verso SAV) ALORA? SON NA BEN, AH? si riaccende la luce, per tutta risposta SAV attraversa il palco anninettato) e con gli occhi sbarrati, uscendo dall’altra parte)Lor. (festante) AH AH ... OH, L’È RIMASTO SENSA PAROLE! (a COR) SA DITO? PENSITO CHE STA’ REASION QUA LA VOIA DIR CHE GHE SON PROPRIO PIASÙO O DITO CHE AA ESAGERÀ, NA’ NINA COL SENTIMENTO?Cor. (rassicurante) NO, CARO ... SEI STATO BRAVISSIMOPie. (entrando timidamente) MA PARCHÈ ELO LA, CHEL SBATE LA TESTA CONTRO EL MURO?,, (tutti si precipitano fuori, poi rientrano e mimano prove a soggetto, lasciando la parola a:)Vfc. AH.. POVERO SAVERIO! QUANTE TESTATE CONTRO IL MURO DOVETTE ANCORA DARE PRIMA CHE QUELLA SPECIE DI COMPAGNIA CAPISSE QUALCOSA. COMUNQUE, PROVA OGGI, PROVA DOMANI, NON CI CREDERETE MA I NOSTRI COMMEDIANTI ERANO PRONTI. QUANDO RITORNIAMO SUL PALCOSCENICO, INFATTI, MANCANO SOLO 24 ore ALLA PRIMA, ANZI ALL’UNICA! (ritorna la luce normale)Sav. AVANTI... SU CARI... CHE DOMAN GHEN DA NAR EN SCENA... RIPROEMO STA BENEDE- TA SCENA 37... DAI, TUTI EN POSISION (spostamenti come prima) ALORA, CON SENTI- MENTO...LUCI! (si abbassano le luci, LOR apre la bocca per cominciare quando, le luci si riac- cendono e SAV grida)Sav. STOP!!!Lor. (offeso) MA COME? SA ENTI SBAIÀ STAOLTA? BOIA... NO O ANCORA DITO GNEDITE!Sav. (annusando l’aria) SSSTTT... SILENSIO! LE ME POTENTISSIME NASELE LE A PERCEPIO N’ODOR SOSPETO.... SI, NO GHE’ DUBIO:L’È PROPRIO ODOR DE INCENSO (agitato) È DRIO ARIVAR EL PRETE!! SVELTI! CAMBIO SCENA!!! (a soggetto Sav, Lor e Cor facendo una gran confusione aprono l’armadio estraendo una car- rozzina con dentro una bambola e una cassa di pomodori; Lor esce con la cassa mentre Cor si copre il vestito con uno scialle e si mette a far la calza a fianco del bimbo; si riabbassano le luci)Don. (entrando gaudente) PACE A QUESTO TEAT...Tutti. (interrompendolo) SSSSSTTTT! ! ! (mentre DON avanza con FRA che turibola, entra LOR che appoggia la cassa sul tavolo)Lor. “GUARDA MARIA... GUARDA COSA HO RACCOLTO NEL CAMPO"Cor. “CHE BELLO ... E CHE GROSSO ... METTILI PURE LI’ SULLA TAVOLA CHE STASERA LI CUOCIO E CE LI MANGIAMO”Lor. (tirando su con aria paterna il bimbo dalla culla) Il E IL NOSTRO AMATO BAMBINO COME STA? GUARDALO ... CHE BELLO... TUTTO BIANCO E ROSSO ... HA GLI OCCHI CHE SONO UGUALI AI TUOI..”Cor. “AH NO ... COSÌ BELLO NON PUÒ SOMIGLIARE CHE A TE!” (si riaccende la luce)Sav. BENE BENE, BRAVI RAGAZZI .... EN PO’ DE PAUSA ADESO (mentre escono tutti) ARRIVO SUBITO, PADRE ...Don.(accomodandosi) PREGO, PREGO ... FAI PUR CON COMODO ....Fra. (decisamente molto adulto, con la vestina troppo corta e turibolo; timidamente) ..SIO...Don.NO’ STA CIAMARME SÌO ... QUAN CHE TE SI’ EN SERVISSIO!Fra. DON GIOVANNI! PODAREA METER ZO EN POCHETIN STO COSO?Don.NO’ TURIBOLA, FRANCHINO, TURIBOLA!Fra. (piagnucolando) MA ORMAI GO LA CARNE GREA AI BRASSI!Don.E VA BEN... METELO ZO. MA ELO POSIBILE CHE TE SIE SEMPRE DRIO LAMENTARTE? CON TUTE LE OLTE CHE TO SPIEGÀ QUAL GROSO ONOR SIA SERVIR EN CESA.Fra. SÌO ... CIOÈ ..DON GIOVANNI! ... GO 32 ANNI ORMAI! ORMAI PAR PARER EN BUTELETO ME TOCA FARME LA BARBA OTO OLTE AL DI! E, A PROPOSITO DE ONOR, ME PIAZAREA ANCA AVERGHE LONOR DE CATARME NA BELA BUTELOTA... E DE SPOSARME, ERA!Don.FRANCHINO, TE L’HO SPIEGÀ NA DIESINA DE OLTE ... NO L’È CATIVERIA... MA GHE LA CRISI DELE NASSITE: NO GHE NISUNO CHE FA PÌ BUTELETI! 6
  7. 7. Fra. (illuminato) LASA CHE ME SPOSA: NEN PAR DE ANI TE NE FAO NA QUINDESINA!Don. AH..TASI ALÀ! NO STA ZONTARME PROBLEMI CHE ZA GHE NO EN BISOGNO! PAR DOMAN NO GHE GNANCORA GNENTE DE PRONTO... E PAR DE PIÙ.. OH, GÒ LA PERPETUA CHE L’È IA DE TESTA! IE, DO SETIMANE CHE L’È SEMPRE CONTENTA: CHEL SIA PARCHÈ VEN EL VESCOVO?Fra. AH, NO SO, PERÒ L’È VERA CHE L’È EN PERIODO CHE LA SÈITA A RIDER, A SIGAR, A CANTAR! PENSA CHE IERI L’HO BECÀ EN LAVANDERIA , MUDANDONI AL VENTO ... CHE LA BALAA EL CANCAN (si mette a ballare) LA..LA..LA..LA ....Don.(adirato) FRANCHINO! MOCHELA! (Fra continua inperterrito) FRANCHINO LASSA LÌ ... CHE ME EN OIA DE BALAR ANCA A MI! (da qualche colpetto ma viene interrotto dall’entrata di Sav)Sav. OH, DON GIOVANNI... CHE PIASER AVERLA QUA ... (guardando Fra) MA, EL SO CHIRI- CHETO, SA GALO? EL FOGO DE SANT’ANTONIO?Don.(brandendo FRA e mollandogli scappellotti) TE SE’, IÈ BUTELETI. FRANCHINO, QUANTE OLTE TE L’ENTI DITO CHE ALA TO ETA BISOGNA CHE TE TE COMPORTE DA OMETO? (Fra si allontana) SENTI.. SAVERIO... MI S’ERA GNUO A DAR N’OCIÀ ... MA MIGA PARCHÈ NO ME FIDA .. TUTT’ALTRO... PERÒ ...DIME: DE COSSA PARLELA STA COMEDIA CHE TE SE DRIO FAR?Sav. BEH.. EL LA VISTO ANCA LU PADRE. L.’È ... COME POSO DIRGHE? EN CANDIDO MOMENTO DE VITA QUOTIDIANA DE NA’ FAMEIA RELIGIOSADon. BRAO! PARCHÈ VEDITO... DOMAN VEN EL VESCOVO, ERA.... NO PODEN MIA PERME- TERSE DE FAR BRUTA FIGURA ... (pomposo) L’ONOR DE LA PAROCHIA PRIMA DE TUTO!Fra. (al pubblico, ironico) SI ... E SUBITO DOPO I SCHEI PAR LA CANONICA NOA!Don.(imbarazzato) ECO... MI NO OLAREA CHE... TE SE... VITA QUOTIDIANA ... AMORE ... ECO: NO VOLAREA CHE GHE FUSSE QUALCHE SCENA ... (scandalizzato dai suoi pensieri lancia un’esclamazione e poi recita sottovoce un Padre Nostro)Sav. QUALCHE SCENA... COME, PADRE?Don.EH EH... SU SAVERIO ... QUALCHE SCENA EN PO’ ... (idem come sopra)Sav. (capisce e si finge offeso) MA, PADRE! ME STUPISSO CHE LU L’ABIA ANCA SOLO PENSÀ CHE MI..Don. SAVERIO ... GNANCA NA STORIA DE CORNI? GNANCA EN BASETO PICOLO PICOLO?Sav. PADRE, NO ME LO SOGNO GNANCA!Fra. (al pubblico, lamentoso) E ENVESE MI SI ... MEL SOGNO TUTE LE NOTI! (intanto entra Ali per un lavoretto, poi esce) (incuriosito) MA QUEL NEGRO LI CI ELO? (imbarazzato) EHM...NO PADRE ... NO L’È NEGRO .... L’È N’ATOR PITURÀ ... EL FA EL SERVODon.BEH, SPETA CHE GHE FAO DO’ CIACOLE...Sav. (più imbarazzato) NO ... L’È .... L’È MU TO ... EH SÌ GNAN NA PAROLA EL DISEDon.AH, POARIN ... BEH, PASIENSA... VAO VIA ... SI, FRANCHINO, TO SU’ EL TURIBOLO ... SE VEDEN SAVERIO ... E ME RACOMANDO!Sav. LA SALUDO DON GIOVANNI (poi, verso Fra) CIAO .. BUTELETO!Fra. (si volta arrabbiato ) ARGH... GHE SPACO EL TUR ....Don. (lo interrompe) FRANCHINO! NEMO!!! E TURIBOLA, FRANCHINO... TURIBOLASav. (controlla che Don sia lontano) UFFA... L’È ANDA’... MA VARDA TI CHE FUMARA L’HA FATO! L’È MEIO FARLA NAR IA PRIMA CHE QUALCHE IMBECILE EL PENSI CHE GHE SIA N’INCENDIO ...Lor. (entra tranquillo, vede il fumo e si agita) BOIA.. QUANTO FUMO ... MA CHI BRUZA TUTO! A GHE N’INCENDIO! PRESTO! PRESTO! FORA TUTI! PRIMA LE DONE E I BUTELETI! (prende il bambolotto e se lo carica eroicamente sulle spalle) NEN BUTELETO! TEGNITE TACÀ, CHE TE PORTO MI FORA DE QUÀ! AL FOGO! AL FOGO! (esce correndo)Sav. (ironico, al pubblico) E L’È ZA TANTO CHE LAA SALVÀ EL BAMBOLOTO E NO LA CASSA DE POMIDORI! (poi, rivolto all’interno) TORNÌ DRENTO, ORPO, CHE NO GHE GNENTE CHE BRUSA ... LORENZO, EL MOLA ZO CHEI SECI DE ACQUA! (Lor e Cor rientrano) ROBE DA MATI! DAI.. DAI .. CHE EN ZA PERSO MASSA TEMPO... SU, PROEMO LA SCENA 38... ALORA: TUTI A POSTO ... LUCI! (calano le luci; Cor e Lor vicini recitano) 7
  8. 8. Lor. “OH FULVIA ... FINALMENTE SEI ARRIVATA... NON RESISTEVO SENZA TE” “OH, FOSCO ... NON POSSIAMO PIÙ VEDERCI COSÌ DI NASCOSTO... (spaventata) CIELO .. MIO MARITO!”Sav. BENE... BENE ... (grintoso) E ADESO.. PIERPAOLO EL SALTI DRENTO CATIO COME NA’ BESTIA!Pie. (timidamente) PERMESSO?Sav. COME PERMESSO? TE TORNI DALA CACCIA STUFO ... NO T’È CIAPÀ GNENTE ... E EN PIÙ TE CATI TO MOIER CON N’ALTRO ... ORPO! TI SA GHE DISITO?Pie. (come in precedenza) GRRRR,Sav. (sporgendosi dal palcoscencio) NO ... L’È MASSA BASSO PAR SUICIDARSE!Ros. (dalla platea, applaudendo) BRAVI! BRAVI!! BIS!Cor. E QUESTA CHI È?Pie. L’È ... L’È ME MOIER ...Ros. (a mitraglia, parlando un italiacano che vuol essere fine) BRAVI BRAVI E BRAVI! MA SAPETE CHE NON HO MAI VEDUTA UNA COMPAGNIA COSITA TANTO BRAVA COME LE VOSTRA? E DO VISTE TANTE, EH! E A DIR LA VERITÀ QUI IN MEZZO MIO MARITO È PROPRIO IL PEZZO...Pie. GRAZIE, EH ... SEMPRE GENTILE ...Ros. A PROPOSITO, PRIMA CHE MI DISMENTICHI ... (secca a Pie) CIAPA EL PRANSO! (tornando “fine”) ... E VOIALTRI ... DIO, MA COME STATE BENE INSIEME ... CHE BRAVI ... (circuendo Lor) SOPRATTUTTO ELO... CHE RECITASSIONE ... CHE OMO ... È SPOSATO?Cor. (anticipando la risposta di LOR) OCCUPATO!Ros. OH, CHE SIOCCA SONO .. NON AVEVO CAPITO ... COMUNQUE È DAVVERO BRAVO .. E COME SEMPRE QUEL GELOSONE DI PIERPAOLO NON ME NE AVEVA GNANCA PARLATO VERO ... CARO ... CHE NON ME NE AVEVI MICCA PARLATO?Pie. PER FORSA - TE PARLI SEMPRE TI !Ros. (disinteressata, continua a sparlare) OH, MA QUESTO VESTITINO È UN AMORE ... (continua a soggetto )Sav. (a Pie, spazientito) EH, SE FERMELA OGNI TANTO O BION MACARGHE EN BOTON SULA SCHENA COME A CICIO BELO?Pie. GHE PENSO MI .... (titubante) CA... CARA ...Ros. (alzando lievemente il tono della conversazione) SON DRIO PARLAR ... IN ATTIMO !Pie. (torna alla carica) CA... CARA...Ros. (seccata e secca) OH... SA GHE’ ?Pie. (impaurito si va a nascondere dietro Sav) GNENTE ... GNENTE !!....Sav. NO .... SIGNORA ... EL FATO L’È CHE GARESIMO DA CONTINUAR LE PROE..Ros. OH, MA SCHERSA? PREGO FATE PURE COME SE IO NON CI SIA... LU L’È IL REGISTA VERO? CHE BRAVO ... E L’È ANCA UN BEL UOMO... È SPOSATO? SI SPOSI MICCA SA, IO HO PRESO UNA GRAN CIAVATA ... MA PREGO .. SEITATE PURE ... IO MI METO CHIETA QUI NEL CANTON ...Pie. (timido, ma incavolato) NO, SENTI: GHETO GNENTE DA FAR EN CASA? CON TUTTI I MESTIERI CHE, TE GARESSE DA FAR, FILA A CASA ALA ... (non molto convinto) PRIMA CHE... CHE ME RABIAVal. (entrando di corsa) PETA ... PETA... CHE QUESTA DE PIERPAOLO CHE SE RABIA NO’ POSO MIA PERDERMELA!Ros. ALA ALA, CHE NON SI RABBIA MICCA NO. E ANCA BEN... COSA MI FAREBBE? ... (mimando il marito) GRRRR !?! MA SI, VADO A CASA VA’. VI SALUTO SIGNORI ... (galante) ARRIVEDERCI SIOR LORENZO ... DIO, CHE CONTENTA CHE SON STA DE AVER FATO STE DO CIACOLE! (esce parlando da sola)Cor. PER FORTUNA CHE ERANO SOLO DUE!Lor. (lusingato da Ros.) MA DAI.. CARA... IN FIN DEI CONTI L’È NA SIGNORA INTERESSANTECor. BEH... COS’HA LEI PIÙ DI ME?Val. (al pubblico) PARLOMENO, A OCIO E CROCE, ELA NO LA LE PERDE MAI LA OSE! 8
  9. 9. Sav. SU SU, SIGNORI..POCA CONFUSION. COMENSIEN DA CAPO ENVESSE ... TI , PAPÀ, METETE LI, DA NA’ PARTE ... RIFEN... RIFEN LA 31-, DAI! AVANTI, EN POSISSION ... LUCI! (si abbassa la luce)Lor. (recitando ) "COM’È BUIO QUESTO BOSCO .. MA.. ARRIVA QUALCUNO ... SENTO DEI PASSI (entra Cor.) SI ... VEDO UNA GRAN LUCE” (black-out completo) ... BOIA! L’È NA LUCE ACCECANTE: NO EDO PI’ GNENTE! (dal buio)Sav. MMMM ... GHE MANCAA ANCA QUESTA!Pie. AIUTO... MI GO’ PAURA!Cor. (imbarazzata) ODDIO ... MA COSA SUCCEDE?Val. SON MI, SON MI SIGNORA .. NO LA SE PREOCUPI: SON DRIO SERCAR L’INTERUTOR!Cor. E PROPRIO SOTTO LE MIE GONNE LO DEVE CERCARE? (ritorna la luce e scopre VAL imboscato sotto le sottane di Cor.)Val. (da sotto) OH, BUTEI ... NO SE CATA GNENTE .. NO SE CATA GNENTE!Lor. BOIA... EPURE QUALCOSA GA DA ESERGHE ... VALERIANO... SPETA CHE DAO N’OCIÀ ANCA MI! (sotto pure lui, fra lo sconcerto di Cor e Sav)Sav. PAPÀ! LORENZO! (i due rispuntano innocenti) MA VARDA STI QUA! DAI CHE NEN AVANTI ... MA, CHE ORE ELE? AH, GNENTE ... BON BUTEI ... FEN NA PAUSA PAR MAGNAR (esce seguito da tutti tranne Val che resta in scena)Val. (toccandosi la gobba) EH, I GA’ EN BEL CORAIO ... A FARME SERCAR A MI I INTERUTORI ... NO GO’ PII VINTIANI MI ....Mar. (dalla platea) È PERMESSO? SI PUOI ENTRARE?Val. BELA DOMANDA: L’È ZA DRENTO! AVANTI ... EL VEGNA AVANTI CHE NOL VEDOMar. (arrivando sul palco) BUONGIORNOVal. (sospreso) ORPO CHE STROPA! (raddrizza la gobba, indi galante) BUONGIORNO SIGNORI- NA... POSO ESERGHE UTILE EN QUALCOSSA?Mar. MAH... DIPENDE ... A ME INTERESSA IL TEATRO ... CHI È CHE COMANDA QUI?Val. (fregandosi le mani, atteggiato) GHE SAREA ME FIOL ... MA L’È EN STUPIDOTO .... MEIO MOLTO MEIO CHE LA PARLA CON MI, SIGNORINA .. (spinto) LA FASSA DE MI QUEL CHE LA VOL! (al pubblico) OCIO ADESO COME LA SISTEMO (a Mar) EH, SE NO GHE, FUSSE MI EN STO TEATRO ...Mar. (guardandogi in giro) È COSÌ ROBUSTO ... COSÌ BELLO ... COSÌ BEN FATTOVal. (gasato, al pubblico) LA TACA ZA A FARME I COMPLIMENTI!!Mar. ECCO ... FORSE È UN PO’ VECCHIOVal. (schernendosi) ODIO.. VECIO... GO SOLO 62 ANIMar. MA COSA DICE? PARLAVO DEL TEATRO ... QUANTI ANNI AVRÀ?Val. (lanciato) MA COSSA VOLELA CHE DE SAPIA ... (fascinoso) PARLEMO DE NOIALTRI, PITOSTO ... MI SON VALERIANO BARBERINI, MA ELA LA POL CIAMARME ... VALY ... E ELA, COME SE CIAMELA?Mar. (esibendo un distintivo) ISPETTORE DI POLIZIA LUPPI MARIA ANTONIETTA, SERVIZIO IGIENE PUBBLICA (Val. ricomincia pian piano a ringobbire) SONO QUA PER CONTROLLARE SE SONO RISPETTATE LE MISURE IGIENICHE E DI SICUREZZA ... (estrae dei fogli) DUNQUE, VISTO CHE LEI È IL RESPONSABILE ... (stupita) SCUSI, CI SONO PROBLEMI? PERCHÈ STA INGOBBENDO?Val. (preoccupato) NO..NO LA SE PREOCUPA, SIGNORINA.. NO L’È GNENTE, CREDO CHE SIA ... EL PESO DELA RESPONSABILITÀ!Mar. (con tono professionale mentre intanto Ali entra, sistema uno dei pannelli dello scenario e poi si mette in un cantuccio a mangiare e bere) DUNQUE.. DICEVO ... LEI, COME RESPONSA- BILE, CONOSCERÀ DI CERTO TUTTE LE REGOLE E LE NORMATIVE IN VIGORE, VERO?Val. EH.. COME NO? TUTTE A MEMORIA LE SO!Mar. BRAVO ... E MI DICA PER ESEMPIO: COSA DICE LA TERZA?Val. "RICORDATI DI SANTIFICARE LE FESTE" 9
  10. 10. Mar. MA COSA DICE? LA REGOLA NUMERO TRE ... QUELLA RELATIVA AGLI ESTINTORI ... (si guarda in giro) MA DOVE SONO GLI ESTINTORI QUA? NON NE VEDO ....Val. (imbarazzato, si guarda in giro; scorge Ali che sta per bere dalla sua bottiglia di vino, corre e gliela strappa di mano) ECOLO! ECOLO QUA L’ESTINTOR ... (lo mostra, lo scuote) MODER- NO, COME LA VEDE: NA SCURLADA E VIA! (spruzza in giro e ne butta qualche sorso per darsi la carica)Mar. VA BENE! VA BENE! ... E IL CONTRATTO DI GESTIONE DOV’È?Val. AH... CUEL EL GHE L’HA ME FIOL ... LA SPETA N’ATIMO CHE VAO A CIAMARGIELO (esce)Ali. (mentre Mar si guarda intorno, si alza e recupera la sua bottiglia) PENSA TE QUANTE COSE CHE DEVO ANCORA IMPARARE... “ESTINTORE” ... E IO CHE HO SEMPRE PENSATO CHE SI DICESSE BOTTIGLIA...Mar. (avvicinandosi) BUONGIORNO ... LEI ... CHI È?Ali. BUONGIORNO ... IO ESSERE ALI ... ALI BENALAHMar. AH .... UN EXTRACOMUNITARIOAli. (offesso) EH, BUTINA... PIAN CON LE OFFESE!Mar. MA, SCUSI, LEI COSA CI FA QUA?Ali. (tirando fuori vari arnesi e sbagliando regolarmente i loro nomi) IO? AH, UN PO’ Di TUTTO .... SMARTELLO ... CACCIAVITO.... PINZOMar. ALLORA LEI QUA CI LAVORA? MA, LA PAGANO ALMENO?Ali. (ingenuo) COME NO? IN NERO, OVVIAMENTE ... MA MI DANNO DI QUELLE CIFRE! OH, 200 LIRE AL GIORNO!Mar. (sbigottita) 200 LIRE?Ali. (estraendo) ... E IN PIÙ ... UN ACCENDINO! (come dicesse una gran cosa) E OGNI GIORNO DI COLORE DIVERSO! ... MA TU, PIUTTOSTO, CHI SEI?Mar. (cattiva, per impressionarlo) IO SONO MARIA ANTONIETTA LUPPI (marcando) ISPETTORE DI POLIZIAAli. POLIZIA? COME HAI DETTO? POLIZIA? (raggiante) OH, FINALMENTE QUALCUNO CHE MI DA UNA MANO: ECCO ... PRENDI LA SPASSAORA E VIENI A PULIRE CON POVERO MAROCCHINO (MAR, inebetita, non sa che dire; Ali le gira intorno) SI, NO L’È CHE TE SIE TANTO GROSSA ... ANZI A DIR LA VERITA TE SI BEN PATIA (la palpeggia sui muscoli) BEH, PAZIENZA: SEI ASSUNTA! D’ORA IN AVANTI TU LAVORI E IO PRENDO I SOLDI ....Mar. (sconcertata) COSA? MA LEI È MATTO!Ali. NO MATTO! SONO ... UN POLITICO!Mar. (sempre più sconcertata, restituisce la scopa a Ali) MA MI FACCIA IL PIACERE! SI RIPRENDA LA SUA ROBA!Ali. (avvilito, mentre esce) ECCOLI QUA I GIOVANI! NON HANNO VOGLIA DI FAR NIENTE, E DOPO DICONO CHE NON CI SON POSTI DI LAVORO ... (Mar. si siede su una sedia e inizia a scrivere; entrano Sav e Val che resta gobbo finchè, non vede Mar. quindi si rialza)Val. VEGNI ... VEGNI ... SAVERIOSav. MA NO TE S’ERI GOBO TI?Val. SA UTO CHE TE DIGA? QUAN CHE VEDO SERTA ROBA ME SENTO COME N’ISTINTO E LA SCHENA LA ME SE’ DRISSA COME EN PAL DE ROBINA!Sav. (guardando Mar) PERÒ.. EFETIVAMENTE MIA MAL! TE CREDO CHE TE SE SIA ENDRISSÀ LA SCHENA, CI ETO DITO CHE L’È?Val. N’ISPETOR DE POLISSIA!Sav. (ingobbendosi di colpo) OI OI ... CISSÀ PARCHÈ A MI LA ME FA L’EFETO CONTRARIO ...Mar. (li vede ed esplode) AH.. È QUA FINALMENTE! NO, NON SI SCOMODI A PORTARMI NIEN- TE. NON È PROPRIO IL CASO. QUESTO TEATRO È UN INDECENZA: NON CI SONO ESTINTORI, LE ASSI SONO MARCE E ... (isterica) E ADDIRITURA CI LAVORA , IN NERO, UN EXTRACOMUNITARIO SQUILIBRATO. NO ... NO ... ADESSO SCRIVO UN BEL VERBA- LE E DOMANI STESSO CHIUDIAMO TUTTO ... 10
  11. 11. Sav. MA ...Mar. E NIENTE MA! SILENZIO CHE DEVO SCRIVERE!Sav. E ADESO SA FEMOVal. MI NA MEZA IDEA GHE L’AREA PAR TENERSELA BONA... SOLO CHE MI E TI NO PODEN PI ADESSO ...Sav. E CI UTO MANDARGHE?Val. GHE PENSO MI! TI, INTANTO, SPOSTAME CHEL PANEL EN PO’ DE TRAVERSO (Val. esce mentre Sav esegue lo spostamento facendo una gran confusione e magari,resciandolo).Val. (uscendo insieme a Pie) ALORA PIERPAOLO ... SITO PRONTO? VAI!!!Pie. (si avvia tituz)ante verso Mar) IO... VADO EH?Sav. MA ANDO ELO CHEL VA? SPIEGAMEVal. L’HO CONVINTO CHE SO MOIER LA GHE METE I CORNI CON LORENZO E CHE ENVES- SE LA POLISSIOTTA L’È NA SO AMIRATRICE COTA PERSA DE LU ...Pie. (ritorna avvilito) NO GHELA FASSO MIA ... NO SO SA DIRGHEVal. OSTREGA ... MA SA’ GHE DISEITO A TO MOIER QUAN CHE S’ERE MOROSI?Pie. MI? MI, GNENTE ... LA DISEA TUTO ELA!Sav. OSTI ... ALMANCO EL SÌ AL MATRIMONIO TE L’ALA, LASSÀ DIR?Pie. MAGARI! ALMANCO GAREA RISPOSTO DE NO!Val. (paterno) SENTI PIERPAOLO ... PROEMO A FA.R COSÌ: TI TE VE’ LÀ ... TE GHE FE’ DU BEI OCI LANGUIDI ... E MI DA DEDRIO TE SUGERISSO SA TE GHE’ DA DIR. VA BEN?Pie. PROEMOSE ...Val. SI, MA ME RACOMANDO: OCI LANGUIDI SE TE OL CHE LA TE CASCA AI PIÈPie. (strabuzzando gli occhi in modo ridicolo) EI ABASTANZA LANGUIDI COSITA?Sav. (al pubblico) SÌ... SEL GHE FA DU OCI COSSÌ ... LA GHE CASCA AI PIÈ SÌ ... MA SVEGNUA.(Pie va a fianco di Mar mentre gli altri 2 si nascondono dietro il pannello,ma ben visibili al pubblico).Pie. (timidissimo) BUONA SERA... (MAR continua a scrivere), BUONA SERA ... (spazientito) SÌ, BUONANOTTE!!Val. COMENSIA A DIRGHE QUALCOSA DE CARINO. CHE SO? ... LAMORE È CIECO!Pie. SCUSI ... L’AMORE È CIECO (Mar continua a scrivere) SÌ, L’AMOR EL SARÀ ANCA CIECO, MA SE ELA L’È SORDA!Mar. DICEVA, SCUSI?Val. VAI ADESSO! OCI LANGUIDI!! (Pie rifà gli occhi di prima)Mar. MA CHE C’È? LE È ANDATO QUALCOSA NEGLI OCCHI?Pie. (avvicinandosi par farglieli vedere meglio) NO.. OSTI.. IÈ LANGUIDI! NO’ LA VEDE CHE IÈ LANGUIDI.Val. DAI ADESO! DIGHE QUALCOSA! DIGHE ...(Pie ascolta) I TUOI CAPELLI SONO NERI COME LA NOTTE ... I TUOI OCCHI SEMBRANO PERLE PREZIOSE ... (sbotta) E ENVENTATE QUALCOSA, CRETINO!Pie. (ripetendo come un automa) I TUOI CAPELLI SONO NERI COME LA NOTTEMar. (lusingata) GRAZIE ...Pie. (come sopra) I TUOI OCCHI SEMBRANO PERLE PREZIOSE:Mar. GRAZIEPie. (come sopra) ENVENTETE QUALCOSA CRETINO!Mar. (stupita) MA COSA DICE? È IMPAZZITO?Val. (mettendosi le mani nei capelli) MA NO, DEFICENTE, SA, DISITO?Pie. (ripetendo) MA NO, DEFICENTE, SA DISITO?Mar. (furribonda) INCONCEPIBILE! NON RESTERÒ UN MINUTO DI PIÙ A FARMI INSULTARE! VI ARRIVERÀ UNA MULTA DA GUINNESS DEI PRIMATI!! (corre via)Val. (uscendo allo scoperto) COREGHE DRÌO ALMANCO!Pie. (gridando a Mar) COREGHE DRÌO ALMANCO!Val. SI ALÀ ... ME TOCA PENSARGHE MI (la insegue ingobbito)Sav. PAPÀ ... LA GOBBA! (in corsa Val si raddrizza) 11
  12. 12. Pie. (deluso a Sav che si avvicina),CHE... CHE ABIA SBAIÀ QUALCOSSA?Sav. (fintamente tenero) MA NÒ, PIERPAOLO! CARO PIERPAOLO... OH, I TUOI OCCHI SONO NERI COME LA NOTTE ...Pie. GRAZIE .... MA VARDA CHE I ME OCI IÈ CASTANISav. (facendosi su le maniche) SPETA CHE TE CIAPA, TE ARÈ SE NÒ I DENTA NERI DOPO!! (lo insegie ed escono mentre dall’altra parte entrano Cor e Lor che instaurano subito un’atmo- sfera romantica)Lor. OH... CARA ... FINALMENTE DA NOIALTRI SOLI!Cor. OH SI, CHE BELLA IDEA HAI AVUTO A FINGERTI ATTORE PER PASSARE PIÙ TEMPO CON ME. E LUI NON SOSPETTA NIENTE. EPPURE HO COSÌ PAURA CHE AD OGNI MOMENTO ME LO VEDO ENTRARE DALLA PORTA LAGGIÙ GRIDANDO: “ANDO ELA ME MOIER?” (ridono, ma)Mau.(dal fondo urlando e sbattendo la porta) ANDO ELA ME MOIER?Cor. (distanzandosi velocemente) CIELO! MIO MARITO!Lor. (impaurito) TUO MARITO? E CI ELO?Vfc. (maestosa, mentre Mau avanza minaccioso) IL MARITO DELLA SIGNORA. CORNELIA VAC- CARI, IL MACELLAIO DEL PAESE, MAURO VACCARI, DETTO “IL TORO” PER QUEI SUOI OCCHI CATTIVI, PER QUEI, QUEI SUOI AMPI PETTORALI, PER QUEL BEL PAIO DI BRAC- CIA ROBUSTE ...Lor. (continuando ) ... E PAR QUEL BEL PAR DE CORNI CHEL, GÀ IN TESTA!!Mau.(è vestito da macellaio, parla molto grezzamente, ogni tanto muggisce e si da dei colpi addos- so per allontanare le mosche; arriva sul palco) DIAOLO BECO, GHE PIEN DE’ MOSCHE ANCA QUÀ (si colpisce) MUUU ... ANDO’ ELA ME MOIER?Cor. (correndogli incontro e abbracciandolo) SON QUA, CARO ... VIENI, BEL BESTIONE... VIENI QUA DALLA TUA CORNELIA (Mau muggisce felice) GUARDA, CARO, TI PRESENTO LORENZO, UN MIO COLLEGAMau.(colpendo Lor con una gran pacca sulla schiena) PIACERE! MI SON EL TORO!Lor. (dolorante) BOIA... EL PIAZER LE TUTO MIO ...Cor. TI SERVIVA QUALCOSA, CARO?Mau.GNENTE... GNENTE ... L’È CHE HO MANDÀ EN BUTEL A FAR EN CARICO E ENTANTO SON GNUO A VEDER COME TE SI MESSA E SE GHE VERSO DE AVERTEGHE A SENA NA’ SERA A N’ORA DECENTE...Cor. (facendo moine da civetta) MA LO SA, LORENZO CHE IL MIO MARITONE, (Mau muggisce soddisfatto) COSÌ GRANDE E GROSSO ... MANGIA SEMPRE E SOLO VERDURA? PROVI A INDOVINARE IL SUO PIATTO PREFERITO ...Lor. (mostrando al pubblico le corna) FAGIOLI CORNETTI?Mau.(stendendo Lor con una robusta manata) BRAO! DIAOLO BECO D’E N’ATOR! MA COM’ ETO FATO A INDOINAR? TE L’ALO, DITO ELA? (diventa sospettogo e stringe a sè Lor) MA NO L’È CHE UALTRI DU CON LA SCUSA DELA COMEDIA ....Lor. (spaventato) EH? MA SA SE METELO EN TESTA?Mau.(sereno) ALA CHE SCHERZO: SON MIA GELOSO MI! (però riprende bruscamente Lor ed estrae un coltellaccio) CHE PO’, SE SAESE CHE ELA LA VA IA CON N’ALTRO ... PESO PAR LU! MI A FAO SU DAI DIESE Al DODESE PORCHI AL DI ... UNO PIÙ UNO MANCO!Cor. (dividendoli amorevole) MA DAI CARO ... LO SAI CHE AMO SOLO TELor. (spaventatissimo) SÌ, SÌ BOIA .. CONFERMO: LA AMA SOLO LU!Mau.(da cattivo) ) A GHE CONVIEN! (gli suona il cellulare) PRONTO! COSSA? DIAOLO BECO, ARIVO SUBITO BISOGNA CHE SCAPA, CORNELIA, È SUCESSO N’IMPREVISTO: EL ME BUTEL EL SA REBALTÀ COL CAMIONLor. E ELO GRAVE?Mau.L’È GRAVE SÌ, DIAOLO BECO DE N’ATOR: A GHÈ LA TANGENSIALE PIENA DE PORCHI (corre via)Lor. (mentre Mau esce) NOL SAREA GNANCA ANTIPATICO ... SE NO FUSE PAR TUTE CHELE MOSCHE CHEL GÀ ATORNO! 12
  13. 13. Cor. GUARDA, NON ME NE PARLARE. QUANDO USCIAMO LA SERA È UN VERO PROBLEMA!Lor. A TE CREDO! BOIA , EL GA DE CHEI BESTIONI ATORNO ... CHE PAR COPARLI GHE OL LA CONTRAEREA! (Mau, intanto, uscendo, sbatte la porta violentemente) E NO STA SBATER LA PORTA CHE FA CORENTE! DIGHELO ANCA TI, CORNELIA (Cor intanto si tocca il collo: ha perso la voce!) CHE DOPO TE’ CIAPI FREDO E MAGARI TE PERDI ANCA LA VOCE! COME DITO? (Cor non riesce a parlare) O MIO DIO, LA OSE ... (stupito) PROVA A DIR: (sillaba) MA-MMA MA-MMA ... GNENTE .. OOOH SIGNOR SAVERIO! SIGNOR SAVERIO!Sav. (arrivando) SA GHE? ETO PERSO LA TESTA?Lor. NO NO ... L’È ELA CHE HA PERSO QUALCOSSA: LA VOCE! (SAV cerca di urlare qualcosa ma il grido gli si strozza, anche lui quindi si porta le mani alla gola) ODIO ... NO SENTO PI’ GNENTE: MAGARl PROÌ A VEDER SE VE CAPÌ VOIALTRI DÙ (folgorato dall’idea) BOIA! O CHE SIA GNUO SORDO MI? MA NO! MA NO! ECO, SIGNOR SAVERIO, EL PROA A DIR: MA-MMA MA-MMASav. (prova) MA .. MA .. (si riprende incazzato) MA VA A CAG.... (disperato) E MI SA FAO ADESO? ANDO VAO A CATARLA UNA DA SOSTITUIRLA?Lor. (mentre entra Ali col secondo pannello) ODDIO ... QUALCUNO EL GHE SAREA ... VOLENDO(mentre tutti si voltano verso ALI pensosi, cala il sipario) 2° ATTOLa scena è uguale al primo atto; ci sono solo in più i due pannelli portati da AliVfc. CARI SPETTATORI, ECCOCI DI NUOVO SUL PALCOSCENICO. AVETE VISTO CHE CAOS? VERAMENTE INCREDIBILE! DUNQUE RICAPITOLANDO UN PO’ , ABBIAMO: UNA COMPA- GNIA TEATRALE SGANGHERATA, CHE GIÀ DA SOLA FAREBBE FATICA AD ARRIVARE ALLA PRIMA ... E IN PIÙ, DON GIOVANNI CHE SPIA, UNA POLIZIOTTA CHE VUOLE CHIUDERE IL TEATRO, UN MACELLAIO GELOSO IN AGGUATO ... RIUSCIRÀ AD ANDARE A BUON FINE QUESTA COMMEDIA?Sav. (entrando agitato come al solito) FORZA, RAGAZZI, FORZA!Vfc. (intenrompendolo seccata; Sav si scusa e rientra) NON HO ANCORA FINITO! DICEVO ... RIUSCIRÀ AD ANDARE A BUON FINE QUESTA COMMEDIA? CHI LO SA! ... DI SICURO DOBBIAMO ANCORA VEDERNE DELLE BELLE.Sav. (rienta titubante guardandosi in giro, indeciso) FORZA .. RAGAZZI FORZA! TUTTI IN POSSI- SION, DAI! (rientra dopo di lui solo Lor) .. PROEMO NA OLTA PAR TURE LA SCENA 37 ... LORENZO, ELO PRONTO? ... ATTENTI ... LUCI!(luce da commedia)Lor. (recitando) “COME È BUIO QUESTO BOSCO” ... MA ... ARRIVA QUALCUNO ... SENTO DEI PASSI SI ... VEDO UNA GRAN LUCE ... È LEI, FULVIA!"Ali. (entra vestito da Fulvia, col copione) "FOSCO ... AMORE MIO ... SONO ARRIVATA: (al pubblico) MA GUARDA COSA MI TOCCA FAR PER DUECENTO LIRE!Lor. (recita imperterrito) “OH, CARA ... FINALMENTE .. NON .. NON ...” (si interrompe perchè non ricorda)Sav. BEH?, SA SUCEDE?Lor. EHH... GNENTE ... GO ... EN VUOTO DE MEMORIAAli. BEH, DOV’È LA NOVITÀ? LA TUA TESTA È TUTTA VUOTA!Sav. SU , DAI, AVANTI! CHE VEDEM SE PIERPAOLO LENTRA NA OLTA DECENTEMENTELor. AH SI!, ECO ... “CARA ... FINALMENTE ... NON POTEVO PIÙ STARE SENZA TE”Sav. BENE ... E ADESSO IL BACIO!Ali. (respingendo Lor) CHE SCHIFO! NO SE NE PARLA NEANCHE .... “CIELO ..MIO MARITO!”Pie. (entrando vigorosamente ma inciampando e cadendo rovinosamente), “AH .. VI HO SCOPERTO” (e cade)Ali. CIELO ... È SCARBUSADO! 13
  14. 14. Sav. STOOOOP!!!Pie. (sull’arrabbiato da terra), MMM... COME M’ENCASSO QUANDO SBAGLIO (momento di stupore tra gli altri che lo guardano, poi) GRRR GRRRSav. (fiutando l’aria) SSSST... SILENSIO ... LE ME INFALIBILI NASELE LE A PERCEPÌO ANCORA N’ODOR SOSPETO ... SÌ SÌ, NO GHE DUBIO ... L’È ODOR DE INCENSO ... (gridando) EL PRETE L’È VISIN ... PRESTO: CAMBIO SCENA!! (avviene il cambio del primo atto, col medesimo trambusto; in qualche maniera , nel caos, i pomodori finiscono nella carrozzina e il bambolotto nella cassetta; cambio luci)Don.PACE A QUESTO TEATR....Tutti (interrompendolo) SSSSSTTTLor. (mentre Don avanza, estrae il bimbo dalla cassetta, ma continua come se niente fosse) “GUARDA MARIA .... GUARDA COSA HO RACCOLTO NEL CAMPO”Ali. (sconcertato consultando il copione) “CHE BELLO E CHE GROSSO! .. METTILO PURE LÌ SULLA TAVOLA CHE STASERA LO CUOCIO E CE LO MANGIAMO" ... (al pubblico) E DOPO DICONO CHE SIAMO NOI NEGRI I CANNIBALI!Lor. (estraendo un grosso pomodoro dalla carrozzina) “E IL NOSTRO AMATO BAMBINO COME STÀ? GUARDALO: TUTTO BIANCO E ROSSO ... HA GLI OCCHI CHE SONO UGUALI AI TUOI”Ali. (come sopra) “NO .. NO ... COSÌ BELLO NON PUÒ SOMIGLIARE CHE A TE” (al pubblico) OH, SIGNORE QUESTA NON È UNA COMMEDIA, È UN FILM DELL’ORRORE!Sav. (mentre si riaccende la luce) BENE, BENE, RAGAZZI ... UN PO’ DI PAUSA, ADESSO.. (a Don) PADRE CARISSIMO!Ali. (uscendo) MA NON ERA QUELLO GOBBO SUO PADRE?Sav. (scacciando Ali) SIGNORA! SCENDA .... VADA A RIPASSARE ...Don.(un po’ stupito) CARO SAVERIO ... SBAIO O È CAMBIÀ QUALCOSSA DALL’ULTIMA OLTA CHE SON PASSÀ?Sav. MA NO, PADRE ... L’È SEMPRE EL STESSO CANDIDO MOMENTO DE VITA QUOTIDIANA DELA STESSA FAMEIA RELIGIOSA DON. (curioso) MA L’ATOR PITURÀ DE NERO NO TE È DITO CHE L’ERA MUTO? (colto sul fatto) SÌ ... MA ... DURANTE LA COMMEDIA EL FA N’OPERASION E ... MIRACOLO! ... EL TORNA A PARLAR.Don.SÌ ... MA L’È ANCA DENTÀ NA’ DONA!Sav. (rassicurante) PADRE ... MIA TUTE LE OPERASIONI LE RIESSE PERFETAMENTE ERA !?! SE SARÀ MESCIÀ MAL QUALCOSSA ....Don.CAPISSO .. D’ALTRONDE MI NO’ GO PRATICA ... (incuriosito) ENVESSE ... CHEL POMO- DORO CHE L’HA TIRÀ FORA DALLA CASS ...Sav. (lo interrompe fulmineo) POMORORI TRANSGENICI, PADRE! LU NOL GÀ IDEA DE COSSA I FAGA COI POMODORI, ADESSO: GAMBE, BRASSI ... OH, GHE MANCA SOLO LA PAROLA!Don.SARÀ ... COMUNQUE, SENTI, VEGNI DE SOTO CHE DISCUTEN DEL DISCORSO DE APERTURA DE DOMAN (escono, Fra fa per sedersi, ma Don riappare) E... TI TURIBOLA, FRANCHINO, TURIBOLA!!Fra. (sbuffando, lamentoso) TURIBOLA, FRANCHINO? TURIBOLA .. NO L’È BON DE DIR ALTRO ... TRENTADU ANI GO, NO SO SE CAPÌ ... E SON SEMPRE QUA ... TIC ... TAC ... DRIO A STO COSO .. SEMPRE CON LA STESA VESTINA DE QUAN GAVEA DODES’ANI .... GHE LAVEA DITO MI A ME PAPÀ QUAN L’È PARTÌ PAR LA GERMANIA : “PAPÀ, PORTAME IA” E LU “NO , DAI, STA QUA ... GHE PENSA EL SIO PAROCO ... LU EL CONOSSE EL SINDACO ... EL TE FA METER NE N’UFICIO ... EL TE DA EN POSTO CHE TE TE SISTEMI PER TUTA LA VITA ... “ .. A ME SON SISTEMA, SÌ!! ... E PENSAR CHE PODAREA ESER ZA SPOSÀ ... E ENVESE TUTE LE DONE CHE ME EN VISIN LE ME ARDA E LE DIZE: “AH.. FRANCHINO ... TUTO FUMO POCO CICIO” ... AH, COME SON DESGRASSIÀ ...Ros. (dal fondo) PERMESSO? PERMESSO? C’È NISSUNO?Fra. (turibolando vorticosamente) ODIO ..NA DONA ... ODIO, CHE EMOSSION!Ros. (giunge sul palco ma non nota Fra) AH, NON C’È NISSUNO ... PECCATO... AVREI FATTO VOLENTIERI DUE CIACCOLE ... EH, PERÒ ... ETO VISTO CHE HO FATTO BENE A BINARE SU IL GOLFETTO? STA GIÀ VEGNENDO SU UN PO’ DI NEBBIETA ... 14
  15. 15. Fra. NO ... NO...! SIGNORINA ... NO L’È NEBIA ... SON MI!Ros. (rimproverando), MA SA FALO, BENEDETO FIOL? NON SA CHE NON SI PUOLE MICCA FUMARE !N TEATRO?Fra. CHE DISCORSI!! MA MI POSO LASAR LÌ QUANDO VOI ...Ros. SÌ, BRAVO ... DICONO TUTTI COSITA ! (Fra depone il turibolo e continua con le mani) MA, FATE UN PO’ ARDARE... MA NON TI VERGOGNI NEANCHE? COSÌ PICCOLO E ZA TE FUMI?Fra. PICCOLO?;Ros. PICCOLO, PICCOLO ... VESTÌO DA CHIRICHETO QUANTI ANI VUTO AVERGHE? 32?Fra. (al pubblico) SI ALÀ ..NO GHE PROO GNANCA A CONQUISTAR STA QUÀ: L’È MASA INTIERA!Ros. A PROPOSITO, CARO ... HAI MICCA VISTO PER CASO MIO MARITO ...Fra. (un po’ deluso) AH ... L’È SPOSÀ ...Ros. EH SÌ, CARO ... CI HO ANCHE STA DISGRASSIA ...Fra. DISGRASSIA LA GHE CIAMA! E MI CHE DE SPOSAREA QUINDESE-VINTI ...Ros. (superiore) COME SI SENTE CHE TE SÌ UN BUTTELETTO! AH, MA VADO IN SERCA DI MIO MARITO SAI, CHE GO DA DARCI LA SUA MERENDA , ERA! (appoggia le merenda al centro ed esce a SX mentre contemporaneamente Pie. entra da DX)Pie. (timidamente) SCUSA ... BAMBINO (Fra si trattiene a stento) ME’, PARESTO DE’ SENTIR LA OSE DE’ ME’ MOIER, ERELA QUA?Fra. ODÌO... GHERA NA SPECIE DE DONA, MA NO’ SO SE LA FUSSE SO MOIER ...Pie. SEITAELA A PARLAR A SPROPOSITO?Fra. SÌPie. L’ERA ELA ... DA CHE PARTE ELA ANDÀ?Fra. DE LÀ (Pie. esce a SX, subito rientra Ros. da SX)Ros. GNENTE! NON C’È VERSO DI CATTARLO! ... PROVIAMO DA STALTRA PARTE (esce a DX)Fra. (sorpreso va a controllare l’uscita di SX) MA COM’AI FATO A NO CATARSE?Pie. (rientrando da SX) MA ANDO METO MANDÀ CHE NO LA GHE DE LÀFra. (incasinato, al pubblico) E SI CHEL DOAREA SENTIRLO EL RUMOR DELE CIACOLE; ORPO ... LA PAR NA TURBINA! (a Pie.) DE LÀ ... ADESO LÈ ANDÀ DE LÀ!Pie. (prendendo sottobraccio Fra e camminando verso DX) SEMPRE COSÌ ME MOIER: NO GHÈ MAI VERSO DE ENCONTRARSE, CARO ... DA QUAN LA LAORA, PO ...Fra. AH, PARCHÈ, TRA NA BATOLA E L’ALTRA, CATELA EL TEMPO ANCA PAR LAORAR?Pie. EH, COME NO? PARCHÈ, VEDITO, ELA LA TACA BOTON CON TUTI,NO? E ALORA ... TACA EN BOTON ANCO’, TACA EN BOTON DIMAN ... LA SA MESSA A FAR LA SARTA! (Pie. esce a DX e contemporaneamente Ros. rientra da DX e prende Fra a braccetto riportan- dolo verso SX)Ros. GNENTE ... NOL SE TROVA! ... SEMPRE COSÌ MIO MARITO, EH? ... E A ME DISPIACCE UN POCHETO, SAI ... PERCHÈ CI VOGLIO ANCHE BENE. SAI COSSA DOVARESSIMO FARE? ... FARE UN BEL FIGLIO! (esce a SX)Fra. EN FIOL? E COME FAI A FAR EN FIOL? STI CHI QUAN CHE I VA’ EN LETO LA SERA IÈ BONI DE ARIVAR A MATINA E NO ESERSE ANCORA CATÈ! (entra Ali da SX) DE LÀ SIGNORA, L’È ANDÀ DE LÀ ... OPS, EL ME SCUSA ... SA, EL PENSAA NA DONA: HO VISTO LE COTOLE ...Ali. (dopo averlo squadrato) PROPRIO TI TE PARLE! (poi, al pubblico) E MI, CON SERTE GAMBE, ALMENO NO ME METAREA MIA LE MINIGONE!! (trova la merenda di Pie e comincia a man- giarsela)Pie. (entrano contemporaneamente da SX e DX, incrociandosi in centro e lasciando Fra nel mezzo)Ros. GNENTE DA FAR... NO SE SE TROVA (e riescono)Fra. (esterefatto) A MI ME PAR DE ESER EN VIGILE ... ORPO... ME DIGO CHE TUTO STO’ TRAFICO NOL GHE GNANCA NEL CENTRO DE MILAN!Pie. (rientrando) BASTA! GHE RINUNCIO!Ros. (rientrardo) AH... ECOTE QUA FINALMENTE ... L’È MEZORA CHE TE SERCOPie. PARCHÈ MI NO’ DIME, SA OLEITO? 15
  16. 16. Ros. COME SA OLEA? TO PORTÀ LA MERENDA, PIERPAOLO! VARDA, L’È LÌ, NELA SPORTAPie. GRASSIE ... (prende la sporta e questa è vuota), NELA SPORTA NO GHE’ GNENTE! CHE SCHERSO ELO QUESTO? O CAPÌO ... SCOMETO CHE TE GHE L’È DATA DA MAGNAR A LORENZO (tragido) ROSSELLA ... TU NON MI AMI PIÙ! (esce sconsolato)Ali. (di rimando, uscendo dall’altra parte sazio) SÌ, PERÒ I PANETI LA LE FÀ BONI!Fra. MA, SIGNORA ... LE FALA NAR VIA COSITA? LA GHE CORA DRIO, NO?Ros. SÌ, BRAVO ... COSÌ ALMANCO VADO AVANTI E INDRIO PER ALTRI VINTI MINUTI ... CHE SI CIAVI VA, SONO STUFA IO... INVESSE ... DIMMI ... È VERO CHE DOMANI VIENE EL VESCOVO?Fra. SICURORos. ODDIO... CHE MOSSIONE ... NON HO MAI VISTO IO UN VESCOVO COSÌ ... COME SI DICE IN INGLESE? LIVE ... AH, VAO SUBITO A CASA A TELEFONARGHE ALA IOLE (fa per andarsene)Fra. BEH, E SO MARÌ CHE PARTE FALO NELA COMEDIA?Ros. AH, NON CE LO POSSO MICA DIRE, SA! O PROMESSO DI NON DIRLO A NISSUNO! CHE POI SENÒ DICONO CHE SONO UNA BETTONNEGA ... CHE NON È MICCA VERO, EH? (Fra lascerebbe perdere, ma lei continua) E L’È INUTILE CHE INSISTI .. NON DIRÒ UN ARFIO ... AL MASSIMO, TO’ VARDA ... QUESTO È IL COPIONE DI MIO MARITO (gli conse- gna il copione, poi soddisfatta al pubblico) OH, SON PROPRIO CONTENTA! AVETE VISTO? PER UNA VOLTA SONO RIUSCITA A TENERE LA BOCCA SERÀ! (se ne va felice)Fra. (legge e rilegge con stupore il copione) OOH .. MA VARDA QUA! ... EH, ADIRITURA! INCREDI BILE! STO QUA NO L’È MIA EL CANDIDO MOMENTO ECCETERA ECCETERA ... STO QUA LÈ, EN FILM A LUCI ROSSE! AH, DOMAN ... EN PRIMA FILA! (ci riflette) OPURE ... OCIO, FRANCHINO, CHE L’È LA OLTA BONA CHE TE CAMBIE DE VESTE ...Abd.(entrando dall’esterno; è marocchina e quindi parla anche lei in “negrese”) PERMESSO ... POSSO ENTRARE?Fra. (imboscando il copione e scrutando chi c’è) PREGO, PREGO .... (quando la vede) ODIO, N’ALTRA DONA! MA ALORA L’È EL ME GIORNO FORTUNA ... (Abd intanto arriva sul palco) ODIO, L’È EN PO BRUSTOLÀ, MA NO LA ME PAR MIA MALOTO ... NEMO, FRANCHINO, NEMO AL’ATACO! (estrae un boccettone di profumo e si spruzza abbondantemente, poi galante) BONDÌ, SIGNORINA, GALA BISOGNO DE NA’ MAN ... (ammiccante) O.. DE QUAL- COS’ALTRO?Abd.(cantilenando) IO SON POVERA MAROCCHINA... IO IN DIFFICOLTÀ ... FAI PIACERINO A POVERA MAROCCHINA ... DAI INFORMAZIONCINA A POVERA MAROCCHINA!Fra. (al pubblico) A NEN BEN ... LA CIACOLA PIASÈ DE QUELA DA PRIMA!Abd.IO BISOGNO FAVORE: TU CONOSCERE DON GIOVANNI?Fra. (ironico) EN PO’ ... DE VISTA, DIZEMO! LA GAA PASIENSA N’ATIMO, SIGNORINA, EL SARÀ QUA A MINUTI ... (galante) MA, SA GHE SERVEA ... PARCHÈ MI SAREA ... EL SO SEGRETARIO ...Abd.MI HANNO DETTO CHIEDERE DI DON GIOVANNI PERCHÈ IO CERCA ... IO CERCA MARITO...Fra. E VOLA NAR IA COL PRETE? A LA GHE COMBINA POCO CON QUEL!! (al pubblico, gauden- te) OCIO ADESO COME ME LA INGIOMO ... DAI, FRANCHINO, DAI, CHE L’È LA OLTA BONA! (melodrammatico, si inginocchia davanti a Abd) OH, LUCE DEI ME OCHI, L’È DAL PRIMO MOMENTO CHE TO VISTA CHE NO RIESSO PI A DESMENTEGARTE !Abd.SARESTI PROPRIO IMBAMBITO: SARANNO PASSATI DUE MINUTI!Fra. (al pubblico) L’È SVEIA, LA BUTELOTA! MA ADESO ZUGO EL ME ASSO NELA MANEGA: LA POESIA! CHE SBRODOLO SU “A SILVIA” DE LEOPARDI E TE ARÈ SE NO LA CASCA. (ancora melodrammatico) O DOLSO FIOR , LASSA CHE TE DEDICA QUALCHE VERSO CHE ME SGORGA DAL COR! ORSÙ, DIME, COME TE CIAMITO?Abd.MIO NOME ESSERE ABDELLAH FATIHA RAMBEDELLAH BOUZEKRAHFra. (colpito, ma ci prova) “OH, ABDELFATACÀ ..” ... “OH, ABTELBIMBUMBÀ ...” (dopo un momento di pausa) EHM ... TE GHE MIA EN SORANOME ERA? 16
  17. 17. Abd.(cerca di porre fine al “corteggiamento") TU NON HAI CAPITO. IO NON CERCO UN UOMO. IO CERCO MIO MARITO: NON LO TROVO PIÙ, L’HO PERSO ...Fra. (fra sè) A NEN BEN, MI SON QUA CHE NO CATO NA DONA GNAN A MORIR ... E CHI GHE GENTE CHE SE PERDE EL MARÌ PAR STRADA! (a Abd) E NO’ GALA MIA IDEA DEN DO’ EL PO’ ESER FINIO?Abd.BEH, FORSE POTREBBE ESSERE A CASA DI UNA DELLE ALTRE SUE MOGLIFra. (stupito) AH, PARCHÈ STO’ QUA GHE N’ALO ANCA PIASÈ DE UNA?Abd.MA CERTO! NELLA NOSTRA RELIGIONE UN UOMO PUÒ AVERE FINO A 5 MOGLI! NELLA TUA NÒ TU NON HAI MOGLI?Fra. (imbarazzato) MI? AH, MI ... CARA ... MI VAO ANCORA DE TURIBOLO! (esaltato) ENVESSE ...ENVESSE ... MI SAREA MOLTO INTERESSATO LÌ ... ALA RELIGION DELLE SINQUE MOIERI ... SA GAREA DA FAR? ELA NA ROBA DIFICILE?Abd.NO, È MOLTO SEMPLICE. (estrae un tappetino dal suo zainetto) BASTA PREGARE QUAT- TRO VOLTE AL GIORNO RIVOLTO VERSO LA MECCA . COSÌ ... (distende il tappetino verso la sua destra si inginocchia e prega in arabo con ampie genuflessioni),Fra. CIOÈ ... BASTA GIRARSE VERSO DESTRA E FAR NAR LA LENGUA EN CHEL MODO LI,? ORPO .. MA L’È, NA SEMADA! (si inginocchia anche lui e si genuflette al pari di Abd pregando in un arabo molto improbabile)Don.(rientrando con Sav, resta stupito) FRANCHINO! SA FETO?Fra. (si salva in corner) GINASTICA! STO FAZENDO GINASTICA! HOP-DUE HOP-DUE (mima esercizi da terra; poi si alza e continua) ECO QUA, SIGNORA (presentando) DON GIOVANNI ... LA SIGNORA ABDELLALLACALCOSSA (precisando) INSEGNANTE DE AEROBICA! NENTI BEN,SIGNORA? HOP-DUE HOP-DUE!Don.(adirato) FRANCHINO, MOCHELA! (Fra si ferma) ... E CATA SU EL TURIBOLO! (Fra esegue) GALA BISOGNO DE.. MI, SIGNORA? (Abd annuisce) SON SUBITO DA ELA. BON, SAVERIO, VAO VIA. TE RIPETO: SON PROPRIO CONVINTO CHEL VESCOVO EL SARÀ SODISFATO E, COME PROMESO, TE PAGO EN ANTICIPOSav. (intascando i soldi che Don gli porge) SÌ DON GIOVANNI ... EL VEDARÀ: STO SPETACOLO EL SARÀ NA VERA BOMBA!Fra. (al pubblico) SÌ ... TE SENTARÈ CHE BOTO QUAN CHE TIRO FORA QUESTO! A L’È, LA OLTA CHE CROA ZO ANCA L’ANGELETO DAL CAMPANIL!Don.BON, CARO SAVERIO, A DOMAN ALORA .... LA VEGNA SIGNORA... SU, ANCA TI, FRAN- CHINO, NEMO ... E TURIBOLA FRANCHINO TURIBOLA ...Fra. (mentre escono) IÈ LE ULTIME!!Sav. UFFA ... BON! ENTANTO I SOLDI GHE IO EN MAN ... E DOPO VEDAREN COME SCAPAR. PETA CHE ENTANTO VEDEN COME STA CHE L’ALTRA SORDOMUTA ... LORENZO!Lor. (arriva di corsa) SÌ ... SA GHÈ?Sav. ALORA ... PORTOBELLO LÀ ... ALO RISCOMESSIÀ A PARLAR?Lor. MACCHÈ! PERÒ INTANTO L’EN MESSA NELA BRANDINA DE ALI CON TANTE BELE CUERTINE SORA ... E PO’ GHE SON MI CHE LA VEGLIO CONTINUAMENTE ...Sav. BON, BRAO ... CHE ALMANCO LA GAA QUALCHEDUNO VISIN ...Lor. BOIA... PÌ VISIN DE COSÌ! PRATICAMENTE SON MI UNA DELE CUERTE! (corre via, Sav basito)Val. (entrando dì corsa, ingobbito) SAVERIO! SAVERIO!Sav. AH, ECOTE QUA, ALA BUONORA ... (canzonatorio) BEH? SA T’È SUCESO ALA SCHENA? GHETO AUO NA RICADUTA? ALORA? COM’ELA NA CON LA POLISSIOTTA?Val. E COME UTO CHE LA SIA ANDÀ? SE NO GHE FUSSI MI QUA ... (vanesio) È BASTATO LASCIAR FARE AL MIA FASCINO ....Sav. AH... L’ETO COROTA COME TO SOLITO?Val. MACCHÈ! NO L’HO GNAN TIRÀ FORA STO GIRO ...Sav. CHE? 17
  18. 18. Val. (indicando) EL .. EL BLOCHETO DEI ASSEGNI! STAOLTA O FATO USO DELA DOLCESSA ... DU OCI LANGUIDI ... DO PAROLINE GIUSTE E ZAC ... EL ZUGO L’È FATO ... (intanto entra Ali col terzo pannello)Mar. (entrando dal fondo; è innamorata persa, sembra quasi in ipnosi) AMORE ...Val. (drizzandosi di colpo) CARA ... SON QUA!Sav. (al pubblico) OSTI ... NA RISALITA COSÌ RAPIDA NO’ LE FA GNANCA I SKILIFT SULLA MARMOLADA!!Ali. (avvicinandosi a Val) SÌ, PERÒ IO CONTINUA A SENTIRE UNO STRANO CHEO CHEOVal. (sottovoce) TASI, ALI: IÈ LE ME ZONTURE CHE SIGA!Mar. (che è arrivata al palco, dolcissima) ZUCCHERINOVal. (più dolce) MIELE MIO!!Mar. (di più) BOMBOLONE RIPIENO!!!Val. (ancora di più) PROFITEROLE!!!Sav. (guardandoli soncertato) MADONNA MIA ... CHE DU DOLSI!!Mar. (guardandosi in giro) OH ... MA CHE BEL TEATRINO ... (a Val) OH CARO ... COSÌ ROBUSTO COSÌ BELLO ... COSÌ BEN FATTO ...Sav. CI? EL TEATRO?Mar. MA NÒ MA IL MIO VALY, NO? COSA VUOLE CHE ME NE IMPORTI DI QUESTO TEATRO ORA CHE HO TROVATO L’AMORE (abbraccia Val)Ali. (che intanto sta scopando il palco; al pubblico) TZE, LA POLIZIOTTA... AVETE VISTO COME SI FA A NON PULIRE? GUARDA LÌ: BASTA RUFIANAR COI CAPI!!Val. AH... CARA, TI PRESENTO MIO FIGLIOMar. (stringendo la mano a Sav) PIACERE! PUOI GIÀ COMINCIARE A CHIAMARMI MAMMASav. (allibito) MAMMA??Mar. (sottovoce a Val, ma Sav sente) CERTO IO CERCHERÒ DI FARE DEI FIGLI UN PO’ PIÙ BELLI ... QUESTO TI ERA PROPRIO VENUTO MALE... È ANCHE UN PO’ GOBBO! (mentre Sav ingobbisce loro escono)Ali. SCUSI, PADRON SAVERIO ... MA IL SIGNOR PADRONE VALERIANO NON ERA GOBBO PRIMA?Sav. EH, CARO, COME A DITO LU: DAVANTI A SERTE DONE E ALA BANDIERA... SE SE ENDRI- SA SEMPRE!Ali. (con ammirazione) EH SÌ... L’HA PROPRIO CATÀ SU UN BEL PEZZO ... DI BANDIERA!Sav. (contento) BON, DAI, ANCA QUESTA L’È SISTEMÀ ... ADESO BASTAREA SOLO CHE GHE TORNESSE LA VOCE A QUEL’ALTRA DESGRASSIÀMau.(entra dal fondo sbattendo la porta) ANDO ELA ME MOIER?Sav. (spaventato) EH!! .... E CI ELO STO QUA?Vfc. (seccata) COME CHI È? MA SE L’HO SPIEGATO PRIMA! (un po’ scazzata) IL MARITO DELLA SIGNORA CORNELIA VACCARI, IL MACELLAIO DEL PAESE, MAURO VACCARI, DETTO IL TORO PER QUEI SUOI OCCHI CATTIVI, PER QUEI SUOI ...Sav. (interrompendo) AH... O CAPIO, L’È QUEL COI CORNI ALORA!Vfc. (contenta) BRAVO, VEDI CHE SE STAI ATTENTO .... MAU. (arrivato sul palco) SALVE .. ELO EL REGISTA LU? (e intanto caccia le mosche) SAV. SÌ, CERTO ... BUONGIORNOMau.BUONGIORNO .... MI SON EL TORO (si blocca) EHI.. SPETA... FERMO LÌ... (prende la mira e ammazza una mosca sulla spalla di Sav., distruggendo anche lui) ETO ISTO CHE L’HO CIAPÀ STAOLTA! (vede Sav dolorante) EH... DIAOLO BECO: NO GARÒ MIA FATO MAL ERA?Sav. (la prende male) NON MA MIA FATO MAL? MA SEL MA’ BUTÀ NA SPALA A L’ALTESSA DEI ZENOCI ... SECONDO LU ... (incontra lo sguardo incazzatissimo di Mau) MA L’IMPORTANTE L’È CHE L’AA COPÀ LA MOSCA! BRAO... BRAO... (sistema amorevolmente il camicione di Mau)Mau.ANDO ELA ME MOIER?Sav. (elusivo) SO MOIER? MAH .... NO SAVAREA PROPRIO ...Ali. COME CON LO SA? LA PADRONA CORNELIA È GIÙ COL PADRON LORENZO ...Mau.(sospettoso) AH... E SA’ EI DRIO FAR? RIPASAR LA PARTE? 18
  19. 19. Ali. A IÈ DISTESI ENSIEME SULA ME BRANDINA ... PADRON SAVERIO, SE GHE CIAMA “RIPA- SAR LA PARTE”, ADESO?Mau.(da in escandescenze, con grandi muggiti) COSA? IÈ DESTESI INSIEME? CORNELIA! CORNELIA! (si fionda negli spogliatoi)Ali. (innocente) COME È CARO! APPENA HA SAPUTO CHE SUA MOGLIE STA MALE ... È SUBITO CORSO DA LEI!Sav. (ironico) SÌ, E GÒ L’IMPRESSION CHE DA CHI E N’ATIMO STARÀ MAL ANCA QUEL’ALTROLor. (esce di corsa atterrito) AIUTO! I VOL COPARME!!Mau.(esce furribondo trascinando Cor) MI E TI FEN I CONTI A CASA ... (estrae il coltellaccio e si dirige verso Lor) MA PRIMA ....Lor. (tremante) BOIA... STO’ QUÀ EL ME FA SU COME NA’ SCATOLETA DE SIMMENTHAL.... ALI, DAME LA SPASAORA, DAME EN MARTEL., DAME ...Ali. (lo interrompe porgendogli un fazzoletto rosso) TO’ ... DIFENDITI CON QUESTO ...Lor. EH? E SA GHE FASSO CON STO CHI?Ali. (ilare) COME COSA? LA CORRIDA, NO? (Lor e Mau toreano due o tre volte a soggetto, tra gli “olè” di Ali)Mau.(si ferma ansante) BON! ADESO EN FINÌO DE SCHERSAR... ADESO TE SBUELO! (si lancia verso Lor, ma ... )Mar. (uscendo grintosa con una pistola in mano) MANI IN ALTO!! (tutti alzano le mani) MA NON TUTTI! SOLO LUI!Val. (uscendo di corsa) MARIA ANTONIETTA, MERINGATINA MIA ...Mar. EH? COME SI PERMETTE DI DIRE .. MERINGATINA ... A UN AGENTE DI POLIZIA? (Val ritorna gobbo all’istante) A ME QUEL COLTELLO ... AHA ... COLTO IN FLAGRANTE, TENTATO OMICIDIO... COME MINIMO VENT’ANNI NON GLIELI LEVA NESSUNO ...Lor. (facendo il coraggioso, ma arrivando purtroppo a tiro di MAU) FAZEMO ANCA VINTIUNO...Mau.MA MI SON INOCENTE ... (abbrancando Lor) VEGNI QUA, TI! (picchiando ripetutamente Lor) DIGHELO ANCA TI, LORENZO, CHE SERIMO DRIO ZUGAR ... DIGHELO CHE SEMO AMICI ... DIGHELO CHE EN FONDO TE VOI BEN COME AN PORSELETO, TE VOI BEN ...Lor. (massacrato) BOIA... SIGNORA ... LA GHE SPARI ... PRIMA CHE DENTA NA’ BRISOLA!!Mar. AVANTI, LO LASCI, NON PEGGIORI LA SUA SITUAZIONE (Mau molla Lor, che corre a nascondersi dietro Cor; Mau tiene la mani alte, ma ci sono le solite mosche) E TENGA FERME QUELLE MANI ...Mau.(colpendosi) DIAOLO BECO, LO FAREA ANCA ... MA CI ELO CHE ME COPA TUTE STE MOSCHE?Mar. MOSCHE? DOVE SONO ‘STE MOSCHE? (spara all’impazzata seccandole tutte; mentre lei soffia sulla pistola, Mau alza le mani più possibile e gli altri guardano a terra allibiti)Sav. (a Val) ETO CAPÌO ... LA MERINGATINA ...Mar. BENE! ANDIAMO ADESSO, FORZA! (si avviano) E NEL CONTEMPO PROVVEDEREMO ANCHE PER LA CHIUSURA DI QUESTO TEATRO DECADENTE ...Sav. (mentre si allontanano) MAMMA ...Val. (li insegue gobbo) CARA ... ASPETEME!Sav. PAPÀ ... LA GOBBA! (in corsa Val si rialza)Lor. (quando sono lontani, uscendo allo scoperto, atteggiandosi a pugile) AH, TE SCAPI, EH! TE GHEI PAURA! (urlando verso Mar) E METILO NELE CELLE APOSTA PAR I MACELLAIAli. MA COME? CI SONO ANCHE LE CELLE APPOSTA PER I MACELLAI?Lor. E COME NO, BOIA? ... LE CELE FRIGORIFERE!Cor. OH, GUARDA, MENO MALE CHE SE LO SONO PORTATI VIA ...Sav. EH? COME? ALA DITO QUALCOSA, SIGNORA?Cor. NO, DICEVO: MENO MALE CHE ...Sav. (interrompendola) LA PARLA! LA PARLA! MIRACOLO! (alzando gli occhi al cielo) GRAZIE, SIGNORE, GRAZIE! (si volge e vede Lor che si porta le mani alla gola) SA GALO LORENZO? NO L’ARÀ MIA PERSO LA OSE LU ADESO (Lor fa segno di sì) MA, PORCO CAN... POSIBILE CHE NO GHE NE SIA MAI UNA CHE VA BEN, POSIBILE? (sta per piangere) 19
  20. 20. Lor. (gli batte sulla spalla) ALÀ, SEMO ... CHE SCHERSO!Sav. MA, BRUTO DEFICENTE ... (Lor fugge fuori) DAI, NEN ZO A SISTEMARSE CHE SE POL PROAR ... (partono) MA... PIERPAOLO ANDO ELO?Pie. (uscendo dall’altra parte) SON QUÀ... SON QUÀ ...Ali. MA, PADRON PIERPAOLO, PERCHÈ SEI COSÌ TRISTE?Pie. AH POVERO MAROCCHINO ... SA UTO CAPIR TI?, L’È TUTA COLPA DE ME,MOIER... ME SENTO ... COME EN FOCO CHE ME,BRUSA DRENTROAli. (prendendo la sua bottiglia e consegnandola a Pie.) TI SENTI UN FUOCO? MA ALLORA È SEMPLICE! GUARDA: C’È QUI L’ESTINTORE! (Pie comincia a berne soddisfatto ed escono) (Don e Fra entrano di soppiatto, facendosi continui gesti di stare zitti; indi, sul palco)Don.EH ... PARCHÈ NO TURIBOLITO?Fra. SSST ... SEMO IN INCOGNITO ...Don. VARDA FRANCHINO CHE SE TE ME FE’ FAR TUTO STO TRAMACIO PAR GNENTE ... GIURO CHE TE TEGNO A SERVIR MESSA FIN A QUANDO TE GARÈ LA VESTINA SLIZA ..Fra. E ENVESSE TE EDARÈ CHE L’È VERA. E RICORDATE, EH? MI GHE FAO EVITAR N’INFARTO AL VESCOVO MA TI TE CAMBIE CHIRICHETO ... SST ... ECCOLI ... SCONDEN- SE CHI DEDRIO (si imboscano dietro ai pannelli)Sav. (entra con Pie, Cor e Lor) ALORA, FORSA BUTEI .... CHE PROEMO PAR L’ULTIMA VOLTA, SPERO ...Cor. SPERIAMO INVECE CHE NON ENTRI UN’ALTRA VOLTA IL PARROCO ...Sav. (convinto) MA SA OLELA CHE VEGNA EL PRETE? ORMAI EL SE FIDA, QUEL VECIO BACUCO! (dietro al pannello Don da in escandescenze) CISÀ ANDO ‘L SARÀ A STORA! ENVESE, DAI CHE PROEMO LA SCENA 38 ... TUTI A POSTO SU (Pie esce sempre bevendo dalla bottiglia) LUCI! (luci da commedia)Lor. (recitando) “OH SÌ, CARA ... NON POTEVO PIÙ STARE SENZA TE!!”Cor. “CIELO, MIO MARITO!”Sav. BON ... E ADESSO: FORA DON ORAZIO! (invece salta fuori Don)Don. AH ... V’HO SCOPERTO!Lor. (contento) BOIA! QUESTA SÌ CHE L’È N’USCITA GIUSTA! (si volta e vede Don) PERÒ ME SA CHE L’È EL PRETE CHE L’È SBAIÀ ...Sav. (terrorizzato) DON GIOVANNI ... LU, CHI?Don.AH, VADE RETRO SATANA! FARISEO! VERGOGNATI! E MI CHE ME S’ERA FIDÀ ... AH, T’È, PERSO LA TO DIGNITÀ .... E TE M’È ANCA FATO PERDER L’UNICO CHIRICHETO CHE GAVEA ...Fra. (uscendo raggiante) LIBERTA!!! TOH... CIAPA EL TO TURIBOLO!!! (passa l’arnese a Don, ma continua il movimento con le mani) FINALMENTE! SON LIBERO! L’È FINIA PER LE DONE CHE ME DIZE: “FRANCHINO, TUTO FUMO POCO CICIO”! ... SON EL PRIMO CHIRICHETO PENSIONATO DELA STORIA! FINALMENTE PODARÒ VESTIRME ANCA MI A COLORI ... FINALMENTE PODARÒ, MAGNAR ANCA MI I STRANGOLAPRETI! E INFINE (ansante) ANCA MI PODARÒ SPOSARME ... EVVIVA ... 0 ZA NOTÀ LI TRA EL PUBLICO EN PAR DE BUTELOTE: CIAPIME, SIORE! SON IN OFERTA SPECIALE ... ANCORA NOO ... INCELOFA- NADO SON SAN ... NO BEO ... (puntualizzando) NO FUMO ...Sav. (al pubblico) E TEGNÌ PRESENTE CHE PRIMA O DOPO ... GHE SE FERMARÀ ANCA LE MANEFra. (andando via) ADIO, DON GIOVANNI !! .... ANSI ... CIAO, VECIO BACUCO!! (se ne va)Don.(minaccioso), E ADESO VEGNEMO A NOIALTRI SIGNOR BARBERINI SAVERIO! CANDIDO MOMENTO DE VITA QUOTIDIANA, ERA? (Sav vorrebbe ribattere ma non riesce) SILENSIO! GNAN PARLAR, DEMONIO! A TE ME N’È CONTÀ EN BISOGNO DE BALE! E EL NEGRO CHE FA L’OPERASSION ... E I POMODORI TRANSGENICI ... (poi, con ironia rivolto ai due attori) O ELA VERDURA TRANSGENICA ANCA STA QUA? (circuendo Lor) STO’ CHI SA ELO, PAR DIR? EN SUCOL? 20
  21. 21. Sav. (per tagliare l’aria) ODDIO, EH .... L’INTELIGENSA L’È QUELADon.SILENSIO HO DITO! MI NO OLEA CREDERGHE E ENVESSE,ARDA QUA, LA PROVA! (estrae il copione) “NOTTI D’AMORE NEI BOSCHETTI ...” (si interrompe, lancia la solita escla mazione e recita il solito Padre Nostro). ALORA, PAR SCOMISSIAR EL VESCOVO QUA DRENTO NOL GHE METE GNANCA LA BARETINA ... E DOPO VEDAREN PAR EL RESTO! (è infuriato) VARDA, QUAN CHE SUCEDE STE’ ROBE VAO A RISCIO ANCA DE DIR QUALCHE BRUTA PAROLA! (all’apice) PENSA TI: I BOSCHETTI MEDIOEVALI .... MA PORCA LA CANDEGINA (si copre la bocca con le mani)Tutti. OOOHHH !!Sav. AVÌ SENTIO TUTI ERA? DON GIOVANNI: ME STUPISSO! L’HA DITO NA PAROLASSA IMMONDA ... GRAVISSIMA!!Lor. (minimizzando stupido) EH, BOIA ... L’À DITO “PORCA LA CANDEGINA”, ... NO LA SARÀ MIA NA’ PAROLA SPORCA, ERA? (Sav lo scaccia a malo modo)Sav. (accusatore, mentre Don si, fa piccolo piccolo) EL SE VERGOGNA! AH, QUANDO VEN EL VESCOVO DOMAN GAREN DA CONTARGHENE DELE BELE... (ricattatorio) A MENO CHE ...Don. NO, NO .. PAR CARITÀ ... FASÌ QUEL CHE VOLÌ, TEGNIVE PUR I SOLDI, FASÌ, PUR ... SA ELA LÌ ... (confonde) “LE CANDIDE NOTTI DE VITA PRIMAVERILE ... NEI BOSCHETTI RELI- GIOSI...,, MI ADESO GO EN PROBLEMA PIÙ GROSO: BISOGNA CHE VAGA SUBITO A CONFESARME? MA ANDO EL CATO EN PRETE ADESO?Lor. (cortesemente stupido) S’EL VOL CHI A DOZENTO METRI GHÈ NA’ CANONICA: EL DOMANDA DE DON GIOVANNI ...Don.MA SON MI DON GIOVANNI! MA PORC... MMM, L’È MEIO CHE VAGA IA SE NO VA A FINIR CHE GHE NE DIGO DELE ALTRE!! (esce di corsa)Sav. (con in mano il copione) NA’ FOTOCOPIA DEL COPION ... MA COME FAZEELO A AVERGHE- LA? (indagatore) CHI QUALCHEDUNO GÀ DA ER FATO LA SPIA! ELA STA ELA? ELO STA LU? (Lor e Cor negano) MA ALORA... ORPO ... CI POL ESER STA?Ros. (entrando dal fondo) PERMESSO? È PERMESSO? C’È NISUNI?Sav. (mentre Ali entra con la cassetta degli arnesi) SPETA SPETA, CHE ME SA’ CHEN ZA FINÌO DE SERCAR ... (a Ros che giunge sul palco, con finta cortesia) LA SENTA, SIGNORA ... NO’ L’È CHE, PAR CASO.... LA PARLÀ DELA TRAMA DELA COMEDIA CON QUALCHEDUNO? ... MAGARI QUALCHEDUNO ... VESTÌO DE NERO ... ?Ros. EH, NO, NON NE HO PARLATO CON NISUNI! GUARDI: CHE MI VEGNEZZE IL CAGOTTO SE HO PARLATO!Sav. (esibendo il copione) ... E QUESTO?Ros. (innocente) AH BEN SÌ ... QUELLA LÌ È LA FOTOCOPIA DEL COPIONE DI MIO MARITO CHE HO DATO AL CHIRICHETO DI DON GIOVANNI! (puntualizzando) ME CE L’HO DATA SITTA SITTA, SENSA GNANCHE APRIRE BOCCA! COSÌ POI NON POTETE MICCA DIRE CHE CI HO LA LINGUA LUNGA ...Sav. (arrabbiato) LONGA O CURTA TE LA TAIO TUTA ... ALI, DAME NA FORBESE (Ali gli conse- gna il martello) ... NA’ FORBESE, DEFICENTE (si avvia verso Ros)Pie. (rientrando completamente ubriaco) HIC ... EHI... FERMO TI! LASA STAR ME MOIER! (sta per cascare a terra ma Ali lo sorregge)Cor. (stupita) MAMMA MIA ... È DIVENTATO CORAGGIOSO TUTTO DI UN COLPO?Ali. (prendendo la bottiglia a Pie) MACCHÈ CORAGGIOSO! ... S’È CIUCCIATO TUTTO L’ESTIN- TORE!Pie. (barcollando), SONO IL FEROCE DON ORAZIO ... A SON INCASSÀ COME NA’ BESTIA (va vicino a Sav) QUESTA DAMELA A MI SE NO TE OL CHE TE PICIA (agguanta la forbice, poi minaccioso) CHE LA LENGUA A ME MOIER NO GHE LE TAIA NISUNO, VA BEN??Ros. (correndo verso Pie) OH, GRASSIE CARO .. CHE OMO CHE TE SÌ! COME TE SÌ BON ... COME TE SÌ FORTE ... COME TE SÌ ...Pie. (interrompendola) SI, MA ADESSO, TASI ... SE, NO’ TE LA TAIO MI.Ros. (offesa) PIERPAOLO! COME TE PERMETITO DE PARLAR ... 21
  22. 22. Pie. (urlando) UTO TASER BRUTA STREGA! (Ros rimane senza parole, Pie stupitissimo),, EEHH INCREDIBILE! LA TAZE! NO GHE S’ERA MAI RIUSIO .... BISOGNA CHE TRACANA PÌ DE SPESSO! E QUEL CHE M’HA CORNIFICÀ ‘ND’ELO? ECOLO LÀ (punta Lor che è sbalordito e impaurito) NO STA FAR FENTA DE GNENTE: ARA CHE SO TUTO! (lo circuisce minaccioso) E RICORDATE CHE A ELA GHE TAIO LA LENGUA... MA A TI TE TAIO QUALCOSS’ALTRO! (da un paio di sforbiciate molto vicino alle parti intime di Lor)Lor. (terrorizzato, coprendosi le stesse) BOIA! NO! LE ME SÀ CARE... A IÈ EN RICORDO DE FAMEIA!Pie. SILENSIO, ANSl, SITI TUTI!! (silenzio di tomba mentre lui guadagna il certro) "AH,, EL SILEN- SIO (si addormenta in piedi e cade all’indietro salvato da Ali; destandosi si trova con lui faccia a faccia) AHHH... CHE BRUTO SOGNO!Ros. (a orecchie basse) PIERPAOLO ... NEMO A CASA, SA DITO?Pie. (rude) FERMA, DONNA! TE GHE PORTO MI A CASA! (cerca di sollevarla ma non ci riesce) LASEN PERDER ALÀ ... MA COME FETO A PESAR COSITA TANTO? (indica la testa di Ros) CHI PAR DIR, GHE UDO! ... (tranquillo) SENTl, ROSSELLA ...Ros. DIME, PIERPAOLO ...Pie. CIAPAME EN BRASO TI, MI NO’, STAO GNANCA EN PIÈ.Ros. (sorreggendolo o trasportandolo) MA, PIERPAOLO, STETO BEN?Pie. SCHERSITO? ME SENTO EN LEON! GGRRR (ed escono mentre Pie fa qualche GRRR al pubblico)Cor. SONO PROPRIO CONTENTA PER PIERPAOLO ... COSÌ ALMENO QUELL’ARPIA DI SUA MOGLIE PER UN PO’ SE NE STARÀ ZITTA !!Sav. (ironico) SÌ, L’È CHE DORA EN AVANTI ... O ‘L SE IMBRIAGA LA MATINA PRESTO O GHE TOCARÀ DIMANDAR (imita) "PERMESSO?" ... ANCA PAR INFILARSE SOTO LE CUERTE! (intanto Ali esce)Val. (entrando dal fondo, diritto, vestito da viaggio, con valigia) SAVERIO! SAVERIO!!Sav. AH, ECOTE QUA... NO TE GHE’ IDEA DE SA È SUCESO FINCHÈ TE SI STA IA ... MA ANDO SETO DRIO NAR CON LA VALIZA?Val. PARTO, CARO ... SON GIUSTO PASÀ, A SALUDARTE: VAGO IN PRE-LUNA DI MIELE?Sav. EH? E CON CI? CON LA POLISSIOTTA?Val. EX POLISSIOTTA, CARO! LA DATO LE DIMISIONI N’ORA FA, LA TIRÀ NA LIQUIDASSION DA FOGO E ... ENTANTO NEMO ALE HAWAII E DOPO, FORSE, LA SPOSO ANCA! OH, NO TE GHÈ IDEA DE QUANTO SON CONTENTO! L’È PROPRIO LA DONA DE LA ME VITA! (convintissimo) OH, SON PROPRIO INAMORÀ!!Sav. E QUANDO FINIRÀ I SCHEI DELA LIQUIDASSION?Val. (..,.meno convinto) ... ME SA CHE FINARÀ ANCA L’AMOR! ENVESSE, ALÀ, SPETA N’ATIMO CHE SPONSO (ingobbisce)Lor. (arriva ilare alle spalle di Val., adulatorio) E BRAO EL NOSTRO VECETO CHEL SE SPOSA ... BOIA, VALERIANO ... LU SÌ CHE L’È UN VERO DRITTO!Val. (al pubblico) MA ELO DRIO TORME EN GIRO?Lor. (dando una manata sulla schiena di Val) EH EH ... VALERIANO ... LA VECIA QUERCIA LA SE PIEGA ... MA NO LA SE SPESSA, AH? HA HA HA (se ne va soddisfatto e contento)Val. (al pubblico) NO, NO L’È MIA DRIO TORME EN GIRO: L’È PROPRIO IDIOTA!Sav. ASCOLTA, PAPÀ ... MA SETO PROPRIO SICURO DE OLER NAR IA? ARDA: NO TE RICO NOSSO PÌ ... TI CHE TE TE FE’ COMANDAR DA NA BUTELETA CHE GARÀ VINT’ANI MANCO DE TI!Val. CI ELO CHE COMANDA? (si altera) ARDA CHE SE SOLO OLESSE ...Mar. (da centro sala, mielosa) ALLORA, ZUCCHERINO, ANDIAMO?Val. (si raddrizza di colpo assumento un’aria ebete) SÌ MIELE MIO, ARRIVO SUBITO SUBITO ... (velocissimo) EH, CIAO! SE SENTAREN! (si avvia)Sav. (mentre Val se ne va, commosso) CIAO PAPÀ ... CIAO ... MAMMA!Val. (raggiunge Mar e si abbracciano, tenerissimi) OH, ANTONIETTA, MIO BEL TIRAMISÙ!Mar. MOUSSE AL CIOCCOLATO! 22
  23. 23. Val. PANDORO! (e si allontanano verso l’uscita)Lor. (avvicinandosi a Sav) CERTO, EH ... CHE UNA CHE ME DIZE MUSS ... MI EN TANTIN ME OFENDAREA!Sav. AH, VARDA: MI SPERO SOLO CHE CON TUTO CHEL SUCARO LÌ NO GHE VEGNA EL DIABETE!Val. (arrabbiato, sulla porta) AH CHE T’HO SENTÌO, EH! STA’ MIA PORTAR SFIGA, SETO? ORPO, SPETA CHE ME TOCO ...Mar. COSA, ZUCCHERINO?Val. (imbarazzato) COME COSA? I CO ... I CO.... I MARRON GLASSÈ, TO’! (escono)Cor. (interrogando gli altri) SOLO UNA COSA NON HO CAPITO ... MA SE LA POLIZIOTTA È PAR- TITA COL SIGNOR VALERIANO ... CHE FINE HA FATTO MIO MARITO?Lor. AH, NON SAPREI PROP ... (non riesce a finire perchè) ...Mau.(entra dal fondo sbattendo la porta) ANDO ELA ME MOIER?Lor. (spaventato) SO SOLO CHE SE NO SCAPO PÌ CHEN PRESSIA ... EL ME ENSACA COME NA LUGANEGA! AIUTO!!! (fugge dietro le quinte)Mau.(arrivando di corsa) MUUUU ... STAOLTA EL MASELO!! (anche MAU va dietro le quinte, poi giungono rumori di botte tremende e lamenti di Lor; intanto sul palco Cor è disperata e Sav, a soggetto, guarda interessato commentando felice ... )Sav. BENE! BRAVO (a soggetto)Mau.(uscendo soddisfatto) BON! GHE N’HO DATE EMBISOGNO! DONA, NEN A CASA , ADESO!Sav. (cerimonioso) NO, EL SPETA SOLO N’ATIMO, CARO MAURO! (lo prende sottobraccio) M’È GNUO N’IDEA: PARCHÈ NO PROELO A RECITAR PAR MI? GAREA NA PARTE PROPRIO ADATA A LU... LA PARTE DE DON ORAZIO!!Mau.(lusingato ma diffidente) E SA GAREA DA FAR?Sav. (minimizza per convincerlo) MA GNENTE DE COMPLICATO! TI TE SÌ EN MARÌ GELOSO E TE SCOPRE TO MOIER ENSIEME A N’ALTRO (al pubblico) OGNI RIFERIMENTO L’È PURA MENTE CASUALE, ERA! (a MAU) E ALORA TE DIZI: “AH, VI HO SCOPERTO!” E, ORPO, TE EMPIENISSE L’AMANTE DE BOTE! (intanto LOR si trascina tumefatto a quattro gambe sul palco)Mau.(interessato) GAREA DA FAR SOLO CHELA ROBA LÌ?Sav. SÌ, SÌ ... TE ARIVE A CAVAL, TE PARLE ... E TE PICE: SOLO QUELA!Mau.MA, DIAOLO BECO, NO GHE GNENTE DE DIFICILE! (tenero, al pubblico) A DIR LA VERITÀ, HO SEMPRE SOGNÀ DE FAR L’ATOR (guardandosi in giro) SOLO CHE ... NO VEDO CAVAI QUA! (vede Lor) O INVESSE SÌ ... (raggiunge Lor e lo abbranca) VEGNI QUA, TI!Lor. (impaurito) MA ELO MATO? SON MIA EN CAVAL, MI!Mau.(lo prende per un orecchio) SA ETO DITO?Lor. (nitrisce) HIIII .. SÌ, SÌ HIIII SONO UN CAVALLO HIIIIMau.(sale su Lor e lo cavalca maltrattandolo ancora) VAI! VAI, FURIA! CAVALCA NELLA PRATE- RIA! (Lor schiacciato non si muove, Mau lo colpisce) CAVALCA, O DITO!Lor. (muovendosi a stento e urlando) CLOPPETE CLOPPETE (poi si imbizzarrisce) HIIIIMau.(da sopra, colpendolo) EH... DIAOLO BECO ... STA MIA IMBIZZARIRTE, SETO? (da sopra, recitando da cani) “COSSA VEDONO LE MIE FOSCHE PUPILLE: MIA MOGLIERE CON N’AMANTE" (balza giù dal cavallo) HOP!Lor. (fugge a quattro gambe) VIIIAAAAA! (fuori dalle quinte).Mau.“AH, VI HO SCOPERTO!” (si precipita verso le quinte; sulla porta) PERMESSO? (salta dentro e ripicchia a sangue Lor, quindi esce soddisfatto) FATO? SENTI STA’ BRAO?Sav. (professionale, prendendo sottobraccio Mau) EH, ENSOMA ... BISOGNAREA CHE LA PROES- SIMO ALMANCO N’ALTRA OLTA, VIA ...Lor. (che si è ritrascinato dentro sempre più distrutto) AH,BOIA, ALTRE PAPINE! (da terra, implo- rante) EH, REGISTA ... ALMANCO STO GIRO DON ORAZIO LÌ... PODELO MIA NAR A CACIA A PIÈ? (si avvia verso fuori) 23
  24. 24. Mau.NO, NO! ME SON ZA STUFÀ MI! LA SALUDO, SIOR REGISTA! NEN A CASA CORNELIA, VÀ (la prende in braccio, Cor porta le mani alla gola) SA GHÈ? A SÌ ALÀ ... LA PERSO LA OSE N’ALTRA OLTA! MA SÌ, L’È STESO! ARDA, CORNELIA, POSO DIRTELO? TE OI BEN! NO’ GHÈ ALTRO AL MONDO CHE GHE OI BEN COME A TI! (suona il cellulare) DIAOLO BECO, EL CELULARE! (passa Cor in braccio a Sav) ME LE TEGNELO N’ATIMO? (parlando al telefo- no) PRONTO! COSA GHÈ? SA DITO? I MA CIAVÀ TUTI I PORSEI! AH, DIAOLO BECO! MUUUUU I PORSEI! I MA CIAVÀ I PORSEI (corre via gridando e dimenticando la moglie che lo insegue senza poter parlare)Sav. (guardandoli allontanarsi) UFFA... E ENTANTO MI ADESO SON RESTÀ CON N’ATOR SOLO..Lor. (dolorante) COI TOCHI DE N’ATOR ... BOIA... A ME PAR DE ESER EN PUZZLE RAVENS- BURGER!Sav. (rincuorandolo con una pacca sulla spalla) MA SU DAI LORENZO CHE NO L’È GNENTE!Lor. AAAHHI .... ECO: EL M’HA ROTO ANCA L’UNICO OSO CHE M’ERA RIMASTO ENTIERO! NO, NO ... VAO IA, MI .... SON ZA BELO CHE STUFO DE FAR L’ATOR: EN DO SETIMANE O CIAPÀ SOLO PACHE E PAROLE! ANSI, SALO SA GHE DISO? CHE MEL PORTO IA L’UNICO CHE NO M’HA MAI TRATÀ MAL ...Sav. (non capisce) PORTARSELO IA? MA CI? ... ALI?Lor. MA CHÈ ALI! (va all’armadio ed estrae il bambolotto) NEN, BUTELETO,VEGNI CON MI! TI TE SI L’UNICO CHE ME OL BEN! (si avvia, quindi giocando) E SETO SA FEN ADESO? SETO SA FEN ADESO? EL CAVALUCIO, BOIA! (se lo carica a spalle) IHHHH CLOPPETE CLOPPETE IHHHHH (e cloppettando esce dal fondo)Sav. ECO: E COSITA SON RESTÀ DA PAR MI! PECÀ! EH, CONSOLENSE CHE M’È RESTÀ I SCHEI ... PERÒ ... ENSOMA ... A STO PUNTO ME SAREA PIAZUO ANCA FARLA ‘STA COMEDIA... CON TUTO QUEL CHE GHE SEN STÈ DRIO .... PASIENSA! (si ferma sorperso) MA ... (annusa l’aria) POSIBILE? LE ME POTENTISIME NASELE LE STA PERCEPENDO N’ALTRA OLTA N’ODOR ... MA SÌ, L’È PROPRIO ODOR DE INCENSO ... AH, 0STI ... È DRIO TORNAR EL PRETE? CHEL VEGNA A TORSE I SCHEI?Fra. (entra dal fondo con Abd; è trasformato, quasi irriconoscibile: lampadato, con un ciuffo spaval- do, vestito di nero con giaccone borchiato, cammina e parla in modo atteggiato da bullo) PER- MESO? E ALORA, GHE’ NISUNO EN STO TEATRO? (e avanza con Abd verso il palco)Sav. (preoccupato) AH, MADONNA ... E STO CHI CI ELO? CHEL L’AA MANDÀ EL PRETE A PICIARME? ... E PO’, OH, CONTINUO A SENTIR STA SPUSA DE INCENSO ....Fra. (arrivato cul palco con Abd, atteggiato) SPETAME LÌ, BABY ... (si dirige verso Sav) SALVE, ELO LU EL CAPO QUA?Sav. (titubante, impaurito) S ... SÌ ... MA LU ... CI ELO?Fra. ME CONOSSELO MIGA? (Sav accenna di no, Fra più minaccioso) EL ME ARDA BEN! ME CONOSSELO MIA PROPRIO? (a questo punto si fa riconoscere, raggiante, senza farsi vedere da Abd) SON MI: SON FRANCHINO! (riatteggiandosi) FRANKIE , PAR LE DONE! (normale) MA COM’ELA CHE CHI NO GHE PI NISUNO? (ingrifato) AND’ELE LE NOTI D’AMORE, I BOSCHETI? AND’ELE LE DONE?Sav. (un po’ incavolato) IÈ SCAPÈ IA TUTI ... PAR COLPA TUA! E CHE SPETACOLO UTO CHE FAGA SE NO GÒ GNANCA N’ATOR?Fra. (prontamente) PODARESIMO FAR GNER LA PERPETUA A BALAR EL CAN CAN! (Sav scetti- co) A CHE L’À BRAA! L’È EN SPETACOLO ... (balla) LALALALALA ... E SE TE OL, EH, LA LE FA ANCA SENSA MUDANDONI, EH!Sav. PAR CARITÀ! ... CHE SE, DAL CASO, GHE QUALCHE BUTELETO EL ME RESTA ALUCINÀ, GHE SE BLOCA LA CRESCITA! (cambiando discorso) ENVESSE, PITOSTO, TI ... COM’ELA CHE TE T’È, RIDUTO COSITA?Fra. PAR CUCAR, OSTI! A CHE GÒ 32 ANI DE ASTINENSA, MI! VESTIO COSITA , AH ..CAMINO PAR STRADA (cammina atteggiato per il palco) E LE EDO, LE.DONE ... CHE ME MAGNA COI OCI... “E CI ELO CHEL LÌ? E CI NO ELO?” ... (esagerato) CHE HO DOVUO FONDAR EL “FRANKIE FAN CLUB”!! 24
  25. 25. Sav. (stupito) ALÀ! E .. GHE TANTI ISCRITI?Fra. EEEH, MI ... E LA PERPETUA! MA L’È SOLO QUESTION DE TEMPO. ADESO O TACÀ, A DAR EN GIRO I ME BIGLIETI DA VISITA ... ARDALO QUA CHE BELO (mostra il bigliettino) “FRANKIE, GNENTE FUMO, SOLO CICIO!” ... DA CHI EN PO’ NO SAVARÒ PÌ ’NDO ME- TERLE, LE DONE: ME TOCARÀ FAR I TURNI! (ammicante, strizzando l’occhio) EH, EH ENTANTO ... HO CATÀ SU ... (indica Abd) NA’ STRANIERA! OH, L’È COME MATA: NO SON PÌ BON DE LEARMELA D’ADOSO!Sav. (meravigliato) ORPO, L’È PROPRIO COTA ....Fra. (spavaldo) COTA? ARDA CHE NERA CHE L’È: NO L’È COTA, L’È ... BRUSTOLÀ! E NO’ TE GHE IDEA DE COSA LA ME FASA FAR! OH, L’È MEZ’ORA CHE LA CONOSSO E GÒ ZA MAL DE SCHENA (si tocca la schiena)Sav. EH! E COSSA ELA? ATIVITÀ FISICA?Fra. NO... DELE GRAN PREGHIERE! ALLAHLAHA (su e giù col busto pregando in arabo) L’È SEMPRE SU QUEL BOIA DE CHEL TAPETO! BAH, MA SPETA CHE TE LA PRESENTO. (si attegaia) EMM... BABY, PUOI VINIRE UN MOMENTO (Abd si avvicina sbuffando, Fra entusiasmato a Sav) ARA COME CHE LA OBEDISE ... BABY, VOLEVO PRESENTARTI QUESTO MIO AMICO ...Sav. (cortese) BUONDÌ? SAVERIO BARBERINI ... E ELA. COME SE CIAM...Fra. (interrompe bruscamente) ... NO’ STÀ DOMANDARGHE EL NOME CHE FEN MATINA! A TE FÈ PRIMA A CIAMARLA COL CODICE FISCALE! (estraendo un foglietto) OH, MI ME L’HO FIN SCRITO ...Sav. (prendendo il foglietto) ORPO! NO SE CAPISE GNENTE! A GHE EN CASIN DE LETERE! A B D T H .... EL PAR EL TABELON DE L’OCULISTA! (cercando un argomento), EH ... E ENSOMA ELA , SIGNORINA, LA SAREA LA MOROSA DEL NOSTRO FRANKIE ...Abd.(contrariata) COSA? IO MOROSA DI QUESTO CIOCOLO? IO STO CERCANDO MIO MARIT...Fra. (la interrompe coprendole la bocca) ... ENZÀ, L’È TIMIDA, LA OL FARSE PREGAR! (spavaldo) DIGHELO, ENVESSE, BABY ... CHE NO TE POL RESISTER A STO’ FASSINO, A STO’ FISI- CO (esponendo i bicipiti) ARDA CHE BRASI! E NO’ L’È MIA PALESTRA STA QUÀ, EHH.Sav. (ironico) A NO L’È PALESTRA, NO! IÈ VENT’ANI DE TURIBOLO! (imitando il movimento di braccia di Fra)Abd. (spazientita) OH, SIGNOR SAVERIO, FAI PIACERINO A POVERA MAROCCHINA. VUOI SPIEGARE TU A QUESTO MUSSO CHE IO AVERE GIÀ UN MARITO ... IO AVERE GIÀ DEI FIGLI!Fra. EEEH, GHETO NOSTALGIA DEI FIOI, BABY? OSTI, SA CREDITO? ESO BATE QUINDESE DÌ E DE FEN SUBITO SETE-OTO! E QUAN CHE I VEN GRANDI... SO ZA CHE LAORO I FARÀ , NO OPERAI... NO INGEGNERI ...Abd.E COSA, ALLORA?Fra. (sognante) CHIRICHETTI! TUTTI CHIRICHETTI! (muovendo le mani) A GHE’ FAO EN TURIBULIN A TESTA E HOP... HOP ....Ali. (esce col quarto pannello, l’ultimo) E CON QUESTO HO FINITO! OH, SONO PROPRIO SODDISFATTO! GUARDI, PADRON SAVERIO, GUARDI CHE CAPOL... (vede Abd) CIELO, MIA MOGLIE !!Abd. (vede Ali, si incavola) ALI!! AH, FINALMENTE TE CATO!Ali. CIELO! È ANCHE INCAZZATA!!Abd.ALI! DOVE SEI STATO TUTTO QUESTO TEMPO? SONO DUE SETTIMANE CHE TI CERCO DA TUTTE LE PARTI! I NOSTRI 56 BAMBINI SONO DISPERATI!Fra. (tra sè) OSTI, 56 BUTELETI? SA IO BECÀ? NA SVENDITA DE FINE STAGION EN SALA PARTO?Ali. CARA, CREDIMI, SONO SEMPRE STATO QUA, A LAVORARE, A SUDARE ...Fra. (intromettendosi) ALÀ LAVORARE ... ALÀ SUDARE... MA SE L’HO VISTO MI CHI CHEL GIRAA... VESTIO DA DONA! 25

×