O slideshow foi denunciado.
Seu SlideShare está sendo baixado. ×

Tesi laurea triennale - Fertilia la città incompiuta

Anúncio
Anúncio
Anúncio
Anúncio
Anúncio
Anúncio
Anúncio
Anúncio
Anúncio
Anúncio
Anúncio
Anúncio
UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI SASSARI
                         FACOLTA' DI ARCHITETTURA

                                    ...
UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI SASSARI
                       FACOLTA' DI ARCHITETTURA

                               Laborat...
Dedicato ai miei genitori
 per la loro costante dedizione
nel rendermi felice
Anúncio
Anúncio
Anúncio
Anúncio
Anúncio
Anúncio
Anúncio
Anúncio
Anúncio
Anúncio
Carregando em…3
×

Confira estes a seguir

1 de 80 Anúncio

Mais Conteúdo rRelacionado

Quem viu também gostou (20)

Semelhante a Tesi laurea triennale - Fertilia la città incompiuta (20)

Anúncio

Tesi laurea triennale - Fertilia la città incompiuta

  1. 1. UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI SASSARI FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Pianificazione Territoriale, Urbanistica e Ambientale “FERTILIA: La città incompiuta” RELATORE Tesi di laurea di Prof. Alessandra Casu Prof. Arnaldo Cecchini Riccardo Gnani A.A. 2005/2006
  2. 2. UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI SASSARI FACOLTA' DI ARCHITETTURA Laboratorio di Laurea PAESAGGI UMANI Collegio dei docenti Alessandra Casu Massimo Faiferri Aldo Lino Tesi di Laurea di: Riccardo Gnani A.A. 2005-2006
  3. 3. Dedicato ai miei genitori per la loro costante dedizione nel rendermi felice
  4. 4. “FERTILIA: La città incompiuta” Introduzione……………………………………………………………………...p. 2 1. Fertilia, una lettura a campo aperto ……………………………………………...4 1.1 La storia del territorio 1900 – 2000…………………………………………….4 1.2 Il contesto attuale 2000 – 2007………………………………………………..19 1.2.1 L’articolazione socio demografica……………………………………..21 1.2.2 Le questioni emergenti: una microstoria……………………………….26 1.2.3 L’immagine esperta e la pianificazione di dettaglio………………….. 31 2. Quale presente, quale futuro?……………………………………………………. 34 2.1 Un’indagine sulla percezione………………………………………………….35 2.2 Partecipazione e sostenibilità…………………………………………………48 2.3 Scenari partecipativi e gli EASW…………………………………………….50 3. Quali progetti per Fertilia?…………………………………………………..……57 3.1 Le azioni desiderate…………………………………………………………...57 3.2 Gli scenari di riferimento……………………………………………………...69 3.3 La sostenibilità delle scelte……………………………………………………72 Fonti delle illustrazioni…………………………………………………………….75
  5. 5. Introduzione Sono nato a Fertilia nel 1983, ho goduto fino ad oggi dei privilegi di vivere in una regione fantastica con un clima temperato, di fronte al mare, in un paese che non conosce il traffico e l’inquinamento, dove gli spazi “liberi” non sono mai mancati e la violenza non ha mai messo radici. Sono cresciuto sereno e spensierato; non ci si accorge della fortuna che si ha, la si vive e basta, con il sorriso sulle labbra. Crescendo ho iniziato a percepire un disagio generale che di rado riuscivo a mettere a fuoco, c’era ancora il sole, il mare e la tranquillità, ma spesso vedevo riflesso il mio disagio su tutto ciò che mi circondava: gli edifici decadenti, prati e giardini dimenticati da tutti tranne che dai rifiuti, e una profonda sensazione di staticità delle cose. Non un paese dove il tempo si è fermato ma, bensì, un luogo che si è fermato mentre il tempo scorre inesorabile. L’immagine di un paese riflette lo stato della comunità che lo abita e spesso la condiziona ma, quest’immagine, non è semplice da cogliere se non si conosce in primo luogo la storia del territorio e di chi questo territorio l’ha vissuto e lo vive tutt’oggi; leggere le “stratigrafie” storiche di Fertilia è stato un passo fondamentale di questo lavoro. Le motivazioni principali della scelta di Fertilia come oggetto di questo lavoro sono di varia origine: il puro interesse personale a comprendere la realtà che mi circonda, dare il mio contributo allo sviluppo di Fertilia gettando le basi per una ricerca metodologica d’intervento e cercando in primo luogo di farne emergere le peculiarità, testare l’applicabilità delle conoscenze acquisite nei primi tre anni di Università in un contesto di modeste dimensioni ma non per questo di semplice interpretazione, dove è possibile effettuare una lettura approfondita del contesto fino ai dettagli e infine, ma non di minore importanza, la volontà di comprendere le reali possibilità di una progettazione del luogo partecipata, in cui il sapere tecnico si fonde con la volontà dei cittadini. Percepisco un senso di distanza dalle iniziative istituzionali dal momento che, oltre ad essere una persona portatrice di sapere comune locale, ho iniziato a costruirmi una personalità che tenderà a diventare esperta e mi sono reso conto di come gli strumenti esperti sono distanti dal saper locale. Per questo motivo mi sono chiesto come è possibile costruire dei momenti di “costruzione del progetto” che riescano a tenere insieme i saperi locali e i saperi esperti. 2
  6. 6. Ho voluto ricostruire la storia attraverso fonti archivistiche e parte di fonti orali ricavate comunque da fonti bibliografiche; ho esaminato, in un contesto più recente, la microstoria costruita aggregando le questioni più recenti attraverso una lettura emerotecaria che mi ha permesso di individuare un insieme di temi di cui ho provato a verificarne la coerenza con gli elementi di progetto attraverso un questionario; ho voluto osservare come, in un momento recente, le questioni emerse sono state trattate dagli strumenti esperti da cui percepivo la distanza. A questo punto, dopo aver lavorato a fonti eminentemente esterne al contesto, ho provato a lavorare dall’interno, costruendo un campione rappresentativo della popolazione a cui sottoporre un questionario che trattasse i temi emergenti dall’analisi esterna del contesto. Inoltre, attraverso il questionario ho potuto ricavare un’immagine di Fertilia e alcune idee progetto derivate dal sapere locale. L’obiettivo di questo metodo di lavoro è quello di creare un supporto alla decisione fondato sull’integrazione del sapere locale con il sapere esperto che permette di creare le premesse per una progettazione di Fertilia alternativa o complementare a quella esistente e che sappia, inoltre, individuare le priorità su cui agire. 3
  7. 7. 1.1 La storia del territorio 1900 – 2000 La storia di Fertilia, malgrado impegni un arco storico di soli 70 anni, è legata a processi di trasformazione del territorio, per lo più di iniziativa pubblica, che sono antecedenti alla data di fondazione di Fertilia (8 marzo 1936) e risalgono infatti alla fine dell’800, in cui la trasformazione avviene con alcune opere di bonifica limitate a brevi aree del territorio di Alghero; esse segnano comunque l’inizio di una radicale trasformazione che interesserà, fino alla metà del secolo successivo, l’intero territorio della Nurra e, in generale, tutta la pianura alluvionale a ridosso della costa ovest della Sardegna. Il 13 ottobre 1934 viene inaugurata l’Azienda Maria Pia di Savoia che costituirà il primo nucleo di bonifica della Nurra e che fa capo alla bonifica dello stagno Calik iniziata nel 1898 con l’utilizzo di manodopera costituita dai reclusi nello stabilimento penale di Alghero e nella colonia penale di Cuguttu. Saranno anni di interventi umani, sul territorio sardo, di vaste dimensioni che iniziano, come già detto, verso la fine dell’800 quando il governo dello Stato Unitario emette le leggi sulle bonifiche del 1897 e del 1907. La regimazione delle acque, le bonifiche e la riforma agraria daranno un nuovo volto alla Sardegna producendo infrastrutture, opere di ingegnerie, villaggi e città; “Dal Tirso al Taloro, dal Coghinas al Flumendosa, dal Cedrino al Mogoro, l’impresa delle bonifiche è ancora oggi leggibile come una sorta di trama sapientemente sovrapposta alla morfologia dei luoghi”1; in parallelo a questo panorama si affiancano le vicende legate all’attività mineraria in Sardegna. L’Italia, a partire dagli anni Venti, è sotto regime fascista e gli obiettivi politici principali sono questi: la generale ridistribuzione della popolazione sul territorio, il rafforzamento della consistenza demografica nazionale e soprattutto la volontà di compiere una riforma sociale che passi per l’agricoltura, posta a base dell’economia nazionale, allo scopo di creare una mentalità nuova che corrisponde a usi, costumi e principi differenti dalla realtà urbana della città industriale. Uno dei punti di forza della politica agraria del Fascismo è dunque il concetto di Bonifica Integrale, che si realizza con un deciso attacco al sistema capitalistico- industriale, con l’obiettivo di subordinare l’attività industriale ai reali interessi economici nazionali e con la parziale trasformazione del divieto di proprietà, negato “a 1 Lino Aldo in, AA. VV. a cura di A. Lino “Le città di Fondazione in Sardegna”, Cagliari, C.U.E.C/I.N.U. (1998), p. 13 4
  8. 8. chi, assente e lontano dalla sua proprietà, si limita al semplice, comodo godimento dei suoi frutti.”2 Una situazione analoga ma di dimensioni differenti, si può riscontrare a cavallo degli anni Trenta negli Stati Uniti, dove il crollo della borsa e la conseguente sfiducia nel sistema capitalistico forniscono le basi per una negazione della città. Supportata da diverse correnti culturali del periodo, fa rifiorire il “mito della frontiera” americano, la visione pionieristica del confine che raccolse vasto consenso e si tramutò in un ritorno alla terra, alle origini, alla campagna; il New Deal di F.D. Roosevelt è il risultato di tale situazione e, nel ritorno alla terra, si celano non solo retroscena economici ma anche sociali, per un recupero identitario della cultura americana. La politica di Mussolini tenderebbe a fare degli Italiani un popolo di lavoratori pionieri “…disposti a cercare fortuna non più nelle americhe o in Europa ma piuttosto nel territorio nazionale o di conquista, in lande desolate, in terre malariche laddove, secondo la propaganda di regime, si decidevano le sorti dell’Italia autarchica e imperiale”3. La Bonifica Integrale appare dunque lo strumento più adatto per conciliare riforma economica e riforma sociale, secondo gli ideali politici del Fascismo; il termine “integrale” avrebbe il significato di matrice politica che mira a trasformare, più che la realtà territoriale, il mondo del lavoro e gli assetti sociali, con lo scopo di rilanciare l’economia ma, allo stesso tempo, di avere un vigile controllo sulla popolazione, tipico di una politica di regime. “Bonifica Integrale è bonifica dell’uomo e bonifica della terra, nei loro rapporti reciproci; è realizzazione del rapporto fra uomo e terra più adatto agli scopi della convivenza sociale”4. Questa volontà di ruralizzare il paese, da Mussolini ambita, non può che realizzarsi attraverso la colonizzazione. L’Ente Ferrarese di Colonizzazione a cui si deve, come spiegheremo più avanti, la paternità di Fertilia, viene istituito con un decreto del 7 ottobre 1933, proprio negli anni cruciali della campagna ruralista. Il fine di istituire tale ente è decongestionare il 2 Bitti S. Porcu R. Sanna R. Pani F in, AA. VV. a cura di A. Lino “Le città di Fondazione in Sardegna”, Cagliari, C.U.E.C/I.N.U. (1998), p. 61 3 Di Felice Maria Luisa in, AA. VV. a cura di A. Lino “Le città di Fondazione in Sardegna”, Cagliari, C.U.E.C/I.N.U. (1998), p. 99 4 Serpieri A., “Problemi della terra nell’economia corporativa, Roma, Ediz. Diritto del Lavoro (1929) in, AA. VV. a cura di A. Lino “Le città di Fondazione in Sardegna”, Cagliari, C.U.E.C/I.N.U. (1998), p. 62 5
  9. 9. Ferrarese, caratterizzato da un elevato numero di braccianti disoccupati, e destinare il maggior numero di famiglie nelle zone meno abitate della Sardegna creando la piccola proprietà coltivatrice. “…il territorio della Nurra, come la piana di Terralba, era acquitrinoso, infestato dalla malaria, spopolato e scarsamente sfruttato”5: ma sono proprio queste le terre da “redimere” e su cui il fascismo punta. Gli anni dell’Ente Ferrarese sono gli anni in cui la colonizzazione del territorio, dopo l’episodio del Villaggio Calik, avanza con Fig. 1 Coloni dell’Ente Ferrarese ritmi più elevati: tra il 1933 e il 1935 vengono risanati 6.000 ettari di terreno, nel 1938 12.000 ettari su cui insistono 115 poderi e 100 case coloniche. In tutto, prima del secondo conflitto mondiale, l’Ente riuscirà a bonificare una superficie di 33.000 ettari e a costruire 20 pozzi e 50 km di strade Fig. 2 Lavori dell’Ente Ferrarese lungo gli appoderamenti. Gli scopi dell’Ente Ferrarese di Colonizzazione oltre alle opere di bonifica e all’appoderamento, è l’inserimento di comunità lavoratrici in pianta stabile, creando un modello di insediamento rurale diffuso. Il modello di insediamento diffuso, di cui Fertilia è un esempio, si caratterizza per una sostanziale differenza nel rapporto fra città e campagna rispetto agli episodi del passato. La città, sede delle funzioni burocratiche ed amministrative, non è pensabile al di fuori dell’organizzazione territoriale che la sorregge e al quale serve; mentre negli esempi del passato la Fig. 3 Il modello insediativo produzione agricola nelle campagne era al servizio della città, in questo nuovo sistema tra podere e borgo la città non vive alle spalle della 5 Di Felice Maria Luisa in, AA. VV. a cura di A. Lino “Le città di Fondazione in Sardegna”, Cagliari, C.U.E.C/I.N.U. (1998), p. 106 6
  10. 10. bonifica ma è esattamente il contrario: la città sorge al servizio della bonifica. Tra il 1928 e il 1938 vengono condotti, oltre a Fertilia, altri due piani di colonizzazione del territorio che comporta la realizzazione di altri due insediamenti: la SBS ( Società Bonifiche Sarde, impresa privata) e l’Azienda Carboni Italiani realizzano rispettivamente Mussolinia (l’attuale Arborea) nella piana di Terralba e Carbonia nel Sulcis. In tutti questi casi si tracciano chilometri di nuove strade, vengono introdotte nuove specie arboree estranee come l’Eucalipto (per le fasce frangivento), l’assetto morfologico dei luoghi viene completamente stravolto e, nel caso della Nurra in particolare, vengono distrutti numerosi siti archeologici mentre si dissoda con macchinari potenti, con la roccia affiorante di continuo. Il ponte romano di Fertilia, per esempio, subisce la distruzione di due arcate per far passare una draga che scavi i fondali dello stagno, d’altronde l’Ente Ferrarese deve sembrare potente per rispecchiare l’autorità del regime che lo ha istituito. Fertilia, Arborea e Carbonia rappresentano l’intenzione di riconquistare la fascia costiera ovest della Sardegna: un territorio, come già detto, inospitale e inabitabile per via delle condizioni malariche delle pianure alluvionali. Le città sopra citate vorrebbero assicurare un nuovo e radioso futuro a quanti vi abitavano, grazie a migliori condizioni igieniche e attività lavorative di nuova realizzazione. Nella storia della Sardegna è facilmente leggibile come i sardi abbiano a lungo schivato, almeno dopo il 1000, le coste sarde: infatti, la maggior parte degli insediamenti costieri sono nati per cause di carattere storico importate dall’esterno e quindi estranee al popolo sardo. “Popolazioni sino ad allora arroccate sui rilievi iniziano a scendere a valle, cercando occasioni di crescita e sviluppo. Nuovi abitanti spesso provenienti da altre regioni, entrano a far parte del panorama sardo”6. Quando Fertilia viene fondata, sono gli anni del consenso e l’Italia si prepara a festeggiare l’ormai prossima conquista dell’Etiopia. Come usanza del Fascismo, ogni manifestazione è di sfarzo trionfale e, per l’inaugurazione di Fertilia, non potrebbe essere altrimenti: il governo, ben rappresentato, assiste all’inaugurazione della scuola elementare “Rosa Mussolini” e alla posa della prima pietra della chiesa (originariamente dedicata al Sacro Cuore di Gesù); vengono inoltre murate, in entrambi gli edifici, due pergamene celebrative del noto pittore Filippo Figari. 6 Mura Gianni in, AA. VV. a cura di A. Lino “Le città di Fondazione in Sardegna”, Cagliari, C.U.E.C/I.N.U. (1998) 7
  11. 11. L’8 marzo 1936 era domenica e spirava un forte vento di maestrale, precisa lo scrittore Stanis Ruinas nelle cronache de L’Isola, il quotidiano di Sassari…”7, l’evento è di interesse nazionale: è ovvio che la propaganda fascista non trascuri avvenimenti come la fondazione di nuove città. L’intenzione di realizzare qui un’unica architettura di tutta la città, stereotipo costruito di forma urbana metafisica, è Fig. 4 Pergamene di Filippo Figari per la posa della prima perseguita in maniera assolutamente pietra di Fertilia cosciente, visto che in un numero de “L’Economia Nazionale” del 1936 si legge che “Fertilia, ultima nata fra le città del Fascismo, sarà una delle più belle, essa assommerà l’esperienza urbanistica di questi anni ed esprimerà, nel linguaggio del nostro tempo, la rinata potenza della patria”8. La prima fase della costruzione di Fertilia segue il piano redatto da Arturo Miraglia nel 1935, che riflette una cultura influenzata dall’idea di “città giardino” inglese e si caratterizza per una struttura disomogenea, dove ogni edificio è inteso Fig. 5-6 L’enfasi sulla stampa come monumento architettonico autonomo e l’unica simmetria è leggibile in quella che doveva essere la Piazza 9 Maggio, fascia di collegamento tra il mare ed il territorio, i cui limiti sono costituiti dalla chiesa e dagli edifici principali come la Residenza Comunale, la Casa del Fascio, la Casa del Balilla e la sede degli Uffici Agrari di Bonifica e infine, la chiusura ad orizzonte sul mare, diretta verso Alghero. 7 Valsecchi Enrico A., Fertilia “Anni di Pace Anni di Guerra”, Sassari, ed. Nuova Comunità (1995), p.12 8 Lino Aldo in, AA. VV. a cura di A. Lino “Le città di Fondazione in Sardegna”, Cagliari, C.U.E.C/I.N.U. (1998), p. 16 8
  12. 12. Del piano di Miraglia viene realizzata solo la scuola elementare, dato che il modello della città giardino inglese non appare come il modello ideale per risolvere il tema della disurbanizzazione e non rispecchiava al massimo le istanze del Regime. Il sistema della città giardino è centrato e chiuso, non suscettibile di ampliamento in quanto limitato nel numero di abitanti e il suolo è di proprietà collettiva e mai individuale, si prospettava dunque l’utilizzo di un modello di città diffusa, satellitare, un sistema di punti sparso sul territorio. “Dalle casette di gusto eclettico del Villaggio Calik, che si affacciano sullo stagno omonimo con garbo romantico, si passa (sulle ceneri dell’iniziale idea di città giardino) al “novecentismo razionalista” di Fertilia e quindi ai borghi rurali, dove si comincia a proporre un diverso rapporto con la campagna in cui prevale via via l’istanza antiurbana”9. Il contributo italiano all’architettura Fig. 7-8 Il piano di Arturo Miraglia del 1935 in pianta e della città durante il fascismo si dibatte assonometria tra gli utopismi della città ideale e le istanze del regime relative alla disurbanizzazione e alla città corporativa, fra la ricerca razionale dello spazio dell’uomo e l’impatto scenografico di spazi monumentali e metafisici che ricreassero un ambiente tipico mediterraneo; La scuola di Arturo Miraglia rispecchia l’atmosfera del periodo in cui è presente sia il Futurismo italiano sia il Razionalismo del Movimento Moderno che si afferma in Europa in quel periodo; un’architettura descritta come Fig. 9 La scuola elementare 9 Ibidem 9
  13. 13. “razionalissima, audace costruzione con più corpi avanzati, scintillanti di vetri e lucidi metalli”10, che vuole fondere gli ideali della città giardino con il razionalismo emergente del “movimento moderno”. La scelta di affidare la redazione di un nuovo piano al gruppo 2PST (Paolini, Petrucci, Silenzi, Tufaroli) che aveva già redatto in quegli anni il piano di Aprilia e Pomezia è da ricercarsi in questo nuovo clima culturale che prende piede nella seconda metà degli anni ’30. Fig. 10 L’inaugurazione della Scuola elementare di Fertilia. L’edificio era già in funzione prime della guerra. “Lo scarto, ma anche il compromesso, fra l’aspirazione a un razionalismo astratto e il realismo della città corporativa è ben testimoniato dai due progetti per Fertilia, quello di Arturo Miraglia e l’altro del gruppo 2PST”11, realizzati a distanza di soli due anni ma, nel secondo, si può riconoscere chiaramente il prodotto di una nuova corrente in cui tutto ciò che Fig.11 Veduta della piazza centrale di Aprilia. Gruppo 2PST permane del primo progetto (oltre all’affaccio a mare della piazza 9 maggio e la scuola elementare “Rosa Mussolini”) si deve al fatto che la scuola era già stata realizzata e l’asse viario principale era in fase di realizzazione. Nel nuovo piano del 1937 si legge il tentativo di strutturare il borgo con un sistema ortogonale, il più possibile regolare, che si piega solo alla sinuosità Fig. 12 Il piano di Fertilia del 1937 del Gruppo 2PST. 10 Giorgioni A., “Nasce Fertilia” in, AA. VV. a cura di A. Lino “Le città di Fondazione in Sardegna”, Cagliari, C.U.E.C/I.N.U. (1998), p. 169 11 Rinaldi M. in, AA. VV. a cura di A. Lino “Le città di Fondazione in Sardegna”, Cagliari, C.U.E.C/I.N.U. (1998), p. 93 10
  14. 14. della costa. La residenza che doveva sorgere come completamento del borgo è progettata in maniera autonoma rispetto al resto, ma è comunque allacciata al centro mediante la struttura viaria ad assi ortogonali. Lo spazio pubblico è concepito in maniera totalmente differente nei due piani: infatti, la vasta piazza ideata come “foro” classico viene modificata con criterio realista allo scopo di ricreare l’atmosfera di un borgo padano. Tutti gli edifici che rappresentano l’immagine del potere politico e della propaganda ideologica (il cinema inizia a comparire come elemento ricorrente nella progettazione delle città) sono, nel nuovo piano, riuniti in un complesso spaziale uniforme. Il regime affianca le scelte di riforma agraria alla necessità di disurbanizzare la città ma, allo stesso tempo, compie l’abile gesto di disperdere le masse operaie urbane, politicamente pericolose, nelle campagne e, col nuovo modello insediativo, permette l’aggregazione in uno spazio pubblico vigilato e di chiaro stampo propagandistico. Il Piano si completa con un campo sportivo collocato all’esterno nei pressi della Alghero–Porto Conte e con il Campo della Fiera lungo l’arteria principale della bonifica, quest’ultima di fondamentale importanza per il collegamento fra il centro amministrativo di Fertilia e il centro produttivo di S.M. La Palma, la borgata “sorella” di Fertilia realizzata solo dopo guerra. Per quanto riguarda la scelta dello stile architettonico per la realizzazione degli edifici, la riforma sociale e il recupero di una cultura identitaria hanno influenzato le scelte dei progettisti che hanno guardato ad un recupero del classicismo come simbolo tipico della cultura italiana e in questo senso si inserisce l’influenza della pittura metafisica che prevede, nella sua espressione architettonica, un universo Fig. 13 I portici di Fertilia Fig. 14 G. de Chirico, Paesaggio classico, 1915 fatto di elementi costruttivi . ridotti alle loro forme pure che guardano ad un mito mediterraneo infranto. Ad ogni modo questo forzato equilibrio tra monumentalismo e ruralismo mostra come risultato la realizzazione di Fig.15 Il modello della nuova città. spazi volti maggiormente alla realtà delle 11
  15. 15. adunate tipiche del regime che alla volontà di favorire interscambio culturale tra i lavoratori. Un aspetto importante nella cultura urbanistica del periodo è rappresentato dalle nuove opportunità che il volo, lo sguardo dall’alto, offre e che assoggetta a giudizio la planimetria della città che andrà a connotarsi come prospetto nella dimensione aerea. “e il sogno poetico e tecnologico del volo fornirà purtroppo all’uomo una duplice e simultanea visione dall’alto: la bellezza geometrica di nuove citta fondate e lo spettacolo sublime di antiche città bombardate”12. Il sogno di Fertilia viene interrotto dalla guerra e la sua costruzione al 1942 limitata a pochi edifici, sostanzialmente il solo nucleo degli edifici pubblici: gli uffici dell’Ente Ferrarese di Colonizzazione nella cosiddetta Casa Doria, il palazzo comunale con la torre littoria, l’edificio postale, la scuola elementare, il mercato coperto, un fabbricato destinato a mulino e poi trasformato in ostello per la Fig. 16 L’edifico che nella progettazione originaria sarebbe dovuto essere adibito a sede del gioventù, la caserma dei carabinieri, la palazzina Comune autonomo di Fertilia. del direttore dell’Ente Ferrarese, la caserma della Milizia, quattro caseggiati del Calik; poi, in fase di completamento, le palazzine dei portici, l’albergo, la casa del Fascio, la chiesa e la canonica. Gli altri edifici previsti e quelli da ultimare secondo il piano 2PST saranno realizzati solo nel dopoguerra subendo, in alcuni Fig. 17 La chiesa priva del campanile voluto dalla comunità Giuliana. casi, modifiche rilevanti. La storia di Fertilia, fino a questo punto, racchiude in sè elementi importanti del dibattito culturale creatosi intorno ai temi dell’arte e dell’architettura durante gli anni della sua progettazione, dall’esperienza del Movimento Moderno al conflitto tra modernità e tradizione; allo stesso tempo si può rileggere la storia della prima grande bonifica della Nurra iniziata negli anni Trenta. “La fondazione di una città è sempre un atto di imperio anche se espressione di un esigenza collettiva; è sempre la codificazione, la determinazione di norme secondo un 12 Rinaldi M. in, AA. VV. a cura di A. Lino “Le città di Fondazione in Sardegna”, Cagliari, C.U.E.C/I.N.U. (1998), p. 93 12
  16. 16. ordine sistematico relativo ad un preciso momento storico, la sanzione quindi di un disegno di potere. La città del Duce come quella del principe rinascimentale, soffre di questo senso dell’assoluto: è città di simboli che appartengono solo all’ideatore, una città cristallizzata…”13. Con la pace Fertilia, che doveva essere il nodo centrale della bonifica, a guerra finita, come si evince dal racconto, è una città incompiuta. Gli anni successivi, dai trattati di pace del 10 febbraio 1947 agli anni ’60, rappresentano per Fertilia e per l’intero territorio a cui faceva capo, un tentativo di rinascita che vedrà come protagonista una popolazione, quella giuliana, che necessita di rinascere. L’intervento pubblico in queste vicende sarà guidato da un altro ente, l’ETFAS (Ente di Trasformazione Fondiaria e Agraria della Sardegna), che sostituisce l’Ente Sardo di Colonizzazione, quest’ultimo succeduto nel ’42 all’Ente Ferrarese. Nella storia di questo territorio è sempre il denaro pubblico che guida le danze. Per capire come un’altra cultura, quella delle popolazioni che vivevano sulla costa istriana, entra nel panorama di Fertilia, già “colonizzata” da sardi e ferraresi, è necessario guardare indietro, al 1943 quando migliaia di italiani, persa ormai la guerra, iniziano ad essere perseguitati dai partigiani di Tito, “…per gli italiani era l’inizio del terrore. Vennero commesse atrocità che sembravano assurde e impossibili sino ai giorni nostri”14. Nel 1947, nonostante i tratttati di pace, inizia un grande esodo di italiani in fuga da una terra che non è più italiana, ed è ormai “definita la patria del terrore per effetto dei contrasti etnici”15. Migliaia di italiani vengono indirizzati verso centri di raccolta profughi e verso nuove terre dove ricominciare una nuova vita, con il solo bagaglio di speranza e buona volontà; il destino di alcuni di loro si incrocerà con quello di Fertilia, un’eredità lasciata dal regime da mettere nuovamente a frutto. Le vicissitudini politiche italiane del dopoguerra vizieranno in maniera significativa le scelte sul futuro di Fertilia e della Nurra: infatti, oltre al carbone del Sulcis, fa gola quanto è rimasto delle iniziative mussoliniane in agricoltura. In quegli anni va affermandosi sempre più il partito della D.C. che è interessato a proporre, con le opportune modifiche, il comune rurale come 13 Zoagli E. Peghin G. in, AA. VV. a cura di A. Lino “Le città di Fondazione in Sardegna”, Cagliari, C.U.E.C/I.N.U. (1998), p. 173-174 14 Valsecchi Enrico A., Fertilia “Anni di Pace Anni di Guerra”, Sassari, ed. Nuova Comunità (1995), p.7 15 Ivi p.9 13
  17. 17. centro della bonifica della Nurra. Mentre nell’opposto versante politico, quello laico, si pensa a Fertilia come polo peschereccio del territorio. “E’ possibile che Corsi (sottosegretario alla Marina Mercantile) intendesse sperimentare “in vitro”, ovvero a Fertilia dove ancora tutto si può fare, quell’alleanza tra operai e contadini che era il sogno di una generazione di socialisti e sardisti. Entrambe le parti sono convinte che qualcosa si possa ancora salvare della politica del Regime, sia pure con le opportune trasformazioni”16. La popolazione giuliana arrivata a Fertilia ha una tradizione per lo più marinara, a differenza dei ferraresi che, giunti negli anni del regime, offrirono la loro competenza in materia agricola al servizio della bonifica. Le prospettive di sviluppo di Fertilia oscillano tra l’agricoltura e la pesca ma dipendono comunque dall’evolversi della situazione politica. Intanto Fertilia nel 1948 conta circa un migliaio di esuli e la situazione produttiva è stagnante. Fertilia non è ultimata e mancano i servizi principali, all’Ente Ferrarese subentra l’Ente Sardo di Colonizzazione che si comporta comunque come un latifondista assente, i terreni non sono ancora stati assegnati e nei campi precedentemente bonificati l’incuria si sostituisce alla produzione, inoltre Fertilia non ha alcuna attrezzatura per l’avvio di un’attività peschereccia su scala ampia. Le successive proteste da parte di braccianti disoccupati del territorio di Alghero e Fertilia, crea le premesse per l’avvento dell’ETFAS, Fig. 18 Lavori pubblici a Fertilia non ancora ultimata (1948) che inizia ad assorbire l’Ente Sardo di Colonizzazione nel 1951, quando ottiene i primi finanziamenti dello Stato iniziando ad operare ufficialmente nel 1953. A partire dal 1949 inizia la ricostruzione effettiva di Fertilia, quando viene istituito l’EGAS (Ente Fig. 19 A destra l’impalcatura della colonna per il leone di S. Marco. 16 Ivi p.10-11 14
  18. 18. Giuliano Autonomo di Sardegna) che deve provvedere ai bisogni della popolazione insediatasi. L’Ente neo costituito, eretto in ente morale nel marzo del ’49, “ottiene in concessione dal demanio il centro urbano di Fertilia che viene acquistato dalla Presidenza del Consiglio dall’Ente sardo di Colonizzazione per la somma complessiva di 27 milioni”17. L’Egas nei primi anni della sua nascita deve risolvere i problemi legati all’urbanizzazione della borgata, alla creazione di abitazioni e attività lavorative che garantiscano il sostentamento dei profughi presenti e di coloro che arriveranno. “Fertilia è priva di strade, fognature, rete idrica ed elettrica. Manca totalmente l’illuminazione pubblica. E’ una città ancora a metà.”18 Con i finanziamenti dello Stato si procede alla dotazione di servizi e abitazioni con protagonista l’Egas. Come si evince da molti ricordi, il 1951 è un anno importante poiché si provvede all’erogazione dell’acqua mediante la realizzazione di un acquedotto autonomo sfruttando la vicina sorgente della Fighera, che permetterà di agevolare la realizzazione, negli anni ’60, di diverse strutture ricettive come l’Hotel dei Pini, l’Hotel Punta Negra, i Camping Calik e Nurral e le colonie estive della provincia. Sempre in quell’anno vengono ceduti ad un prezzo simbolico i terreni per la costruzione di quattro palazzine per alloggio ufficiali e sottoufficiali dell’aeronautica che prestano servizio nel vicino aeroporto militare, che era operativo fin dal 1938; purtroppo, la localizzazione e la disposizione di quegli edifici non è felice e costituisce uno dei primi segnali dello snaturamento dell’impostazione urbanistica di Fertilia. In questo periodo si discute sull’autonomia comunale di Fertilia, ma come si evince al presente, questa opportunità non si tramuta in realtà. Sempre nel 1951 iniziano i lavori per la realizzazione della diga foranea, “cui farà spalla il grande piazzale a mare su un terrapieno sostenuto da bastioni fatti con il bel calcare bianco delle colline intorno alla borgata”19 e che darà la fisionomia pressoche completa al porto. Anche su questa realizzazione ci sono oggi delle controversie in quanto il porto, per favorire il ciclo delle acque tra lo stagno e il mare, non è nella posizione ideale: anche se questa riflessione può essere fatta a buon titolo solo oggi, in quanto la gestione e la struttura interna del porto sommata al triste stato eutrofico delle 17 Ivi p.27 18 Ivi p.22 19 Ivi p.32 15
  19. 19. acque di Calik dovuta agli scarichi della lavorazione agricola, rendono lo stato delle cose ancor più critico. “In base alla Legge Tupini nel ’53 l’Egas realizzava su terreno demaniale in concessione 33 alloggi in quattro caseggiati in via Cherso […]. Nel 1953 venne ultimata la terza casa ex Incis di via Pola e sempre in quell’anno, con intelligente intuito, l’Egas lottizza sia la fascia costiera che l’area prospicente il lungomare Rovigno per l’incremento dell’edilizia residenziale, prevedendo fin da allora la propensione della borgata verso il turismo”20. Le ultime affermazioni dello storico Valsecchi, cui si deve comunque tanto per i lavori da lui condotti sulla ricostruzione storica degli avvenimenti riguardanti il territorio della Nurra Fig. 20-21 Ville sull Lungomare Rovigno. sono discutibili in quanto, proprio in vista di una propensione della borgata verso il turismo, edificare il lungomare Rovigno che già nel suo nome prevede una passeggiata con vista mare e il resto del litorale è un grave errore, forse comprensibile per le condizioni storiche in cui avvenne, ma che snaturò comunque l’impostazione di base di Fertilia che aveva nello sbocco a mare uno dei punti di forza maggiori. L’Egas non avrà mai la proprietà degli immobili di Fertilia ma sarà comunque il concessionario e l’amministratore della borgata “per la realizzazione dei suoi fini statuari come l’insediamneto dei profughi, l’organizzazione dei servizi, la creazione di nuovi posti di lavoro. L’Ente si costituirà un proprio patrimonio acquistando la fascia costiera e un ettaro del perimetro esterno la borgata”21. 20 Ivi p.32 21 Ivi p.18 16
  20. 20. Intanto lo scenario politico italiano vede l’affermarsi della D.C. e per questo si opta per un impiego dei profughi nel settore agricolo piuttosto che in quello ittico, che il partito laico di segno opposto propone. L’Etfas, che diverrà poi Ente di Sviluppo, porta avanti i lavori di bonifica. Negli anni a seguire verrà dunque completata S.M. La Palma e realizzata Maristella e l’Ente si estenderà nella parte Nord della Nurra, dove l’Ente Ferrarese prevede di arrivare: là verranno realizzate Tottubella e Campanedda. Per Maristella viene prevista una coltivazione diffusa a vigneti e vengono inizialmente costruite circa 60 case coloniche da assegnare a profughi dell’Istria. Gli anni ’60, quelli del miracolo economico, prospettano un ulteriore sviluppo per Fertilia: “La valorizzazione dei giacimenti dell’Argentiera, le felici prospettive turistiche e il contemporaneo aumento demografico potranno determinare nella Nurra – preventivamente fornita delle infrastrutture necessarie – la localizzazione di attività secondarie e terziarie”22. Ciò non avverrà. “Con questi episodi si conclude l’epopea della città di fondazione: una volta persa la motivazione della rinascita economica come derivato del ripopolamento negli insediamenti che seguiranno vengono a perdersi i riferimenti culturali, sia con i modelli storici precedenti che con le nuove eperienze contemporanee, nell’incapacità di trovare e proporre modelli nuovi derivati da una ricerca progettuale portata avanti sulla storia o sulla geografia del territorio”23. Fino al 1978, anno in cui secondo la legge sull’abolizione degli Enti inutili, l’Egas viene soppresso e la proprietà di Fertilia passa al demanio, lo sviluppo di Fertilia è determinato dall’azione congiunta dell’Egas e di enti pubblici. Seguirà una “fase di crescita di sovrastrutture sulle tipologie originarie, in parte contemporanea alla fase 3 (1945-1975) ed in parte posteriore sino all’approvazione del P.R.G. del comune di Alghero del 1984”24. In maniera molto subdola, si compiono dei “completamenti” edilizi, per lo più di iniziativa privata, che portano alla trasformazione di diversi fronti stradali, in cui abitazioni isolate vengono raggiunte da corpi residenziali in aderenza e con tipologie e altezze differenti e snaturanti, tutto ciò a causa di una scarsa normativa (che non preveniva affatto tali situazioni e non vigilava sull’edilizia in opera in quegli 22 Gasparetto Maria Luisa, “Aspetti geografici dello sviluppo di Fertilia”, tratto da L’UNIVERSO, rivista bimestrale dell’Istituto Geografico Militare (1962), p.424 23 Lino Aldo in, AA. VV. a cura di A. Lino “Le città di Fondazione in Sardegna”, Cagliari, C.U.E.C/I.N.U. (1998), p. 16 24 Relazione conoscitiva del Piano Particolareggiato di Fertilia, redatto dall’Ing. A. Frulio 17
  21. 21. anni); una sorta di libero arbitrio ha caratterizzato molte delle costruzioni che hanno preceduto il P.R.G. dell’84 portando, come conseguenza evidente, ad una riduzione dei giardini e ad un generale impoverimento estetico. Nei primi anni ’80, con l’adozione del nuovo piano regolatore di Alghero, avvengono pochi interventi edilizi ma di grande sostanza, con una evidente perdita di scala rispetto al nucleo originario di Fertilia, che corrispondono alla realizzazione del complesso Fig. 22-23 Le case in cooperativa, primi anni ’80 e ‘90 abitativo tra via Orsera e via Fiume, della Cooperativa Elena (il più massiccio intervento edilizio nella storia di Fertilia) e della Cooperativa Fertilia. Sempre in quegli anni fu “poggiato”, più che realizzato, l’edificio delle poste, un prefabbricato di dubbie peculiarità estetiche. Altri interventi snaturanti diffusi vengono realizzati a Fertilia, con distacchi minimi, altezze eccedenti e tipologie acontestuali. Se già qualcosa andava perdendosi nei primi anni ’50, gli anni a venire fino al 2000 non solo hanno seguito questa tendenza ma hanno contribuito a occupare vaste aree di Fertilia con metodo speculativo e senza nessuna attenzione al contesto esistente conformandosi dunque come interventi estranei all’identità di Fertilia e come occasioni “perse” per uno sviluppo mirato quanto meno a preservare i caratteri originari del progetto Fertilia che si caratterizzava per un impostazione regolare e attenta alle prospettive. 18
  22. 22. 1.2 Il contesto attuale 2000 – 2007 All’alba del nuovo millennio Fertilia non rispecchia più in pieno la sua impostazione urbanistica originale e mostra gli “sfregi” di un’edilizia impietosa e di una gestione Fig. 24 Foto satellitare, 2006. approssimativa delle sue risorse. Le vicende legate ai contenziosi con il Demanio Statale per la gestione del nucleo storico e una pianificazione poco rispettosa delle peculiarità del luogo dà luogo alla realtà odierna di Fertilia, in cui gli spazi e i servizi sono approssimativi e gli interventi si limitano a singoli episodi, non coordinati tra loro, e che poco possono cambiare in maniera incisiva. L’asse prospettico che va dalla chiesa al mare dovrebbe essere centro pulsante dell’attività pubblica e immagine di Fertilia, ma così non è. Gli edifici storici sono in precarie condizioni e le sole attività presenti si limitano ad esercitare il loro servizio al cospetto di un futuro Fig.25-26 Degrado in via Pola. incerto sulla proprietà e sulla gestione degli immobili, che ha portato come conseguenza ben altro che sviluppo e occupazione ma, piuttosto, sospensione di molti esercizi e precarietà. A giudizio di chi scrive quest’area, così importante per Fertilia, non necessita solo del restauro ma anche di nuove funzioni che possano portare gli abitanti a Fig. 27 Via Parenzo. 19
  23. 23. frequentarla maggiormente; ciò che dona vita agli spazi sono le persone, gli incontri, gli scambi e i confronti che ospitano, non basta avere edifici e piazze come nuovi se nessuno li frequenta. Il tema del restauro e delle nuove destinazioni d’uso può apparire abbastanza ovvio, ma non lo è altrettanto se lo si guarda sotto un aspetto di rinascita sociale che mette radici a partire da questi luoghi; ridare vita a spazi che negli anni passati hanno costituito il punto di riferimento per l’aggregazione di giovani e no può portare a benefici che vanno aldilà della semplice immagine estetica. Quando l’opinione pubblica parla di gestione sprovveduta, disinteresse, edilizia speculativa e Fig. 28-29 Fronte di un edificio del “Villaggio Calik”e alle sue spalle rottami sulla riva dello stagno. riduzione dei giardini non si vuole creare un immagine di prateria trasformatasi in giungla; a Fertilia, nonostante tutto, lo spazio non manca e non si deve pensare solo al centro storico ma a tutti quei luoghi, e sono numerosi, che hanno significato per diverse generazioni lo spazio pubblico condiviso, dove bastavano poche attrezzature per assistere a vere e proprie Fig. 30 Un ex campetto di tennis oggi coperto dalle erbacce. immagini caratteristiche di Fertilia: giovani svagarsi nel tempo libero a ridosso degli edifici scolastici, sotto gli occhi della comunità che vede il suo futuro crescere, dove l’unico suono sono le voci delle persone; quell’immagine di Fertilia come luogo ideale per vivere può manifestarsi a pieno. Oggi molto è regredito (senza enfatizzare o drammatizzare): tutto ciò è visibile agli occhi della comunità e si traduce in una progressiva sfiducia nelle istituzioni e nel futuro in generale. Parchi e attrezzature dominati dalle erbacce, dall’incuria e dalla ruggine, edifici decadenti non sono chiacchiere o semplici fatti, bensì, un sintomo di problemi che bisogna saper individuare all’interno e all’esterno di Fertilia, così da attivare processi concreti e contingenti al contesto. 20
  24. 24. Le azioni intraprese negli ultimi anni da parte dell’Amministrazione Comunale si riassumono, oltre che in qualche intervento di restauro, nell’adozione del piano particolareggiato, in gestazione da oltre un decennio (ma questo è tipico dei piani in Italia), che analizzeremo sinteticamente a seguito di una analisi dello status quo di tipo quantitativo(dati Istat sulla popolazione) e di un’indagine indiretta fatta attraverso le pubblicazioni dei principali quotidiani locali dal 2004 a oggi con lo scopo di comprendere quali sono stati le temi principali trattati dalla Fig.31 Il Leone di S. Marco, alle spalle la torre comunale e il campanile della chiesa. stampa. I dati Istat trattati inizialmente si riferiscono al solo perimetro della borgata senza estendersi al territorio contermine, cui dedicheremo una riflessione a parte. 1.2.1 L’articolazione socio-demografica Fig.32 Le sezioni censuarie di Fertilia. 21
  25. 25. Dati censimento 1991 Sezione Abitazioni Occupate Non Occ. Residenti 368 1 1 - 5 369 19 9 10 26 370 144 60 84 191 371 12 12 - 34 372 9 9 - 14 373 29 29 - 82 374 35 33 2 83 375 11 11 - 33 376 47 39 8 107 377 75 53 22 127 378 14 14 - 36 379 8 - 8 - 380 5 - 5 - 381 15 1 14 1 382 64 25 39 65 383 108 92 16 317 Totali 596 388 208 1121 Questo dati, oltre alla popolazione25, indicano che solamente il 65% delle abitazioni è occupato: ciò induce a pensare che buona parte del restante 35% sia costituito in effetti da“seconde case”, come viene lamentato dalla popolazione residente26. Questo trend non varia di molto rispetto ai dati del censimento del 2001: infatti, cresce di circa il 2%; varia invece in maniera sostanziale il numero dei residenti, che decresce di circa il 10%. 25 Si consideri il fatto che solitamente il numero degli iscritti nei registri anagrafici è superiore al numero dei residenti risultanti al momento del censimento. 26 Vedi, più oltre, al paragrafo 2.1 22
  26. 26. Dati censimento 2001 Sezione Abitazioni Occupate Non Occ. Residenti 368 1 1 - 5 369 15 8 7 19 370 147 60 87 163 371 11 9 2 23 372 7 5 2 11 373 24 23 1 63 374 29 27 2 57 375 9 7 2 16 376 38 34 4 84 377 78 47 31 110 378 13 10 3 20 379 11 3 8 5 380 6 - 6 - 381 15 2 13 2 382 70 27 43 65 383 167 143 24 399 Totali 641 406 235 1042 La sezione che cresce in maniera rilevante è la n° 383, in quanto al 1991 non era ancora stato realizzato il complesso residenziale della “Cooperativa Fertilia”. Quest’ultimo, realizzato qualche anno dopo, ha avuto una storia poco felice in quanto sorge non solo sulle ceneri di un’area di macchia mediterranea che pochi mesi prima dall’inizio dei lavori subì “misteriosamente” un incendio, ma anche su una vecchia discarica: il che ha comportato, poco tempo dopo la realizzazione, il cedimento strutturale di alcune abitazioni a ridosso della spiaggia di Punta Negra. 23
  27. 27. Abbiamo dato ampio spazio alla storia del territorio a cui Fertilia fa riferimento, proprio per comprendere al meglio le dinamiche evolutive che hanno caratterizzato la Nurra: ed è emerso come la storia di Fertilia sia strettamente legata a tutto il territorio della bonifica. Dunque ogni ipotesi relativa al suo sviluppo ed al suo futuro riteniamo debba considerare non solo il perimetro che va dal mare alla direttrice Alghero–Porto Conte ma, piuttosto, inglobando nella riflessione tutta l’area che si estende fino alla borgata di Maristella, ricordando quanto sia culturalmente legata a Fertilia, e dell’area che si estende fino alla borgata “sorella” di S. Maria La Palma, centro produttivo della bonifica. 384 Sezione 384, borgata di Maristella Popolazione: - 424 ab. Sezioni: 407 - 170 ab. 408 - 78 ab. 467 - 174 ab. 475 - 49 ab. 482 - 123 ab. 483 - 111 ab. Totale: 1129 ab. Sono state omesse dal conteggio le sezioni più a Nord, ovvero le aree più strettamente legate a S.M. La Palma. Sommando i residenti di queste aree ai residenti del centro di Fertilia si Fig.33-34, Sezioni censuarie di Maristella e di alcune aree della bonifica a ridosso del centro di Fertilia. 24
  28. 28. raggiunge una quota di circa 2.200 abitanti che, seppur esigua, è comunque doppia rispetto alla popolazione calcolata nel solo centro. Esclusa la sola funzione residenziale, queste persone orbitano nel centro di Fertilia in quanto sede di scuole, poste, banca, uffici amministrativi, dei servizi minimi indispensabili. Nonostante sia logico questo ragionamento, la tendenza della gestione attuale del territorio considera queste aree separatamente: non a caso, i dati relativi al censimento del 1991 sono stati ricavati dalla relazione conoscitiva del piano particolareggiato di Fertilia, che considera appunto il solo centro della borgata e non vi è nessun tipo di ragionamento a livello territoriale anche aldilà dei soli dati censuari. Il riferimento non vale solo per Fertilia o per il suo piano particolareggiato, ma per tutta Alghero, per la quale non si può pensare ad una pianificazione corretta senza tenere conto di tutto il territorio a cui fa capo, o limitandosi a trattare Fertilia e le altre borgate della Nurra come episodi da trattare singolarmente. Da queste riflessioni si deduce come sia semplice cadere in errore nella interpretazione di un luogo, correndo il rischio di avere ripercussioni a tutti i livelli di scala e avendo come conseguenza il vanificarsi di ampi sforzi in termini di risorse. Il paragrafo a seguire rappresenta una lettura emerotecaria, in cui è possibile individuare alcune questioni d’interesse comune che hanno calcato la scena dal 2004 a oggi. 25
  29. 29. 1.2.2 Le questioni emergenti: una microstoria Le principali questioni emergenti dalla stampa locale negli ultimi tre anni mettono in luce sostanzialmente 3 tematiche: l’abbandono, la gestione del patrimonio, la pianificazione. Ciò che abbiamo chiamato “abbandono” consiste nella diffusa percezione di una sorta di “perifericità” nelle auto-rappresentazioni della comunità insediata. Ciò si traduce nella denuncia di alcune scelte congiunte dell’Amministrazione Comunale (è il caso del campo nomadi), che vengono interpretate come un disconoscimento delle peculiarità storiche e ambientali del luogo, a favore delle opportunità offerte dalla proprietà demaniale delle aree. Quest’immagine negativa è ulteriormente rafforzata dalle perdite registrate nelle attività economiche, che vedono la chiusura e la rilocalizzazione di spazi commerciali, dai disservizi e dalle lacune del trasporto pubblico, dall’apparentemente inarrestabile degrado degli edifici pubblici e privati. 26
  30. 30. Fig. 35-40, Stato odierno di spazi e strutture. 27
  31. 31. Su questo tema insistono le vertenze relative alla proprietà del patrimonio immobiliare che, essendo Fertilia realizzata per mano pubblica ma, allo stesso tempo avendo subito le trasformazioni della propria base demografica a seguito dell’immigrazione dei nuclei di profughi, vede coinvolta una pletora di enti (di cui la maggior parte è oggi disciolta, ma senza un’effettiva deefinizione immediata del passaggio di consegne inerente agli immobili) e, in seguito, del Demanio. La questione della proprietà non è di poco conto in quanto inficia o consente eventuali programmi di intervento tesi alla riqualificazione e alla localizzazione di attività negli edifici storici. Fig.41 La casa “Doria” Fig.42 La piazza vista dai gradini della chiesa. Fig.43 Incrocio tra via Pola e il Lungomare Fig.44 Il portico con la guardia medica e sopra abitazioni. Rovigno, visto da piazza S. Marco. 28
  32. 32. Gli edifici storici sono al centro dell’attenzione portata all’interno degli strumenti di pianificazione e progettazione del territorio di Fertilia. Su essi si centra ogni progetto e ogni intervento. Non tutti sono coerenti, nel senso che si registra una discrasia tra la volontà espressa dalla popolazione più strettamente locale e gli interessi che si coagulano intorno alle potenzialità paesaggistiche che il luogo esprime. Non è un caso infatti che l’indagine rivolta alla popolazione evidenzi la domanda di una maggior “socialità” del fronte mare ai margini della borgata con la demolizione delle case private di vacanza e la restituzione delle aree di sedime a un uso collettivo, mentre la prima stesura dei piani di attuazione relativi a Fertilia prevedevano un consistente aumento della capacità edificatoria, ovviamente osteggiato dalle organizzazioni rappresentative della popolazione locale. Il vero limite dei piani e dei prgrammi affrontati per Fertilia, comunque, sta nella mancata, errata o scarsa informazione rivolta alla popolazione locale, nel mancato o tardivo coinvolgimento della stessa, nell’incapacità di mettere a frutto i saperi locali. 29
  33. 33. Fig.45 La chiesa oggi. 30
  34. 34. 1.2.3 L’immagine esperta e la pianificazione di dettaglio Il piano particolareggiato è lo strumento urbanistico attualmente vigente e, con la sua normativa, definisce gli interventi edilizi possibili attraverso l’individuazione del nucleo originario (conforme al piano regolatore del 1938), la nuova edificazione, la destinazione d’uso nelle varie sottozone e la viabilità (dove non risulti ancora definita). Si tratta semplicemente di una zonizzazione, ovvero di una perimetrazione e successiva classificazione di aree urbane, assoggettata a norme di riferimento per ciascuna zona. Gli interventi più importanti possono essere così riassunti: 1. Perimetrazione del centro storico. 2. Tracciamento di nuove strade all’interno della borgata. 3. Interventi di edilizia residenziale e mista (residenza, commercio, uffici). 4. Realizzazione di un museo etnografico. 5. Realizzazione di un complesso sportivo lungo la SS 291. 6. Realizzazione di una scuola materna. 7. Realizzazione di un complesso per scuola superiore alberghiera. 8. Realizzazione di un complesso ricettivo di tipo campeggio. 9. Destinazioni d’uso delle aree attualmente incolte 31
  35. 35. Sono state inoltre poste all’attenzione tematiche riguardanti la funzione del porto e la precaria e indefinita situazione dei pontili e delle attrezzature portuali. Queste e altre questioni (come: aree produttive, servizi specifici, riqualificazione delle strutture ricettive e previsione di nuove strutture alberghiere) sono poste, nella relazione conoscitiva, come necessarie di una rivisitazione in quanto non avulse rispetto al contesto più generale dello sviluppo di Alghero. 5 4 8 3 7 7 1 2 3 2 Rispetto ai temi principali individuati, sorgono spontanee alcune considerazioni e riflessioni27: 1. Fondamentale il riconoscimento dello status di centro storico per il restauro e la conservazione degli edifici storici. 2. Questi nuovi tracciamenti stradali sono discutibili, in quanto lo sbocco sul Lungomare Rovigno avviene in piena curva, mentre il proseguimento della litoranea comporta un forte impatto ambientale. 3. Le nuove volumetrie devono avere comunque delle aperture verso la corte interna. 27 La lista deriva da due fonti principali, comunque “interne” al “sistema Fertilia”: una, semi-esperta, è detta della conoscenza diretta di chi scrive; l’altra deriva dall’intervista a Mauro Manca (Ex presidente del C.d.Q. di Fertilia e attualmente consigliere comunale) nei primi mesi del 2007. 32
  36. 36. 4. La realizzazione di un museo prevede l’utilizzo di edifici storici e il ripristino delle aree a ridosso dello stagno. Oggi in tali edifici sono localizzate significative attività (officina, falegnameria) da rilocalizzare. 5. E’ importante la realizzazione di una struttura sportiva più ampia che accolga diverse attività. 7. La realizzazione di un eventuale complesso scolastico alberghiero comporta l’eliminazione delle strutture ivi presenti. Come visto nel corso della rassegna stampa, c’è stata particolare enfasi intorno alla realizzazione di questo piano ed è stata rivendicata la sua costruzione partecipata e, dunque, consensuale da parte della comunità. Non si hanno elementi per confermare quest’ultimo punto e vorremmo concentrare la riflessione sul fatto che il piano di per sè presenta i suoi limiti, in quanto al momento della sua approvazione è già obsoleto in quanto derivante da un iter processuale lungo oltre 10 anni, in cui le scelte localizzative sono imposte a priori ed in corso d’opera si applicano varianti relative volumetrie e destinazioni d’uso. Non esistono riferimenti particolari agli aspetti sociali e a previsioni di sviluppo, non è determinabile l’orizzonte temporale in cui è proiettato. I cenni di inquadramento di scala territoriale, e quindi su una proiezione di sviluppo integrata al contesto algherese, non sono rappresentati; o meglio, non è esplicitamente dichiarato il “come” e il “dove”. Inoltre, per tutti gli interventi presentati, non è determinabile il “quando”. La cartografia del piano fa riferimento, per gli edifici, alle carte catastali (in cui ovviamente non compaiono edifici e realizzazioni effettive) e mostra ancora più chiaramente come siano diffuse mestamente diverse realizzazioni non propriamente “regolari”. Alla luce del contesto è comunque necessario riconoscere come questo piano sia un primo segnale di risveglio dell’attenzione nei confronti di Fertilia e frutto di notevoli sforzi da parte dei rappresentanti della comunità, che hanno potuto anche “congelare” allo status quo diverse aree di Fertilia in cui una certa volumetria poteva ancora essere realizzata. 33
  37. 37. 2. Quale presente, quale futuro? Per poter progettare il futuro è necessario conoscere il presente. Se non si parte da questo assunto è difficile ottenere risultati che rispecchino le reali aspirazioni di una comunità. Ma conoscere il presente non è una pratica facile e scontata e va oltre una semplice documentazione dei fatti. E’ necessario acquisire una conoscenza consolidata della storia, del linguaggio, del background culturale, dei valori, degli interessi, delle caratteristiche di vita, dei bisogni e delle aspirazioni di una comunità per tracciarne un profilo realmente rappresentativo e permettere che queste persone partecipino significativamente alla progettazione del loro futuro. Il metodo perseguito per realizzare un quadro conoscitivo attendibile della realtà di Fertilia parte da questi presupposti. Analizzare la storia del luogo, come gia detto, è un passo fondamentale ma sarebbe un’attività utile quella di costruire una memoria storica condivisa, in cui ognuno possa leggere le sue radici ed identificarvisi. Fertilia rappresenta in modo caratteristico un luogo della memoria dove la popolazione e i suoi spazi raccontano molto della storia d’Italia, della Sardegna, di Alghero e dei dibattiti sui temi della città affrontati da urbanisti e architetti negli anni della civiltà post-industriale. In questo processo di conoscenza si è ritenuto fondamentale sondare il “comune sentire” della popolazione per provare a rispondere in maniera più esaustiva possibile al quesito: chi siamo e dove siamo? Il metodo utilizzato è stato quello di proporre un questionario alla popolazione, così da porre le basi per un lavoro più esteso su Fertilia basato su un equilibrio tra conoscenza scientifica, conoscenza esperenziale e valori. Il questionario realizzato non chiede alla popolazione di esprimere opinioni su progetti in corso d’opera o su scenari futuri ma, più semplicemente, di riflettere in maniera costruttiva su se stessi in rapporto al luogo in cui si vive e alla comunità a cui si appartiene; ciò può ritenersi utile non solo ai fini della creazione delle premesse per una pianificazione partecipata ma anche alla popolazione stessa, in riferimento ai quesiti posti in precedenza: chi siamo, dove siamo e dove stiamo andando? 34
  38. 38. 2.1 Un’ indagine sulla percezione Il questionario viene presentato come un’indagine sulla percezione allo scopo di “fare emergere le peculiarità e i problemi” di Fertilia. La scelta di porre sulla prima pagina un’immagine dall’alto, estesa alla piana della bonifica, non è casuale ed è riferita agli argomenti trattati in precedenza in merito alla estensione di Fertilia che oltrepassa i confini segnati dalla litoranea Alghero – Porto Conte. All’intervistato vengono posti 12 quesiti in cui la risposta lascia spazio anche all’espletazione della motivazione di una determinata scelta o affermazione. Mostreremo ora la struttura del questionario, domanda per domanda, e ne analizzeremo i dati raccolti. Si è scelto di ragionare sia sulla totalità dei risultati che sui parziali per fasce di età in cui è stata suddivisa la popolazione: • La più “giovane”, costituita da portatori e portatrici di una specifica domanda di “vita sociale”. • La popolazione fra i 30 e i 45 anni, che corrisponde alla fascia genitoriale nel suo stadio iniziale, con specifiche domande in termini di spazi e servizi. • La popolazione fra i 45 e i 60 anni, che corrisponde alla fascia ancora in età lavorativa, con figli ormai in età scolare se non adulta. • La fascia rappresentativa della popolazione ritirata dal lavoro, che eprime una diversa domanda sociale. Si è identificato un campione corrispondente a circa 1/7 della popolazione (150 questionari) in modo da prevedere un margine di rischio che consentisse di ottenere almeno 1/10 della popolazione: indurre alla partecipazione, alla comunicazione e all’interazione è un fatto, ottenere tali comportamenti è un altro. 35
  39. 39. All’esame dei dati socio-economici rilevati, i risultati principali sono questi: Fasce di età Totale % Maschi % Femmine % 15/30 24 24 16 67 8 33 30/45 21 21 9 43 12 57 45/60 34 34 12 35 22 65 60/… 21 21 13 62 8 48 15/… 100 100 50 50 50 50 Mentre la situazione reale è questa: Fasce di età Totale % Maschi % Femmine % 15/30 222 24 109 49 113 51 30/45 215 23 94 44 121 56 45/60 277 30 129 47 148 53 60/… 206 23 86 42 120 58 15/… 920 100 477 46 565 54 Il campione mostra una discrepanza rispetto alla consistenza effettiva della popolazione per la fascia di età più giovane (sbilanciata verso il genere maschile) e la fascia di età matura (45-60 anni) sbilanciata all’opposto. Ciò avviene a causa della maggiore disponibilità all’interazione e alla maggiore “vitalità sociale” della popolazione femminile matura, che si comporta all’opposto della popolazione femminile più giovane, meno disponibile al confronto rispetto alla corrispondente fascia d’età maschile, la quale ha una più eccessa vita sociale. 36
  40. 40. Quesito 1 Per analizzare i dati si è resa necessaria la classificazione delle voci apparse in un elenco sintetico che le comprendesse; Caratteristiche positive, • Paesaggio: (interpretato come sentimento emotivo) colori, architettura, aspetto, verde particolare, centro storico. • Tranquillità: serenità, scarso traffico, poca criminalità, dimensioni esigue, pace, silenziosa • Rapporti sociali: ospitalità, accogliente, solidale, cordiale, comunità, abitanti, simpatia, miltietnica, feste, amicizia, giovani uniti, struttura religiosa, associazioni, gente. • Posizione geografica: ubicazione periferica, posizione strategica, sul mare, clima. • Qualità della vita: vivibile, solare, accogliente, aria salubre, scuole, ideale per bambini. • Servizi: ricettività, vicinanza aeroporto, vicinanza Alghero, vicinanza ospedale, spazi all’aperto, ostello. • Turismo • Luoghi significativi e/o della memoria: scogli, rotonda, campo sportivo, ponte vecchio, porto, pineta. • Risorse: ambiente naturale, potenzialità di sviluppo. 37
  41. 41. Caratteristiche negative, • Degrado: igiene, poca pulizia, centro storico, centro urbano, verde, poco curata, abbandonata, scarsa illuminazione. • Trasporti: strade, marciapiedi, collegamenti, trasporto pubblico, viabilità, segnaletica. • Carenza servizi: svago, sport, cultura, ritrovo pubblico, vigilanza, strutture. • Scelte architettoniche-urbanistiche: ville sul mare, case in cooperativa, seconde case. • Attenzione sociale: interesse per giovani e anziani, disagio giovanile, spazi ricreativi, vandalismo, disoccupazione. • Campo nomadi • Carenza Attività commerciali • Rapporti sociali: pettegolezzo, divisioni interne,isolati, poca tolleranza. • Abbandono istituzioni: disinteressamento, trascurata dalla politica, demanio, disorganizzazione. • Ricettività: potenzialità turistiche non sfruttate, poche case da affittare o acquistare. Caratteristiche positive Età Paesaggio Tranquillità Rapp. sociali Posiz. geografica Tot. 15/30 15% 36% 18% 21% 90% 30/45 15% 45% 7% 26% 93% 45/60 20% 30% 7% 26% 83% 60/… 19% 29% 11% 35% 94% 15/… 17% 35% 11% 27% 90% Per la prima fascia d’età non compaiono voci quali Servizi, Turismo e Risorse, ed è interessante come la voce Rapporti sociali trovi nei giovani la percentuale più alta. In sostanza è la Tranquillità la caratteristica positiva più gettonata ed è inoltre stata scelta per il 50% delle volte come prima preferenza mentre, le voci omesse raggiungono sommate tra loro, il 10% delle restanti preferenze. 38
  42. 42. Caratteristiche negative Età Degrado Trasporti Carenza servizi Abbandono istituzioni Tot. 15/30 52% 2% 24% 7% 85% 30/45 32% 18% 24% 6% 80% 45/60 56% 8% 10% 4% 78% 60/… 65% 6% 13% 8% 92% 15/… 52% 8% 17% 6% 83% Il Degrado risulta essere la caratteristica più negativa di Fertilia per tutti ed in particolare per la popolazione più anziana, mentre i Trasporti, sono visti meno come un problema dai più giovani ed hanno invece una quota rilevante per coloro compresi nella fascia 30/45. Delle voci omesse è importante segnalare che quella che appare maggiormente è Rapporti sociali, che nella fascia 45/60 ottiene l’8% delle scelte, per il resto nessun’altra voce si eleva significativamente più di altre. Quesito 2 Ambiente fisico; il luogo maggiormente significativo, per ogni fascia di età indistantamente, è la Piazza S. Marco identificata quasi da tutti come “la rotonda” e considerata luogo di aggregazione, dal panorama fantastico e suggestivo, seguono, con preferenze simili e di molto inferiori alla prima, Piazza Venezia Giulia, i portici e la chiesa. Compaiono altri luoghi ma con frequenza molto bassa. Ambiente naturale; questa voce è stata compilata solo dal 41% degli intervistati, e i luoghi significativi sono risultati essere, con preferenza più o meno simili, il litorale, la spiaggia di P.ta Negra e il mare, quest’ultimo indicato a livello generico e considerato quindi come un valore in generale a prescindere dal luogo. 39
  43. 43. Quesito 3 Il quesito Cosa manca? rispecchia essenzialmente la tabella delle caratteristiche negative in quanto il decoro urbano è l’esigenza più sentita in generale che è stata inoltre indicata come prima preferenza nell’85% dei casi. Dato interessante è come i più giovani identifichino nella mancanza di servizi culturali e servizi per lo svago, lo sport e l’aggregazione gli elementi preponderanti, pur sentendo la necessità del decoro urbano. E’ notevole quanto la ricettività non rappresenti per la popolazione una carenza rilevante, a differenza del trasporto pubblico, se non per i più giovani che credo vedano in essa opportunità di lavoro. Alla voce altro sono state inserite per lo più tematiche riguardanti le attività commerciali in genere, segnalando in diversi casi l’assenza non tanto di un’economia fiorente ma la necessità di negozi di prima necessità attualmente non presenti tra le attività commerciali della borgata. Fasce di Decoro Ricettività Servizi Servizi Trasporto Altro età urbano culturali pubblico 15/30 23% 11% 25% 27% 13% 1% 30/45 27% 6% 24% 22% 18% 3% 45/60 30% 3% 17% 25% 18% 7% 60/… 31% 3% 20% 26% 14% 6% 15/… 28% 5% 21% 25% 16% 4% Il quesito n°4 è stato omesso in quanto risulta essere ridondante e superfluo poiché chiedeva alla popolazione quali fossero le problematiche più rilevanti ed a questa domanda alcuni non hanno risposto mandando il riferimento alle domande precedenti o semplicemente hanno ripetuto le voci presenti nella domanda riferita alle caratteristiche negative. 40
  44. 44. Quesito 5 In questo quesito ha influito molto la presenza degli esempi presenti tra parentesi riferite a particolari settori in quanto le voci rilevate rispecchiano praticamente le stesse poste come esempio. Secondo la popolazione la vocazione principale di Fertilia è principalmente il turismo e in buona parte la residenza, quest’ultima individuata come prima vocazione dai più anziani sicuramente meno attratti da scenari di sviluppo turistico. Un dato rilevante è come, nonostante il passato, l’agricoltura e la pesca non siano considerate vocazioni dominanti di Fertilia e non raggiungano comunque una quota importante; sicuramente la predominante vocazione turistica di Alghero ha influito significativamente sugli scenari di sviluppo prospettati per Fertilia e le pianure della bonifica vengono viste come un segno del passato più che un’opportunità per il presente. Le voci presenti nella tabella rappresentano il 98% delle scelte. Il restante 2% è suddiviso tra artigianato, industria e commercio. Fasce di Turismo Agricoltura Sport/svago Servizi Residenza Pesca/nautica età 15/30 32% 8% 24% 7% 19% 8% 30/45 38% 8% 15% 15% 21% ------- 45/60 40% 8% 8% 16% 26% ------- 60/… 27% 8% 14% 16% 31% 6% 15/… 35% 8% 15% 13% 24% 3% 41
  45. 45. Quesito 6 Vista la varietà di provenienza della popolazione di Fertilia si è ritenuto necessario porre questa domanda e comprendere se questo elemento sia considerato dalla popolazione un punto importante della peculiarità di Fertilia. I dati emersi sono i seguenti: Fasce di età Positivo Negativo 15/30 88% 12% 30/45 71% 29% 45/60 91% 9% 60/… 91% 9% 15/… 86% 14% Il risultato è ampiamente positivo nonostante un 14% ritenga che la varietà culturale sia un’elemento negativo; si riscontra tale pensiero in maniera influente nella fascia 30/45, nel quale circa il 30% degli intervistati giudica appunto negativa la varietà di provenienza della popolazione. Sia per le affermazioni positive che per quelle negative le motivazioni sono pressochè simili: Perché positivo: il confronto è sempre positivo, ci si arricchisce tutti, ci si completa, è una carartteristica di Fertilia.. Perché negativo: c’è un pessimismo generale, è difficile integrarsi è nella natura dell’uomo, interessi diversi, culture differenti, si vede il mondo in una maniera differente, divergenze invalicabili.. 42
  46. 46. Quesito 7 Una delle premesse fondamentali per la costruzione di scenari di sviluppo condivisi è avere una coesione generale all’interno della comunità o almeno la consapevolezza di quanto sia fondamentale l’apporto di tutti per il raggiungimento di obiettivi comuni. Fasce di età Sì No 15/30 42% 58% 30/45 43% 57% 45/60 33% 67% 60/… 38% 62% 15/… 38% 62% Una maggioranza consolidata non giudica unita la comunità di Fertilia ed il dato meno positivo lo si riscontra nelle fascie di età superiori ai 45 anni. Chi ha giudicato unita la comunità ha dato motivazioni semplici e per lo più convergenti tipo: ci si conosce tutti da oltre 20 anni, siamo pochi ed è più semplice andare d’accordo, per le cose importanti restiamo tutti uniti.. Sono variegate invece le motivazioni di chi la pensa in altro modo: pessimismo, troppe discussioni, ognuno pensa per se, troppo legati al passato, interessi contrastanti, divergenze tra etnie diverse.. 43
  47. 47. Quesito 8 Fasce di età Sì No 15/30 21% 79% 30/45 24% 76% 45/60 15% 85% 60/… 24% 76% 15/… 20% 80% La comunità non si sente adeguatamente rappresentata e principalmente non imputa le cause a soggetti in particolare ma piuttosto all’assenza di una vera rappresentanza che sostenga le istanze della popolazione e la coinvolga nelle decisioni. I pochi che si sentono rappresentati ammettono una situazione non entusiasmante ma apprezzano l’impegno di alcune figure politiche, del Comitato di Quartiere e di alcune associazioni rappresentative che almeno “… ci provano”. Arrivano dalle risposte alcune proposte come la rappresentanza per fasce di età, un maggior numero di abitanti nel C.d.Q. e la necessità di una rappresentanza a livelli istituzionali superiori. 44
  48. 48. Quesito 9 Fasce di età Sì No 15/30 96 % 4% 30/45 86 % 14 % 45/60 94 % 6% 60/… 100 % 0% 15/… 94 % 6% La popolazione si dimostra “disposta a pagare”, il che apre nuove possibilità di progettazione soprattutto per quanto riguarda appunto la sostenibilità di alcuni costi per ottenere dei benefici. Con le opportune precauzioni si può estendere il significato ottenuto anche nella disponibilità a rinunciare a qualcosa che non abbia direttamente un mercato e dunque un valore monetario, allo scopo di ottenere dei benefici di utilità pubblica. Quesito 10 Fasce di età Sì No 15/30 88 % 12 % 30/45 95 % 5% 45/60 98 % 2% 60/… 95 % 5% 15/… 94 % 6% Sostanzialmente la popolazione crede nella possibilità di far parte dei processi di decisioni. Qualcuno ha corretto la domanda sostituendo al “possano” un “debbano”, esprimendo la volontà di far valere un proprio diritto. 45
  49. 49. Quesito 11 Questa domanda serve ad estrarre dal questionario delle azioni/progetto proposte dagli abitanti che vengono invitati a proporre un gesto indipendentemente dalle reali possibilità di compierlo. Alcuni di questi desideri verrano ripresi nel terzo capitolo e rielaborati per la progettazione di un supporto alla decisione. La loro maggiore o minore presenza determinerà la desiderabilità sociale di queste azioni. I desideri principali emersi sono (elencati in ordine di preferenza): Età 15/30 Età 30/45 • Recupero edifici storici. • Recupero spazi storici e verde. • Amministrata da giovani ; • Più aree sportive e svago. Comune a se; Parchi e giardini; • Più eventi e manifestazioni. • Ricostruzione come progetto • Più servizi culturali. originario; più eventi e manifestazioni. • Lungomare come progetto originario. • Più attività lavorative per giovani; oasi • Meno seconde case. turistica. • Via le ville sul Lungomare Rovigno. Età 45/60 Età 60/… • Recupero spazi storici e verde. • Miglioramento generale • Fertilia comune a se. • Ristrutturazione centro storico. • Più attività commerciali. • Via le ville sul lungomare. • Oasi turistica; Più attività culturali • Oasi verde. • Centro benessere. • Oasi pedonale. • Via le ville sul lungomare. • Centro sportivo. • Più sviluppo economico. • Riunioni cittadine • Eliminerei distanza da Alghero. 46
  50. 50. Quesito 12 Fasce di età Sì No 15/30 38 % 62 % 30/45 38 % 62 % 45/60 47 % 53 % 60/… 43 % 57 % 15/… 42 % 58 % Nonostante il 60% circa degli intervistati non conosca neanche in parte il piano particolareggiato, questo dato non risulta essere, a mio parere, altamente allarmante. Ovviamente sarebbe preferibile avere una tendenza all’informazione che provenga sia dalla popolazione che dalle istituzioni. Nel caso della costruzione di un piano partecipato si otterrebbero sicuramente dati più confortanti e un piano probabilmente migliore. Ma “partecipare” alla pianificazione o alla costruzione di scenari di sviluppo non è un’impresa semplice come può apparire e richiede delle esigenti premesse, un impegno notevole da parte di tutti gli stakeholders coinvolti (stakeholders: letteralmente “portatori di interesse”, cittadini, politici, gruppi di interesse, imprenditori, tutti coloro che, anche in maniera diversa, vengono influenzati dalle decisioni prese) e una meticolosa costruzione del processo. Nel paragrafo che segue faremo una panoramica su queste tematiche; da cosa nascono, quali sono i vantaggi e i rischi, quali strumenti si adoperano e a cosa possono servire. 47
  51. 51. 2.2 Partecipazione e sostenibilità. Non è da sempre che si parla di partecipazione in Italia e nel resto del mondo. Il meccanismo principale per dare voce ai cittadini è sempre stato il canale della democrazia rappresentativa in cui i cittadini eleggono i politici nei governi locali e in quello centrale, in rappresentanza dei propri interessi. Alla base di questo principio esiste la convinzione che per la comunità sia difficile, se non impossibile, prendere parte ai processi decisionali di tutti i giorni. Nella pianificazione, per esempio, i piani sono sempre stati presentati alle comunità come un fatto compiuto e nonostante vi fossero meccanismi per la formulazione di obiezioni e proposte, questi erano strutturati in maniera tale che vi accedessero solo pochi interessati. Dunque, fino agli anni ’60, la mancanza di partecipazione pubblica non era un problema diffuso e percepito, in virtù della fiducia posta a professionisti e tecnici, intesi come custodi degli interessi pubblici e della volontà popolare. Negli anni a seguire la domanda di strumenti partecipativi venne a crescere e fu proprio tra gli anni ’60 e ’70 che alcuni stati, in particolare Gran Bretagna e Stati Uniti, iniziarono a lavorare attivamente nella ricerca di soluzioni atte a favorire i processi partecipativi, ma nonostante ciò, vennero formulate semplicemente delle assunzioni e i metodi elaborati erano niente di più che astratte affermazioni lungi dall’essere pratica concreta. Negli anni ’90, con il riemergere delle questioni ambientali incentrate su problematiche di sostenibilità a scala globale e quindi la necessità di ripensare ai modelli di consumo di suolo e risorse, al surriscaldamento globale e allo smaltimento dei rifiuti, il problema del coinvolgimento più ampio possibile di stakeholders è tornato a farsi sentire ed a porsi come un problema attualissimo e insubordinabile. La volontà di realizzare uno sviluppo sostenibile necessita dell’impegno e del coinvolgimento di tutti a prendere misure necessarie nei confronti dell’ambiente, per non compromettere ciò che il Rapporto “Bruntland” (1987) definisce “la capacità delle generazioni future di soddisfare i propri bisogni.” Il termine “partecipazione” è oggi una parola d’ordine per politici e professionisti coinvolti nei processi decisionali ma risulta essere un termine ambiguo e destinato a rimanere tale in virtù della molteplicità di interpretazioni cui è soggetto, a meno che non si chiarisca la sua estensione ed il suo significato in materia di decisioni politiche. 48
  52. 52. Attraverso la “scala della partecipazione” (1969) della scrittrice Sherry Arnstein, si è chiarito che esistono diversi livelli di partecipazione ed è dunque possibile distinguere tra una minore ed una maggiore partecipazione. La scala mostra diversi livelli, senza suggerire la volontà di aspirare alla sommità. Il livello di partecipazione a cui aspiriamo è strettamente legato al modello di democrazia a cui ci riferiamo. Se guardiamo a due estremi opposti, da una parte troviamo una popolazione che gioca un ruolo limitato nella sola Fig. 46, Scala della partecipazione pubblica (Arnstein 1969) espletazione del proprio parere tra un’elezione e l’altra, figlia di una democrazia intesa come una competizione fra pochi nel raggiungimento del consenso e del supporto pubblico. Nell’altro estremo troviamo la democrazia partecipativa che si caratterizza per il diretto coinvolgimento dei cittadini nei processi decisionali. Tale coinvolgimento non rappresenta un mezzo per sostenere delle scelte ma rappresenta una parte dei fini. Viene visto come un metodo che vuole portare i cittadini ad esprimere al meglio le loro potenzialità ed evitare metodologie che alterino ulteriormente la distinzione tra “profani” ed “esperti”. Come Davoudi ci chiarisce, “sono importanti tre prerequisiti perché questo processo di autosviluppo dei cittadini si concretizzi: prima di tutto la sensibilità alla storia, alla specificità e alle aspirazioni di una particolare comunità; in seguito, l’importanza della costruzione di fiducia e affiatamento all’interno delle comunità e tra le comunità e le agenzie esterne; in terzo luogo, c’è l’esigenza di chiarezza e trasparenza nel processo decisionale così che le persone possano osservare come i propri input si inseriscono in quel processo.”28 L’agenda dello sviluppo sostenibile promuove l’accrescere del “senso di cittadinanza” dal momento che tendere verso la sostenibilità non richiede solo azioni governative ma anche radicali cambiamenti nei comportamenti individuali. Tuttavia, i principi di governo e i loro elementi costitutivi restano questioni irrisolte e l’agenda della sostenibilità, come ricorda ancora Davoudi, non ci ha indotto solo a 28 Davoudi Simon, “La partecipazione nella pianificazione per la sostenibilità”, in Urbanistica n°120, pag. 119-127 49
  53. 53. ripensare gli esiti delle nostre decisioni, ci ha anche suggerito di rivisitare i processi che producono queste decisioni aggiungendo una nuova dimensione al dibattito sulla democrazia. 2.3 Scenari partecipativi e gli EASW®. Le attuali politiche internazionali di decentramento di funzioni e responsabilità verso dimensioni locali e i recenti impegni verso uno sviluppo sostenibile, sono le premesse da cui nasce l’Agenda 21 Locale. Essa rappresenta il processo di partnership attraverso il quale gli Enti locali operano in collaborazione con tutti i settori della comunità locale per definire piani di azione per perseguire la sostenibilità a livello locale. I temi ecologici che nascono in connessione all’implementazione dell’A21L sono le forze guide più importanti nella produzione di scenari partecipativi, così chiamati in quanto ci si aspetta che siano il prodotto di un discorso tra tutti gli stakeholders di una comunità, integrando conoscenza scientifica con conoscenza intuitiva. Gli scenari partecipativi29 nascono da alcuni ambiziosi governi (in primo luogo Svezia, Danimarca e Norvegia) con lo scopo di guidare l’agenda ambientale. Rappresentano il modello evoluto della creazione di scenari futuri per la città. Questa evoluzione degli scenari avviene parallelamente alla crescente domanda di partecipazione che, come abbiamo visto nel paragrafo precedente, inizia prendere corpo a partire dagli anni ’60. E’ in questo periodo che viene sviluppata la prima generazione di scenari detti “esperti” (il paese Fig. 47, Un modello di scenario partecipativo. 29 Per un più ampio discorso sugli scenari vedi: Khakee Abdul, “Scenari partecipativi per lo sviluppo sostenibile”, in Urbanistica n°112, pag. 161-167 50
  54. 54. trainante fu la Svezia) poiché sviluppati prevalentemente da esperti; il contesto del periodo lasciava spazio ad una visione di crescita economica e progresso tecnologico senza interruzioni e si pensava a regolazioni a grande scale della crescita urbana. Intorno agli anni’80, a seguito della crisi petrolifera ed alla stagnazione dell’economia mondiale, era divenuto necessario ripensare gli scenari futuri e proporre nuove strategie di sviluppo. Gli strumenti di pianificazione basati su scenari urbani esperti avevano ragionato in termini di crescita economica e non erano più ritenuti adatti al contesto del periodo, influenzato dall’incertezza e dalla sempre minore disponibilità di risorse. In questo contesto nacque la seconda generazione di scenari detti “ibridi” poiché nel lavoro di costruzione venivano inclusi politici e funzionari dei governi locali. Gli scenari ibridi portarono innovazioni come la strutturazione del problema come presupposto fondamentale nella costruzione di scenari.30 Nonostante la pianificazione dello sviluppo urbano ebbe degli sviluppi positivi, l’interesse dei governi locali per questi scenari durò poco. La struttura della pianificazione pubblica mutò verso metodi di gestione aziendale al fine di rafforzare l’efficacia nell’amministrazione dei pubblici servizi. Le prime due generazioni di scenari mostrano differenze nelle premesse socio- economiche e nelle basi metodologiche ma sono entrambe caratterizzate da una forte propensione alla conoscenza scientifica che viene invece affiancata dalla conoscenza inesperta o intuitiva nella costruzione di scenari partecipativi. Nella costruzione di scenari partecipativi, la costruzione del processo è fondamentale quanto lo svolgersi dell’attività propria di creazione dello scenario. E’ importante la creazione di una leadership che abbia buone capacità amministrative e sappia gestire un processo di così ampio respiro che include un discorso coinvolgente l’intera comunità. In uno scenario partecipativo gli stakeholders sono tutti i membri di una comunità ma il coinvolgimento di tutti è impossibile, per questo motivo hanno un ruolo importante le persone chiave e il tema della rappresentatività. E’ necessario avere una “mappatura” della comunità che mostri le reti di relazioni (appartenenze ad associazioni, interessi, professioni…) al fine di poter meglio selezionare i rappresentanti. 30 Khakee Abdul, “Scenari partecipativi per lo sviluppo sostenibile”, in Urbanistica n°112, pag. 161-167 51

×