O slideshow foi denunciado.
Utilizamos seu perfil e dados de atividades no LinkedIn para personalizar e exibir anúncios mais relevantes. Altere suas preferências de anúncios quando desejar.

Email marketing. Principi e risorse utili

323 visualizações

Publicada em

Slide del Workshop dedicato all'approfondimento dei principi che regolano le campagne DEM ed email marketing.

Publicada em: Marketing
  • Seja o primeiro a comentar

  • Seja a primeira pessoa a gostar disto

Email marketing. Principi e risorse utili

  1. 1. Workshop 03.08.2016 DEM ed e-mail marketing. I principi fondamentali e le risorse utili
  2. 2. Di cosa parleremo oggi  E-mail marketing. Scenario  DEM, Newsletter e CO.  - La creazione di una lista  - E-mail design e Body Content  - Targeting e personalizzazione  Strumenti utili SOMMARIO
  3. 3. E-mailmarketing. Scenario “ Email is the glue that binds everything together”. Michael Stelzner
  4. 4. E-mailmarketing. Scenario Dopo qualche anno di abbandono l’email marketing gode di nuova vita. Perché? • Automazione e personalizzazione • Mobile Michael Stelzner
  5. 5. E-mailmarketing. Scenario • Secondo una ricerca realizzata nel 2015 da MagNews1 in Italia vengono spediti circa 940 milioni di messaggi email al giorno, più di 30 per utente. • Ogni utente internet italiano possiede in media 2,4 caselle di posta. • Gli uomini fanno mediamente uso di più caselle di posta rispetto alle donne (rispettivamente 2,7 e 2,2 caselle pro capite) • i millennials (25 – 34 anni) sono gli individui con la dotazione più ampia di indirizzi email attivi (2,8 indirizzi per individuo) • Google è il fornitore con maggior penetrazione: il 53% degli utenti dichiara di possedere e utilizzare una casella Gmail. La piattaforma è seguita da Outlook e ItaliaOnline (Libero, Wind) http://www.chefuturo.it/2015/11/email-marketing-5-passaggi-per-una-campagna-di-successo/
  6. 6. E-mailmarketing. Scenario • L’82% degli utenti italiani è iscritto ad una newsletter • Il 59% si fida dei contenuti delle newsletter che ha scelto di ricevere • L’email è il primo canale per rimanere in contatto con il Brand, ed esercita una forte influenza sulle decisioni di acquisto
  7. 7. E-mailmarketing. Scenario • Negli ultimi 3 anni il numero di persone che acquistano in un negozio i prodotti pubblicizzati tramite email è cresciuto del 37% • Il 53% degli italiani dichiara di risparmiare tempo attraverso i consigli ricevuti in newsletter • Automazione e personalizzazione sempre più importanti, perché il numero di disicrizioni è in aumento (78%)
  8. 8. E-mailmarketing. Scenario
  9. 9. E-mailmarketing. Scenario • Come reputi le performance delle tue campagne email?
  10. 10. E-mailmarketing. Scenario • In valori percentuali, quanto delle tue vendite totali è attribuibile all’email Marketing?
  11. 11. E-mailmarketing. Scenario • Come giudichi i seguenti canali in base al ROI?
  12. 12. E-mailmarketing. Scenario
  13. 13. DEM,NewslettereCO. Esiste una differenza tra newsletter e DEM • La newsletter è uno strumento di informazione e fidelizzazione • La DEM è utile per veicolare una promozione, invito ad un evento o contenuti pubblicitari
  14. 14. Lacreazionediunalista 6 approcci utili • Concentra i tuoi sforzi sull’aggiunta di persone realmente interessate alla tua attività • Rendi ben visibili i moduli di iscrizione alla newsletter sul tuo sito • Comunica ai consumatori i benefici che otterranno iscrivendosi alla tua newsletter • Offri incentivi in linea con il tuo business • Comunica agli iscritti il numero di email che riceveranno da te • Chiedi le informazioni essenziali e colleziona le altre in un secondo momento
  15. 15. Lacreazionediunalista 1. Concentra i tuoi sforzi sull’aggiunta di persone realmente interessate alla tua attività Questa strategia consente di: • Aumentare la reach dei messaggi • Evita problemi di distribuzione • Migliorare il monitoraggio dei KPI
  16. 16. Lacreazionediunalista 2. Rendi ben visibili i moduli di iscrizione alla newsletter sul tuo sito 3 tipi di soluzioni • Opt-in form nella parte alta del sito web • Se possibile posizionare i moduli nell’header o nel footer • Lightboxes o popover sono utili, ma agire con parsimonia
  17. 17. Lacreazionediunalista 3. Comunica ai consumatori i benefici che otterranno iscrivendosi alla tua newsletter • Offri sconti, aggiornamenti, news aziendali o materiale personalizzato • Tieni conto del canale utilizzato per l’acquisizione
  18. 18. Lacreazionediunalista 4. Offri incentivi in linea con il tuo business • Non offrire un incentivo all’iscrizione non preclude la possibilità di farlo in un secondo momento • Evita che gli utenti si iscrivano solo per ottenere un singolo incentivo
  19. 19. Lacreazionediunalista 5. Comunica agli iscritti il numero di email che riceveranno da te Le persone effettuano una disiscrizione da una mailing list principalmente per due motivi: 1. Ricevono troppe email 2. Il contenuto dei messaggi è irrilevante • Comunica già all’interno del modulo di iscrizione il numero di messaggi che i tuoi utenti riceveranno • Offri un rimando alle comunicazioni già inviate, per far capire in anteprima i contenuti che approfondirai.
  20. 20. Lacreazionediunalista 6. Chiedi le informazioni essenziali e colleziona le altre in un secondo momento • Utilizza una pagina di conferma, un sondaggio o una mail di benvenuto per raccogliere le informazioni di cui hai bisogno • Se ti occorrono molte informazioni al momento dell’iscrizione dividi il modulo in più parti • Utilizza i moduli social per l’iscrizione
  21. 21. E-maildesigneBody Content • Rendi le tue email accessibili da più dispositivi • Fai in modo che il messaggio sia comprensibile anche con le immagini bloccate • Imposta una chiara gerarchia dei contenuti • Presta attenzione ai contenuti visibili prima dello scroll • Crea call to action chiare e ben visibili • Non inserire allegati all’interno dei messaggi 6 linee guida
  22. 22. E-maildesigneBody Content 1. Rendi le tue email accessibili da più dispositivi • Utilizza un design responsive o ottimizzato per la visione su uno schermo piccolo. • Utilizza un layout a colonna singola o doppia • Utilizza testi ad almeno 12 pt e lascia un po’ di spazio tra i link, il testo e i pulsanti • Utilizza un contrasto elevato, per agevolare la lettura in ogni contesto
  23. 23. E-maildesigneBody Content 2. Fai in modo che il messaggio sia comprensibile anche con le immagini bloccate • Utilizza il tag ALT per le tue immagini • Quando possibile evita di embeddare il testo all’interno delle immagini • Quando possibile utilizza il codice HTML • Utilizza i font universalmente riconosciuti
  24. 24. E-maildesigneBody Content 3. Imposta una chiara gerarchia dei contenuti • Dividi la mail in più blocchi, e fai in modo che il primo sia più grande degli altri • Prova ad inserire la CTA all’interno di un pulsante • Illustra i concetti utilizzando periodi brevi • Se possibile utilizza dei punti elenco Le persone non leggono le email, le scansionano. Fai in modo che riescano a selezionare i contenuti creando una chiara gerarchia e delle precise CTA
  25. 25. E-maildesigneBody Content 4. Presta attenzione ai contenuti visibili prima dello scroll • Una mail standard ha un testo nel preheader seguito da un header che include il logo del Brand • Il primo blocco testo deve includere il tuo messaggio principale • Fai in modo che il logo non sia eccessivamente grande, potrebbe spingere il testo oltre il primo scroll
  26. 26. E-maildesigneBody Content 5. Crea call to action chiare e ben visibili • Se vuoi che i tuoi utenti facciano qualcosa esprimilo in maniera chiara • Prova ad inserire la CTA all’interno di un pulsante • Inserisci la CTA immediatamente sotto le informazioni di prodotto
  27. 27. E-maildesigneBody Content 6. Non inserire allegati all’interno dei messaggi • Gli utenti sono restii ad aprire gli allegati • Un allegato fa aumentare il notevolmente il peso di un messaggio • Utilizza il sito web per distribuire i tuoi allegati, in modo che gli utenti possano anche conoscere meglio la tua attività
  28. 28. Targetinge personalizzazione • Riconosci che un’azione compiuta è molto più importante di una preferenza espressa • Invia messaggi basati sulle preferenze espresse o inferite • Utilizza contenuti dinamici e personalizzati • Evita di disattendere le aspettative creando contenuti standard e spacciandoli per personalizzati • Ottimizza gli orari di invio per aumentare la visibilità dei tuoi messaggi 5 linee guida
  29. 29. Targetinge personalizzazione 1. Riconosci che un’azione compiuta è molto più importante di una preferenza espressa • Le preferenze espresse sono un buon punto di partenza, dopo concentrati sulle azioni compiute sul tuo messaggio • Conduci degli A/B test e profila gli utenti seguendo specifici interessi
  30. 30. Targetinge personalizzazione 2. Invia messaggi basati sulle preferenze espresse o inferite • Dividi la tua lista in segmenti specifici, e invia messaggi mirati a quel target • Utilizza le preferenze espresse o inferite
  31. 31. Targetinge personalizzazione 3. Utilizza contenuti dinamici e personalizzati I contenuti dinamici possono rendere i messaggi simili ad una conversazione faccia a faccia Puoi chiamare il tuo destinatario per nome, inviargli una mail nel giorno del suo compleanno o inserire una serie di altre variabili personalizzate che egli ti ha fornito, come informazioni geolocalizzate o comportamenti rilevati sui tuoi messaggi
  32. 32. Targetinge personalizzazione 4. Evita di disattendere le aspettative creando contenuti standard e spacciandoli per personalizzati Se chiami il tuo destinatario per nome egli si aspetterà che i contenuti della mail siano creati apposta per lui, cerca quindi di utilizzare i contenuti dinamici per le email che sono rivolte ad un segmento specifico di pubblico.
  33. 33. Targetinge personalizzazione 5. Ottimizza gli orari di invio per aumentare la visibilità dei tuoi messaggi • Segmenta i tuoi utenti e invia campagne di diverso tipo, destinate alla fruizione da dispositivi mobili o desktop • Sfrutta gli orari di maggiore affollamento, come il mattino presto o la sera al rientro da lavoro • Analizza i dati delle tue campagne per capire gli orari di maggior affluenza
  34. 34. Strumentiutili
  35. 35. GRAZIE PER L'ATTENZIONE Sante Alagia alagia@mediamorfosi.com

×