O slideshow foi denunciado.
Utilizamos seu perfil e dados de atividades no LinkedIn para personalizar e exibir anúncios mais relevantes. Altere suas preferências de anúncios quando desejar.

Smau Firenze 2016 - dirICTo

Introduzione agli smart contract

  • Entre para ver os comentários

  • Seja a primeira pessoa a gostar disto

Smau Firenze 2016 - dirICTo

  1. 1. 1 Introduzione agli Smart Contract Avv. Maria Letizia Perugini Ing. Marco Carlo Spada
  2. 2. Introduzione agli Smart Contract Relatore: ML Perugini – MC Spada Chi siamo DirICTo è un network che raggruppa esperti e studiosi, di tutta l’Italia, in materia di Diritto dell’Informatica e dell’Informatica Giuridica http://www.diricto.it/ ICT for Law and Forensics è il laboratorio di Informatica Forense del Dipartimento di Ingegneria Elettrica e Elettronica dell’Università di Cagliari http://ict4forensics.diee.unica.it/
  3. 3. Introduzione agli Smart Contract Relatore: ML Perugini – MC Spada • Economists commonly assume that what is traded on the market is a physical entity, an ounce of gold, a ton of coal. But, as lawyers know, what are traded on the market are bundles of rights, rights to perform certain actions. Ronald Coase, Blackmail, 1988 http://chicagounbound.uchicago.edu/cgi/viewcontent.cgi?article=1003& context=occasional_papers Un nuovo modo di trasferire diritti
  4. 4. Introduzione agli Smart Contract Relatore: ML Perugini – MC Spada • Nel paper del 1998 Contracts with Bearers Nick Szabo propone di estendere il sistema di blind signature al trasferimento di diritti diversi da quelli di credito http://szabo.best.vwh.net/ • “Chaumian bearer certificates implement standardized rights transferable regardless of the identity of the holder. Each kind of contract (for example, each denomination of "coin" in digital cash) corresponds to a digital signature, just as each issue of Federal Reserve Notes or stock certificates corresponds to a particular plate." • "Bearer certificate protocols can be used to transfer references to a particular instance or set of instances of an object, just as they can be used to transfer other kinds of standardized rights." Nick Szabo
  5. 5. Introduzione agli Smart Contract Relatore: ML Perugini – MC Spada • Alcune clausole contrattuali possono essere digitalizzate per l’esecuzione automatica • Lo schema funziona applicando l'algoritmo di hash per l'individuazione univoca di dichiarazioni e accordi • I digest così ottenuti vengono inseriti nel codice di una moneta di sistema , consentendo la gestione tramite registro di blockchain di tutte vicende collegate Smart Contract
  6. 6. Introduzione agli Smart Contract Relatore: ML Perugini – MC Spada  Lo schema, basato sulla crittografia, si articola in quattro punti fondamentali:  La predisposizione di una chiave idonea a un ingresso selettivo dei contraenti e all'esclusione di terzi non autorizzati;  La creazione di una back door che consenta sempre l'ingresso alla parte creditrice;  La possibilità per il creditore di attivare la back door se il pagamento viene meno per un determinato periodo di tempo; e  La disattivazione permanente della back door come conseguenza automatica dell'ultimo pagamento. Come funziona…
  7. 7. Introduzione agli Smart Contract Relatore: ML Perugini – MC Spada • La base matematica degli Smart Contract è costituita da un protocollo di Blockchain • Indipendentemente dalla scelta di Bitcoin o di una AltCoin le caratteristiche restano quelle che abbiamo esaminato : • Mining • Verifica delle transazioni • Sicurezza del sistema • Conservazione e trasferimento Base matematica
  8. 8. Introduzione agli Smart Contract Relatore: ML Perugini – MC Spada • Il trasferimento di diritti via blockchain consente di orientare i protocolli a fini specifici • A questo scopo si può utilizzare la bitcoin blockchain oppure: 1. si possono creare delle fork di sistema che replicano le funzioni e la struttura del protocollo Bitcoin ( con blockcahin autonoma o sidechain) 2. Si possono utilizzare delle piattaforme alternative (Ripple) Schemi di blockchain
  9. 9. Introduzione agli Smart Contract Relatore: ML Perugini – MC Spada • Nel Bitcoin witepaper Satoshi Nakamoto si preoccupa di matenere leggera la blockchain. A questo scopo consiglia di ridurre le vecchie transazioni in un Merkel Tree che includa solo le root precedenti nell’hash dei nuovi blocchi • “Old blocks can then be compacted by stubbing off branches of the tree. The interior hashes do not need to be stored. A block header with no transactions would be about 80 bytes. If we suppose blocks are generated every 10 minutes, 80 bytes * 6 * 24 * 365 = 4.2MB per year. With computer systems typically selling with 2GB of RAM as of 2008, and Moore's Law predicting current growth of 1.2GB per year, storage should not be a problem even if the block headers must be kept in memory” https://bitcoin.org/bitcoin.pdf Effetti sulla Blockchain
  10. 10. Introduzione agli Smart Contract Relatore: ML Perugini – MC Spada • Alla fine del 2010 quando le principali compagnie di pagamento avevano negato i propri servizi a Wikileaks, Satoshi Nakamoto si era espresso in questi termini: • “The project needs to grow gradually so the software can be strengthened along the way. I make this appeal to Wikileaks not to try to use bitcoin. Bitcoin is a small beta community in its infancy. You would not stand to get more than pocket change, and the heat you would bring would likely destroy us at this stage.” http://archive.is/Gvonb Wikileaks
  11. 11. Introduzione agli Smart Contract Relatore: ML Perugini – MC Spada • Namecoin • Colored Coins/Colu • Ethereum • Omni • Rootstock • Ripple • Enigma Percorsi alternativi
  12. 12. Introduzione agli Smart Contract Relatore: ML Perugini – MC Spada • Namecoin , la prima fork del protocollo Bitcoin, dedicata a un sistema di domain naming alternativo all'ICANN • L’idea nasce da una discussione della fine del 2010, apparsa sul forum Bitcointalk.org, cui avevano preso parte, fra gli altri, Satoshi Nakamoto, Gavin Andersen e Hal Finney • Nella discussione Satoshi afferma la necessità di procedere con una fork per non appesantire la Bitcoin blockchain Namecoin
  13. 13. Introduzione agli Smart Contract Relatore: ML Perugini – MC Spada • Colored Coins si basa su una blockchain fork del 2012 che incorpora diritti di proprietà su beni digitali • Nelle monete di questo sistema si possono inserire informazioni relative a dati personali, messaggi o diritti digitali su beni • Le informazioni vengono computate nel codice di una moneta che viene'colorata', cioè qualificata in maniera speciale, in maniera da impedirne la spendita accidentale poiché il trasferimento della moneta comporta quello del diritto incorporato. Colored Coins
  14. 14. Introduzione agli Smart Contract Relatore: ML Perugini – MC Spada • Il sistema è dotato di una blockchain autonoma • Il codice degli smart contract viene inserito nella blockchain,diventando così pubblico, ed è eseguito da tutti i nodi che fanno parte della rete nel momento in cui minano i blocchi da aggiungere alla catena. • Nel giugno del 2015 è stata rilasciata l'implementazione Frontier che consente di costruire, testare, sviluppare e utilizzare app decentralizzate sulla blockchain di sistema Ethereum
  15. 15. Introduzione agli Smart Contract Relatore: ML Perugini – MC Spada • è la versione implementata di Mastercoin, 'Il secondo protocollo Bitcoin' : si propone la creazione di un sistema di cambi decentralizzato, l'implementazione della smart property e la gestione di depositi di risparmio • basata su una fork del protocollo Bitcoin, gestisce i progetti 1. Maidsafecoin,una moneta dedicata alla creazione e alla fruizione di servizi di network 2. Tether, un digital token agganciato a parità fissa con il dollaro statunitense rebrand del protocollo Realcoin, e 3. Factom un sistema che utilizza la blockchain perla conservazione di documenti e procedure aziendali. Omni
  16. 16. Introduzione agli Smart Contract Relatore: ML Perugini – MC Spada • premining: di tutti i 100 miliardi di xrp, venduti al pubblico per il 55% mentre il 20 % è assegnato ai creatori del progetto e il 25% ai Ripple Labs • irreversibilità dei pagamenti che, in maniera analoga a quanto accade nel sistema Litecoin, risolve in radice il problema del double spending; • approvazione pressoché immediata dei pagamenti; • verifica delle transazioni basata sul registro dei consensi, un sistema di verifiche progressive a percentuale di approvazione sempre maggiore da parte dei server del progetto che sostituisce le verifiche di hash del protocollo Bitcoin (https://ripple.com/) Ripple
  17. 17. Introduzione agli Smart Contract Relatore: ML Perugini – MC Spada • Enigma è una piattaforma cloud sviluppata dai ricercatori del MIT per la conservazione dati basata su blockchain http://enigma.mit.edu/ • “Enigma is a decentralized cloud platform with guaranteed privacy. Private data is stored, shared and analyzed without ever being fully revealed to any party. Secure multi-party computation, empowered by the blockchain, is the magical technology behind it.” Enigma
  18. 18. Introduzione agli Smart Contract Relatore: ML Perugini – MC Spada Pagine web • http://www.diricto.it/ • http://ict4forensics.diee.unica.it/ • Maria Letizia Perugini http://people.unibo.it/it/maria.perugini • Marco Carlo Spada https://it.linkedin.com/in/marco-carlo-spada- 369b7224 Paper • Maria Letizia Perugini e Cesare Maioli, Bitcoin, tra moneta virtuale e commodity finanziaria, 2014 http://papers.ssrn.com/sol3/papers.cfm?abstract_id=2526207 • Maria Letizia Perugini e Paolo Dal Checco: Introduzione agli Smart Contract, 2016 http://papers.ssrn.com/sol3/papers.cfm?abstract_id=2729545 link
  19. 19. Introduzione agli Smart Contract Relatore: ML Perugini – MC Spada Licenza Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 o Tu sei libero: • di riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire o recitare l'opera; • di modificare quest’opera; • Alle seguenti condizioni:  Attribuzione. Devi attribuire la paternità dell’opera nei modi indicati dall’autore o da chi ti ha dato l’opera in licenza e in modo tale da non suggerire che essi avallino te o il modo in cui tu usi l’opera.  Non commerciale. Non puoi usare quest’opera per fini commerciali.  Condividi allo stesso modo. Se alteri, trasformi quest’opera, o se la usi per crearne un’altra, puoi distribuire l’opera risultante solo con una licenza identica o equivalente a questa. o In occasione di ogni atto di riutilizzazione o distribuzione, devi chiarire agli altri i termini della licenza di quest’opera. o Se ottieni il permesso dal titolare del diritto d'autore, è possibile rinunciare ad ognuna di queste condizioni. o Le tue utilizzazioni libere e gli altri diritti non sono in nessun modo limitati da quanto sopra.

×