Ricerca Sugli Egizi
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Ricerca Sugli Egizi

em

  • 43,211 visualizações

Ricerca sugli Egizi

Ricerca sugli Egizi
Paola Agnoletti, Manuel Benedetti, Riccardo Carloni, Carla Collu
Liceo Torricelli - 1^Es

Estatísticas

Visualizações

Visualizações totais
43,211
Visualizações no SlideShare
41,117
Visualizações incorporadas
2,094

Actions

Curtidas
5
Downloads
184
Comentários
2

2 Incorporações 2,094

http://blog.scuolaer.it 2071
http://www.slideshare.net 23

Categorias

Carregar detalhes

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Direitos de uso

© Todos os direitos reservados

Report content

Sinalizado como impróprio Sinalizar como impróprio
Sinalizar como impróprio

Selecione a razão para sinalizar essa apresentação como imprópria.

Cancelar
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Tem certeza que quer?
    Sua mensagem vai aqui
    Processing...
  • non scarico nulla>!!!!
    Tem certeza que quer?
    Sua mensagem vai aqui
    Processing...
  • non mi fa scaricare la presentazione,perchè?
    Tem certeza que quer?
    Sua mensagem vai aqui
    Processing...
Publicar comentário
Editar seu comentário

Ricerca Sugli Egizi Presentation Transcript

  • 1. GLI EGIZI
  • 2. Linea del tempo
  • 3. Una posizione favorevole
    • In Egitto l’ambiente si presentava favorevole al formarsi dei primi grandi insediamenti umani; infatti:
    • Il clima era caldo e assolato
    • Le acque erano abbondanti
    • la flora e la fauna erano ricche
    • Il Nilo con le sue inondazioni rilasciava del limo che rendeva il terreno molto fertile
    STORIA
  • 4. IL TERRITORIO DELL’EGITTO SI DIVIDE IN DUE PARTI:
    • Il Basso Egitto, a nord
    • L’Alto Egitto , a sud
    • I collegamenti tra queste due regioni erano agevoli grazie al Nilo ; da ciò deriva l’uniformità culturale di questo paese
    Il territorio occupato dall’impero egizio
  • 5. Le prime città
    • Le prime città sorsero nell’ Alto Egitto. Erano governate da re sacerdoti, ciascuno dei quali vantava un proprio dio protettore.
    • Tra queste città vi fu un lungo periodo di rivalità, poi, verso il 3000 a.C, si giunse all’ unificazione delle due regioni sotto la guida di un unico re: Narmer
  • 6. LA STORIA DELL’ EGITTO SI DIVIDE IN TRE REGNI:
    • Antico Regno (3100-2200 a.C.)
    • Verso il 2200 alcuni governanti si sottrassero al volere del faraone e si scatenarono lotte sociali.
    • Medio Regno (2200-1570 a.C.)
    • Nel 1730 a.C. l’Egitto fu invaso dagli Hyksos e si divise in piccoli regni; in seguito, essi furono sconfitti e ricacciati verso la Palestina.
    • Nuovo Regno (inizio: 1570)
    • Conquista della Libia e di parte della Mesopotamia
    • Amenofi IV rinforzò il culto del Dio Sole per consolidare l’unità religiosa dello stato e per contrastare il potere dei sacerdoti
  • 7. Tutankhamon (1333-1323 a.C.)
    • Succedette ad Amenofi IV
    • Riprese il culto del Dio Sole, generando un conflitto con gli Hittiti ( battaglia di Qadesh , 1296 a.C.)
    Ramses II
    • Era chiamato il re dei re
    • Combattè nella battaglia di Qadesh
    • Fece costruire il tempio di Abu-Simbel
    I faraoni più importanti
  • 8. La crisi e la decadenza
    • Verso il 1200 a.C. giunsero nuovi invasori, i “popoli del mare”. Vennero respinti, ma dopo il conflitto i faraoni persero autorità , e vi fu una crisi economica e politica. L’Egitto fu poi conquistato più volte:
    • cadde in mano agli Assiri (667 a.C.), ma si rese indipendente
    • fu conquistato dai Persiani (525 a.C.)
    • Alessandro Magno rese lo stato provincia dell’Impero Macedone (332 a.C.)
    • dopo la morte di Cleopatra divenne una provincia dell’Impero Romano
  • 9. Società egizia La piramide sociale Faraone: era adorato come un dio Sacerdoti Celebravano i riti religiosi Scribi Funzionari addetti all’amministrazione dello stato Soldati Difendevano lo stato egizio Artigiani Producevano manufatti ed opere d’arte Contadini Coltivavano i campi e costruivano le piramidi Schiavi e prigionieri di guerra Compievano i lavori più pesanti e non avevano diritti
  • 10. L’EDUCAZIONE Era considerata importantissima Si basava su memorizzazione e copiatura Il libro di base degli studenti era la Kemit , una specie di manuale con un compendio di tutte le materie Vi erano specializzazioni (scribi) CULTURA
  • 11. LA MAGIA
    • Era usata per vari scopi:
    • Funerali
    • Contro i nemici stranieri venivano realizzate statuette di prigionieri e venivano scritti testi detti di esecrazione (maledizione)
    • Magia protettrice contro il malocchio
    • Sacrifici agli dei
  • 12. IL MATRIMONIO
    • Era effettuato alla presenza del Consiglio Locale
    • Divorzi e possibilità di risposarsi
    • La poligamia ( la possibilità di avere più di una moglie ) era consentita solo al faraone
  • 13. L’IGIENE
    • Gli Egizi la consideravano fondamentale.
    • Esisteva sia nelle classi sociali agiate sia in quelle povere.
    • Gli oggetti di toeletta facevano parte del corredo funebre dei defunti
  • 14. LA DONNA
    • Le donne erano considerate uguali agli uomini, anche se non del tutto (svolgevano solo lavori domestici)
    • La fecondità della donna era ritenuta molto importante
  • 15. LA TAUROMACHIA (adorazione dei tori)
    • Già diffusa nei paesi mediterranei
    • Per la sua forza, il sovrano d'Egitto era paragonato al toro.
    • I giochi taurini consistevano in lotte tra tori . La differenza fra la tauromachia greca e la tauromachia cretese è appunto che, in quest’ultima, un acrobata saltava sul toro quando esso attaccava.
  • 16. LA CUCINA
    • La cucina egizia è documentata dalle “ liste delle offerte ” ritrovate nelle tombe, in cui vengono elencati tutti gli oggetti di cui il defunto aveva bisogno
    • Si facevano due pasti al giorno, uno all’alba e uno alla sera. Si mangiava in piatti comuni, con le mani, inginocchiati davanti a un tavolo basso e rotondo.
    • Il pane era alla base della cucina egizia.
  • 17. Economia
    • Il commercio con l'estero aveva come scopo quello di procurarsi le risorse di cui l'Egitto era privo dai paesi stranieri:
    • il legno era importato prevalentemente dal Libano
    • il rame, necessario per le armi, proveniva da Cipro
    • da Canaan venivano importati olio e vino
    • dalla Nubia venivano importati alcuni prodotti dei paesi interni dell'Africa
    • L'economia egizia si basava sull'agricoltura ed era centralizzata . Infatti, i prodotti che entravano nella terra dei faraoni erano monopolio statale : venivano amministrati dal palazzo reale .
  • 18. Compratori e venditori si riunivano nei mercati , dove scambiavano i prodotti sotto la supervisione di ufficiali , addetti al mantenimento dell'ordine, e funzionari statali , che dovevano verificare la validità degli scambi. C'erano grandi, medi, e piccoli proprietari, che erano soliti procurarsi vestiti, mobili e oggetti ornamentali vendendo l'eccedenza dei loro prodotti. Era già presente la figura del mercante , che, pur non producendo nulla, comprava e vendeva tutto ciò che riusciva a reperire.
  • 19. Il "commercio silenzioso" In alcuni rilievi del tempio della regina-faraone Hatshepsut, a Deir el-Bahri, è rappresentato un tipo di commercio praticato non solo in Egitto, ma anche in alcune tribù primitive del Pacifico; si trattava del "commercio silenzioso" . Durante questo tipo di scambio i due commercianti depositavano una serie di prodotti, senza nessun tipo di comunicazione, fintanto che la quantità sembrava ragionevole a entrambi. Il commercio silenzioso si effettuava prevalentemente in zone dove non era conosciuto il vero valore dei prodotti scambiati.
  • 20. Il commercio si basava inizialmente sul baratto . Durante l'Antico Regno, il prezzo di un oggetto o del lavoro fu stabilito tramite un peso metallico. I valori equivalenti erano stabiliti ponendo come base un’unità di peso, chiamata deben , che equivaleva a 91 grammi e poteva essere pagata in argento, in oro o in rame. L'archeologia ha rinvenuto numerosi pesi del deben a forma di animale, a dimostrazione che il sistema economico si basava sull'agricoltura. Unità di misura di pagamento
  • 21. Le prime emissioni di monete in Egitto si devono a una situazione eccezionale. Per lottare contro l'esercito persiano, il faraone Acoris (391-379 a.C.) ingaggiò mercenari greci, che non accettavano il pagamento in natura; così fu necessario coniare monete. Successivamente, tra il 330 e il 325 a.C. ad Alessandria, fu emessa una moneta che cominciò a circolare nell'impero.
  • 22. L'innovazione monetaria si completò sotto i Tolomei . Il primo re della dinastia, Tolomeo I, effettuò operazioni finanziarie per aumentare le riserve a disposizione della zecca. Nel 305 a.C., quando egli divenne re dell'Egitto, fece porre la propria effigie sul davanti delle monete e quella del re Alessandro Magno sul retro, sottolineando di essere suo legittimo erede. Alessandro con exuviae elephantis , 305 a.C. Sul retro è raffigurato Tolomeo I.
  • 23. L'economia raggiunse il massimo splendore con Tolomeo II e Tolomeo III. Dal 301 a.C. fu adottato il sistema monetario fenicio e si coniarono monete in tutti i metalli: oro, argento e bronzo . Ma la conquista di Siracusa da parte dei romani pose fine all’utilizzo dell'argento. Anche le emissioni d'oro scomparvero dopo il regno di Tolomeo VIII, in seguito ad una crisi economica e politica.
  • 24.
    • Nel mondo del commercio egizio si potevano distinguere le seguenti caratteristiche:
    • Il mondo del lavoro era suddiviso in più  categorie . In tutti i mestieri vi era perciò una divisione sociale, con un responsabile e un gruppo di operai a disposizione.
    • Gli operai erano iscritti a un tempio o alla proprietà dello stato. Oltre al signore che li ingaggiava, gli operai dovevano rendere conto a dei supervisori che controllavano il lavoro: gli scribi .
    • Generalmente, il mestiere e l'attività passavano di padre in figlio .
    Il commercio egizio
  • 25. Nella società egizia, il senso della giustizia verso gli operai era molto sentito dai padroni. Questo è documentato, ad esempio, nella stele del sommo sacerdote Bakenkhonsu : « Sono stato un buon padre per i miei dipendenti, ho insegnato ai giovani, ho dato una mano a chi era sfortunato, ho garantito il sostentamento ai bisognosi e ho fatto cose utili come gran direttore dell'opera a Tebe per conto di Ramesse II ».
  • 26.
    • Religione egizia
    • Le caratteristiche essenziali della religione egizia erano:
    • lo sviluppo di culti locali , causato dalla suddivisione amministrativa dell’Egitto in 42 distretti ( nomoi )
    • la zoolatria (l'adorazione per divinità che presentano caratteristiche animali). Esempi: Bastet (il gatto), Hathor (la mucca), Anubi (lo sciacallo)
    • il politeismo (vi erano decine di divinità, anche se il dio Sole era considerato il dio principale)
  • 27. La zoolatria (Il culto di divinità aventi caratteristiche animali) era basata inizialmente sull'adorazione di animali, come il coccodrillo, l'ibis, lo scarabeo e tanti altri. Con il passare del tempo, gli dei vennero concepiti come ibridi di figure umane dalla testa animale. Esempi: Anubi Horus Seth Testa di sciacallo Testa di falco Testa di cane/asino
  • 28. Divinità Gli egizi consideravano le divinità sotto un duplice aspetto: iconico ed aniconico . Al primo si riferiscono gli dei con tratti umani e quelli con caratteristiche zoomorfe; nel secondo gruppo rientrano i fenomeni atmosferici e i concetti astratti .
  • 29. Secondo il pensiero egizio, l’uomo è costituito da alcuni elementi soprannaturali :
    • il ka , l’esistenza fisica del corpo, la forza vitale (rappresentata da due braccia);
    • il ba , l'anima, raffigurata come un uccello (la fenice egizia);
    • l' akh , la parte dell’animo umano che giunge a compimento dopo la morte, rappresentata dal geroglifico dell'ibis.
  • 30. Mito di Osiride ed Iside Seth, invidioso del fratello Osiride, lo chiuse in una bara e lo gettò nel Nilo. Ma Iside lo riportò in vita usando i suoi poteri magici. Allora Seth lo uccise, fece a pezzi il suo corpo e ne nascose le quattordici parti in vari luoghi. Così, Iside cercò e trovò tutte le parti e lo riportò in vita. Successivamente Osiride andò negli inferi per giudicare le anime dei morti. Horus, il figlio di Osiride ed Iside, affrontò Seth in battaglia e vinse e Seth fu condannato e bandito dalla regione.
  • 31. Il mito è importante perché :
    • la rinascita di Osiride viene vista come la possibilità di una vita dopo la morte ;
    • alcune versioni del mito narrano che Horus e Seth, dopo una lunga battaglia, si riconciliarono, simboleggiando l’ unione tra Alto e Basso Egitto .
  • 32. Il sacerdozio egizio era strutturato in una complessa gerarchia , al cui più alto grado c’era il faraone. I grandi sacerdoti presiedevano ai rituali in onore degli dei, come sostituti del re. La divinità era rappresentata da una statua che veniva giornalmente purificata, vestita e le veniva offerto il pasto quotidiano. Durante le feste annuali, il dio veniva portato trionfalmente in processione.
  • 33. L’oltretomba In epoca antica il mondo delle anime era considerato il cielo . Verso la dodicesima dinastia il regno dei morti venne ubicato sotto terra e si pensava venisse governato da Osiride. Il passaggio all’aldilà era però preceduto dal giudizio dell’anima ( psicostasia ): il cuore del defunto veniva posto sul piatto di una bilancia. Se era leggero come la piuma di Maat, posta sull’altro piatto, Anubi lasciava il defunto nelle mani di Osiride, altrimenti veniva dato in pasto al coccodrillo Ammit.
  • 34. Religione funeraria Gli Egiziani credevano in una continuazione della vita nell’oltretomba. Per conservare il corpo del defunto integro nell’aldilà, si ricorreva alla tecnica della mummificazione . Il procedimento consisteva nell’asportazione delle viscere, che venivano conservate in quattro vasi, i canopi . Il cadavere veniva trattato con vari ingredienti, avvolto in bende e deposto in un sarcofago di forma antropomorfa.
  • 35.
    • Le tombe egizie erano di tre tipi:
    • l' ipogeo , tomba scavata nella parete rupestre
    • la mastaba , una cappella sovrastante la camera sepolcrale sotterranea
    • la piramide , utilizzata per la sepoltura del faraone
    Sezione di una mastaba
  • 36. Le piramidi
    • La piramide egizia è costituita da una base quadrata e da quattro facce che congiungono gli spigoli al vertice ( pyramidion ).
    • Funzione : monumenti funerari contenenti le tombe dei faraoni
    1 mastaba primitiva;  2 aggiunta di quattro gradini; 3 piramide definitiva a sei gradini La prima piramide fu quella a gradoni costruita per Djoser ed è il risultato di alcune variazioni del progetto iniziale di una mastaba.
  • 37. Grande Piramide di Cheope 1: ingresso al corridoio discendente; 2: camera sotterranea incompiuta;  3: corridoio cieco; 4: corridoio ascendente;  5: corridoio orizzontale;  6: camera della regina;  7: Grande Galleria;  8: cunicolo scavato dai ladri;  9: camera del sarcofago;  10: vani di scarico;  11: condotti della camera del re;  12 : condotti della camera della regina. 
  • 38. Le fonti
    • www.sapere.it/minisite/storia/antico egitto
    • www.wikipedia.org
    • Libro di storia “Corso di storia antica” – Paolo Di Sacco
  • 39. http://www.sapere.it/tca/minisite/storia/antico_egitto/id3.html http://it.wikipedia.org/wiki/Antico_Egitto#La_casta_sacerdotale http://it.wikipedia.org/wiki/Mitologia_egizia I link http://www.sapere.it/tca/minisite/storia/antico_egitto/id11.html
  • 40. Questi siamo noi! Collu Carla Agnoletti Paola Benedetti Manuel Carloni Riccardo