DAMAGE CONTROL STRATEGY NEL TRAUMA 
MAGGIORE: SHOCK ROOM 
Osvaldo Chiara SC Trauma Team Niguarda
CRIT CARE CLIN 20(2004):101-18
DAMAGE CONTROL STRATEGY (DCS) 
INTENSIVE CARE MEDICINE 2008;34:551-60 
60-90 
MINUTI 
24-48 ORE 
PRONTO SOCCORSO 
SALA OPE...
LA DCS MIGLIORA L’OUTCOME FINO AL 77% 
se 
IL PAZIENTE CHE NE BENEFICIA E’ IDENTIFICATO 
PRECOCEMENTE, PRIMA DEL MOMENTO I...
MATERIALI E METODI
RISULTATI
RISULTATI 
+ INR (38.435) 
+INSTABILITA’ DI BACINO + 
AMPUTAZIONE (17.789) 
+ EMOTORACE (16,25) 
+ EFAST POSITIVA (16,239)...
CONCLUSIONI 1: 
ALGORITMO DECISIONALE 
PARAMETRI 
FISIOLOGICI 
EMOPERITONEO; 
ACIDOSI; 
ANEMIA 
INR 
DCS
Grazie……… 
…
2012 anemo   chiara - damage control strategy nel trauma maggiore
Próximos SlideShares
Carregando em…5
×

2012 anemo chiara - damage control strategy nel trauma maggiore

337 visualizações

Publicada em

2012 anemo chiara - damage control strategy nel trauma maggiore

Publicada em: Governo e ONGs
0 comentários
1 gostou
Estatísticas
Notas
  • Seja o primeiro a comentar

Sem downloads
Visualizações
Visualizações totais
337
No SlideShare
0
A partir de incorporações
0
Número de incorporações
3
Ações
Compartilhamentos
0
Downloads
0
Comentários
0
Gostaram
1
Incorporações 0
Nenhuma incorporação

Nenhuma nota no slide
  • La DCS è una modalità di trattamento del paziente politraumatizzato in shock emorragico grave. Essa si compone di una strategia chirurgica, DCs, e di una rianimatoria, DCr.
  • Patient which are and remain hemodynamically unstable need an emergency surgical procedure
  • La damage control strategy prevede il controllo delle condizioni che mettono a rischio la vita del paziente, e cioè le fonti emorragiche e le fonti di contaminazione, con dei provvedimenti temporanei che consentono in breve tempo di trasferire il paziente in terapia intensiva ove approntare un recupero della riserva fisiologica e consentire nel giro di 24-48 ore il ritorno in sala operatoria per la cura definitiva delle lesioni.
  • Se applicata precocemente la DCS migliora l’outcome fino al 77%.
  • Il gruppo arruolato è stato sottoposto a diversi step di analisi. Nella prima analisi sono stati selezionati come casi i pz sottoposti a TM sia con o senza una contemporanea DCs; in quanto la TM è un dato oggettivo, indipendente dalle scelte strategiche del chirurgo. Abbiamo poi analizzato il gruppo dei pz sottoposti a DCs e non a TM, in quanto l’intervento chirurgico ha permesso di prevenire la TM. I pazienti non sottoposti né a TM né a DCs sono stati selezionati come controlli. Dalle analisi statistiche abbiamo osservato che nelle due analisi i gruppi dei casi erano omogeneo. Quindi per l’analisi definitiva abbiamo scelto come casi…
  • Tutti i test presentati in questa tabella sono risultati significativamente differenti tra i pazienti che hanno ricevuto un trattamento secondo damage control strategy e i controlli.
  • Abbiamo scelto un modello di base costituito da …. Tutti questi parametri sono risultati correlati all’evento sia in singolo sia in gruppo alla DCS, tranne la pAS preh valutata i gruppo. A questo modello abbiamo aggiunto singolarmente altri parametri valutando l’adattabilità del modello all’evento DCS. Aggiungendo l’emoperitoneo il modello migliora significativamente, ciò non accede aggiungendo emotorace e istab. Bacino e amputaz. Il modello diventa significativamente migliorato se si aggiunge l’INR.
  • Il nostro algoritmo decisionale deve avere questa sequenza: il paziente valutato nel preospedaliero e arrivato in SR con criteri di trauma maggiore, viene valutato secondo i protocolli ATLS ottenendo i parametri fisiologici che ci indicano l’entità dello scompenso emodinamico; si passa poi alla valutazione di primo livello, strumentale e di laboratorio, e verifichiamo se sono presenti focolai emorragici e poi valutiamo gli esami di coagulazione e verifichiamo se è presente un INR patologico. Se il paziente ha ipotensione, acidosi, anemia in presenza di emoperitoneo con efast positiva e a maggior ragione se è alterata la coagulazione è indicata la DCS.
  • 2012 anemo chiara - damage control strategy nel trauma maggiore

    1. 1. DAMAGE CONTROL STRATEGY NEL TRAUMA MAGGIORE: SHOCK ROOM Osvaldo Chiara SC Trauma Team Niguarda
    2. 2. CRIT CARE CLIN 20(2004):101-18
    3. 3. DAMAGE CONTROL STRATEGY (DCS) INTENSIVE CARE MEDICINE 2008;34:551-60 60-90 MINUTI 24-48 ORE PRONTO SOCCORSO SALA OPERATORIA TERAPIA INTENSIVA SALA OPERATORIA
    4. 4. LA DCS MIGLIORA L’OUTCOME FINO AL 77% se IL PAZIENTE CHE NE BENEFICIA E’ IDENTIFICATO PRECOCEMENTE, PRIMA DEL MOMENTO IN CUI LO SQUILIBRIO METABOLICO DIVENTA IRREVERSIBILE. J TRAUMA 2000 ;49:969-78
    5. 5. MATERIALI E METODI
    6. 6. RISULTATI
    7. 7. RISULTATI + INR (38.435) +INSTABILITA’ DI BACINO + AMPUTAZIONE (17.789) + EMOTORACE (16,25) + EFAST POSITIVA (16,239) PAS PREH + PAS SR + BE + Hb + FC SR ADATTABILITA’ ALL’EVENTO
    8. 8. CONCLUSIONI 1: ALGORITMO DECISIONALE PARAMETRI FISIOLOGICI EMOPERITONEO; ACIDOSI; ANEMIA INR DCS
    9. 9. Grazie……… …

    ×