O slideshow foi denunciado.
Utilizamos seu perfil e dados de atividades no LinkedIn para personalizar e exibir anúncios mais relevantes. Altere suas preferências de anúncios quando desejar.

I greci morti di fame e massacrati da eurogendfor

la Grecia è fallita, andate in pace..

  • Entre para ver os comentários

  • Seja a primeira pessoa a gostar disto

I greci morti di fame e massacrati da eurogendfor

  1. 1. Grecia senza cibo e medicine, i bambini muoiono difame Scritto il 22/12/11 • nella Categoria: segnalazioniCondividi13KDuecento casi di bambini in pericolo, denutriti, «perchè i loro genitori non sono in grado di alimentarlicome si deve». Non è il medioevo, è la Grecia del 2011. «Quando ho letto questa notizia – confessaDebora Billi – pensavo fosse l’esagerazione di qualche blog catastrofista, tanto mi sembrava incredibile».Invece è l’Ansa, che cita il sito “Newsit”. E’ la maggiore agenzia di stampa italiana a confermare la storia:quei 200 piccoli europei sono davvero alle prese con la fame, e i loro insegnanti «fanno la fila perprendere un piatto di cibo per i loro alunni che non hanno da mangiare». Questa non è più crisi, ècatastrofe umanitaria: «Il ministero della pubblica istruzione, che in un primo momento aveva definito ladenuncia come “propaganda”, si è visto costretto a riconoscere la gravità del problema».Come hanno riferito alcuni insegnanti al quotidiano “To Vima”, il problema della denutrizione ormai esistee, inGrecia, viene individuato più facilmente nelle scuole a tempo pieno: «Molti ragazzi vengono in classe senza il pranzo e dicono di averlo dimenticato a casa perché si vergognano di dire la verità». E non mancano nemmeno i casi di pazienti che, dopo essere guariti, non vogliono lasciare l’ospedale perché non hanno dove andare a dormire, continua la cronaca greca, ripresa dal blog “Crisis.Blogosfere”. «Stanno uccidendo i greci, e non solo con la fame», osserva Debora Billi: l’altra emergenza, ormai drammatica, riguarda l’assistenza sanitaria: la Grecia sembra stia scivolando verso una disperazione sociale da terzo mondo. «I ricoveri nelle strutture private sono crollati del 30% tra il 2009 e il 2010», scrive “L’Unità” in un recente servizio da Atene, «mentre quelli negli ospedali pubblici sono aumentati del 24%».Contemporaneamente, i centri sanitari statali hanno subito tagliper il 40% del loro budget: il personale ègravemente carente, perché molti lavoratori sono stati licenziati per effetto dei tagli al sistema diprotezione sociale imposto dalla terapia d’urto voluta dall’Europa. Risultato, la disperazione ormaidiffusa, che incoraggia la peggiore forma di corruzione: «Le code per una visita o per un ricovero sonodiventate lunghissime, tanto da scoraggiare i pazienti e daalimentare il sistema delle bustarelle elargite a medici einfermieri».Inoltre, aggiunge “L’Unità”, cominciano a scarseggiare alcunimedicinali: molte ditte farmaceutiche hanno infatti deciso disospendere l’approvvigionamento di farmaci agli ospedali greciperché le fatture non venivano pagate da anni. Un esponentedella Roche ha dichiarato al “Wall Street Journal” che il grupposvizzero ha interrotto la fornitura di alcuni farmaci anti-cancro,mentre Novo Nordisk ha smesso di rifornire gli ospedali greci diinsulina e Leo Pharma ha cessato di spedire ad Atene duemedicinali importanti, un anticoagulante e un farmaco contro la psoriasi.Già nel 2008, cioè tre anni fa, sapevamo che i greci sarebbero stati “i primi”, scrive Debora Billi,segnalando che il suo blog ha avviato dal 2010 un monitoraggio ravvicinato delle sofferenze socialiprovocate in Grecia dal “rigore” imposto dalla Bce dopo lo scoppio della crisi finanziaria, lasciata marciredai bilanci statali “truccati” dai consulenti della Goldman Sachs. Debora Billi è “sul pezzo” da anni:«Malgrado ciò – scrive ora – sono stupita dalla rapidità con cui la situazione si sta deteriorando. Nonpossiamo fare altro che assistere inorriditi alla tragedia che si consuma a poche ore di navigazione dallenostre coste, con la sempre più ineluttabile consapevolezza che i prossimi saremo noi».
  2. 2. POLIZIAANTISOMMOSSASTRANIERA GIAOPERATIVA INGRECIAPostato il Giovedì, 20ottobre @ 09:30:00CDT di davide DI DAVID MALONE golemxiv.co.uk Lo sapevate che lUE ha la sua polizia anti-sommossa in grado di operare in qualsiasi paese Europeo, che non risponde direttamente a nessuno di loro? No, nemmeno io lo sapevo. Si chiama Gendarmeria Europea (Eurogendfor). Ha la sua base in Italia, ma è finanziata e gestita dai sei paesi firmatari che sono Francia, Italia, Olanda, Spagna, Portogallo e Romania. Tuttavia, secondo il Trattato La Gendarmeria è appositamente istituita per affrontare sommosse e disordini civili e, come enuncia il Trattato, deve essere ... esclusivamente composta da elementi delle forze di polizia a statuto militare. Guardate la foto. Quante forze di polizia, anche anti-sommossa, che voi sappiate, usano lattacco a baionetta? La forza è composta da 3000 uomini con sede in Italia, in due brigate di rapida implementazione. Dal momento che la Grecia non è membro di Eurogendfor, pochi, o nessuno, dei suoi agenti/soldati (?) parlerà greco. Eppure, ora possono operare in Grecia. Ho verificato con degli amici ad Atene e mi dicono è vero. Ho anche contattato - o provato a contattare - direttamente Eurogendfor per due volte, allo scopo di verificare i fatti. Tuttavia il contatto e-mail sul loro sito web non funziona. Si può compilare un modulo, ma nelle ultime 4 ore e mezza, quando premo invio ottengo questa risposta: "Il server non è in grado di inviare la vostro richiesta. Per favore riprovare più tardi". Telefonando direttamente alla sede centrale, risponde un sistema automatizzato. Cè una opzione Ufficio Stampa ma riporta al menu principale di “benvenuto”, come fa anche ogni altra singola opzione. E andato avanti così tutto il giorno. In altre parole cè la facciata di un contatto, ma la realtà operativa è "Levati dalle palle, plebeo!" Che cosa vuol dire se si scopre essere vero che il governo Greco ha invitato una polizia anti- sommossa quasi militare fatta di personale di altre nazioni per operare in Grecia contro i propri cittadini? La polizia Greca non basta? I militari Greci non sono disposti a spaccare teste? Ci vogliono degli stranieri che lo facciano per te? Che differenza cè esattamente tra Eurogendfor e qualsiasi altra forza mercenaria? Il governo Greco potrebbe invitare qualsiasi esercito privato. Non importa come inquadrare Eurogendfor, la realtà è che il popolo Greco non ha votato a favore di questo trattato e di certo non gli è stato chiesto se è daccordo che delle forze straniere quasi militari possano operare in Grecia. Se
  3. 3. questa storia si rivela essere vera, allora significa che il governo Greco, come tutti i governi nelcorso della storia che hanno perso ogni legittimità con la loro stessa gente, cerca il sostegnomilitare di forze esterne con cui reprimere il proprio popolo. Una volta vista in questo modo, allafine entra in gioco la parola tirannia. E questa parola ha conseguenze estremamente gravi.Facciamo un passo indietro. I tagli in Grecia sono intimamente legati con il salvataggio dellebanche Francesi e Tedesche, nonché con i proprietari Greci delle banche Greche. Il popolo Grecosta manifestando da mesi contro il “salvataggio”. Il governo Greco ha ignorato il suo popolo e hascelto di eseguire gli ordini delle élites della UE, del FMI, della BCE e della maggior parte di tuttele banche a livello globale.Ora si presume che una forza anti-sommossa militarizzata non-Greca potrebbe essere arrivataper imporre lausterità. Quali ordini stanno davvero eseguendo? Gli interessi di chi starebberoservendo? Forse delle banche? La classe finanziaria ha ormai un proprio personale di polizia anti-sommossa da spedire ovunque la gente tenti di sfidarla, e dove la polizia locale può non essereabbastanza affidabile al servizio degli interessi sovra-nazionali delle banche?Naturalmente questo non è il ruolo per cui Eurogendfor è stato istituito. Lo so. Ma comunque èquesto il modo in cui funziona in realtà?Continuerò a cercare di parlare con chiunque a Eurogendfor, e vi farò sapere se mai si degnanodi accettare una e-mail o rispondere al telefono. Non trattenete il respiro. Chi sono io, dopotutto? Solo un cittadino, e cosa conta di questi tempi? Cittadino? Nel nuovo ordine o sei titolaredi un bond, o non sei nessuno.Versione originale:David Malone, lautore del blog, è documentarista della BBC e autore del libro Debt GenerationFonte: www.golemxiv.co.ukLink: http://www.golemxiv.co.uk/2011/10/foreign-riot-police-now-operating-in-greece14.10.2011Versione italiana:Fonte: http://vocidallestero.blogspot.comLink: http://vocidallestero.blogspot.com/2011/10/polizia-antisommossa-straniera-forse.html20.10.2011

×