O slideshow foi denunciado.
Utilizamos seu perfil e dados de atividades no LinkedIn para personalizar e exibir anúncios mais relevantes. Altere suas preferências de anúncios quando desejar.

Sistema accoglienza IFO premio pa sostenibile-2018

29 visualizações

Publicada em

Sistema di accoglienza IFO per il premio PA Sostenibile 2018

Publicada em: Saúde e medicina
  • Seja o primeiro a comentar

  • Seja a primeira pessoa a gostar disto

Sistema accoglienza IFO premio pa sostenibile-2018

  1. 1. Alla domanda di partecipazione va allegato questo documento di presentazione del progetto. STANDARD: max 5 pagine, font 12 - inclusi eventuali allegati tecnici o tabelle o altri elementi utili. Documentazione di progetto della soluzione: SISTEMA ACCOGLIENZA IFO INDICE (da seguire come traccia guida) 1. Descrizione progetto; 2. Descrizione del team e delle proprie risorse e competenze; 3. Descrizione dei bisogni che si intende soddisfare; 4. Descrizione dei destinatari della misura; 5. Descrizione della tecnologia adottata; 6. Indicazione dei valori economici in gioco (costi, risparmi ipotizzati, investimenti necessari); 7. Tempi di progetto.
  2. 2. 1. Descrizione progetto; “La Persona prima di tutto” è lo slogan degli IRCCS IFO Regina Elena e San Gallicano ed è l’anima del progetto pilota dedicato alla semplificazione di accesso, accoglienza e informazione per gli assistiti degli Istituti. Il progetto consente di prenotare ed organizzare tutte le prestazioni necessarie al percorso di diagnosi e cura. Come funziona: subito dopo la visita oncologica, il paziente si reca al Punto di prenotazione prestazioni oncologiche adiacente agli ambulatori e qui, in un ambiente confortevole, il personale dedicato gli pianifica e prenota le prestazioni che gli sono state prescritte e secondo le tempistiche stabilite dallo specialista. In pratica, con tutte le impegnative dei diversi esami (analisi di laboratorio, tac, ecografia, mammografia, visite di controllo, ecc …), non deve più occuparsi, “da solo”, di telefonare al ReCUP, andare ai vari sportelli di competenza o girare tra i reparti degli Istituti per ricevere informazioni e prenotare esami e controlli. Il progetto è un importante supporto all’approccio integrato e multidisciplinare che avviene attraverso i Percorsi Diagnostici Terapeutici Assistenziali (PDTA) e il Desease Management Team (DMT). Un altro tassello per la semplificazione è inoltre rappresentato dal sistema unico ed integrato di interfaccia digitale che collega i diversi sistemi informatici sanitari IFO alle cartelle cliniche ambulatoriali e consente al medico specialista di visualizzare subito i referti diagnostici. La cartella clinica ambulatoriale dove confluiscono i referti radiologici e di laboratorio degli IFO, servizi per il cittadino disponibili online già da tempo. Stiamo attivando lo sportello INPS che garantirà al momento della visita la richiesta del riconoscimento dell’invalidità civile. Il sistema PagoOnline predisposto dalla piattaforma PagoPA è in fase di test, e consentirà ai cittadini il pagamento online. Si garantisce quindi l’agilità dei flussi amministrativi, la trasparenza, la certezza dei tempi di cura e la riduzione dei tempi di attesa. Sportello unico di consegna referti e cartelle cliniche: in prossimità dell’ingresso uno sportello unico, per coloro che non accedono online e chi necessita ad esempio del CD, così che il paziente non debba girare nei vari ambienti dell’ospedale. Riferimento normativo: Codice amministrazione digitale, Piano Regionale per il Governo delle liste d’attesa 2017-2018.
  3. 3. 2. Descrizione del team e delle proprie risorse e competenze; Sono coinvolti il personale amministrativo in collaborazione con gli operatori sanitari (medici ed infermieri). Il progetto pilota di riorganizzazione delle attività di accoglienza e accettazione parte dall’Oncologia Medica, messo a punto e ottimizzato verrà esteso, in step graduali, a tutte le Unità principali degli Istituti. 3. Descrizione dei bisogni che si intende soddisfare; Obiettivo: è quello di sostenere e facilitare il paziente oncologico, particolarmente fragile a livello emotivo e poi fisico, trasformando gli adempimenti amministrativi in “momenti” di orientamento, di cura e programmazione del percorso clinico. Ed è a vantaggio di tutti, del paziente e dei suoi familiari, di tutti gli operatori della sanità, compresi i medici di famiglia ai quali i nostri pazienti non dovranno rivolgersi per richiedere prescrizioni. Semplificare la vita del paziente e trasformare gli adempimenti amministrativi già in momenti di cura, di orientamento, di certezza della miglior pianificazione del percorso dell’assistito. Prendere in carico il paziente oncologico subito dopo la prima visita (o controllo) al fine di accompagnarlo nel percorso diagnostico e terapeutico, integrato e multidisciplinare, in un ottica di reale centralità del paziente. Riorganizzare tutti i processi e ripensarne la sequenza per un maggior servizio al cittadino. Maggior fidelizzazione, semplificazione della comunicazione, gestione della molteplicità di richieste ed orientamento. Sempre maggiore trasparenza delle agende, dei tempi di attesa e delle priorità. Sempre maggiore interoperabilità dei vari sistemi di archivio e puntualità gestione dati. Maggiore consapevolezza e responsabilità da parte dell’operatore e del cittadino. 4. Descrizione dei destinatari della misura; Per gli IFO per ora i paziente oncologici. 5. Descrizione della tecnologia adottata;
  4. 4. Un progetto che scardina vecchi sistemi e modalità operative ma nel contempo riaggrega in modo nuovo la comunità professionale e proietta verso un futuro “semplificato” e consapevole operatore e paziente. Semplificare la vita del paziente è rendere fluide le operazioni amministrative che significavano code a vari sportelli, lunghe attese anche telefoniche, spostamenti, richieste al medico di famiglia, ecc., insomma un ulteriore peso per chi già vive un momento difficile e di forte stress. Ora l’accesso è unico, dalla visita alle varie prestazioni di approfondimento, e tutto confluisce in un unico dossier sanitario grazie alla piattaforma digitale di interfaccia dei vari diversi sistemi sanitari degli IFO. Il sistema digitale integrato consente allo specialista di consultare e visualizzare agilmente durante la visita le cartelle cliniche ambulatoriali e di reparto, i referti clinici, radiologici e istologici per avere chiaro il quadro diagnostico del paziente. E’ sempre lo stesso medico ad attivare subito la pratica di riconoscimento di invalidità evitando ulteriori spostamenti al paziente. Un progetto replicabile nelle altre oncologie della Regione Lazio come dichiarato dal Presidente Nicola Zingaretti il 10 gennaio 2018: “Un modello sperimentale da esportare in tutti i presidi ospedalieri della nostra regione anche su altre patologie”. 6. Indicazione dei valori economici in gioco (costi, risparmi ipotizzati, investimenti necessari); Costo zero avendo ottimizzato le risorse interne IFO. Risparmio considerevole visto che si è andato ad incrementare un servizio ulteriore per i cittadini. 7. Tempi di progetto. Progetto già approvato ed attivo da gennaio 2018. Grazie all’implementazione e/o aggregazione di servizi nel primi mesi del 2018 oltre 2000 pazienti hanno già usufruito del nuovo modello di accoglienza facilmente replicabile in altre realtà.
  5. 5. SCHEMA PROCESSO ORGANIZZATIVO:

×